Cassa Integrazione

Scritto da , il 2019-09-12, genere orge

Cassa Integrazione

Sono dipendente di una grossa Azienda parastatale del nord d’Italia.
Non posso rivelare il nome dell’Azienda perche lo conoscono tutti e potrei rimanere vittima di qualche rappresaglia, dato che quell’ambiente pullula di persone vendicative.
Comunque, dicevo, sono un dipendente parastatale. Impiegato, per la precisione, e in cassa integrazione.
Purtroppo per me, in qualche momento della mia carriera la sorte non è girata nel verso giusto e ora mi trovo in questa situazione.
Pensare che mi trovavo ad un passo dalla dirigenza che mi avrebbe aperto le porte dell’Olimpo dell’Azienda e permesso di rimanere a galla anche nel caso di cadere in disgrazia come mi è effetivamente successo.
Vi racconto dunque la mia storia.
Circa sei anni fa ero un giovane trentenne impiegato quadro rampante. Ero praticamente il delfino del dott. R. che era a quei tempi il numero tre dell’Azienda.
Parevo dunque destinato a fare una fuminea carriera ed ero, come naturale, oggetto di invidia da parte dei miei colleghi.
Il destino volle che un giorno mi sedetti in mensa davanti alla signorina Laura.
Laura era una giovane segretaria la cui efficenza era pari alla sua avvenenza.
Pur essendo poco più che ventenne era diventata da poco segretaria del dott. S. uno dei direttori dell’Azienda.
Era senza dubbio un’incarico prestigioso, anche se voci di corridoio dicevano che il dott. S. era caduto in disgrazia presso l’alta direzione dell’Azienda.
Ci scambiammo in quell’occasione qualche battuta ed mi sentì fortemente attratto da quella bella segretaria.
Il giorno seguente tornai a sedermi allo stesso posto ed ebbi un sussulto al cuore quando lei prese lo stesso del giorno anteriore.
Mi ero innamorato.
Preparai tutto per il fine settimana seguente.
Convinsi i miei genitori, presso cui abitavo, a fare il weekend in riviera. La invitai a cena il venerdì sera ed all’uscita dal ristorante le chiesi se voleva fare un salto da me.
Mi ricordo come fosse ieri quella nostra prima notte di amore.
Arrivati a casa dopo i soliti convenevoli ed un bicchierino di sambuca ci scambiammo il nostro primo bacio.
Dopo poco andammo nella mia stanza e ci spogliammo.
Laura ha un magnifico corpo. Ha i capelli corvini che contrastano con una pelle candida e due occhi verde chiaro, ha tutte le curve necessarie senza eccedere nell’abbondanza; i seni sono grossi ma non troppo cascanti, ma la cosa che più mi piace è un meraviglioso sedere a mandolino.
Mi gettai a baciarle tutto il corpo sopratutto i seni sovrastati dai grandi capezzoli rosa ed la sua fica coperta da un abbondantissimo pelo nero.
Ci spostammo in un sessantanove e, mentre ero impegnatissimo a leccarle la fica, mi fece un bocchino fenomenale.
Dopo una decina di minuti di questa estasiante attività mi sdraiai su di lei e condussi il mio cazzo verso la sua bagnatissima fica.
Mi trovai subito dentro di lei e per me furono sensazioni paradisiache.
In quell’occasione nessuno di noi nenche menzionò di utilizzare il preservativo, che pur avevo previndentemente messo nel mio comodino, per cui mi trovai rapidamente a sborrare dentro quella calda ed umida fica.
Rimanemmo così col mio cazzo floscio ancora dentro la sua fica per più di mezzora a parlare, ridere e scherzare.
Eravamo felici ed innamorati.
Quella notte facemmo l’amore ancora, credo, tre volte ed ho perso il conto delle volte che lo facemmo in quel lungo fine settimana di amore.
Ci findanzammo quasi subito e meno di un’anno dopo il nostro primo incontro ci sposammo.
Durante il fidanzamento potemmo fare l’amore solamente una decina di volte in concomitanza di queste ferie che convincevo i miei genitori di fare.
In occasione del matrimonio comprammo una bellissima casa, accendendo un salatissimo mutuo.
Nel frattempo la situazione del dott. S. in Azienda si era ulteriormente aggravata.
Pochi mesi dopo le nostre nozze fu costretto ad andare in pensione ricevendo, dicono le voci di corridoio, una buon’uscita da nove zeri.
Dopo la sua uscita tutti gli impiegati del suo staff vennero collocati in cassa integrazione.
Laura fu l’unica ad essere risparmiata perchè, notizia proprio di quei giorni, aspettavamo un bambino.
Il nostro matrimonio, nel frattempo, andava a gonfie vele.
Dopo il periodo del fidanzamento nel quale facevamo sesso col contagoccie per mancanza di un nostro spazio, avendo la nostra casa cominciammo a fare l’amore tutti giorni, anche dopo che Laura divenne gravida.
Dopo poche settimane di gravidanza però mia moglie ebbe qualche problema ed il suo ginecologo le consigliò di evitare frequenti rapporti sessuali.
Andammo avanti per qualche settimana a furia di bocchini, ma era chiaro che ne’ a me ne’ a Laura erano sufficenti.
Un giorno mia moglie mi propose di sodomizzarla.
Topo un rapido tentennamento accettai.
Dopo il rituale bocchino la voltai e mi ritrovai davanti il suo bellissimo sedere.
Cominciaio a baciarlo e rapidamente arrivai con la lingua al suo bel culetto.
Non l’avevo mai leccata lì ma subito mi piacque.
Anche Laura gemeva dal piacere.
Dopo una decina di minuti di questo intimo bacio presi il burro che avevo preparato sul comodino me lo spalmai sul cazzo e sulle dita e cominciai a penetrare con un dito il culo di Laura
Dopodichè aggiunsi un secondo dito e dopo un terzo.
Lavorai per parecchi minuti il suo culo finchè lo sfintere non si allargò a sufficenza.
Misi allora la capella del mio cazzo sul suo culo e spinsi.
Il mio cazzo entrò con facilità nel culo ben lavorato di mia moglie.
Il suo caldo budello mi piacque più ancora della sua strepitosa fica.
Cominciai a pompare furiosamente e rapidamente riempì di sborra quel bellissimo culetto.
Nel frattempo Laura si faceva un ditalino, gemendo dal piacere.
Ritirai il mio cazzo moscio dal suo culetto aperto e mi sdraiai al suo fianco.
- Non ho mai goduto tanto. Voglio ancora! -, mi disse com un bellissimo sorriso.
Poi raggiunse con le labbra il mio cazzo appena uscito moscio dalle sue budelle e gli diede un tenero bacio che, in pochi istanti si trasformò in un energico bocchino.
Poco dopo il mio cazzo, ritornato duro, stantuffava il suo famelico culetto, mentre Laura aveva un poderoso orgasmo.
La sodomizzai praticamente tutti i giorni, a volte più di una volta al giorno durante tutta la gravidanza.
La doglie le cominciarono una sera mentre la stavo inculando a pecorina per la terza volta consecutiva.
Mi lasciò finire si ripulì rapidamente e la portai all’ospedale.
Naque una bellissima bambina.
Ricominciammo le nostre sessioni di sesso anale il giorno stesso che fu dimessa dalla clinica.
Fu solo dopo circa un anno e mezzo dal nostro primo rapporto anale che le penetrai la fica di nuovo.
Ancora oggi i rapporti vaginali sono per noi un’eccezione che non si ripete più che un paio di volte all’anno.
Mia moglie rimase a casa più di un anno tra permesso maternità e ferie arretrate.
Tornata in Azienda fu messa in cassa integrazione appena uscita dal periodo di salvaguardia legale.
All’inizio non ci furono grossi problemi.
Il mio stipendio era ottimo e con l’apporto della cassa integrazione di mia moglie potevo sopperire alle spese normali e al mutuo dell’appartamento.
Dopo circa un’anno dalla nascita della bimba però Laura cominciò a sentire il peso dell’inattività.
Ormai il periodo che quasi tutto il suo tempo era occupato dalla bambina stava passando, dato che ora andava all’asilo nido ed i nonni paterni e materni facevano a gara ad accudire la loro unica nipotina, dato che sia io che Laura siamo figli unici.
Un giorno Laura mi propose di fare qualche variazione nel nostro menage sessuale e dopo qualche tentennamento da parte mia decidemmo di provare qualche cosa di diverso.
All’inizio pensammo di fare scambio di coppie, ma essendo Laura piuttosto gelosa optammo per un “ménage a trois” con un’altro uomo.
Dopo una delicata trattativa che includeva lo scambio di certificati di salute dato che Laura non voleva usare preservativi e la promessa di non cercare di penetrarla nella vagina ci trovammo a casa nostra con un mio coetaneo.
Ero particolarmente imbarazzato, ma non così mia moglie che subito si mise all’opera facendo ad entrambi un pompino.
Poi mi fece sdraiare e si mise sopra di me in un sessantanove e chiese all’uomo di incularla.
Mi ritrovai così a slinguare la fica di mia moglie mentre vedevo a pochi centrimetri dai miei occhi il cazzo dell’altro uomo che entrava ed usciva dal culo di mia moglie che godeva come un’ossessa.
Dopo poco vidi l’uomo irrigidirsi nell’orgasmo col cazzo completamente ficcato nel culo di Laura che abbandonò il mio cazzo per urlare dal piacere.
Laura si alzò e si mise accucciata sulla mia bocca chiedendomi di leccarle e succhiarle il culo, mentre lei faceva un pompino al cazzo che l’aveva appena sodomizzata.
L’accontentai e mi trovai subito la bocca piena di sperma misto alle secrezioni intestinali di mia moglie.
Continuammo cosi con lo stesso copione per tutta la notte.
Quando l’uomo se ne fù andato Laura mi baciò teneramente disse che non aveva mai goduto tanto e non vedeva l’ora di ripetere l’esperienza.
Mi cadde così la speranza di non dover ripetere l’esperienza che francamente non mi era piaciuta per niente.
La seconda volta fu con un negro enorme.
Non conosco i dettagli della trattativa, che era stata condotta direttamente da mia moglie. Sono certo però che in questo caso il negro ricevette una polposa ricompensa in denaro, dato che vi fu’ quel mese una paurosa caduta nel saldo del nostro conto corrente.
Quando il negro si spogliò mi spaventai dalla grandezza del su cazzo ancora in stato di riposo.
Non fu così per mia moglie che subito si lanciò in un furioso bocchino che portò l’attrezzo del negro a dimensioni di lunghezza e sopratutto larghezza mai da me ne’ viste ne’ immaginate.
Dopo qualche minuto mi ritrovai nella solita posizione di sessantanove e potei assistere attonito allo spettacolo dell’enorme cazzo che lentamente ma inesorabilmente si apriva strada nelle budella di mia moglie che mugolava dal piacere, mentre lo sfintere si dilatava oltre l’immaginabile.
Eppure il negro riuscì a infilare la sua asta senza lasciarne neanche un centimetro fuori.
Rimase così fermo per qualche momento poi cominciò a muoversi, prima lentemente poi via via più velocemente, finche non arrivò ad martellare a ripetizione il culo di Laura estraendo totalmente l’atrezzo dallo sfintere di Laura che rimaneva enormemente aperto per poi riserirlo totalmente di colpo.
A questo punto Laura aveva totalmente abbandonato il mio cazzo e gridava in preda al godimento.
Il negro che aveva un’allenamento invidiabile continuò questa manovra per quasi mezzora, dopodichè depositò nell’intestino di mia moglie una quantità di sborra da fare invidia ad un clistere, che dovetti in seguito sorbire come d’abitudine.
Quella sera mia moglie era veramente scatenata e volle provare altre cose nuove.
Un certo punto fece sdraiare il negro si impalò con l’asta nel culo, poi mi chiese di incularla anch`io allo stesso tempo.
Con il suo aiuto trovai un pertugio nel suo sfintere e riuscì a infilare il mio cazzo a fianco dell’enorme cazzo del negro e per un po’ la chiavai in questo modo, fino a raggiungere il mio unico orgasmo della serata.
Alla fine dell’orgia Laura si sdraiò nella vasca da bagno e si fece pisciare adosso da noi due, aprendo la bocca ed ingurgitando la nostra orina.
Alla fine di questa nottata mi sentivo distrutto mentre Laura era allegra e soddisfatta come non l’avevo mai vista.
Dopo avere riflettuto qualche giorno le parlai chiedendo di chiudere questa parentesi di orge sessuali perchè non mi sentivo assolutamente a mio agio.
La sua risposta fu assolutamente negativa.
Dopo una ed accorata lunga discussione arrivammo all’accordo che avrebbe continuato a realizzare le sue orge senza la mia presenza il più discretamente possibile.
Suggellammo la nostra pace con una lunga sessione di amore nella quale ebbi modo anche di penetrarle la fica cosa che non facevo da parecchi mesi.
Cominciò così un periodo nel quale più o meno ogni due settimane Laura passava una notte fuori casa impegnata nelle sue orge.
Poco so di quello che succedeva in questi incontri. Da qualche parola qua e là so’ che è arrivata a fare orge con più di dieci uomini, a fare sesso con qualche donna e, da certi riscontri su nostro conto corrente, ogni tanto pagò somme a qualcuno, probabilmente il negro di quella sera.
I nostro rapporti comunque continuavano ottimi.
La sodomizzavo praticamete tutti i giorni indipedemente dalle sue orge periodiche.
Un giorno successe la disgrazia.
Dal mattino alla sera senza che le solite voci di corridoio ne antecipassero niente il dott. R. fu’ segato.
Si ritrovo di colpo pensionato con un assegno pari a quello cosegnato a suo tempo al dott. S. per sua consolazione.
Inutile dire che il giorno dopo io mi trovavo in cassa integrazione.
Per ironia della sorte mi trovavo a pagare in quel periodo, oltre al solito pesantissimo mutuo per l’appartamento, le rate dell’automobile di lusso che avevo appena acqustato, nella previsione di un mio prossimo passaggio alla dirigenza.
Mi trovai subito disperato. In meno di due mesi il nostro conto corrente arrivò al rosso e poco potevano fare i miei genitori e suoceri entrambi pensionati monoreddito.
Due mesi dopo il tragico giorno venne a consolarmi Laura che aveva passato la notte in una delle sue orge.
Ovviamente facemmo l’amore e la inculai dolcemente nella posizione del missionario.
Aveva il culo ben slargato suppongo dalla notte passata a fare doppie penetrazioni e fisting anali che, da quanto avevo potuto cogliere erano le cose che preferiva fare nelle sue orge.
Comunque non mi interessava. In questo momento era la mia Laura ed io ero pieno di amore per lei.
Le sborrai nell’intestino e rimasi dentro di lei abbracciandola teneramente.
- Sai – mi disse – c’è una maniera per risolvere i nostri problemi di finanziari.-
- Mi hanno offerto soldi per partecipare ad alcune orge. Penso di accettare. – continuò.
Lì per lì rimasi di stucco, ma alla fine dovetti arrendermi.
Sono passati due anni da quando sono in cassa integrazione.
Nulla è cambiato tranne che Luara invece di stare fuori la notte una volta ogni due settimane lo fa quattro o cinque volte alla settimana.
Non ho più problemi finanziari, anzi ho dovuto aprire un conto in svizzera dove vado tutte le settimane a depositare qualche milione in contanti.
Io e mia moglie facciamo l’amore (sempre alla nostra maniera) per lo meno due volte al giorno, normalmente prima di andare e quando torna dalle sue orge.
L’unica innovazione in campo sessuale consiste nel fisting anale che ho cominciato a praticare su Laura dietro sua insistenza e che, devo dire, mi piace molto: con un po’ di pratica ora riesco a infilarle tutto il mio avambraccio fino al gomito.
Laura ora desidera un’altro bambino e mi ha detto che forse tra qualche settimana faremo l’amore in modo convenzionale per cercare di averlo.
Ha subito aggiunto che i suoi svariati compagni di orge sarebbero felicissimi di farlo con lei gravida.
Sono stato proprio oggi all’ufficio personale dell’Azienda a ritirare il nostro cedolino e mi hanno detto che è molto probabile che si faccia a breve un accordo sindacale che sbloccherebbe la situazione di mia moglie (non la mia), e che in questo caso la richiamerebbero subito a lavorare.
Chissà se accetterà?

Fine

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


sesso gay raccontistorie di adultistorie erotiche videocconti eroticidonne che fanno sesso con cavallostorie di sesso gayraccinti eroticiracconti di zoccoleiincesti italianiracconti erotici gitaracconti gay pornoincesto con la nonnala sorellina della mia ragazzaracconti erotici tradimentoracconti erotici tra fratello e sorellaracconti clisterestorie porniracconti dal dottoreracconti annunci 69racconti erotici i generiscambisti storiezia formosaraconti hotracconti erotici schiavaracconti erotiicmogli troie raccontiracconti matrignaeroti raccontimia sorella mi da il culocds circolo delle segheerotici racconrigeneri eroticiracconti eropticierotici racconti.itracconti erotracconti gay anzianiracconti brevi eroticistorie porno analeraccconti eroticiscopata con il cavalloracconti chiavateracconti zoofiliaracconti eroticiistorie porno incestiwww raccontimilu comnonno racconti eroticiracconti mogli esibizionisteeroticiracconti.iterotici raccerotici racconti 69racconti erorticiracconto sessoracconti eroticiùracconti sorellaannunci 69 tradimentiracconti gay bearsracconti eroticviracconti di scopatela zia eroticaincesto raccontoerotic raccontistorie bdsmracconti eoritciracconti:eroticiracconti di sessracconti erotici bulleroticiraccontiraccontini eroticiracconti zoofiliaracconti trasgressioniracconto clistereracconti eroticjracconti hot gratisracconti erotici itaracconti veri di tradimentiracconti roticiraccontipornograficila troia di mia cuginaho messo incinta mia suoceraraccnti eroticiracconti erotici domesticai rcconti di miluracconti reoticistorie suoceraracconti mamma figliastorie sesso con animalisculacciata raccontoracconti mariti cuckoldracconti omosexracconti incesti realimasturbazioni violenteracconti incesti suocereracconti erooticiprima esperienza cuckold