Espiazione 3

Scritto da , il 2019-09-11, genere pulp

L’aria quassù è piacevolmente fredda, sento il vento frustare la mia faccia e arruffare i miei ricci capelli mentre osservo l’imponenza di questo eremo scavato tra la roccia nella montagna da cui non si ode provenire alcun rumore, o forse è il vento stesso a portar via lontano ogni piccolo strepito, regalandoli così questa surreale sensazione di pace. L’auto alle nostre spalle spegne il motore lasciando al silenzio la sua acuta voce. Mi guado attorno in cerca di qualcosa, di un indizio, di qualcuno che mi spieghi il motivo per cui mi torvo qui, ma nessuno sembra aspettarci, avverto la mano del priore spingermi lungo la schiena e capisco che dobbiamo muoverci, ci incamminiamo verso la parete rocciosa. A metà tragitto, noto aprirsi una piccola porta incastonata nella roccia e un uomo anziano, barbuto con addosso un saio, venire fuori. Mi volto verso il monsignore, ma egli non mi degna di uno sguardo e continua a camminare dietro di me. Una volta vicini a questo piccolo frate, il mio carceriere mi cede in consegna, i due si scambiano dei saluti formali e dopo pochi secondi mi ritrovo a camminare in direzione dell’eremo scortata da questo nuovo signore. Non posso parlare, ho solo la possibilità di rispondere e quindi proseguo in silenzio verso il mio nuovo destino. Il fratello mi fa entrare nell'edificio, sembra tutto scavato dalla natura, ogni corridoio, ogni sala sembra incavata nella roccia dal tempo, camminiamo in silenzio, finché lui si ferma davanti ad un portone, lo apre e mi “guida” in quella che sembra essere la sua cella. All'interno noto subito un arredo spartano, composto da una sedia, una piccola scrivania scardinata, un divano letto e un inginocchiatoio rivolto verso la parete. Mi indica quest’ultimo e mi chiede di accomodarmi, mi chino dandogli le spalle, mentre lui prende posto sulla sedia dello scrittoio. Sento dei rumori alle mie spalle, intuisco dal rumore che sia il cigolare dell’unico mobilio nella stanza il rumore della punta di una penna che batte su di un foglio poi conferma la mia intuizione. Passano i minuti e sono ancora lì inginocchiata di spalle a questo perfetto estraneo senza conoscere nulla del mio destino. Vorrei chiedere qualcosa, ma so di non poterlo fare è la stramaledetta regola. Finalmente lo odo ordinarmi di pregare ad alta voce, non è proprio quello che vorrei sentire, però per lo meno questo compito rompe l’imbarazzo del silenzio. Inizio a recitare il rosario, mentre sento ancora il mobile cigolare, chissà cosa sta scrivendo penso dentro di me…trenta minuti dopo inizio ad accusare dolore alle ginocchia, la posizione scomoda in cui mi trovo inizia a darmi dei problemi, mi muovo cercando di fare meno pressione sulle mie giunture ma il risultato non cambia. Gli ultimi grani del rosario, mi avvisano che sono ormai alla fine della preghiera e mentre penso a ciò la scrivania finalmente smette di cigolare e avverto dei passi alle mie spalle, ora sento la sua presenza dietro di me. Non posso fare nulla, perciò continuo a recitare ad alta voce, consumando anche gli ultimi grani. Terminato il mio compito rimango muta, con la faccia rivolta verso questo muro decrepito tinteggiato malamente, in attesa di nuovi ordini. Non odo nulla, non so cosa fare, poi finalmente la sua voce rimbomba nella stanza, sembra più autoritaria rispetto a prima, come se le parole scritte in quella lettera gli avessero dato piena consapevolezza del lavoro che gli spetta. Si rivolge a me in toni poco consoni, mi dà della sgualdrina, ma poi aggiunge che la colpa non è mia, ma del diavolo che ha permesso ad uno dei suoi demoni lussuriosi di impossessarsi del mio corpo, imponendomi la sua volontà, facendomi commettere un peccato così scabroso come quello per cui mi trovo ora al suo cospetto. Poi inaspettatamente la sua mano si posiziona sulla mia spalla, in segno di comprensione, rimanendo su di essa per diversi secondi, per poi scivolare lentamente lungo la schiena, coperta dalla tunica: -Troverò il responsabile, di questa colpa, che si nasconde dentro di te -suor Chiara- e lo rimanderò nel suo mondo!
Poi si allontana da me per tornare al suo posto iniziale, mentre lascivo ripete alle mie spalle
-: Prega sorella, prega! Continua a pregare per i tuoi peccati!
Lo accontento e dopo un altro intero rosario lo sento riavvicinarsi, questa volta sento le sue piccole mani posizionarsi sotto le mie ascelle e sollevarmi lentamente verso di lui, mi alzo e vengo finalmente portata fuori dalla cella. Camminiamo nel silenzio totale, ma soprattutto lentamente per via del fastidio che l’inginocchiatoio mi ha provocato, poco male non mi dispiace, in questo modo ho la possibilità di osservare attentamente l’interno di questo strano edificio: le celle che si affacciano nel corridoio centrale sembrano piccole e anguste casette alcune provviste solo di porte altre anche di finestrelle, mentre cammino accanto a lui mi interrogo su tutto quello che scorgo, ma non riesco a darmi risposte esaustive su tutto, ad esempio in questo momento continuo a chiedermi la motivazione per cui non vi siano interazioni tra i residenti e l’uomo che mi accompagna, ma solo dei cenni unilaterali di riverenza svelati dal movimento del capo verso il mio nuovo custode. Finalmente alla fine del corridoio la nostra passeggiata ha termine e ci fermiamo davanti ad una cella con le sbarre, la osservo e mi sembra diverse da quelle che ho avuto modo di incontrare durante il tragitto, le altre erano fornite tutte da porte o finestrelle, certamente piccole, ma tuttavia utili a garantire la privacy degli inquilini. Entriamo dentro e l’uomo conferma ogni mio sospetto, presentandomi il luogo come la mia nuova stanza. Non vi sono pareti per dividere il piccolo ambiente, ma soprattutto non vi sono tende o porte, ma solo sbarre. L’arredo è poverissimo quasi assente e vi è un solo letto singolo e un piccolo vaso da notte. Noto che le sbarre poi non sono provviste di serratura e quindi il cancello di entrata è sempre aperto, lo guardo sbigottita, ma non posso protestare e parlare, devo stare zitta ed accettare che chiunque nei prossimi giorni potrà spiarmi e se vorrà entrare nella mia prigione.
: - Qui avrai tutto quello che ti servirà per vivere e per recuperare ai tuoi errori. Ci penseremo noi a te.
L’uso ambiguo di quel plurale mi lascia abbastanza perplessa da trasparire sul mio volto, portando il frate a spiegare il senso di quell'affermazione. Comprendo che in qualità di padre superiore ha imposto la regola del voto di parola tra tutti gli adepti, dunque per tutto il periodo in cui io vivrò qui, ogni azione nei miei confronti sarà considerata giusta e non obiettabile, perché loro sono stati incaricati a richiamare e recuperare la mia vera natura. Le sue poche e misteriose parole saziano improvvisamente la mia curiosità, abbasso la testa ed entro nella mia nuova “stanza”. Non faccio nemmeno pochi passi, che la sua voce mi raggela il sangue nelle vene:
: - Bene sorella! Ora puoi consegnarmi la tunica.
Rimango a fissare il vuoto, non mi sembra vero. Mi giro timidamente verso l’anziano e lo guardo cercando di non mancargli di rispetto e sperando di aver capito male, ma la sua mano stesa verso di me mi riporta alla realtà e capisco che ho udito bene.
: - Una peccatrice come te, non è degna di portare addosso quell'abito sacro! Vero?
Con un tremito di voce rispondo di sì, perciò mi volto imbarazzata di spalle per slacciare la cerniera, ma vengo richiamata e costretta a voltarmi nuovamente. Poi con fermezza il frate mi ricorda
: - Suor Chiara, ti ricordo che tu dovrai vivere perennemente per tutto il tempo del tuo recupero con la sensazione della vergogna addosso. Hai capito?
: - Si, mio signore!
Faccio scivolare la zip lungo la cerniera ubicata sulla schiena, una volta slacciata faccio uscire velocemente la mie spalla destra dalla tunica, ma mi viene chiesto di farlo lentamente, eseguo… lentamente faccio uscire la sinistra e inevitabilmente anche il mio seno si affaccia davanti alla faccia del frate che guarda soddisfatto il mio bel corpo. Poi tiro giù la tunica e la faccio cadere sul pavimento, rimanendo solo con la cintura di castità e con i sandali. Mi colgo per raccoglierla, ma vengo obbligata a piegarmi voltandomi in direzione opposta, in modo da sbattergli in faccia il culo. Mi volto e mi piego per prendere la tunica, ma mi chiede di rimanere immobile e a pecora, lo faccio sudando freddo, mi sento umiliata. Finalmente mi viene dato il permesso di alzarmi, colgo la tunica e la porgo al frate, che la raccoglie mentre i suoi occhi non smettono di fissare il mio corpo nudo. Poi riprendendo il suo autocontrollo, mentre sul suo volto compare un ghigno malefico che mi lascia a dir poco sconvolta, mi dice:
-Starai bene, suor Chiara, vedrai! Ora mettiti comoda e prendi confidenza con il tuo nuovo ambiente. A più tardi!
Poi si allontana velocemente ed esce dalla cella.

Questo racconto di è stato letto 5 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di sesso veroracconti omoeroticiracconti ertici 69racconti erotici in italianoracconti erotici con matureracconti di zoccoleracconti ercornuto umiliatoraccontizoofiliaracconti hard maturestorie sesso incestostorie porracconti pompiniclisteri sexystorie di mogli puttanera cconti eroticichiavare la cognataracconti cukoldracconti eroricischiava aziendalestorie porno con immaginistprie pornoporno raccontoracconti erotici al mareraccontierstorie di sottomesseracconto massaggio eroticoeriticiraccontiracconti hot lesboraccontipiccantierotic raccontiracconti potnovideo storie eroticheeros free on lineracconti erotici ditalinoerticiraccontiracconti porno incestuosiracconti erotici zioracconti tradimentogeneri racconti eroticistorie eroticostirie pornoracconti osèracconti di transincesti maternisiti racconti eroticizie incestiracconto erotico ziaracconti erotici 2016letture hotstorie etoticheracconti brevi hardcome scoparsi la vicinastorielle pornoracconti di sesso incestoracconri pornoseghe raccontiracconti erotici gratiswww.racconti-erotici.itraccontihardpadrone bastardoracconti erotici neriracconti erotici stupridilatare anoracconti sensualiraccontu eroticiscopare la moglie del caporacconti pirnopompino sotto al tavolostorie pormoracconto erotico veroi racconti di milieroticiracconti.itracconti maritiracconti storie eroticheracconti poenoracconti erotici mia sorellaconti eroticiracconti di trombate