Palermo. Agosto, parte prima.

Scritto da , il 2019-09-13, genere etero

Questo racconto è frutto di fantasie, sogni o fatti accaduti, realmente o nella mente. Non sarà mai dato saperlo, buona lettura.

Era appena uscito dal bar, aveva il sapore del caffè in bocca. Salì sulla macchina, mise in moto e partì.
Si sentiva sazio, la mente serena; le palle vuote dalla sera prima, quando aveva fatto l’amore con la moglie. Era già proiettato in una giornata di scartoffie in ufficio, lavoro meccanico e di poco conto, quasi un calmante verso quelle pulsioni che da qualche tempo lo attanagliavano, di giorno e di notte.
Salì le scale, passò dalla calura infernale della città al fresco di un baglio in pieno centro. Sentì il sudore che lo aveva assalito subito dopo la doccia divenire uno stuzzicante brivido freddo tra schiena e sedere, tra sollievo fisico ed il rinsavire del suo cazzo. Era pronto, aprì la porta, percorse il corridoio e si ripromise di non fantasticare per buona pace dell’anima e riuscita della giornata.

Erano buoni dieci minuti che aveva iniziato quando sentì un fastidioso ronzio nella sua mente. No, era reale, il campanello. Si alzò, pensando a chi potesse rompere le palle a quell’ora. Non aspettava nessuno, l’agenda era vuota per la giornata, la posta veniva recapitata nella buca.
Fece dieci passi e senza nulla chiedere, ne allo spioncino ne alla propria testa, aprì la porta.
Lei si presentò ai suoi occhi. Composta e voluttuosa in un tempo, una maglia di raso bianco cinta alla vita da una gonnellina nera, a mezza coscia. Un filo di trucco, capelli neri legati, sandali. Nemmeno l’ombra di un gioiello, un bracciale. Era perfetta così, con gli occhi nocciola dal taglio arabo, penetranti e maliziosi, mai volgari.

L’aveva conosciuta tempo prima ad una festa, in compagnia di amici. Un gruppo di piacevole gente, qualche bambino qua e la intento a giocare, parlare del più e del meno. Situazioni di contegno nelle quali sorseggiare un bianco ghiacciato e scoprire affabili persone. Lui era convinto sostenitore della fedeltà coniugale e trovava altrettanto rispettosi gli altri sguardi, di desiderio, di ammiccamento o ammirazione tra le persone presenti. Erano i preliminari di un gioco, che non aveva conclusione nel tradimento. Erano fatti così. Si ammiravano le bellezze proprie e altrui, nulla di più. Qualche brivido poteva correre in mezzo alle cosce e qualche minchia poteva lamentarsi serrata dentro le mutande. Si poteva fantasticare nella propria intimità, ma nulla avrebbe scosso quegli equilibri familiari, sociali e di ruolo.
Lui era felice, soddisfatto dalla propria vita e viveva un’intesa sessuale forte con la propria compagna. Bella, ammaliante e vera esperta di letto; dopo tanti anni trovavano spesso il modo di scopare come se non ci fosse un domani, concedendosi totalmente l’uno all’atro. Si conoscevano bene e godevano nel vedere il proprio partner in preda al piacere, sperimentando fantasie e stimoli conosciuti.
Lei, nell’immaginario di Lui, era serena, felice. Da osservatore navigato era quasi sicuro che Lei avesse una vita appagante, preludio di successo nella vita, affettiva e lavorativa; si accompagnava con un uomo da diversi anni, dal carattere mite, di piacevole aspetto e compagnia, prodigo di consigli ma mai scontato.
Li immaginava completarsi, felici, dopo avere fatto l’amore, pieni e sfiancati.
Lui era così, gli piaceva pensare che le coppie fossero felici, tra alti e bassi, unite dall’attrazione reciproca e da solidi legami.

Sulla porta, uno sguardo di pochi attimi aveva condensato l’educato desiderio di potere varcare la soglia.
Lui era rimasto imparpagnato, pochi secondi, tanti. Non riusciva a tenere lo sguardo dei suoi occhi, freneticamente ammirava i capezzoli che prepotentemente spiccavano, in un gioco del vedo e non vedo immaginava i suoi seni pieni, a goccia, che aveva avuto modo di scrutare in passato. Si soffermava sulle sue cosce, toniche, tornite, ambrate dal sole di mare. Scendeva giusto un tanto da non farsi scorgere, per poi risalire al suo viso, che Lui pensava carico di sesso. Non poteva dimenticare quel culo perfetto che aveva ammirato in diverse occasioni.
Lui non era il tipo da rimanere imbambolato, in genere uomo elegante e arguto; rimase immerso e una domanda cominciò a principiare nella sua testa: quale soglia avrebbe voluto varcare ? quale era il motivo della sua presenza ? Dopotutto non erano in tale confidenza da giustificare una visita improvvisa, al lavoro, soli. Si fece risoluto, cercò di nascondere quel frangente che Lei aveva già notato e apprezzato; con il corpo le fece cenno di entrare, scambiando i convenevoli dettati dalla radicata sicilianità.
Un lievissimo inchino del busto, per Lui anche teso a mitigare quella istantanea erezione che lo aveva colto.
“Ciao, che piacere! Accomodati.” Nulla di più, era più che sconveniente attardarsi sull’uscio.
“Ero in zona, sono uscita prima da lavoro e così, senza un motivo in particolare, mi è venuto in mente che il tuo ufficio si trovasse qui”.
Il percorso dall’ingresso alla stanza fu un tormento per Lui. Lei avanzava a piccoli e decisi passi. Lui non poteva contenere il cazzo ormai duro sotto ai pantaloni, stimolato visivamente da quella camminata e meccanicamente dai propri passi. La fece accomodare nella stanza buona, quella dei clienti importanti. Semplice e raffinata, mobili di pregio, solidi e dalle linee schiette.
Sempre con pochi cenni, da galanteria gattopardiana, si accomodarono sulle sedie dallo schienale diritto.
Lei accavallò le gambe. Un profumo dolce e caldo si intese tra la frescura che traspirava tra persiane e scuri semichiusi. Un sole forte e spietato cercava di farsi strada tra le fessure. Lui aveva cercato la penombra ma la luce prepotente filtrava. Di quel sole era riuscito a limare solo il calore.
Fu un attimo, lo sguardo si perse. Lei ebbe la capacità di tenere gli occhi sugli occhi. Lui no. Scese, scrutò attentamente: non portava mutande. Lei aprì il suo sorriso malizioso, aveva capito che stava facendo sbavare il porco; lo stava portando a perdere la propria sicurezza, quella di uomo dall’istinto fedele.
In un fiat, di luce e d’aria, Lui si riprese: aveva capito quale soglia entrambi volevano varcare.
Vista la distanza riuscì ad ammirare l’accavallatura in un tempo e all’altro tenerle testa con lo sguardo. Quei secondi prima interminabili erano ora istanti di una impalpabile e muta parlata fitta, carica di proposte, di fantasie e di ogni porcata che avrebbero vissuto. Lei si sciolse e rese palese interesse a quel gonfiore spinto, ormai esasperato, tra i suoi pantaloni. Lui avvertì una vibrazione tra le sue cosce, prima accomodate, toniche ma rilassate.
Ora tutto vibrava, l’odore nella stanza era cambiato, la luce no. Con sicurezza Lui posò una mano sul suo ginocchio; ebbe conferma di quella vibrazione. Lei scavallò le gambe, lasciando giusto un pelo d’aria, tanto quanto le era permesso dalla gonna che indossava.
Era un invito, esplicito e rapido. Lui fece correre la mano, insinuandosi lentamente. Lungo il corso trovò una differenza di temperatura, poi avvertì il fuoco e l’acqua che si presentavano inseparabili.
Iniziò con lo sfiorare l’intimità con le nocche, strusciando lentamente, incontrando una curata peluria imperlinata di rugiada. Poi voltò il palmo e con un polpastrello tastò l’affondo alla ricerca del bottone che avrebbe acceso il piacere. Lei non si scompose nella postura, rimase con lo sguardo fisso, ora di sfida.
Le uscì un lievissimo lamento, subito soffocato da un poderoso e sensuale mordersi di labbra.
Lui aveva necessità di alzarsi; la posizione non lo agevolava, stava stretto e non poteva esprimere la sua maestria. Al limite della goffaggine raggiunse il suo viso, dopo un primo sfioramento di labbra le bocche si aprirono facendo l’amore con lingue. Era un turbinio di muscoli morbidi e voluttuosi, con ritmo convulso anteposto ad una metrica precisa. Lei era già intenta a cercare di liberare il cazzo dalla gabbia. Lui volse il palmo e iniziò a palpare il clitoride, a momenti in sincronia con le lingue, svincolato ad altro tempo.
Variava la pressione, a volte roteava intorno, sentiva gonfiare il clitoride passando a volte da destra a sinistra, mantenendo una certa pressione. Poi si spostava solleticando l’ingresso della vagina col medio, un attimo dopo sentiva scivolare due dita dentro.
In preda al suo piacere l’arnese restò a mezz’aria, tra l’impeto di presentarsi e la costrizione della patta ancora non del tutto sbottonata. Lei voleva completare l’atto ma, vuoi per la posizione vuoi per il godimento a tratti violento, non riuscì.
Lui pensò che era il momento. Si staccò, la invitò con le braccia, questa volta in modo elegante, come fosse una dama in attesa del suo cavaliere al gran ballo. Fù deciso, la sollevò e ripose supina sulla scrivania sgombra.
Le gambe penzolanti, dal ginocchio in giù. Le sollevò energicamente a fare una V perfetta. Si inginocchiò con calma, preso ad ammirare quella fica che chiedeva di essere raffrescata a colpi di lingua.

L’odore era quello buono, fresco, di un’intimità appena curata. Lei lo guardava, chiedeva che fosse la lingua ad affondare, penetrare nelle sue voglie. Lui iniziò con una lenta leccata dal culo fino al pube; assaporò il nettare, fresco, profumato e sapido. Iniziò a surgere il clitoride ormai fradicio di umori e gonfio di piacere. Sentì le mani di Lei affondare tra i suoi capelli, guidare la testa come fosse la presa di uno strumento. Lo tratteneva e rilasciava, lo direzionava dove meglio l’aggradasse. Lui imperterrito alternava lappate sul clitoride, affondi nella vagina e ampie leccate a raccogliere umori e saliva. Era un’opportunista, a seconda della direzione comandata sceglieva quanto meglio potesse donare piacere.
Ormai il tempo si era fermato, si sentivano solo respiri affannati e gemiti di piacere. Capì che qualcosa stava mutando, Lei lo tratteneva sempre più. Si decise, tramutò la sua lingua in muscolo teso e robusto, proseguì meccanicamente in affondi decisi e ritmici, assaporando con le labbra tutto quanto poteva raccogliere, all’unisono col lamento crescente della donna. Ebbe contezza non appena avvertì che i muscoli di Lei lentamente lasciavano la presa. Sentì solo in quel momento svanire dalla lingua rugosa il sapore del caffè che aveva preso prima. Si ritrovò con la bocca e il mento umidi, a tratti grondanti. Le dita ricoperte di umori caldi e viscosi. Non seppe trattenere meraviglia quando si accorse che nel frattempo la mano sinistra, intenta a sorreggere quel meraviglioso quarto tra coscia e culo, terminava monca al pollice: era scivolato dentro al buchetto elastico del culo, come se nulla fosse. Si era fatto strada naturalmente, per contrastare il peso; umori e calore avevano completato l’azione. Era scomparso completamente nel buco, come fosse un naturale appiglio.

Questo racconto di è stato letto 8 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici raccomtiraccontiardcrossdresser raccontiracconti mariti guardoniracconti porno in famigliamammatroiaracconti muluracconti incracconti sesso animaliracconti gay al cinemastorie erotiche da leggereraccontj eroticistorie eroticistorie di eroscrossdresser romasrorie pornoraccontu eroticiracconti sensualisesso con la cognatastorie porno di tradimentiracconti sverginategay raccontoracconti hard gratisracconti erotici pornoracconti erotici vecchioracconti gay bisexracconti erotici orgeracconti porno inculatepipparoloi racconti di milostore pornoracconti sesso amatorialestorie portrasgredire xvideosracconti reali sessostorie di coppiestorie di sesso tra cuginiracconti sesso 69racconti addio al nubilatolesbicarestorie vere pornoraccontieriticiracconti erotici guardoniscopata raccontistorie spinteracconti erotici cuckraccconti eroticii racconti erotici di miluraconti xxxracconti coppie bisexmilù raccontistorie e racconti eroticiraccontimilùracconti hotmi inculo la suocerageneri racconti eroticiertici raccontimogli al cinema pornomilf raccontiano allargatoracconti incesti pornoracconti erotici seghevoyeur al parcoerotici raccontoracconti erotici con il canestorie etotichestorie 69racconti porno nonnaracconti erotici cornutiracconti porno xxxincesti storie veremio marito e cornutoracconti miluùracconri pornoracconti erotici 69 itracconto porno gratisracconti etotici gayracconti di mogli che tradisconoravconti eroticipiedi di mia ziaslave raccontiraccontierotici incestorcconti eroticiho inculato la mammaracconti erotiiracconti erooticiincesti tra cuginieroticiraccracconti erotici eccitantiracconti senza mutanderacconti erotici i generiracconti piedi gayracconti erotici castrazioneuomini sodomizzati da donnecazzo in culo raccontitua zia quella porcaracconti erotici ricattatastorie porno bisexracconti erotici ricattoracconti mariti cuckold