Dal Mucchio: Lacrime e Diamanti

Scritto da , il 2019-09-11, genere orge

Le altre due coppie sono arrivate al dunque anche loro.
Eva sta bevendo avidamente la sborrata di Arn, mentre Ioan si sta sfogando dentro Pam dopo aver finito di sbatterla alla missionaria; non male, come primo round.
Tenersi fisicamente in forma ha aspetti positivi che vanno al di là della salute e della capacità di affrontare imprevisti: anche il mio tempo di recupero dopo un orgasmo è convenientemente rapido, se non ho voglia di abbandonarmi al languore. Sapendo di avere a che fare con Eva, che ha vent’anni meno di me, se voglio essere competitiva e non lasciare a lei tutto il cazzo disponibile, conviene che mi do una mossa...
Ioan mi scopa regolarmente, quindi è naturale che il mio prossimo obiettivo maschile sia Arn, che fra l’altro è abbastanza il mio tipo: stagionato, asciutto, aitante e decisamente abbiente, con un attrezzo perfettamente all’altezza anche se non sovradimensionato come Nicolai.
Mi accosto a Eva che ha appena mandato giù la venuta del padrone di casa fino all’ultima goccia, le bacio i capelli accarezzandole la spalla, e le faccio capire che adesso tocca a me; lei mi strizza l’occhio e si alza in piedi lasciandomi alle prese con un cazzo vuoto ma ancora abbastanza turgido.
Lo stringo fra le dita e mi allungo per baciare Arn in bocca, strofinandomi vogliosa contro di lui mentre mi sento artigliare una chiappa e un seno contemporaneamente.
Mentre Arn e io limoniamo all’inpiedi vicino al tavolo, Eva si scambia con Pam sul divano di Ioan, e la padrona di casa raggiunge l’altro romeno; MG deve essere davvero rimasta colpita dal cazzone che l’ha scopata, perché non si schioda dal divano. Quando Pam la raggiunge, la segretaria di suo marito è già a bocca piena, e apparentemente non sembra turbata dal fatto che la cappella che sta succhiando fino a pochi minuti prima era affondata nel mio buco del culo.
Cercherò di ricordarmi di non baciarla, più avanti.
Intanto però mi diverto con Arn. Non sarà più giovane e vigoroso quanto gli istruttori di karate, ma dalla sua ha trentacinque anni di esperienza, e questo compensa abbondantemente.
Appoggio la fica alla coscia dura e pelosa del maschio e comincia a sfregarmi con gusto mentre lo sego e mi lascio palpare saporitamente dalle sua manacce esperte... Facciamo rumorosamente lingua in bocca, e io mi bagno abbastanza in fretta mentre il cazzo che ho per le mani si inturgidisce rapidamente: ne deduco che ad Arn piace toccare il mio corpo, e apprezzo il complimento.
Alle mie spalle avverto una serie di gemiti confusi, e immagino che gli altri due maschi abbiano infornato almeno due delle femmine disponibili, ma in quel momento non mi interessano troppo le dinamiche degli altri: ho ancora voglia di cazzo, e voglio essere farcita a dovere.

Arn mi schiaccia contro la paratia, io sollevo una gamba e mi porto il cazzo all’ingresso della vagina, e lui mi penetra con sicurezza inchiodandomi al muro con un affondo deciso.
- Oohhh... – ansimo deliziata dalla durezza che avverto dentro di me – Sì, fottimi! Hmmm...
Mentre mi faccio scopare contro la parete di legno, ansimando per il piacere, getto uno sguardo oltre la spalla di Arn: Eva sta cavalcando Ioan all’amazzone su un divano, mentre sull’altro Pam e MG si stanno dividendo il cazzone di Nicolai da brave – ancorché improbabili – amiche. Considerato che una è l’amante del marito dell’altra, sembrano anche troppo affiatate nel leccare in tandem quella verga robusta e durissima...
Mentre il cazzo di Arn mi scava la fica, la sua lingua mi rovista la bocca e le sue manacce mi stringono le chiappe; ogni colpo mi manda a sbattere contro la parete di legno mozzandomi il fiato, e io comincio a maturare un nuovo, coinvolgente orgasmo mentre delego tutto il lavoro al mio amante del momento.
Eva ci batte tutti sul tempo: un grido selvaggio, i lunghi capelli biondi che sbattono come una bandiera nella tempesta, e la mia ragazza gode impalata sul bastone di Ioan, contorcendosi tutta per il piacere.
Mi congratulo mentalmente con il mio amante romeno per aver soddisfatto così platealmente la mia compagna, poi vedo lei che si solleva stiracchiandosi e barcolla in cerca di un bicchier d’acqua. Ammiro il cazzo svettante e durissimo di Ioan, e per un istante pondero l’opportunità di fermare Arn e convincerlo a dividermi con l’altro maschio per un bel tramezzino; poi però il mio istruttore si alza e raggiunge l’altro divano con il cazzo in resta, chiaramente intenzionato ad affiancare il suo compare per infiocinare insieme MG e Pam.
- Vieni, cagna bastarda – mi ringhia Arn all’orecchio, infoiato come una bestia – Godi!
Non sono mai stata una bambina molto obbediente, ma questa volta l’ordine perentorio del maschio che mi sta montando ha il suo effetto, e io esplodo nel mio secondo orgasmo della giornata.

Quando riprendo il fiato dopo il blackout, Arn mi sta ancora fottendo come un toro; mi sento le gambe intorpidite e sto in piedi solo perché lui mi tiene inchiodata al muro. Niente male, per un ultracinquantenne...
Poi vedo Eva che si accosta amorevolmente a noi: è nuda, a parte i sandali, e bellissima... Mi sorride ammiccante, consapevole del fatto che io sono appena venuta, e io afferro subito le sue intenzioni.
Cambio: ci baciamo in bocca fra noi, poi io mi stacco da Arn e lo cedo alla mia compagna.
Incespico con le gambe molli fino al tavolo e mi verso a mia volta un bicchier d’acqua prima di girarmi ad ammirare le tre coppie in azione.
Per una volta sono io quella esclusa, ma non me ne risento: a volte tirare il fiato guardando gli altri è un toccasana. Arn con Eva sul tavolo, Ioan con MG e Nicolai con Pam sul divano... Un vero casino, non c’è che dire.
Mi sfilo definitivamente camicetta e minigonna, restando nuda con solo gli stivali e l’orologio ancora addosso, e mi sfioro i capezzoli durissimi col palmo delle mani mentre mi lecco le labbra sentendo montare di nuovo l’eccitazione...
Osservo Pam che s’impala a smorzacandela sul membro nodoso di Nicolai: i seni sudati ondeggiano deliziosamente, impreziositi dal pendente con diamante che va su e giù al ritmo della scopata mentre il romeno la tiene per i fianchi imprimendole il ritmo che piace a lui...
La mia mano scivola fra le cosce e comincia a muoversi dolcemente mentre sposto lo sguardo su Ioan che fotte MG a pecorina mandandola a sbattere con la faccia nel cuscino ad ogni colpo che le infligge fra i lombi.
Hmmm...
Mi mordo un labbro: le mie dita nervose hanno ritrovato il clito nel groviglio della peluria bionda che lo protegge, e hanno cominciato a tormentarlo.
Un rantolo di dolore: giro la testa e vedo Eva aggrappata al tavolo che stringe i denti, tutta rossa in viso mentre Arn la monta prepotentemente da dietro... Dall’espressione stravolta del suo viso capisco che la mia ragazza si sta facendo inculare, e questo spiega la sofferenza nella sua voce.
Non mi preoccupo: la mia ragazza è ancora più sfondata di me, e Arn è un gentiluomo...
Cazzo, ho di nuovo voglia...
L’aria nel quadrato è satura di sesso: odore di corpi sudati, tonfo di carne sbattuta, rauco ansimare di maschi e gemiti strozzati di femmine... E il dito che batte implacabile sul grilletto arrazzato.
Osservo le mie compagne d’avventura: sono l’unica ad avere le gambe nude; le altre hanno tutte le autoreggenti, oppure le calze con le guepières come MG. Adoro i reggicalze, anche se detesto portarli: danno una linea così elegante alle gambe femminili!
Scopo Eva tutti i giorni, e ho avuto Pam già più di una volta, mentre Maria Grazia è ancora terreno quasi inesplorato per me... Voglio lei.
Mi si è sottratta poco prima, lasciandomi capire che apprezza giocare con altre donne intorno, ma non è interessata a giochi lesbici... Il suo problema è che invece io lo sono, e molto.
Hmmm...
Smetto di masturbarmi e vado a raggiungere la mia sacca.
Tiro fuori il mio fedele strapon e lo indosso con calma, lo sguardo fisso sulla mia vittima, che continua a farsi scopare ignara da Ioan contro il divano. Sorrido fra me, osservando il maschio che le strizza le tette da dietro mentre la chiava a pecorina, e provo un moto di invidia.
Beh, adesso tocca a me.

Finisco di allacciare le cinghie e mi assesto il dildo interno dentro la fica, poi mi avvicino con calma a Ioan, mettendogli una mano sulla spalla.
Lui alza lo sguardo e sgrana gli occhi vedendomi armata di cazzo.
Io sorrido e gli indico il posteriore di Pam, che sgroppa contenta sopra Nicolai mezzo metro più in là: in fondo è lei la padrona di casa, e mi sembra solo giusto che riceva il massimo delle attenzioni maschili... Così poi io posso godermi le splendide polpe di MG in santa pace.
Ioan annuisce: anche a lui piacciono i tramezzini.
Si stacca da Grazia, che protesta debolmente, e si porta alle spalle di Pam per infornarla da dietro.
- Non ti preoccupare, piccola – faccio io rivolta a MG mentre mi sistemo al posto di Ioan – Adesso a te ci penso io...
Lei deve essere intontita dal piacere, perché non credo si renda conto di cosa sto per fare: mi piazzo bene sulle ginocchia, le accarezzo le belle gambe inguainate di seta, poi la penetro con calma con lo strapon, strappandole prima un mugolio di sorpresa e poi un lungo gemito di piacere.
Affondo il dildo dentro di lei fino ad appoggiare i fianchi contro le sue chiappe, e mi allogo per bene nella sua fica accarezzandole i fianchi con le mani.
- Ti piace? – le chiedo, con voce suadente.
- Hmmm... – geme lei – Stupendo... Il tuo dildo è ancora più grosso del cazzo di Ioan!
- Già. E’ proprio vero...
Comincio a scoparla lentamente a pecorina, e lei gira la testa per guardarmi: incontro il suo sguardo sbigottito nel rendersi conto che la sto possedendo con uno strapon, e le strizzo l’occhio.
Lei sorride, grata del piacere che le sto donando nel fingermi un uomo per lei...
- Aaghhh! – grida Pam accanto a noi.
Ioan le ha cacciato la nerchia durissima nel culo, mandandola a sbattere contro Nicolai che la fotte da sotto: ora la padrona di casa ha entrambi i cazzi romeni dentro la pancia e può finalmente sperimentare il suo primo sandwich.
I due maschi sono abbastanza affiatati, con tutte le sgrinfie che si sbattono in palestra, e prendono rapidamente il ritmo dentro di lei. Pam appoggia seni e diamante sul petto villoso di Nicolai per baciarlo appassionatamente in bocca mentre Ioan la sodomizza da dietro, e i tre cominciano la loro disordinata corsa verso l’estasi proibita dell’amore a tre.
Io chiavo MG a pecora per qualche minuto, assicurandomi di allargarla e di lubrificare a dovere il mio dildo, e intanto le massaggio delicatamente i glutei elastici e lascio casere qualche goccia di saliva sul suo buchetto senza che lei neanche se ne accorga.
Poi estraggo la nerchia di gomma dalla ficona slabbrata e la appoggio allo sfintere umido.
MG non è stupida: capisce quasi all’istante cosa sta per capitarle, e gira veementemente il capo per protestare.
- No! Non l’ho mai fatto così, neanche con mio marito...
- C’è per tutto una prima volta – le dico con calma, puntando le ginocchia – Adesso stringi i denti, perché ti farò male...
- Oh mio dio, no! – annaspa lei, in preda al panico – Ti prego, mio marito se ne accorgerà...
- Tanto peggio per il cornuto – replico io, cominciando a schiacciarle il dildo sul buchetto serrato – Il tuo capo invece sarà più che contento di trovare un altro buco agibile la prossima volta che vorrà montarti in ufficio.
- No! – grida ancora lei, gli occhi già fuori dalla testa per il dolore – Mi fai male... AARGHHHH!!!
In effetti non ci metto molta delicatezza nel deflorarle l’ano: sono ancora un po’ incazzata per la sua ritrosia di prima. D’altra parte non è più una ragazzina, e a trent’anni il suo corpo può subire questo ed altro...
Spingo di colpo e le caccio a forza lo strapon fra le chiappe, sfondandola senza pietà.
- Aahhh! – grida lei, impazzita dal dolore – E’ troppo grosso! Mi sbudellaahhh...
In effetti, quando lo tiro fuori rivoltandole lo sfintere, vedo che il dildo è striato di sangue.
Peggio per lei.
Affondo nuovamente la verga di gomma nel retto della donna e comincio a scovolarla senza troppi complimenti: sono molto più forte di lei e la tengo sotto senza difficoltà mentre la sottopongo a sodomia contro la sua volontà, la faccia schiacciata contro il divano.
Gli altri si sono girati tutti a guardare mentre stupro MG nel culo, ed Eva mi incita apertamente a sventrarla del tutto. Pam sorride deliziata nell’assistere all’ordalia dell’amante di suo marito, e i miei amici romeni trovano la scena di ispirazione per il loro sandwich.
Solo Arn mi sembra preoccupato per un momento, ma è troppo occupato a godersi il bel corpo di Eva per lasciarsi distrarre più di tanto: in fondo questo significa che adesso che il culo di MG è finalmente aperto, potrò goderselo anche lui...
M’inculo Maia Grazia per almeno mezz’ora, finché alla fine non ce la fa neppure più a gridare di dolore, povera stella...
Eva gode un’altra volta, gridando impazzita e beccandosi la sborrata di Arn in fondo al culo; Pam grida ancora più forte, raggiungendo la vetta del piacere un istante prima che i due romeni si svuotino i coglioni dentro di lei, farcendole le viscere di seme bollente.
L’ultima sono io, come al solito: il dildo interno mi catapulta oltre l’orgasmo, facendomi perdere il ritmo e anche l’equilibrio: mi aggrappo al corpo nudo e sussultante della povera Grazia, e mi abbandono alle onde roventi del piacere...
Sotto di me, MG singhiozza e trema, distrutta dal dolore e dall’umiliazione. Non credo che lei sia venuta, ma non mi interessa più di tanto.
In fondo lei per me è solo un pezzo di carne: da usare a piacimento, per poi gettar via gli avanzi...

Quando esco dal bagno dopo aver sciacquato lo strapon, Pam sta distribuendo da bere.
MG è ancora accasciata sul pavimento, spossata, ma gli altri sono tutti in piedi e brindano allegramente al primo sandwich della padrona di casa.
Mi unisco alla festa, bacio in bocca anch’io Pam, poi abbraccio Eva che mi si stringe contro più calda che mai per un più profondo bacio di lingua.
Afferro il messaggio: la mia compagna vuole tornare sulla Serenissima per terminare la serata in intimità. La zoccoletta si ingrifa sempre da pazzi quando mi vede usare lo strapon per sfondare un’altra, e lo vuole subito indietro per sé.
Raccogliamo i nostri vestiti senza perdere tempo a indossarli, poi infiliamo direttamente i soprabiti, salutiamo e usciamo nella pioggia lasciando i nostri amici a concludere la serata fra di loro.

***

Appena a bordo della nostra barca, la schiava si precipita ad asciugarci i capelli mentre ci liberiamo di giaccone e trapunta. Già che ci siamo, ci facciamo pulire entrambe il culo con la lingua: la Roby adora bere lo sperma che sgorga dai nostri buchi usati di fresco. Dopo tutto è praticamente l’unico modo che ha di bere dello sperma, visto che ovviamente non le lasciamo approfittare dei maschi che ci portiamo a bordo per noi.
La senese è diventata davvero brava, con la lingua: non si direbbe che un anno fa non avesse neppure mai provato a fare l’amore con una donna... Mi godo il suo lecchino mentre bacio Eva in bocca stringendomela forte contro, lasciando che lo sfintere si rilassi e permetta allo sperma di Nicolai di colare fuori sulle labbra della schiava.
Poi è il turno di Eva, e la sento fremere tutta fra le mie braccia mentre si libera della sborrata di Ioan. Mentre Roby inghiotte contenta il prezioso liquido, noi continuiamo a baciarci.
Da fuori giunge un altro grido selvaggio.
- Questa era MG – osserva Eva – Devono aver preso a sandwich anche lei...
Scrollo le spalle: - Tanto ormai è sfondata. Immagino che anche Arn volesse godersela lì, prima di lasciarla tornare zoppicando da suo marito...
In effetti ci racconteranno più tardi che la povera Grazia si è presa tutti e tre i cazzi allo stesso tempo, con Nicolai che le trombava la gola e Pam che fotografava tutto, prima che lei e il suo amante si ritirassero in camera da letto a finire la serata lasciando il trio Arn-MG-Ioan in salotto a completare il loro tramezzino finale...

Dopo la doccia, Eva e io ci rotoliamo nude nel nostro bel lettone, abbracciandoci e baciandoci focosamente prima di abbandonarci alle braccia di Morfeo...

Il mattino dopo mi sveglio che sono le nove passate.
Strano, sono sola. E’ inconsueto che Eva si svegli prima di me, ma quando sento il profumo del cappuccino e i suoi passi che si avvicinano nel corridoio, capisco che la mia ragazza mi sta viziando portandomi la colazione a letto... Che carina!
Mi tiro a sedere, e infatti la mia olandesina preferita entra con il vassoio in mano (immagino che la schiava si sia data da fare mentre Eva controllava le notizie al laptop) e un sorriso radioso sul suo splendido viso abbronzato.
Lei risale sul letto e si accoccola contro di me, appoggiando il vassoio sul letto davanti a noi.
- Buongiorno amore.
- Ciao – smack – Sei stupenda... Anche oggi!
Lei gongola, pomiciandomi un po’ prima di prendere la sua tazzona fumante e portarsela alle labbra.
- Mentre preparavamo il cappuccino è passato Arn – mi informa poi – Stava andando dai Carabinieri.
- Cosa? E perché?
- Sembra che dopo che ce ne siamo andate, loro hanno continuato per un po’...
- Sì, li abbiamo sentiti.
- Già... Alla fine Pam si è portata Nicolai in camera da letto per concludere la serata, mentre gli altri continuavano a fare sandwich sul divano. Poi però, quando Ioan e Nicolai se ne sono andati questa mattina e Arn stava cercando di far rivestire MG per portarla a casa, Pam si è accorta che il suo pendente era sparito.
Trasecolo: - Cosa? Il diamante dell’anniversario?
- Proprio quello. Quando si è svegliata sentendo il casino nel quadrato, si è accorta di non averlo più al collo.
- Oh, no! – faccio io, fissandola negli occhi – Non sarà mica che...
Lei scrolla le spalle: - Nicolai è rimasto da solo con lei un bel pezzo, e quando se n’è andato il diamante era sparito insieme a lui.
Aggrotto la fronte: - Ma non ha senso. Sarà il primo da cui andranno i Carabinieri!
Eva fa di nuovo spallucce: - Tu credi che lo troveranno?
Già: bella domanda.
C’è il compleanno della Giulia da organizzare.
Poi un po’ di amministrazione online, la manutenzione ordinaria della Serenissima, la riappropriazione dello strapon da parte di Eva (che implica una torrida sveltina sul lettone appena il dildo è stato accuratamente sterilizzato in seguito al sesso anale con MG) e una nuotata tonificante nelle gelide acque dell’Adriatico sull’altro lato del Lido.
Dopo pranzo ancora non abbiamo notizie da Arn e Pam, e siccome la loro barca è vuota e al cellulare non rispondono, andiamo in palestra.
Troviamo Ioan, sconvolto, che ci dice che Nicolai è stato fermato dai Carabinieri mentre entrava in palestra per le pulizie del mattino: possibile che tutte le volte che c’è un furto, la polizia va sempre a cercare i romeni? Gli italiani sono proprio razzisti!
Già, ma...
No, Nicolai non farebbe mai una cosa simile. E anche se fosse, lo farebbe in modo più furbo: non è mica un idiota!
Vero.
Nel tardo pomeriggio, quando stiamo per lasciare la palestra dopo aver abusato entrambe dell’unico istruttore di karate disponibile, Nicolai ricompare: un po’ provato, ma anche sollevato.
Il GIP non ha convalidato il suo arresto; il suo alloggio è stato perquisito con cura, e anche tutti i dintorni, senza che si sia trovato niente; lui è stato interrogato per ore, e alla fine non è emerso niente, tranne che lui ha fatto sesso con Pam nel suo letto e che quando se n’è andato il diamante era ancora al collo della donna. Lei però dormiva e non si ricorda.
Insomma: Nicolai è indiziato: indagato a piede libero. Il suo avvocato d’ufficio però dice che se non si trova il diamante e il tenore di vita di Nicolai non cambia drasticamente, nessun giudice lo condannerà mai.
Un bel sollievo per lui... Ma il diamante di Pam?

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti mogli puttanesesso gay raccontiracconti sessstori erotichestorie hot gratisraccontia69racconti-eroticistorie sesso incestoracconti storie erotichestorielle eroticheracconti eroticiporno italiano raccontiracconti zooracconti gay bisexletture hardsegarsi in compagniadonne che fanno amore con animaliracconti crossdressingracconti erotici di stuproscambio di coppia sessogeneri di racconti eroticiracconti erotici di sessozoofilia con cavalliporno raccontoschiavo di mia cuginaracconti hard di donne matureracconti porno fantasyracconti di moglischiava cagnastorie porno italianeracconti smracconti porno maturaerotiraccontiracconti erotici animaliracconti erotici porcai racconti eroticiraconti69eroticaraccontiracconti maturazie incestiracconti erotici vecchiastorie di sesso italianoracconti veri incestoesibizioniste al ristoranteracconti erotici analistorie erotracconti zoofilistorie erotizoofilia cavallostorie erotiche lesbicheracc incestostorie erotiche lesboracconti cukracconti porno mammaracconti perettaerotici racconti 69racconti erotici piccolaracc coppieracconti strip pokerracconti eros 69erotici raccontstorie erotivhecane incula padronaracconti sui piediracconti vicinasesso porno raccontistorie di incestisculacciate sessualirac eroti racconti dimiluracconto di un tradimentoravconti pornorocconti eroticiraccontierotici 69masturbazionrmamma ingravidata dal figlioracconi eroticiracconti erotici di mogli infedeliracconti erotiicracconti erotici violentatadonna si scopa un cavalloracconti milu comerotic raccontiraccoti eroticistorie eroriche