Diversamente vergine - 4

Scritto da , il 2019-09-11, genere etero

STRATEGIE ALTERNATIVE

A ragionarci a mente fredda, la situazione in cui mi trovavo era un po’ destabilizzante per me. Diciamocela tutta: ero diventata la pompinara di un ragazzo che mi piaceva, Tommy, con il quale non solo non avrei avuto mai una storia ma che nel frattempo si sbatteva un’altra. Perché volesse che io continuassi a inginocchiarmi tra le sue gambe non lo so, forse lei non era brava o forse i miei gli piacevano di più. O magari per avidità maschile, perché ogni pompino lasciato è perso. Per tirarmi su avevo però colto al balzo una palla che in quel momento considerai una specie di dono della sorte, il fratello di una mia amica.

Mi piaceva anche lui, Giorgio, questo era il suo nome. Forse proprio perché era più grande, perché faceva l’università, ne ero affascinata. Non come da Tommy, con il quale mi ero ritrovata in una sintonia quasi magica, ma insomma non mi potevo lamentare.

Il primo bacio me lo diede riportandomi a casa la prima sera, io in verità non aspettavo altro. Fu un bacio molto lungo e appassionato, sotto il portone, che mi lasciò scombussolata e piena di desiderio. La seconda sera fermò l’auto in un posto decisamente più appartato e iniziammo a pomiciare. Fremevo sotto le sue mani che mi stringevano le tette e che cercavano di intrufolarsi dentro i miei jeans. Io ricambiai infilando dapprima le dita sotto il suo maglione e la sua camicia, esplorando i suoi pettorali, poi portandole più in basso, ad accarezzare un pacco che sentivo già gonfio.

Fu quando la sua mano cominciò a giocare con la mia mammella nuda che non ce la feci più.

“Aspetta”, gli sussurrai. E mi chinai sul suo inguine, sbottonandogli i pantaloni. Lui mi agevolò e io glielo tirai fuori. Ricordo ancora il rosso delle sue mutande. Lo sbocchinai forse con troppa foga ma volevo assolutamente farlo venire. E a dirla tutta non penso che lui chiedesse un trattamento più tranquillo, perché mi mise una mano sulla testa iniziando a spingermela mormorando “brava… brava” finché mi esplose in bocca. “Non mandare giù, non mandare giù”, mi rantolò addosso e io ubbidii. Così come ubbidii quando mi ordinò di aprire la bocca e fargli vedere il laghetto di sperma depositato sulla mia lingua. Non lo avevo mai fatto e credo che sia stato proprio il senso di novità a farmi sentire la più grande delle troie sulla faccia della terra. Mi compiacevo dei suoi occhi soddisfatti che mi scrutavano dentro la bocca. Poi ingoiai e continuai a succhiarlo e a ripulirlo finché mi rialzai sorridendo chiedendogli se gli fosse piaciuto. Domanda sciocca, lo so, ma in quel momento non mi venne di meglio.

Continuammo a vederci, iniziò a farmi capire che voleva di più. Ma non era facile nemmeno per lui. Diceva che avrebbe voluto fare l’amore con me ma che odiava farlo in macchina. Io rimanevo piuttosto evasiva sull’argomento. A me andava benissimo così, anche se la sera spesso mi capitava di masturbarmi cercando di immaginare la sensazione del suo cazzo caldo che mi violava. Un cazzo che ormai per me non aveva più segreti. Un pomeriggio gli feci un pompino in una situazione finalmente più comoda, lui seduto sul divano di casa sua e io strategicamente posizionata sul pavimento. Entrambi sapevamo che non saremmo rimasti soli a lungo e tuttavia ascoltarlo mentre ripeteva “voglio scoparti, voglio scoparti” mi riempiva di brividi e di desiderio. Un desiderio che non sapevo più come gestire. Non pensavo che fosse proprio il ragazzo che avevo in mente per perdere la verginità, probabilmente pensavo troppo a Tommy, tuttavia la voglia di sentirlo dentro di me cominciava a diventare ossessione.

E qui devo confessare una cosa di cui mi vergogno un po’. Quella mattina a casa mia, sentendo mia sorella scopare con il suo ragazzo, sentendo tra l’altro proprio tutto, mi ero in un primo momento convinta che, in fondo, un modo per mantenere la mia – chiamiamola così – purezza c’era, pur trovando il modo di accogliere dentro di me un ragazzo. Il modo era quello che Martina mi aveva, sia pure involontariamente, suggerito, la sodomia.

Come mi fosse venuta in mente questa stronzata non lo so, credetemi, non ve lo saprei spiegare. Tuttavia era stata la stessa Martina a farmi desistere con le sue parole: scopare è scopare, farsi prendere è farsi prendere. Il principio è quello, non l’imene lacerato.

Però il caso è a volte davvero maligno. Un altro pomeriggio ancora, stavolta con molto più tempo a disposizione, mi ritrovai a casa di Giorgio, sola con lui. I suoi baci e le sue mani mi avevano fatta letteralmente impazzire, mi ero lasciata abbassare mutandine e jeans alle caviglie praticamente subito, avevo maglietta e reggiseno spinti su fin quasi sotto la gola. Distesa sul suo letto mi contorcevo in preda agli spasmi che la sua lingua mi provocava passando sul mio corpo. Gli avevo già succhiato il cazzo praticamente sulla soglia di casa ma tutt’e due sentivamo, in un certo modo, che quello sarebbe stato solo l’inizio.

Quando iniziò a leccarmi la fica uscii completamente di senno: all’inizio mi vergognavo da morire, anche perché in definitiva l’unica volta che avevo aperto le gambe davanti a qualcuno era stato dalla ginecologa. Un’altra cosa di cui mi vergognavo era il mio stesso modo di godere: rumoroso, incontrollabile. Ma Dio Santo che sensazione meravigliosa, incredibile, mai provata prima! Non pensavo di essere anche io in grado di generare quella cantilena di godimento senza essere capace di dominarmi. Dicevo “no, no, no” e stringevo le gambe sulla sua testa, incapace di reggere il piacere, di controllare i miei movimenti, incapace quasi di respirare. Ma col cazzo che avrei voluto che si fermasse! L’universo esplose frantumandosi in piccoli pezzetti e io ebbi un orgasmo urlante e senza freni, per la prima volta in quella stanza mi tornò in mente mia sorella Martina e il suo modo così sonoro di godere.

Giorgio mi baciò e mi baciò forte. Sapeva di me. Portò la mano al mio sesso raccogliendo il mio viscido sapore e me lo portò alla bocca. Succhiai quelle dita con avidità mentre lui, con naturalezza, si stendeva sopra le mie forme sottili. Avvertii il duro del suo cazzo sul ventre.

E immediatamente mi irrigidii, stringendo le gambe. Era come se avessero suonato le sirene d’allarme: tutti giù nel rifugio e spegnete le luci.

Lui mi guardò con aria interrogativa.

– Seeenti… devo dirti una cosa – lo anticipai – ioooo… io non l’ho mai fatto…

– No? – domandò lui con aria stupita, anche un po’ da baccalà.

Ero abbastanza abituata a quello stupore, ormai. Ero o no la Vergine Pompinara?

– No – risposi sostenendo il suo sguardo.

– Non vuoi farlo con me per la prima volta?

– No ti prego, fermiamoci, è stato bellissimo ma fermiamoci.

Mi rendevo conto che stavo facendo la figura della (a scelta) matta, stronza, immatura, ragazzina, gatta morta… Però era così e non c’era nulla che io potessi fare.

Giorgio non si diede per vinto e si stese ancora una volta sopra di me, baciandomi e cercando di indirizzare il cazzo tra le cosce. Io scattai spostandolo di lato, dimostrando tra l’altro una forza che non credevo di avere, e raccogliendomi in posizione fetale.

– No, ti prego, basta…

Il mio rifiuto era scattato in modo del tutto incontrollato, io stessa non ne ero razionalmente convinta. E anche lui dovette percepire qualcosa, perché cominciò ad accarezzarmi e a farmi distendere le gambe finché completamente rilassata non mi fece rotolare ancora un po’ sul letto sdraiata sulla pancia. Mi salì sopra ancora una volta.

Pensai che non ci fosse peso più bello dal quale essere schiacciata, caldo e vivo. Sentii il suo cazzo duro compresso su una natica, lo sentii scivolare giù fino alla mia fessura, cercarne l’ingresso, toccarlo. Una scarica di piacere mi attraversò e tra me e me pensai “sì, sì, sì”.

Poi improvvisamente fu “no”, ancora una volta. Mi fulminò il pensiero che nei nostri incontri nessuno dei due avesse, per esempio, pronunciato la parola “amore” o almeno un suo surrogato: ti voglio bene, voglio stare con te, ti piacerebbe essere la mia ragazza…

So e sapevo benissimo che “amore” può essere una parola vuota, che uno ti può dire “sei l’amore della mia vita”, ti scopa e lo rivedi sessant’anni dopo in un centro anziani. Però mi sembrava brutto lo stesso che non ci fossimo mai detti una cosa del genere. O forse cercavo delle scuse con me stessa. Anzi, togliamo pure il “forse”.

Fatto sta che le mie convinzioni sulla verginità si rifecero strada dentro di me fino a sbarrare completamente il passo alle mie voglie e a quelle di lui.

– No Giorgio, ti prego no – piagnucolai mentre la sua cappella cercava di intrufolarsi tra le mie grandi labbra ormai scivolose e io maledicevo quella particolarità che mi accompagna da quando ero ancora una ragazzina e nemmeno sapevo cosa fosse il sesso. Mi sono sempre bagnata come una fontana, lasciavo l’umido sulle sedie.

– Perché? – mi chiese. E in quella domanda avvertii il suo desiderio. E ne aveva davvero tanto addosso, a giudicare dal peso che avvertivo in quella zona.

Proprio quello stava per farmi cedere quando lui impresse una decisa sterzata al nostro convegno amoroso. Una sterzata che non mi piacque per nulla.

– Non fare la troia, non aspetti altro – mi disse. Il suo tono era cambiato completamente, si era fatto sprezzante, cattivo. Come se mi dicesse “tanto lo so che sei solo una puttana affamata di cazzo e io posso fare quello che mi pare”.

Intendiamoci, quello che mi feriva non era il termine “troia”. Però che cazzo di decerebrato, lo vedi che ho un problema e pensi di risolverlo così? Riservati gli insulti per altri momenti, che lì sì che mi piacciono.

Era più la delusione e il disgusto, insomma. Non era ancora paura, più che altro non ci potevo credere.

– Non è vero, lasciami, lasciami! – gridai cercando di divincolarmi dalla sua presa.

– Ora ti faccio il culo – ringhiò – altro che non l’hai mai fatto, puttana succhiacazzi…

Portò entrambe le mani sotto la mia pancia fino a incastrarmi tra quelle e il suo corpo. Ora il suo cazzo cercava chiaramente il taglio tra le mie natiche vi si strusciava sopra.

Per un attimo il suo scatto d’ira e la sua minaccia mi provocò una sensazione elettrizzante, mi sentii alla sua totale mercé e non posso dire che mi sia dispiaciuto. Ma fu solo un attimo. Perché no, cazzo, no! Non esiste proprio che mi inculi! Non voglio essere violata, figuriamoci se voglio essere violentata. Ma quando cazzo è che sei diventato così cattivo?

Lo gridai quel mio “nooooo!”, con tutta la forza che avevo in corpo. Adesso, ecco, adesso era paura. E quando sentii la cappella appoggiarsi al mio ano la paura divenne terrore. Terrore di quello che mi stava facendo e del dolore che mi avrebbe procurato. Avevo ancora nelle orecchie gli strilli di Martina, chissenefrega se a lei piace. Ma soprattutto non volevo essere penetrata, ospitare un maschio nel mio corpo. Il contatto del glande duro e gonfio con la carne che circondava il mio forellino mi provocò la contrazione di tutti i miei muscoli. In quel momento mi sentii persa e il mio “no” divenne un pianto fioco, implorante.

Giorgio era impazzito, spinse e spinse forte. E in quell’istante esatto capii perché si usa l’espressione “spaccare il culo”. Per un attimo restai senza fiato per l’effetto del dolore lacerante. Un momento dopo cominciai a strillare. Mi sembrò che del fuoco mi colasse dentro e che ben presto sarei impazzita. Avevo i polmoni completamente svuotati. Speravo solo che non me l’avesse rotto, che non mi avesse fatto sanguinare.

Ora, noi tutti sappiamo che la mente segue a volte dei sentieri tutti suoi. Idee, pensieri, ricordi che si rincorrono velocissimi e spesso in modo del tutto incongruo. Mi domandai come facessero le pornostar, come facesse mia sorella, mi tornarono in mente quei racconti erotici dove la protagonista dice “sentii un dolore atroce ma poi mi abituai e da quel momento in poi fu solo godimento”, sì certo, e i cannoli siciliani sono la cura per il diabete. Mi venne in mente che mia nonna a Natale faceva i cannoli siciliani e di quando quella volta proprio a Natale mio cugino mi fece sedere sulle sue ginocchia e fingendo di farmi il solleticò iniziò a toccarmi ovunque e io ci stavo pure, troia già a dodici anni, figuriamoci ora…

Tutto questo in quel brevissimo lasso di tempo in cui il respiro corto mi impediva di parlare. Se volete potete scrivermi e dire che ho una mente contorta a pensare queste cose in quel momento. Ma tanto lo so già.

“Bastaaaaa!”, strillai una volta recuperato il fiato, “esciiiii!”. Lo strillai con tutta me stessa e mi divincolai ancora una volta. Forse questo, forse il timore che le mie urla potessero essere sentite per tutto il palazzo, lo portò ad allentare la pressione. Mi ritrovai libera dal suo peso e non so nemmeno come corsi in bagno inciampando sui miei pantaloni alle caviglie, sbattendo contro lo spigolo di un muro, aggrappandomi alle maniglie delle porte. Mi chiusi dentro e scoppiai a piangere.

Non che ce ne fosse bisogno, ma questo episodio mise definitivamente una pietra sopra alle mie strategie, diciamo così, alternative di difendere la mia virtù, nonché al mio rapporto con Giorgio. Lasciai la sua casa in silenzio, non lo vidi proprio. Pensai fosse rimasto in camera sua. Fatti una sega, fottiti, non ti voglio più vedere.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


www racconti itraccontipotacconti miluracconti erotici piediracconti sesso lesbostorie di sesso sfrenatononna fammi una segaracconti hard italianiracconti wroticiracconti aroticistorie safficheporno raccontiracconti incesto gayracconti porno xxxscopate con la vicinaporno milustorie eroticheraccontie roticiracconti gay padrenon c'è cosa più divina che scoparsi la cuginaracconti porno con animaliracconti erositaliastorie di pornostarracconti eroyicila troionaamoreinfamiglia.blogspot.itorge familiarierotici racvontisesso con mio cognatoracconti.miluracconti hot gratisacconti eroticiincesti fraternistorie erotiche suocerastorie eroticierotici racconti.itracconti erotici trioracconti scatannunci 69 incestoracconti erotici bullcinema porno raccontiraccconti eroticiporno video raccontiquel cornuto di mio maritoracconti erotici suocerorqcconti eroticierotici racontiracconyi pornoraccont 69storie sesso analepompino a mio cuginorcconti pornoracconti perettaracconti erotici con nonneracconti erotici nonno e nipoteracconti erotici anzianoracconti di incesti realiracconti eropticiracconti cuckholdi racconti di miliracconti erotivstorie ponoracconti erotici erotici raccontiracconti erotici tettonaconfessioni incestuoseracconto erotstorie eroticracconti per adulti gratisracconti senza mutanderacconta eroticieroticraccontiincesto storieeroriciraccontiracconti erotici milfsposina troiaculi rotti raccontiracconti schiava