Vita da cagna - "Ferro"

Scritto da , il 2019-09-11, genere zoofilia


Da quando i miei genitori scomparvero in un incidente, fu mio zio a provvedere al mio sostentamento. Io all'epoca ero una ragazzina, e di colpo mi trovai catapultata dalla città dove vivevo ad una fattoria perduta sulla collina. Mio zio viveva solo, in un grande casolare, e si rivelò subito essere un uomo rozzo e brutale, al quale l'isolamento non aveva certo contribuito a migliorare l'indole. Iniziò presto una vita di piccoli soprusi, dove venivo obbligata a lavorare praticamente come una schiava. Subivo delle punizioni per ogni nonnulla, mi bastava farmi scoprire inoperosa perché mio zio andasse su tutte le furie dicendomi cose terribili, come ad esempio che non pensassi che essere un'orfana mi facesse avanzare diritti nei suoi confronti, ma che anzi era lui, assicurandomi vitto e alloggio, che aveva diritti verso di me. La mia vita sarebbe stata un inferno totale se non avessi trovato, all'insaputa di mio zio, un’insolita e inaspettata amicizia.
Una delle punizioni alle quali ben presto lo zio mi assoggettò, per dimostrarmi che valevo meno che niente, consisteva nel rinchiudermi nella cuccia del cane. Era una cuccia molto grande, quasi una piccola casetta, originariamente costruita per ricoverare ben 4 animali, che dovevano servire ad ordinare il bestiame. A quell'epoca tuttavia di cani ne era rimasto solo uno, che viveva in quella cuccia come fosse una reggia. Si chiamava Ferro. Era un cane di appena 3 anni, dal bel pelo nero, un cane dal fisico robusto e scattante, dolcissimo di carattere. Quando lo zio mi rinchiudeva assieme a lui dentro la cuccia per delle ore io,inizialmente, rannicchiata in un angolo, mi abbandonavo ad un pianto disperato. L'unico mio conforto fu proprio Ferro, che dapprima stupito di quella forzata convivenza, ad un certo punto prese a venirmi vicino e col muso a spingermi dolcemente su una spalla, leccandomi sobriamente i capelli, insomma facendo tutto ciò che era in suo potere per consolarmi. Ferro fu per me il primo e unico amico che ebbi in quella dannata fattoria.
A poco a poco trovai che quelle forzate permanenze non erano affatto spiacevoli: intanto mi sottraevano alla disgustosa presenza del mio precettore il quale smetteva almeno di darmi ordini, e nel contempo stabilivo un rapporto sempre più intimo e affettuoso con quel forte e sensibile animale. Anche lui si doveva sentire solo probabilmente e appena io mettevo piede dentro la cuccia, sospinta dalla mano sgarbata di mio zio, subito si accucciava contro di me.
Una volta lo zio decise di rinchiudermi nella cuccia per una notte intera. Avevo rotto un piatto sfaccendando in cucina per preparare la cena, e mio zio decise che sarei stata rinchiusa per punirmi di quella disattenzione e , vista l’ora , con la possibilità di essere liberata solo l’indomani. Stavolta mi premunii di portare con me qualcosa da mangiare e mi nascosi addosso un piccolo barattolo di marmellata sottratto dalla dispensa. Quando mio zio mi rinchiuse, la sera era ormai inoltrata,iniziava a fare buio. All'interno della cuccia poi non si vedeva ormai più niente se non per quel velo di luce che, proveniente dalla casa, filtrava da una piccola finestrella praticata sulla parete dello stambugio. Lo zio, sapendo di non potermi sorvegliare durante la notte, sbarrò l'apertura con un asse posto di traverso e chiuso dal di fuori, e se ne andò a dormire. All'interno intuii, più che vedere, la presenza di Ferro. Ne avvertivo il calore. Quando la vista si abituò a quell’oscurità, lo vidi. Era accucciato in un angolo e mi guardava. Non provava nessuna sorpresa ormai per la mia saltuaria presenza lì e, da come lentamente agitava la coda, si capiva che ne era contento. Entrambi, in fondo, eravamo due cani abbandonati.
Come le altre volte, non tardò ad alzarsi per venire ad accucciarsi al mio fianco. Io me lo strinsi vicino. Nonostante fosse ormai primavera, la notte era ancora fredda e piuttosto umida. Fuori, soltanto i grilli. Dalla piccola finestrella aperta sulla parete, vidi la luce della stanza di mio zio accendersi, e spegnersi poco dopo. Contento di avermi somministrato una punizione esemplare, anche quel bruto se ne andava a dormire.
Non rimanevamo adesso che io e Ferro, un magnifico e sensibile cane e una povera ragazzina abbandonata.
Mi accomodai come meglio potei: mi tolsi le scarpe, allungai le gambe sul pavimento di legno e mi appoggiai col busto e con la testa alla calda pelliccia del mio amico. Ne ricevetti in cambio una annusatina umida e amichevole. Così ben sistemata mi sentivo come fossi nel mio letto, anzi meglio: là ero sola, lì, invece,ero in compagnia. Mi predisposi per passare la notte. Come sovente mi accadeva prima di addormentarmi, la mente cominciò a vagare senza controllo. Da qualche tempo, alcuni pensieri che mi coglievano erano di una natura particolare, accompagnati inoltre da una altrettanto particolare sensazione del mio corpo.
Da poco avevo imparato ad assecondarla stringendo la mano tra le cosce. Così feci anche quella sera, tranquilla come ero che Ferro non avrebbe certo tradito il mio segreto. Così scostai il lembo del mio vestitino di cotone e infilai la mano sotto le mutandine. Un dolce languore mi pervase, ma la sensazione aveva ora una qualità speciale, libera come mi sentivo in quella cuccia dimenticata da tutti e nel calore protettivo del mio amico cane. Senonché il buon animale si alzò, sgusciando da sotto di me e lasciandomi senza appoggio. Tornò all’altro lato della cuccia guaendo leggermente.
- Che ti succede, Ferro?- sussurrai nel buio -non sei più mio amico?-
A quelle parole accorate l’ottimo cane ritornò e mi leccò dolcemente il viso. Istintivamente gli presi la testa tra le mani.
- Che c'è Ferro, che c'è? - ripetei. Per tutta risposta Ferro comincio leccarmi la mano che avevo tenuto sotto le mutandine. Rimasi molto colpita. Un’emozione nuova, più intensa invadeva il mio corpo come partendo da quel contatto.
- Ti piace, ti piace questo?- gli chiesi, lasciandomi leccare le dita.
Un uggiolio sommesso parve confermare la mia domanda. Poi il suo muso si spostò lungo il mio corpo annusandomi, fino a raggiungere le ginocchia. Di lì si intrufolò sotto l’orlo del vestito spingendosi tra le gambe. Mi annuso brevemente poi cominciò a leccarmi tra la coscia e l’orlo della mutandina. Un qualcosa di sconvolgente partì da quel contatto. Sentì dentro di me sciogliersi un mare. Mi scostai le mutandine e il muso dell’animale si appoggiò sulla mia fichetta, umido e caldo. Mi parve che il soffio del suo respiro fosse rovente come quello di una fornace. A quel punto volevo che assolutamente non smettesse quello che stava facendo. Con le mani che mi tremavano presi il barattolo di marmellata che avevo posato accanto a me e che doveva essere la mia cena. Lo apriì e vi immersi due dita. Contemporaneamente mi tolsi le mutandine , mi passai tra le gambe le dita sporche di marmellata. Non ebbi tempo di finire che la ruvida lingua di Ferro cominciò a strusciarsi sulle mie grandi labbra. Portò via la marmellata quasi subito. Abbandonandomi a quella ruvida lingua mi sdraiai sul fondo della cuccia, in preda ad un piacere acuto, un'eccitazione totalizzante. Per un intero quarto d’ora continuai a pescare marmellata dal barattolo rimettendola dove Ferro continuamente la toglieva. Ormai il barattolo era terminato quando l’orgasmo montò improvviso. Forse il più intenso della mia vita. Di colpo inarcai la schiena mugolando sommessamente per paura di essere sentita. Quando mi ripresi, mentre Ferro finiva di ripulirmi, un alito fresco dalla finestrella della cuccia mi sfiorò il volto. Da quella piccola apertura si intravedeva il cielo notturno, esaltato dalla luna piena. Quella luna, la notte, la cuccia, quel piacere immenso e diverso, la vicinanza calda e amichevole del mio unico amico, si composero in me in un ricordo che ancora oggi mi porto nel cuore.
Quella notte dormii profondamente, comoda comoda, con la testa poggiata alla soffice pelliccia di Ferro. Lì, in una cuccia per cani, negletta al mondo, mai ero stata meglio dal mio arrivo alla fattoria e, forse, in tutta la mia vita.

Fine primo episodio

Questo racconto di è stato letto 4 7 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto italiano padre figliaho sverginato mia figliastorie di guardonifumetti porno incestoraconti miluavventure cuckoldstorie di gang bangstorie pirnosculacciata raccontistorie trasgressiveracconti erotici xxxstorie di sottomesseerotismo raccontiracconti ricattataracconti lesbiracconti di veri incestierotci raccontigangbang raccontiracconto amatorialemia moglie rotta in culostorie eroticaracconti erotici prima segaracconti hard con animaliforum feticismoracconti.eroticiracconti erotici migliore amicasegretaria eroticaraccontiincestipiedi racconti eroticiracconti porno zooeroticiracconti.itracconti porno analiracconti bdsm gayzia footjobporno racontiincesto con cognatacuckold raccontoracconti erotici scuolaraconti erosracconti di mariti cuckoldracconti analizia racconti eroticiracconti incesto69racconti erotici di matureracconti zozziracconti aroticiracconti sesso matureracconti scambio di coppielibri eros da leggere online gratisracconti schiavo padronaracconti incesto eroticiraccontieroticirqcconti eroticiracconti erotici con cavalliracconti erotic iputtanonaracconti veri sexstorie di feticismostorir pornostorie inculateamoreinfamiglia.blogspotstoria porno videoeros raccontiracconti sesso amatorialeracconti erotici animalii migliori racconti pornononnigayracconti incesto veriscambio di coppia forumracconyi pornoporno racconti realiracconti erotici footjobraccontifetishscambisti storieracconyi pornostorie di mogliamatoriali raccontieacconti eroticiracconti ermogli al cinema pornoracconti couckoldsesso raccontistorie sesso vereracconti erotici vecchiaracconti erotici ricattataracconti erotiici