La famiglia Perosi - Capitolo 3 - Il potere corrompe

Scritto da , il 2019-09-11, genere incesti

Capitolo 3 – Il potere corrompe

La scuola ormai era finita ed avevo un sacco di tempo libero, la vita in famiglia era più o meno sempre la stessa, non avevo osato oltre con mia madre, dopotutto avevo tutto il tempo che volevo, la tenevo in pugno. Mio padre usciva presto per andare a lavoro e mia madre era affaccendata per mandare avanti la casa. Io dividevo il mio tempo libero tra le uscite con gli amici, sopratutto i bagni nella piscina comunale, che d'estate era scoperta e si poteva prendere il solo ed i videogiochi.. unico diversivo rispetto a questa routine era tenere sulle spine mamma. Ogni tanto le lanciavo delle occhiate lussuriose e lei scappava di casa con la scusa di un appuntamento quasi dimenticato, cercando in quel modo di evitare le mie bramose attenzioni.

“Illusa”. Pensava di farla franca, ma giocavo al gatto col topo.

Quella sera mio padre tornò più tardi del solito, era stata una dura giornata a lavoro. Si buttò sul divano per riposare ignorando completamente me e mamma. Lei era in cucina impegnata a preparare la cena, io avevo appena finito l'ultimo videogioco e mi annoiavo un po', così iniziai a gironzolare per casa. Passai in salone a salutare mio padre che mi degnò appena di uno sguardo mentre era intento a guardare uno di quegli stupidi quiz in tv... ci rimasi anche un po' male a dir la verità, visto che era ancora presto per cena andai in cerca di qualcosa per fermare la fame.
Entrato in cucina vidi mia madre che armeggiava nel forno cercando di accendere la fiamma, muovendo il culo a destra e sinistra cercando di guadagnare una posizione più comoda per accendere il forno.

Uhm... aveva proprio un bel fondo schiena. Ora però avevo anche un altro tipo di appetito. Mi avvicinai di soppiatto e le diedi una bella pacca sul sedere. Si girò di scatto e mi vide, terrorizzata.

“Che fai?! C'è tuo padre di là”.

“Mbè? Stà guardando la tv. Che c'è per cena?”

“Pollo al forno, se riesco ad accenderlo, questo maledetto, l'avrò detto almeno 100 volte a tuo padre che è rotto, ma niente, ha sempre qualcosa di meglio da fare che accompagnarmi al centro commerciale per comprarne uno nuovo”.

I soliti bisticci tra genitori pensai tra me, che palle...

“E quanto manca per cena? Ho fame, ci sono le patatine in credenza?”

“Non ti rovinare l'appetito con quelle schifezze, è tutto il pomeriggio che cucino, per fare il ripieno del pollo”.

Mi voltai di scatto incrociando il suo sguardo severo con il mio volto teso e le risposi:

“Non ti ho chiesto questo!”. Rimase per un attimo interdetta, forse con un velo di timore se non proprio paura e si rimise a trafficare con il forno, ignorandomi.

Mi posizionai dietro di lei ed appoggiai il mio pacco, con il cazzo che diventava sempre più duro al suo bel culetto, tenendola per i fianchi. Scattò di lato, mettendosi di spalle al forno per tenermi a distanza.

“Beh... sei riuscita già ad accenderlo?” dissi ridacchiando.

“No! Perché non mi aiuti invece di fare il depravato?” La guardai negli occhi soppesando le sue parole, rimasi un attimo immobile, indeciso se darle un ordine o se fare il bravo figliolo ed aiutarla, anche lei doveva aver capito cosa stessi pensando ed abbassò lo sguardo supplicandomi con i suoi occhioni marroni.

“Ok, spostati, provo io” in quattro e quattro-otto il forno era acceso ed il pollo a cuocere.

“Grazie”. Fu l'unica parola che mi rivolse. Grazie per cosa, pensai? Per il forno o....

In quell'istante entrò mio padre in cucina, mamma sussultò nervosa e si voltò a guardarlo, mio padre disse solo un... “Ehi..” mentre apriva il frigo per afferrare una birra e tornarsene in salone. Lo sguardo di mamma lasciava poco spazio alla fantasia, se avesse potuto eruttare fiamme l'avrebbe incenerito.
Presi le patatine e me ne andai in salotto con papà. Le finimmo in 5 minuti, erano parecchio salate e tornai di là a prendere una coca.
Mamma stava mettendo qualcosa in frigo così le chiesi di passarmi la coca cola.

“Te l'avevo detto di non mangiare le patatine, tra poco si cena e ti stai riempiendo di schifezze”. La risposta mi infastidì parecchio.

“Dammi subito la coca!”. Si voltò per ammollarmi un ceffone, mosse a pena la mano, che le afferrai il polso, incrociammo gli occhi, le nostre volontà duellavano, non avrei ceduto per primo, dovevo farle capire chi comandava, le abbassai violentemente la mano e continuai a fissarla, fino a quando distolse lo sguardo e mi passo la coca cola.

“Mi attaccai alla bottiglia e mandai giù un paio di sorsate” quando mi interruppe di nuovo.

“Prendi un bicchiere, no?! Non ti attaccare alla bottiglia.”

Le assestai una cinquina in pieno volto.
“Adesso mi hai stufato, ti ho già detto che qui comando io e ti avevo anche detto che non mi piace ripetere le cose... ora dovrò punirti.”
Rimase di sasso a bocca aperta, un po' per lo schiaffo ed un po' per il timore di quello che sarebbe potuto accadere.

“Scusa.... io, io non volevo...”.

“Scusa un cazzo, mi hai stufato. Avanti mettiti in posizione!”. Fece 2 passi dietro l'isola della cucina per mettere qualcosa tra lei e me. Ma era inutile.

“In ginocchio!” Fu l'ordine perentorio.

“Per favore, no.”.

“Giù!” ed indicai il pavimento davanti ai suoi piedi. Mentre giravo intorno all'isola.

Si inginocchiò lentamente cercando di ritardare l'inevitabile. Mi slacciai i pantaloni e mi avvicinai lentamente, non appena fui abbastanza vicino, le accarezzai il viso dolcemente, spostandole i capelli lunghi e castani dietro le orecchie.

“Su da brava puttanella, tiramelo fuori!”. Mi guardò supplichevole e tentò l'ultima difesa.

“Tuo padre è di là...”.

“Bene allora sbrigati! Non vorrai mica farti beccare mentre ti punisco.” Furono le mie parole implacabili.

Con le mani tremanti afferrò l'elastico delle mutande tirando lentamente verso il basso fino a far uscire il mio pisello.

“Avanti, fai la brava!” Afferrò l'asta iniziando un lento su e giù. Le sue mani erano fresche e mi fecero avere un piccolo brivido Una pippa non mi bastava, volevo di più. Non appena fu bello tosto le ordinai:

“Bene ora che siamo pronti, leccamelo per bene.” Avvicinò la bocca ed iniziò piano a far scorrere la lingua sulla cappella.

“Bacialo”. Appoggiò le labbra carnose al glande mandandomi in estasi, mi diede 2-3 bacetti sulla punta che iniziava a bagnarsi... stavo godendo come un riccio.

“Su da brava mamma, fai godere il tuo bambino e sbrigati non vorrai mica che papà ti veda così....” le afferrai i capelli tirandola a me e spingendo il bacino in avanti entrai nuovamente nella sua bocca calda.
Iniziò un pompino da favola, alternava leccate alla cappella con baci sulla punta, pippe a due mani con ingoi in profondità.. un lavoretto coi fiocchi. Stavo quasi per venire quando si aprì la porta della cucina. D'istinto spinsi la testa di mamma in basso, facendola sparire alla vista sotto l'isola mentre affondavo il cazzo fino in gola cercando di appiattirmi anche io contro la sponda per coprirla.

Papà entrò distratto in cucina per afferrare un'altra birra, stava per uscire di nuovo quando voltandosi verso di me chiese

“Dov'è tua madre?”

Feci spallucce, mentre col bacino continuavo a spingere il cazzo in gola di mamma che era bloccata tra l'isola ed il mio corpo.

“Boh, mi ha chiesto di rimanere qui a guardare il forno” risposi tranquillamente, mentre mamma cercava di spingermi indietro con le mani per prendere aria.

“Che c'è per cena?” chiese ancora mio padre.

“Credo pollo ripieno...” risposi quasi al limite dell'orgasmo, non avrei resistito ancora molto, il rischio di essere colto sul fatto mi aveva eccitato da matti.

Dopo un “Uhm..vabbè.” Poco convinto si voltò uscendo dalla cucina, mentre io esplodevo, iniziai a venire 1,2,3 schizzi..
Mia madre era al limite, mi spinse con forza indietro divincolandosi...mollai la presa e sis staccò appena mentre gli ultimi 2 schizzi le finirono dritti sul viso.
Mi spostai indietro per farla rialzare, diede 2-3 potenti colpi di tosse ed ancora tossendo..

“Stro...zo” parole quasi incomprensibili, poi ancora colpi di tosse e un appena comprensibile “soff...oco. C'è mancato poco che tuo padre ci scoprisse... e guarda qui che schifo” disse cercando di ripulirsi il viso dal mio sperma.
Soddisfatto e rilassato, mi rimisi il cazzo nelle mutande e le dissi.

“Dovresti ringraziarmi per l'aperitivo. Chiama quando la cena è pronta!” E me ne tornai in salotto.

Meno di un'ora dopo fu mio padre a chiamarmi. La cena è pronta.

Quando arrivai in cucina era già in tavola, mio padre stava mangiando avidamente la sua porzione di pollo, mentre mia madre stava finendo di mettere nei piatti il contorno.
Mi sedetti come di consueto vicino a lei a tavola ed iniziai a divorare il cibo nel piatto. Come le ultime sere l'atmosfera non era delle più idilliache, mamma aveva lo sguardo assorto, mentre papà era troppo occupato a divorare il pollo per proferire parola, mentre io osservavo la scena tra il dispiaciuto ed il soddisfatto. Mi sentivo un po' in colpa per la situazione, avevo contribuito a creare quell'atmosfera triste, ma in fondo chissene... finché durava ne avrei approfittato alla grande.
Verso la fine della cena mio padre si lamentò che alcune porzioni erano cotte male, mamma lo guardò di sbieco e gli rinfacciò il fatto che non l'avesse accompagna al centro commerciale per comprarne uno nuovo.

“Sono settimane che ti dico che il forno è da cambiare, ma sei sempre troppo occupato con quello stupido calcio.”

Papà colto in castagna non rispose, si limitò a fare spallucce, mentre finiva di mangiare.

Io colsi al volo l'occasione, avevo un paio di idee in mente così dissi:

“Mamma ti accompagno io al centro commerciale per vedere i modelli di forno.” Nel dire ciò allungai la mano sotto il tavolo fino a poggiarla sul ginocchio di mamma.
Mi guardò di traverso ma non disse nulla perché intervenne papà.

“Su non fare quella faccia, si è offerto volontario, dovresti apprezzare, non sono cose che capitano tutti i giorni vedere un uomo che ti vuole accompagnare a fare shopping...” e sghignazzò per averla scampata.

Mamma era allibita, cercava di tenere a bada la mia mano che si stava intrufolando sotto la gonna ed al tempo stesso pensava, razza di idiota, quell' “uomo” che mi vuole accompagnare mi sta' molestando da giorni e tu ebete sei anche contento di offrirgli altre occasioni, ma disse solamente un...

“Vedremo.” Dovevo rilanciare subito... in modo da incastrarla e costringerla a venire con me al centro commerciale.

“Dai Mamma andiamo domani, devo comprare un libro per la scuola, la prof ha detto che dobbiamo leggerlo questa estate, prima lo prendo meglio è...” la mano nel frattempo era arrivata sulla coscia nuda di mamma e scorreva inesorabile verso la sua fica. Più di tanto non poteva muoversi o si sarebbe notato e quando papà chiese di passargli altre patate dovette prendere l'insalatiera con entrambe le mani lasciandomi campo libero. Papà disse:

“Bene 2 piccioni con una fava, allora è andata domani andate a fare shopping.”

Nel frattempo avendo campo libero ero risalito fino alle mutandine di mamma, avevo scostato il bordo e con l'indice ero riuscito ad intrufolarmi sotto di esse. Mentre i miei conversavano sull'opportunità di andare o meno a comprare il forno l'indomani, con il dito accarezzavo le labbra della fica di mamma, erano secche e non scorreva facilmente, tentati di penetrarla, ma fece una smorfia di dolore, che papà interpretò come un non voglio andare a fare shopping.

“Non capisco proprio qual è il tuo problema si tratta solo di uno stupido forno... passami anche il vino”. Mentre papà teneva occupata mamma evidentemente spazientita, decisi di stuzzicarle un pò il clitoride per farla eccitare, il tocco delicato sul bottoncino fece il suo effetto perché cominciai a sentire le labbra che si inumidivano, pian piano si stava bagnando, volente o nolente la natura faceva il suo corso, non appena fu abbastanza accogliente spinsi delicatamente il dito nella sua fica umida. Mamma si alzò di scatto sistemandosi la gonna, facendo finta di dover prendere qualcosa sulla credenza, papà la guardò un po' stranito per la conversazione interrotta in modo così brusco.
Mamma si voltò a guardarci mentre io con cupidigia mi portai il dito che un secondo fa era nella sua fica alla bocca dicendo:

“Complimenti mamma, ha un sapore fantastico, da leccarsi le dita!” E succhiai l'indice con studiata lentezza. Papà si mise a ridere, mentre mamma con uno sguardo furibondo usciva dalla cucina a passo di corsa, mentra papà gli urlava dietro:

“prendi un modello col girarrostoooooo.” Poi si voltò verso di me e mi fece:

“Le donne... valle a capire, vogliono andare a fare shopping poi quando ti offri di accompagnarle fanno le matte....” facendomi l'occhiolino aggiunse.

“Mi hai salvato, ti meriti un premio, prendi e mi allungò 50€, comprati un videogioco nuovo”.

“Pà ormai con 50€ non ci prendi niente, su non fare il taccagno.” dissi sorridendo ammaliante, per poi aggiungere:

“E' uscito da poco l'ultimo Fifa, è aggiornatissimo con le rose di quest'anno c'è anche Ronaldo alla Juve, ma costa 69,99€... che ne dici? Vale una giornata di shopping risparmiata?!”

“Beh mi pare caro... ma per Ronaldo alla Juve... tieni e mi allungò 100€, ma portami il resto!”. Sghignazzai contento, ora avevo anche i fondi per mettere in atto il mio piano... e scappando via gli gridai...

“Il resto manciaaaaaaaaa!”.


Fine capitolo 3.

Questo racconto di è stato letto 7 0 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti cucoldracconti hentairacconti di minuracconti erotici tettoneerotivi raccontiracconto di sessorocconti eroticiscritti eroticiracconti erotici suocerecerco cazziannunci69 .itracconti e storie erotichefarmi leccare i piediracconti di trombatestorie di erosracconti erotici animalimi sono scopato mia cuginastorie pornoracconti porno eroticiracconti di guzzonmia nipote mi fa una segastorie eoticherracconti eroticicuck storiecornuto e troiaracconti erotici casalingaracconti incesto madre e figlioracconti scopate in famigliaracconti erotici viaggioraccconti incestoho scopato mia cuginazia porcellinaracconti porno italetture pornoracconti erotici club priveracconti piediniracc incestraccontierotici gratisstorie etotichestorir pornoracconti hard gratisvicina tettonafiglia ninfomaneracconti erotici dottorestorie porno amatorialiracconti erotici generiracconti erotici famosiracconti incetocrociere erotichegay al cinema pornoracconti tramplingraccoti eroticistorie erotichtroie scopate da animaliracconto eroteritici raccontiracconti erotici scambio di coppiaracconti di sborratei generi di racconti inceatoracc gayracconti brevi pornominidotatiero raccracconri pornostorie di sesso realmente accadutecugina raccontiracconti mikuracconto moglie troianonna troia raccontiracconti roticiracconti erotici d autorerocconti eroticiracconti erotici femdomfotoromanzi eroticiracconti erotici donne incinteannunci69 racconti erotici