Fango

Scritto da , il 2019-09-11, genere etero

Sovrappensiero.

Ho un sussulto quando nel mio campo visivo entra l'insegna dell'albergo. Il bar. Il parcheggio.
Spalanco gli occhi, mi guardo intorno velocemente.
Era un posto anonimo, di periferia. Sembra l'abbiano riqualificato.
Qualche albero e il posteggio non è più un luogo in abbandono.
Da tanto non ricordavo.
Un velo di malinconia.
Quanti anni sono passati?
Quattordici o quindici.

Era il 2019. Faceva caldo, estate. Forse agosto.

2019.
L'anno più strano della mia vita: nel momento in cui il mio corpo avrebbe dovuto iniziare ad arrendersi all'età matura io vivevo una seconda adolescenza.
Mi ero innamorata come una ragazzina ingenua e contemporaneamente avevo avuto esperienze sessuali degne di una pornostar esperta.
Strano periodo davvero.

Cervello, cuore e fica. Il primo funzionava esclusivamente in funzione delle voglie degli altri due.
E tutti e tre seguivano le voglie di M.

Quella mattina ci incontrammo nel solito posteggio fuori città. Io arrivavo su due ruote.
Jeans, canotta nera e anfibi, il solito.

Ero stanca e sfinita

Dal suo umore bastardo.
Dalle sue pretese.
Dalla mia inadeguatezza.
E dalla sua troppa esperienza.
Dal terrore paralizzante che mi provocava il confronto con coloro che avrebbero potuto prendere il mio posto.
Dalle sue parole cattive, dalle sue minacce.

Ma ancora una volta ero lì. Prigioniera di corde invisibili, sottomessa ad una pratica di dominazione inusuale e inconsapevole.
Forse.

Tentavo la ribellione.
“Tu mi sfidi. Mi sfidi sempre”.

E allora, allora abbaiavo perdendo bava, come una cagna ferita.
Abbaiavo. Abbaiavo odio, disprezzo, amore, devozione, confusione, disperazione.
Abbaiavo al silenzio finché una nuova minaccia mi chiudeva la bocca. E perdevo le forze.

Perdevo le forze guardandolo.
Le belle mani, la bocca carnosa, lo sguardo nervoso.

Avevo fame del suo odore e sete del suo sapore.

Avrei voluto che si fermasse in una piazzola di sosta per costringermi a ingoiare il suo sesso e il suo sperma, per infilarmi le dita nella fica e farmi godere, per farmi capire che non lo stavo perdendo.

Ma lui era determinato e io curiosa.

Lei.
Lei ci aspettava seduta ad un tavolino esterno del bar. Una tazzina vuota di caffè, sbavata di rossetto, un pacchetto di sigarette e un accendino. Sorridente, bella. Una cascata di riccioli neri, occhi scuri, un po' sfuggenti. Magra, slanciata, elegante.
Elisabetta.
Lei attirata dalle mie forme femminili, io dalla sua figura snella.
Un altro caffè per lei, uno per me.

In camera poco dopo.

Lui sdraiato sul lettino a lato della stanza. In attesa di scoprire ciò che sarebbe accaduto.
Lei un completino sexy e tacchi alti.
Io un completino acqua e sapone, come sempre, qualche intarsio di pizzo sul perizoma.
Piedi scalzi.

Pensavo troppo e si vedeva.
Volevo baciare ma non sapevo quando.
Volevo toccare ma non sapevo come.
Volevo leccare ma non sapevo dove.
Era come se fossi cieca e sorda.
Per fortuna Elisabetta ci vedeva e sentiva meglio di me.
Un bacio, le nostre lingue che si cercano, le mani fra i capelli, le mani sui seni, le dita fra le gambe.

E lui a godersi lo spettacolo di fiche bagnate e lingue frenetiche.

Chi dice che fra due donne è dolce e delicato?
E’ stato sesso convulso fatto di lingue veloci e bocche voraci.
Di dita determinate e impudenti.
Di orgasmi a gambe spalancate e pugni chiusi a tirar lenzuola.

E lui, occhi smarriti, bocca perversa e cazzo duro.
Cazzo da mettere dentro Elisabetta, dentro la sua bocca, dentro la sua fica, il culo, le mani.
Guardando me.
Io.
Io occhi spenti e mascella serrata.
Ancora troppo stanca di lui.
Troppo stanca per essere complice.


Fu per me una mattinata di scoperta.
La scoperta di una donna.
Bella, intensa, appagante.
Ma di altro avevo bisogno.

La scoperta di un uomo.
Difficile, complicato, meschino.
Non avevo bisogno di lui.

Quando Elisabetta uscì dalla stanza noi avevamo ancora un po' di tempo per stare insieme. Il consueto spazio che ricavavamo per dissetare la nostra intimità.
Avevo ancora voglia di godere. Non ero totalmente appagata. Volevo cavalcarlo e guardarlo in faccia. Utilizzarlo per procurarmi piacere. Fargli vedere la mia troia, perché non si scordasse della sua magnificenza.

Lo vidi smarrito, quasi spaventato.

Da quella posizione di comando, mi trovai in braccio a lui, seduto. Seduta.
Intrecciati, abbracciati. Movimenti limitati.
Pancia contro pancia, seno contro petto.
Bocche che si baciano.
Il viso che si nasconde nel collo dell’altro.
Respiri nelle orecchie.

“Abbracciami, stringimi”
“Stringimi forte, ancora, stringimi”

Non so cosa gli passasse per la testa in quei momenti.
Momenti in cui aveva dichiarato sentimenti.
Momenti in cui aveva dichiarato un amore verso il quale il mio cuore si era spalancato senza porre difese. Come la mia fica e il mio culo al suo cazzo. Come il mio cervello alle sue ossessioni.

“Stringimi, abbracciami”
“Abbracciami forte, ancora, abbracciami”

E io lo tenevo saldo, sapendo già che la mia presa sarebbe presto stata inutile, invana, impossibile.

Finì tutto qualche tempo dopo.
Scivolato nell’apatia, nella noia, nella paura di affrontare i propri demoni.
Dopo un’altra giornata in albergo a godersi e coccolarsi.
Dopo una sveltina in un bosco alla ricerca di una soddisfazione che non riuscivamo più a darci.
La certezza che lui avrebbe continuato a vivere quella vita faticosa, impantanata nel fango della paura e dell’adrenalina.
Pena, tenerezza, tristezza nel rendermi conto che non lo potevo aiutare.

E poi,
ci si stanca anche di stare male.

Per un po' si vive nel rimpianto di qualcosa che poteva essere e non è stato.

Stupido, stupidissimo rimpianto.
Perché se non è stato vuol dire che non doveva essere.

Temporaneamente con dolore

P.

Questo racconto di è stato letto 8 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


www.iomiluracconti erotistorie xxxracconti miluùracconti erotici iomiluracconti di cazzi in culoracoonti eroticiracconti erotici gracconti gay incestiscritti eroticiracconti porno realiracconti.eroticistorie pormoracconti eroti ciracconti erotici pissingeroticiracontierotico raccontiraxconti eroticiracconti pornpracconti porchiletture eccitantiraccontierotporn raccontivideo storie di sessostorie eroticeracconto eroticistorie pornoracconti erotici con fotoracconti di mogli esibizionisteracconti erotici cuginoracconti erotriciracconti erotici di zoofiliaracconti iluracconti erotici madreracconti crossdressermoglie porca raccontiracconti piccanti veriracconti erotici di zoofiliayoutube racconti eroticiracconti erotici fratellizia e nipote racconti eroticimamme eroticheracconti incesto pornoracconti del cazzomassaggi erotici raccontistorie amatorialiracconti porno+racconti gay pornoracconto erotico analestoria porno italianoracconti erotici in busracconti erorici gayracconti erotici collantracconti eraticiracconti erotici castrazioneracconti erroticimogli infedeli raccontiracconti porno anzianiracconti moglierotici racconti incestiracconti infermieraracconti gay e bisexracconti caldierotici raccpntitrans sborroniracconti coppie scambisteracconti erotici analracconti di sesso amatorialeracconti per adulti gratisracconti erotici on linesuocere porconedonne montate da animaliracconti di scambioracconti suocerestorie erotiche tradimentiprime esperienze sessozia racconti eroticimi sono scopato mia cognatafootjob storiestorie porno piedistorie sesso suocerastorie di sesso con la cugina1001 racconti eroticiraccont eroticracconti erorticimamma ti sborro dentroracconti cucolderos free on lineracconti marito cuckoldracconti erotici tra cognatiracconti erotici amicheracconti erotici animalracconti erotici zoofiliamassaggi raccontii rcconti di miluracconti porno+storie di sesso incestoracconti sesso con nonnaragazze che scopano in discotecastorie erotiche piedi