Il master del sexy shop

Scritto da , il 2019-09-12, genere dominazione

1. FANTASIE EROTICHE DI COPPIA

Non so neppure io come sia capitato ma è capitato. Sono sposato da 20 anni con Mari, ho 52 anni e lei 50, siamo insieme dalla mia maturità liceale poi ancora insieme all’università fino a laurearci lei in legge ed io in ingegneria. Niente figli ma affiatati, felici praticamente non ci mancava nulla almeno pensavamo. Forse il sesso si era un poco appannato. Lei assorbita dal suo lavoro ed io che talora fantasticavo su come ritrovare l’intesa degli anni passati, anche se non avevamo mai fatto nulla di trascendentale. Non sarei mai riuscito a pensarmi con un’altra, né avrei mai immaginato che lei potesse avere delle pulsioni erotiche o che potesse tradirmi, io ero gelosissimo e Mari ormai sembrava completamente disinteressata al sesso. Così passavamo la nostra normale routine fatta di occasionali viaggi nei fine settimana quando il lavoro non ci limitava. Tutto sarebbe continuato così senza nessun cambiamento.

Mari è una morettina, occhi azzurri, e nonostante i suoi anni ancora un fisico invidiabile da una trentenne, che non nego mi piace ammirare come mi piace scoprire che è ancora ammirata durante le vacanze, che appena possiamo trascorriamo al mare. Non ha mai avuto voglia di osare ed anche in vacanza al mare i bikini erano modello anni 60 e gli abiti non si discostavano di molto. Da quando la conosco il suo guardaroba è estremamente classico, giacca e gonna al ginocchio, o pantaloni, nonostante due bellissime gambe. Anche quando le ho suggerito qualcosa di meno serio obiettava sempre che non potrebbe vestirsi diversamente visto che come avvocato i suoi impegni, tra tribunale e ufficio richiedono una estrema sobrietà e ancora di più quando deve visitare clienti anche nelle carceri, talvolta coinvolti in loschi giri tra locali ambigui e prostituzione. Non ero indifferente a saperla a contatto con questi mondi e quasi provavo una perversa eccitazione nel saperla in situazioni sicuramente professionali ma, visto che non passa inosservata, immaginarla come oggetto dei desideri di quei suoi clienti.
Parlandogliene, sempre molto superficialmente, palesava la sua convinzione che nessuno si sarebbe mai permesso di pensare a lei se non come avvocato.
Così quando successe si destabilizzò moltissimo prima di confessarmi tutto .

Erano alcuni giorni che non aveva il solito umore. Preoccupazioni sul lavoro pensai ma, una sera eruttò la sua rabbia, almeno mi sembrò tale. Era schifata. Il racconto che mi fece certamente volgare e fastidioso , un vero e proprio atto di libidine violenta. Un certo Vito, proprietario di locali equivoci, era diventato un suo cliente per una causa di non poco conto. In uno dei loro incontri di lavoro Vito la prese di sorpresa baciandola sul collo mentre lei era ancora seduta e gli voltava le spalle. Mari si retrasse ma lui deciso la lasciò senza parole con un volgare apprezzamento : “avvocato perché non viene a lavorare da me farebbe un figurone se si esibisse nel mio locale come spogliarellista o anche se girasse vestita come le mie cameriere con il suo bel culo in mostra”.
Dopo quella butade ovviamente Mari aveva interrotto il rapporto professionale.
L’avvocato che l’aveva sostituita però le fece pervenire uno scritto di Vito ancor più offensivo. Mari me lo mostrò “so che non vedi l’ora di esibirti tutta nuda nel mio locale ma a me piacerebbe vederti vestita più sexy anche sul lavoro. Cambia tutto il tuo guarda roba, niente più i tuoi seri tailleur, ma abiti succinti solo per farti guardare. Lo sai anche tu che è quello che vuoi ma non hai il coraggio di fare. Sei sprecata come avvocato il tuo posto è la strada. Ti aspetterò con il tuo collega, anche lui muore dalla voglia di vederti sul mio palco, dopo sai cosa ti aspetta sarai solo mia e come una schiava del sesso dovrai accettare ogni mia richiesta” .
Ovviamente la mia prima reazione fu di solo disgusto, rabbia e voglia di fare qualcosa contro quel maiale.
Eppure si sedò prima Mari che decise di non dare seguito alla cosa.
Quella che a prima vista sarebbe sembrata una battuta di cattivo gusto, si insinuò come un tarlo nella mia mente e non riuscivo a fare a meno di pensarla camminare in minigonna per la città e seminuda esibirsi in uno di quei locali nella periferiria, magari obbligata contro la sua volontà , piena di vergogna di fronte al suo cliente che si prendeva gioco di lei. “chi l’avrebbe mai detto il nostro serio avvocato che si spoglia nel mio locale” mi immaginavo sentirgli dire. Non smisi di immaginarla in quel ruolo anche mentre facevamo sesso, ma restava solo una fantasia erotica che le celavo segretamente ma che mi stava deviando sempre più .

Talvolta facevo qualche tentativo ritornando su quel biglietto ma lei cambiava sempre discorso, quasi disturbata, con una scusa qualunque.
Poi una sera sotto le coperte, al buio, non so per che motivo, scattò una molla. La mia mano si allungò cercando il suo sesso. Lentamente ci stavamo abbandonando nella solita routine.
“Quando ti esibirai nel locale di quel tuo cliente?” dissi aspettandomi una sua reazione schifata.
Al contrario Mari tacque. Scivolai con la mano verso il suo sesso e le sfuggì un sospiro. Mi lasciai prendere dalla frenesia. Ci baciammo, le nostre lingue si avvinghiarono per qualche istante.
Lascia la nostra presa e la abbraccia tenendola per le spalle,iniziai ad accarezzarle le tette giocando con i capezzoli. Presi coraggio “ nuda su quel palco, costretta ad accettare le proposte oscene di quell’uomo”
“smettila - disse con voce non sufficientemente decisa – non ne voglio parlare”
Perseverai : “ma saresti andata da lui con una minigonna inguinale e un abitino aderete per mettere in mostra le tette e lasciarti guardare il culo?”
Cercò di sfuggire dalla mia presa ma non evitò che le mie mani spaziando sul suo corpo finissero con l’impossessarsi del suo sesso facendomi partecipe della sua eccitazione.
“non avrei mai immaginato che ti potesse piacere” le mostrai una finta sorpresa , ma in realtà pure io mi stavo eccitando enormemente. Stavamo condividendo la stessa fantasia erotica? Non avrei mai immaginato fosse possibile.
“non so cosa mi sia preso, è solo una sciocca fantasia, nient’altro” mi disse come se volesse farsi perdonare.
“Quelle frasi mi hanno turbato, non pensare che io farei mai una cosa del genere..”
La fermai prendendo l’iniziativa “magari ti vedessero i tuoi colleghi in giro in minigonna mostrando le tue belle gambe. Perché non lo fai mai?”
“mi vergogno, lo sai… e poi ho un ruolo”
“Ammettilo, che male c’è, ti ecciti all’idea di mostrarti in pubblico e se potessi ci andresti anche domani come ti ha chiesto quel Vito”
Le accarezzai il sesso, era eccitata.
“certo dovresti indossare qualcosa di più adatto calze, reggicalze una camicetta trasparente..” dissi con la voce in gola.
“smettila mi fai sentire una ….” Si bloccò forse per pudore.
“una puttana?” chiesi e, visto che non rispose subito ebbi paura di aver usato una frase che non avrebbe tollerato e che avrebbe rischiato di concludere quella serata che per un attimo mi era parso potesse diventare sempre più eccitante.
Il suo silenzio però mi spinse a continuare “Mi piace immaginarti come una puttana nuda in pose laide in mezzo a quella gente, che male c’è” Mi appoggiai al suo culetto facendole apprezzare la mia vorace erezione.
Mari , sorprendendomi, si lasciò andare di più “mi fai vergognare,non accetterei mai le proposte di un altro uomo , solo tu puoi chiedermi qualunque cosa”
Era forse un invito a continuare? Non lo so, e in quel momento non avrei mai immaginato quali conseguenze ne sarebbero derivate.
“ Lo potrei anche fare” risposi accarezzandole una tetta e con l’altra mano sprofondando nel suo sesso “ma tu lo faresti veramente?”.
“farò tutto quello che vuoi” sospirò.
“anche la spogliarellista in quel laido locale?”
Si lasciò sfuggire un si soffocato.
Sentivo di poterle raccontare qualunque fantasia , anche la più indecente
“Ti accompagnerò vestita da battana da lui e ti esibirai nel suo locale in mostra a tutti i tuoi colleghi”
“non voglio, no.. ti prego” Le parole erano l’esatto opposto di quello che il suo corpo sembrava dimostrare.
“e dopo ti lascerei nelle sue mani e lui ti potrà chiedere quello che vuole”
Mari con un filo di voce, eccitata riprese dalle mie ultime parole “…ma cosa mi potrebbe chiedere?”
Mi stavo eccitando “chiedere? …credo che lui non chiederebbe ti darebbe solo ordini come una schiava”
“ la schiava di quel porco, no, non scherzarci sopra e poi non mi lasceresti nelle sue mani?”
Era una sorta di sfida , di provocazione, per cercare ancora di più la mia complicità .Un attimo di silenzio solo i nostri respiri ansimanti e poi mi abbandonai in quel mio farneticare nel vederla calata in un ruolo che non avrebbe mai potuto essere il suo.
“ Vuoi che lo faccia vero?” ribaltai la domanda.
Il serio avvocato cedeva al gioco perverso “…siiiii..” sbiascicò sorprendendomi mentre io non le lasciavo tregua cercando di capire fino in fondo quanto fossero perverse le sue fantasie.
“ho una persona che lo conosce che sarebbe disposto ad occuparsi della tua trasformazione prima di affidarti a Vito… ma se lo facessi sai cosa succederebbe?”
Mari muoveva i fianchi cercando il mio sesso “non so , non so…..”
Ero troppo coinvolto per pensare e finimmo per immaginare quello scenario travolti da una voglia erotica che non avevamo mai provato. Mi mossi lentamente penetrandola dolcemente sentendo il calore del suo sesso avvolgermi.
“lo sai bene, voglio sentirtelo dire”
“ mi preparerà come vuole Vito e mi accompagnerà da lui”
Iniziammo a muoverci con più foga. Avrei potuto chiederle qualunque cosa.
“sarai la sua schiava e anche la sua puttana?”
Per la prima volta in anni di matrimonio la stavo trattando volgarmente.
Mari chiuse gli occhi la sentivo godere e ripetere solo dei si soffocati.
“la sua schiava …..” ripetè.
Sentirla parlare in quel modo mi eccitava.
Restai senza parole, non me lo sarei aspettato .
“e sai cosa diventerai?” ansimai nel dirlo procedendo con movimenti lenti vedendola sciogliersi sempre di più.
Non parlava muoveva il suo corpo dolcemente seguendo il mio, poi gemendo sbiascicò “la sua puttana, una delle sue puttane”. Mi lasciò senza parole ed accelerò i movimenti del bacino dettando lei il ritmo come se volesse sentirsi completamente posseduta. Non riuscii a dire altro lei scoppià in un’intensa eccitazione e poi anche la mia foga e la voglia di consumare tutto in modo famelico da rubarci il fiato.

Restammo avvinghiati nei nostro sudore e con il mio sesso che scivolava fuori da lei.
Ed ancora più sorpreso mentre ci abbracciavamo ancora, appoggiare la testa sul mio petto e parlarmi come se cercasse una scusa.
“mi vergogno ma dopo quella lettera sentirmi gli occhi….. di un uomo addosso….mi eccita” continuò singhiozzando
Incredulo ed ancor più eccitato le ripetei “ti piacerebbe veramente lasciarti guardare mentre vai in giro vestita da zoccola?”
“E’ difficile fartelo capire,non avrei voluto ,ma sei riuscito a tirarmi fuori una fantasia che non avrei mai avuto il coraggio di svelarti, che fuggivo in continuazione e questa sera mi sono trovata ad avere la possibilità di giocare un ruolo che ho immaginato con vergogna per tanto tempo anche se non mi appartiene, mi hai eccitato come mai …tutto li. Da li a farlo veramente ce ne passa però. Cosa penserai di me ora?”
“ Che chiunque mi invidierebbe una moglie così sensuale. Mi hai fatto morire come non mai. L’avessi saputo pure io non mi sarei tenuto nascosto le mie fantasie. Sono pazzo di te. La prossima volta ti lasceresti spingere a qualcosa di simile alle tue fantasie?” La immaginai trasformata, in abiti lussuriosi, seminuda..
“ma io non sono quel genere di donna, non voglio concedermi a nessuno” mi disse teneramente.
Mi fece tenerezza ed ebbi la sensazione di aver esagerato.
Smisi di accarezzarla e la strinsi ancora più forte a me.
La vita tuttavia riserva sorprese quando meno te le aspetti che qualche volta cambiano completamente tutto.



racconto che nasce per scommessa tanti anni fa e che ha subito mille trasformazioni nel titolo e nei contenuti. Questa è la lunga versione definitiva

Per commenti qui o a

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto cuginastoriedi sessostorie porno a fumettivicine di casa troieracconti di bondageracconti porno gratuitiracconti erotici culo rottoracconri eroticisegretaria eroticaracconti prime voltestorie erotiche italianescritti eroticiracconti erotici pretiracconti veri di sessoracconti dominazione lesboporno italiano storiestorie di e per adultiracconti di massaggi eroticiwww raccontimilu comerotci raccontigeniv racconti eroticigolosa di spermar acconti eroticii generi di racconti eroticicuckold storiecornuti raccontierotociraccontierotcimilu cuckoldracconti erotici segheracconti di zoofiliaracconti erotici bullletture eros on lineracconti di suocere troielaura panareiracconti erotici zoostorie eccitantimasturbazione femminile yahooracconti guardoniiomiluraccontiracconti porno massaggiracconti erotici suoceraracconti erotici per adultila monta delle vacchestorie erotiche italianeracconti gay la prima voltaracconti mamme troieracconti mogli puttaneracconti erotici generierotici racconti incestistorie eroticracconti erotociracconti con donne maturecornuti consapevoliracconti 69 gaystorie di transracconti eroticracconti porno gratisracconti superdotatierotici raccpntierotici racconriracconti porno ragazzirscconti pornoracconti donne sottomesseracconti erotici.racconti sesso con animaliracconti erotici spintiracconti erotici ricattataraccontieroticiracconti xxwww.eroticiracconti.itgay raccontoracconti di incestiracconti di mistressveri racconti pornoracconti eroticciracconti pororacconti guzzon 59racconti mistress transracconti di masturbazionestorie di mogli troie