Avventura in hotel - seconda parte

Scritto da , il 2019-09-12, genere dominazione

Segue da : avventura in hotel – prima parte
Prologo: Lex ha portato la sua compagna in albergo per un week end di BDSM, tutto è pianificato ma…
Eva, questo era il nome di lei, immersa nel suo ruolo, era decisa ad assecondare Lex in ogni sua richiesta, cosa che poi la eccitava silenziosamente.
Si accosto al divanetto, e con studiata calma inizio a spogliarsi. Si levo le scarpe mostrando i suoi piedi curati e aggraziati, che spesso lui adorava e solleticava quando lei era bloccata. Quindi fu la volta dei pantaloni, che sfilò con qualche difficoltà visto l’oggetto che ancora era immerso nella sua vagina. Quindi si sbottono la camicetta rimanendo alla fine con il solo reggiseno e gli slip. Era il momento che lei sapeva bene far impazzire Lex; Nonostante avesse superato i 40 la pelle di Eva era bellissima, senza un imperfezione, liscia. E cosi il suo seno, prosperoso, di cui lei andava fiera. Lei quando la vedeva così iniziava a sudare freddo…sentiva pulsare la voglia di saltarle addosso, ma sarebbe poi stata la fine del gioco, e, quindi, per trattenersi doveva distogliere lo sguardo. Obbediente, Eva, si sfilò il reggiseno, mettendo fine al rischio di interrompere quelli che erano i programmi, liberando i suoi seni all’aria. Rimanevano le mutandine, che nel frattempo si erano inumidite…
La stagione non era il massimo per stare nudi in camera, lo sapevano entrambi, ma era parte della punizione che lei avrebbe affrontato. Fuori, nel frattempo, la pioggia non aveva smesso di cadere, ed , anzi, veniva con più vigore, e la temperatura era calata. Cosi che i capezzoli, appena liberati ed esposti, risultarono gonfi e vistosi come raramente succedeva. Questa cosa la turbava perché sapeva bene come quella visione stuzzicava il suo padrone… ed infatti lui non tardò ad avvicinarsi e, presi fra le dita, inizio a saggiarne la consistenza torcendoli leggermente e ripetutamente in entrambi i sensi, strizzandoli. Lei gemette , una specie di “scossa” l’attraverso dalle aureole verso il cervello….prima con una sola mano, poi con entrambe, martorizzò i suoi capezzoli quel tanto che basta per vederla piegare per cercare di sfuggirgli. Questa cosa non fu gradito da Lex che dovette immediatamente imporre la sua autorità, cosa che non voleva fare così presto.
La prese per un braccio e quindi una mano avvinse il collo di lei portando la sua testa vicina a quella di lui, che con un sibilo le mormoro negli orecchi “come ti sei permessa ?” “chi ti ha detto di muoverti ?” il suo sguardo la fulminava, e lei non poté che cercare pietà. Era tutta una messa in scena, lo sapevano entrambi, ma erano i loro ruoli che rendevano tutto più bello e profondo. “ora lo sai che ti dovrò punire severamente per aver rifiutato il mio contatto ?”…lei scossa la testa, sapeva bene che lui godeva nel incutere terrore.. Lex non la fece aspettare molto, dopo averla distanziata da lui, sempre trattenendola, con la mano libera le mollo una sberla. Lei non rifiato, nonostante il calore ed il dolore che la pervase per qualche istante. Rimase immobile, in piedi. Lui quindi stacco la mano dal collo, e, torno ad occuparsi dei capezzoli. Noto con soddisfazione che lei, nonostante lui ora ci mettesse più vigore, non si scosse dalla posizione presa. Era riuscito ad ottenere il controllo ancora una volta, senza troppa fatica. Era al schiava perfetta.
Finalmente il supplizio ai suoi capezzoli ebbe fine, almeno per il momento… Riprese, quindi, a spogliarsi. Non vedeva l’ora di levarsi gli slip e, finalmente, levarsi il dildo da dentro la fica. Non fu facile staccare il nastro adesivo dal suo corpo, aveva fatto presa molto bene, quasi non volesse mollare quella tenera carne. Ne prese un lembo, strinse i denti e…se lo strappo. Inevitabilmente caccio un piccolo urlo di dolore. Una ceretta, penso, le avrebbe fatto meno male. Delicatamente, alla fine, si estrasse il dildo . Era caldo e umido. Una sensazione di vuoto la pervase… conosceva già questa sensazione, ma sapeva bene che passava alla svelta una volta che i muscoli pelvico si fossero ripresi.
Ora era nuda, completamente, alla vista ed alla goduria del suo master, il suo Lex.
Lui dopo averla mirata ed ammirata in ogni sua parte per un periodo non definito ma piuttosto lungo mettendola quasi in imbarazzo, decise di iniziare quella sessione che si erano ripromessi da molto tempo. Lex, meticoloso, l’aveva programmata meticolosamente, in ogni suo aspetto, cercando di portare tutto quello che era possibile portare e necessario. Aveva una sua scaletta di cose da fare, cosa utilizzare, come immobilizzarla , come godere e farla godere. Aveva in mente di farle avere più orgasmi, e, non come si aspettava lei, quello solito alla fine. Voleva stremarla, vederla impazzire sotto le sue mani, sotto i suoi strumenti. Voleva che questo week end fosse il più lungo fin li mai provato. Eravamo solo all’inizio del pomeriggio di sabato, aveva ancora tutto il tempo che gli serviva per arrivare alla notte di domenica, quando sarebbero tornati alla vita di tutti i giorni. Nessuno poteva immaginare, specialmente di Eva, che fossero una coppia che non limitava la sua vita sessuale alla solita scopata nel letto matrimoniale. Lui, in particolare, detestava quella routine… gli piacevano le cose lunghe complesse, gli piaceva giocare col corpo della sua partner, anche se pensarlo come un gioco non era sempre corretto visto quello che lui imbastiva e faceva su di lei. A volte aveva anche esagerato ma non aveva mai dato lasciato conseguenze o strascichi di nessun tipo, e lei non si era mai ribellato a tutto ciò. Inizialmente si era rifiutata di sottostare a queste performance, poi, col tempo, una vena di “sub” in lei venne fuori. Non era, e mai lo sarebbe stato, il suo genere di sesso, ma comunque non le dispiaceva. Essere passiva, rispettare degli ordini, un ruolo, e sapere di farlo con amore, perché quello alla fine era, la faceva star bene. Quando si guardava nuda, nello specchio, ammirava il suo corpo, le sue pieghe, le sue curve, gli anfratti. Si guardava il sesso e , a volte, lo sguardo, e non solo quello, v’indugiavano. Ripensava a quando, all’inizio, quando lei era lontana, lui con il telefono le dava ordini su cosa fare, a quella “passerina”. Le sue dita , a quel pensiero, avanzavano verso le grandi labbra, e, dischiuse, cercavano il bottoncino, per poi stuzzicarlo. Eva amava il suo corpo, e sapeva quanto l’amava lui, e questa cosa la faceva star bene. E sapeva bene che , sicuramente, anche in questa sessione sarebbe stata “vittima” di piacere, e, forse, di un po’ di dolore.
La prima cosa da fare, aveva deciso Lex, era far fare una bella doccia alla sua schiava. Le indico il bagno. Lei si avvio silenziosamente in quella direzione, con i suoi piedi scalzi, con il cuore che le batteva a mille, con l’eccitazione che le cresceva dentro. La fece stendere dentro la vasca, apri il rubinetto e con la doccetta inizio a irrorarla di acqua. Quando tutta bagnata prese la spugna e inizio a passarla sul corpo di lei. Era un piacere passare e ripassare il corpo di Eva, cosi morbido e piacevole al tatto. Naturalmente quando arrivo al sesso la cosa si complicò parecchio. Lui amava metterci le mani, stuzzicarla. Quindi mollo la spugna, ke fece allargare le gambe, e con gesti misurati la sua mano s’insinuo nell’interno delle cosce, delle labbra, lavandola con meticolosità. Lei a questi tocchi si sentiva morire, si tendeva come una corda di violino assaporando ogni gesto di lui. Se andava avanti sarebbe venuta come una fontana, per questo lei, a malincuore, e sapendo cosa sarebbe successo, decise di mettere fine la gioco serrando le gambe. Lui ritiro subito la mano e, stizzito, la guardo con rimprovero. La sciacquo velocemente senza ulteriori indugi e le fece uscire dalla vasca. Le lancio un asciugamano ed attese che fosse pronta ad uscire dal bagno, asciutta e pronta al prossimo step; le avrebbe fatto una rasatura alle parti intime tale da essere liscia come una palla da bigliardo… Aveva già preparato tutto. Schiuma, rasoio, forbicine, e delle mollette.
La fece sedere sulla poltroncina con le gambe larghe, e, fissati i suoi polsi ai lati della poltrona, le mise una maschera sugli occhi. Lui godeva nel gestirla senza che lei potesse vederlo “lavorare”, specialmente quando il “luogo di lavoro” era proprio il suo sesso. Con le forbicine sfolti quei pochi peli lunghi presenti, controllando di eliminarli da ogni parte del suo sesso, dall’interno delle sua cosce. Poi prese della morbida schiuma da barba, e, dopo aver lungamente massaggiato il suo pube, cominciò a raderla. Dall’alto verso il basso, da sx a dx, e viceversa; il rasoio passò lentamente in tutti in suoi anfratti con estreme cura. Con attenzione Lex cerco di aprire le labbra della fica per eliminare anche i peli che vi erano. Aveva voglia di raderla bene anche sotto, fra il buchino del culo e la vagina, un posto estremamente intimo e nascosto...per arrivarci fece alzare le gambe a Eva, ma nonostante questo non ci arrivava. Decise allora di agganciarle una fune alla trave del soffitto e con questa tiro su la gambe ed il bacino. Ora era soddisfatto…lei era aperta e spalancata…era una visione bellissima e sensuale…la sua schiava, la sua partner e compagna di vita, era li, immobilizzata ed esposta, oscenamente, solo per lui, Veniva voglia di affondare la bocca li, nel mezzo…ma quello dopo, ora doveva finire. Prima di continuare però doveva creare un diversivo. Prese le mollette che aveva preparato, e, con delicatezza, senza che lei se l’aspettasse, le mise su i suoi capezzoli. Voleva che il dolore la distrasse dal piacere che le stava facendo provare con quelle manovre sul sesso, ed era certo di esserci riuscito ! una smorfia di dolore sulle labbra ne fu la conferma. Quindi torno a posizionarsi davanti a lei, in mezzo alle sua gambe, e fini quello che avena iniziato. Passo più volte la mano per accertarsi che più nessun pelo fosse rimasi li, sul sesso. Quindi con uno straccio passo in lungo ed in largo tutta l’intimità di lei, levando ogni traccia di sapone e peli tagliati. L’immagine era ai limite del piacere…era morbida e liscia. Una “patatina”, come a volte la chiamava lei, morbida e voluttuosa. Da quella posizione Lex poteva guardarne il profilo, il suo monte di venere, prominente su tutto, era al cosa più sensuale da vedere al mondo. L’amava, non solo per il suo sesso, ma per quello che Eva gli faceva provare. Per niente al mondo vi avrebbe rinunciato. Sciolse la corda e con delicatezza le fece rimettere le gambe in basso, piedi a terra. Gli tolse le mollette dai seni, e gli liberò le mani. Era pronta per proseguire, ma non subito…
---
Seguirà parte terza. Se vi è piaciuto, per suggerimenti od insulti  scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 1 4 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raconti erotici incestoi generi racconti gaymoglie porca raccontiracco ti eroticiincesto raccontiracconti incesto mammaho fatto un pompino a mio fratelloracconti feticismodonna che si fa scopare da un cavalloracconti sadoracconti gay incestistorie di sottomissioneracconti gay papàgeneri dei racconti eroticistorie fetish piediincesti racconti veristorie potnoracconti erotici gangbangracconti erotocomi chiavo mia mammaracconti ertoticierotiraccontiporno storieracconti hot amatorialiracconi eroticiracconti efoticiraccontieroticoracconti eroticiiguardami cornutoracconti potnoraccinti gayracconti gay ragazziracconti di sesso con suoceraracconti eroticissimiracconti moglieracconti erotici di gayclisteri sexybondage raccontiracconti erotici spermastorie di transracconti porno incestuosistorie di sesso gratisstorie vere sessoracconti erotici anzianoracconto incestoracconti zoofiliraccontisessoracconti piccanti di sessoracconti pompiniracconti erotici mia ziamio marito bisexguzzon 59racconti erotici la professoressaracconti erotici lo ziovip feticisterac erotracconti incestuosistorie porno tradimentiracconti porno vecchieracconti pororacconti di sculacciate eroticheracconti schiavaracconti erotici scuolaracconti erotici mia suoceraracconti sesso con animaliraccontierticidonne che si fanno inculare da animaliracconti dominazione miluracconti eroticostorie triosuocera raccontiracconti erotici con ziegeneri eroticistorie scopateiraccontidimiluracc di milupapa inculamiracconto sexystorie di mariti cornutiincesti fraterniraccontogaytrans raccontiracconti potnoeroticiracontiracconti erotici pompiniracconti erotici storie vereracconti lesbichela vicina tettona