Onoria, principessa schiava

Scritto da , il 2019-09-12, genere dominazione

Ecco cosa sarebbe successo se Onoria fosse riuscita a sposare Attila. Chissà come sarà la mia nuova vita col grande re degli unni, pensava Onoria mentre si preparava per la prima notte di nozze. Era un po’ in ansia e si chiedeva se avesse fatto la scelta giusta, una scelta che in effetti poche donne avrebbero osato fare.
Ma lei non era una qualunque: era Onoria, la sorella ribelle incompresa dell’imperatore romano d’occidente, Valentiniano III. E fu proprio l’odiato fratello la causa della sua proposta di matrimonio ad Attila: Onoria è sempre stata una ragazza sopra le righe, piena di entusiasmo; entusiasmo però che il fratello imperatore non tardava a spegnere, soprattutto quando fece giustiziare Eugenio (il suo amante) e subito dopo la rinchiuse in un convento. Valentiniano infatti, non volendo problemi di successione con eventuali eredi che non fossero figli suoi, l’aveva condannata a una vita da zitella. Il problema era che lei non ne poteva più dell’invadenza del fratello, il quale in un secondo momento resosi conto che Onoria da zitella poteva causare danni anche peggiori, decise di prometterla in sposa ad un insipido senatore (tra l’altro senza ambizioni); Allora lei, non trovando appoggio da nessun membro della corte, decise di chiedere aiuto niente meno che al “flagello di Dio”, che in quel momento era alleato dell’impero. Ma torniamo alla nostra Onoria che era ancora alle prese con questi pensieri: ad un certo punto la tenda si aprì ed eccolo lì, il grande re, con aria di onnipotenza la stava fissando. Prima che Onoria potesse dire qualsiasi cosa, le ordinò di spogliarsi. Lei non era Certamente la prima volta che si spogliava davanti ad un uomo, ma mai nessuno glielo aveva chiesto così a bruciapelo. Il suo era un tono che non ammetteva repliche, così non poté fare altro che obbedire. Si tolse la lunga tunica e la sottoveste, e quando fu completamente nuda lui la squadrò da cima a fondo, poi le ordinò di sedersi sul pavimento ai piedi del letto. Lei obbedì, e a quel punto Attila si sedette sul letto e con fare minaccioso le disse: “d’ora in poi io sarò il tuo signore e padrone oltre che tuo marito, e dovrai compiacermi in tutto e per tutto. Ci siamo capiti?”
Onoria: “ma, veramente io …”
Attila: “zitta, sgualdrina!” Rispose Attila schiaffeggiandola.
In realtà non la colpì troppo forte: il suo obiettivo non era farle del male, Ma dominarla. Lui era abituato ad avere tutti ai suoi piedi, e con le donne non faceva certo eccezione. Anzi, per l’Unno era il massimo schiavizzare le sue amanti e il fatto di sottomettere una principessa Romana era qualcosa di unico per uno come lui….
Attila: “non ammetto obiezioni!” Continuò Attila in tono perentorio ed ora toglimi le scarpe.
Onoria: “si, mio signore!” si affrettò a rispondere Onoria, mentre gli sfilava gli stivali, mettendo in mostra un paio di piedi pelosi e sporchi.
Attila: “cosa c’è? Sono sporchi? Puliscili allora, e fai in fretta!”
Onoria: “con cosa?” Chiese Onoria, sempre più confusa.
Attila: “ahahahaha! Ti facevo più intelligente…. Con la lingua, naturalmente!” rispose Attila con un sorriso beffardo dipinto sul volto.
Onoria tentennò un momento, quel tanto che bastava per farsi prendere per i capelli dal suo padrone.
Attila: “non avrai intenzione di disobbedire ad un mio ordine!?”
Onoria: “No, no mio Signore!” Fu costretta a rispondere la sventurata principessa, che ormai stava cominciando a capire con chi avrebbe avuto a che fare….
Attila: “e allora forza! Datti da fare!” La incalzò Attila.
Onoria cominciò dapprima ad odorare i piedi del marito, visto che glieli aveva premuti in faccia. Si sentiva molto umiliata, ma allo stesso tempo provava uno strano senso di eccitazione, un brivido mai provato prima di allora.
Attila: “e adesso leccali, fino a farli brillare!”
Onoria: “Si, mio Signore!” E cominciò ad eseguire l'ordine alla lettera.
Attila: “ti piacciono, principessa?” Chiese sprezzante Attila, con fare canzonatorio.
Onoria: “sì, certo mio Signore!” Rispose Onoria, Sempre più eccitata.
Attila: “bene!” Esclamò lui infilandole in bocca prima l’alluce, poi le successive due dita. “Succhiali schiava!” le disse mentre la prendeva per i capelli e la spingeva avanti e indietro, avanti e indietro, costringendola a prendere in bocca mezzo piede.
Onoria si sentiva soffocare, ma non era mai stata così infoiata, tanto che non rallentò neanche quando Attila mollò la presa.
Attila: “vedo che ci hai preso gusto eh sgualdrinella!”
Onoria: “Si, padrone!” Rispose lei fermandosi giusto il tempo necessario per quelle due parole.
Attila non ce la faceva più, voleva possederla nel vero senso della parola.
Attila: “visto che hai capito in fretta il tuo ruolo e che finora sei stata una brava schiavetta, ho deciso che ti monterò come quella cagna in calore che sei!”
Onoria: “sono la tua schiava, mio Signore! Fai di me ciò che vuoi” rispose Onoria scossa da mille fremiti.
E così si concluse la prima notte di nozze: dopo che il grande re la penetrò a dovere, l’ormai docilissima principessa schiava se ne andrò a dormire; stanca, umiliata e appagata, ma soprattutto convinta di aver fatto la scelta giusta.

Questo racconto di è stato letto 6 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racc eroticiracconti erotici dal ginecologosuocera arrapataracconti eroyiciincesti racconti eroticiracconti del cazzomilu incestoracconti fetish piediracconti erotiiracconti hard gratisracconti erotici canistorie di segheraacconti eroticiditalino sotto il tavoloracconti porno masturbazioneraccontierraccontincestoracconti feticismoracconto lesbichemilù racconti eroticiracconti erotici maritomamma ti sborro dentrofemdom raccontiracconti di sesso gratisracconti eoricira cconti eroticiracconti eroiticiracconti cukoldstorie di mogliracconti travestaracconi pornotua zia quella porcaracconti erotici animaliracconti di mariti cornutifumetti porno incestiracconti erotici domesticaracconti etoticitrans eroticistorie di mariti guardoniracconti erotracconti erotici vicinaracconti erotici in campeggioracconti scopataracconti erotici mistressi piedi della prof69 racconti eroticiracconti sesso mogliestorie di sissy maidscovolinaracconti veri di incestomilu raccfumetti porno incestoracconti porno lesbicheporno racontistorie transexracconti porno cuckoldtette di mia mammaracconti erotici ufficioracconti erotici famigliaracconti moglie esibizionistaracconti dominazione miluracconti erotici caneerotici raccracconti erotici i generivoglio vederti sborrareracconti erotic ischiavo di mia ziaracconti ertoticiracconti erotici scambiostorie porno sorellaracconti porno italianoho inculato mia suocerastorie erotidominazione raccontivideo storie di sessofeticismo raccontiracconti porno ricattiracconti casalinghieacconti eroticiraccontizoofiliaracconti erotocila moglie eroticastorie di matureracconti eroticjgay raccontiracconti moglie ninfomanecornuto in vacanzaracconti di erotismoracconti erotici tutto in famigliaracconti erotici di sesso analedonne che scopano con cavalloracconti erotici ripetizionistorie di sesso gratisracconti orge gaydonne che si fanno inculare dai caniracconti erotixi