Sissification - Cap.3

Scritto da , il 2019-09-10, genere dominazione

Jessica mi svegliò alle otto in punto, e dopo essermi preparata per la giornata, mi recai a fare colazione, dove trovai Patrizia alquanto assonnata.
"Clara scusami tanto, ma è proprio necessario iniziare così presto ?" mi chiese sbadigliando per il sonno.
"Si, così non solo abbiamo più tempo, ma possiamo dividere meglio le lezioni." le risposi mentre Jessica mi versava il caffè.
"Se lo dici tu ...."
Con Patrizia avevamo deciso di dare le lezioni nel salone più ampio della sua villa, e subito dopo aver terminato la colazione, ci recammo insieme in quella stanza, dove trovammo tutte le sissy in fila.
"Ma questa è veramente orrida ! Come ho fatto a non accorgermene ieri ?" esclamai osservandone meglio una davvero brutta.
"Semplicemente perchè non c'era." mi rispose Patrizia "Abella ha un lavoro molto impegnativo, e non sempre riesce ad essere in casa."
"Ma è bruttissima !" continuai disgustata "Fra l’altro il suo nome è una presa per i fondelli bella e buona ! Credo sia meglio lasciar perdere il travestimento, ed usarla come semplice slave."
"In effetti non hai tutti i torti, pensa che da uomo è quasi carino..."
"Su su vatti a cambiare." ordinai ad Abella "Torna semplicemente nudo, e senza trucco in faccia."
Lo schiavo tornò dopo pochi minuti, e come lo vidi, non riuscii a trattenere una rumorosa risata.
"Patrizia, il problema di questo cesso non è la mancanza di bellezza, ma di cazzo e palle, ah ah."
In effetti la dotazione sessuale dello slave era più che altro di 'presenza', del tutto inadeguata a soddisfare qualunque donna.
"Vedi so che è un cesso come sissy, ma è davvero un bravo schiavetto, e fra l'altro guadagna molto bene, il che non guasta mai." mi sussurrò Patrizia.
"Come ti chiami realmente mezzo uomo." chiesi allo slave mentre una certa lampadina s'accendeva nel mio cervello.
"Giancarlo Padrona."
"Bene, troverò per te una padrona che necessiti di un mantenimento, e ti sappia ricordare ogni giorno quanto sei ridicolo come uomo, scopando davanti a te, ed usandoti solo come pulisci sborra, in pratica farà di te uno schiavo cornuto e contento."
"Non desidero altro mia Signora." mi rispose lo slave baciandomi i piedi "Vorrei tanto una donna che mi sappia umiliare quotidianamente per la mia pochezza in fatto d'attributi."
"Ora prendi uno strap-on cavo all'interno e indossalo, ho bisogno di un manichino con un grosso cazzo finto, e tu almeno servirai a qualcosa."
Lo schiavo ubbidì con vera gioia, e dopo essersi fatto aiutare da Jessica, si mise al centro della stanza per l'esercitazione.
"Allora puttane che non siete altro." esordii rivolgendomi alle sissy "Iniziamo adesso una lezione di sesso orale, pratica nella quale dovrete diventare delle vere maestre. Prenderete i cazzi in bocca dei vostri padroni o degli stalloni delle vostre signore, sia per farli diventare duri, che per ricevere il loro sperma. Visto che siete in sette più Jessica vi eserciterete in coppia, iniziamo con voi due che siete alla mia sinistra, e cominciate col presentarvi visto che ho dimenticato i voctri nomi."
"Kathy mia Signora." disse la prima.
"Sammie Padrona." gli fece eco la seconda.
"Bene aspiranti troie, in ginocchio, mani dietro la schiena e fatemi vedere di cosa siete capaci."
Sammie non fece neanche in tempo a mettersi in posizione, che Kathy si gettò sul fallo succhiandolo con foga innaturale.
"Ma che cazzo combini !" urlai contro la sissy dopo averle sferrato un calcio in mezzo alle chiappe "Se fosse vero l'avresti già scorticato pezza d'asina che non sei altro. Vai a piegarti contro il tavolo, gambe aperte e mani dietro la schiena, ti darò una lezione che non dimenticherai tanto facilmente."
Spensi del tutto ogni suo tentativo di protestare con un altro calcio nel culo, così non le rimase che sistemarsi contro il tavolo in attesa della punizione.
Scelsi con calma un frustino molto rigido , poi le diedi un paio di colpi d'assaggio, anche per farle credere che il castigo non sarebbe stato molto pesante.
"Allora puttana, non solo conterai ad alta voce le frustate che riceverai, ma mi ringrazierai dicendo 'Grazie Padrona per voler educare una troia come me'. Sono stata chiara ?"
"Si mia Signora.
"Bene allora iniziamo."
Colpii Kathy con quasi tutta la mia forza, centrando entrambe le natiche, e lei riuscì solo ad urlare per il gran dolore.
"Allora puttana non ho sentito la tua voce di merda !" gridai mentre le sferravo un'altra frustata.
"Uno !!! Grazie Padrona per voler educare una troia come me !"
"Prego eccotene un'altra !" le risposi colpendola nuovamente.
Questa volta la sissy riuscì a rispondere come convenuto, ma ciò non le risparmiò il resto della punizione, infatti le diedi un'altra dozzina di frustate, e solo dopo le lasciai alcuni minuti per riprendersi, senza però permetterle di muoversi. Indossai quindi un grosso strap-on e ammanettai i polsi di Kathy dietro la schiena, quindi la feci inginocchiare davanti a me.
“Visto che sei una troia alquanto grezza, vediamo se almeno sei capace di farti scopare in bocca.” le dissi infilandole il fallo fra le labbra “E guai a te se vomiti o fai schifezze del genere.”
Iniziai a spingerle la testa sino a farle ingoiare del tutto il pene artificiale, senza mai smettere d'insultarla.
“Sei proprio una puttana da cazzo ! Ma stai tranquilla, farò di te una perfetta compagna per la tua prossima Mistress, diventerai delicata come un fiore di primavera, a costo di romperti il culo tutti i giorni. Patrizia indossa uno strap-on anche tu, così ci facciamo insieme questa vacca da monta.” dissi infine alla padrona di casa, che subito si legò un grosso fallo nero alla vita.
Lascia quindi il mio posto all'altra Mistress, e mi diressi decisa verso il culo della sissy, che sfondai dopo avergli sputato contro un paio di volte.
“Ahi così mi fa male !” gridò Kathy prima che Patrizia le tappasse la bocca col fallo.
“Taci lurida troia ! Sei qui per diventare una sissy, quindi impara a prenderlo nel culo senza fiatare, anche perchè questo è solo l'inizio del tuo cammino di puttana frocia. Tutte voi guardate ed imparate.” dissi rivolta alle altre sissy “Ieri vi avevo detto che sarebbe cambiato tutto, questo non è che un acconto di quanto vi aspetta, quindi se volete andarvene fatelo adesso o non rompetemi più con le vostre lamentele o piagnistei.”
Le schiavette di Patrizia non mossero un muscolo, ne tanto meno parlarono, quindi presi il loro silenzio come un assenso, e continua a fottere Kathy con ancora più foga di prima, prima di decidere di aumentare il dolore da infliggere alla sissy.
Feci sedere Patrizia sul divano, e subito dopo ordinai a Kathy d'impalarsi da sola, atto che fece con una certa difficoltà dato che era ammanettata.
Una volta che la mazza di Patrizia era completamente nel suo sfintere, mi avvicinai a loro puntando dritta la punta della mia verso il buco ormai dilatato della sissy, che cercò un'impossibile via di fuga nella pietà.
“Mia Signora la prego, non ho mai preso due falli insieme. Non mi sfondi così, la supplico ...”
“Vedo che non ci siamo capite.” le risposi dopo averle dato un ceffone “Tu non puoi neanche fiatare senza che io lo voglia. E poi altro che due cazzi alla volta, diverrai una puttana tanto vogliosa da volerne almeno quattro tutti insieme, e anche belli grossi !”
Afferrai i fianchi di Kathy e spinsi il fallo dentro il suo culo, e subito lei urlò per il dolore, ma allo stesso tempo il suo cazzetto di meno di dieci centimetri, diventò ancor più duro, smascherando il piacere che la sissy stava provando.
“Sei proprio una troia da cazzo ! Fai tante manfrine e dopo godi come una cagna in calore con due cazzi nel culo ! Però ti avverto, se provi a sborrare ti appendo per le palle sino a quando non si staccano.”
Iniziai con Patrizia una specie di gara per vedere chi portava all'orgasmo la sissy, per poi punirla in maniera dura ed esemplare, ma nonostante i nostri sforzi, che consistevano nel fotterla nei modi più diversi e piacevoli, Kathy riuscì a non venire completamente.
“Almeno una lezione l'hai imparata.” dissi alla sissy quando ormai ero sfinita “Come premio potrai farti una sega e sborrarti nella mano, ma solo con un grosso fallo nel culo.”
“Grazie mia Signora.” mi rispose Kathy che s'infilò un dildo nel culo prima di venire dopo pochi tocchi di mano.
“Questa lezione serva a tutte voi.” dissi quindi rivolgendomi alle sissy “Per chi sbaglia ci sarà sempre una punizione, ma chi non cade in errore avrà un premio.”
La lezione di sesso orale proseguì senza ulteriori problemi, ed alla fine decretai vincitrice Naomi, la più minuta delle sissy, che come premio ebbe l'onore di sedere a pranzo con le sue miss, servita anche lei da Jessica, mentre le sue sorelline si cibavano nelle ciotole per cani che avevo fatto comprare per averle nuove ed igenizzate.
Come digestivo feci indossare a tutte tranne Jessica, la cintura di castità, in modo da impedir loro ogni possibilità d'orgasmo senza il mio permesso, ed un piccolo plug metallico, giusto per dr loro un ulteriore fastidio oltre che una piccola forma d'eccitazione.
“Bene adesso completare un questionario che mi servirà per conoscervi meglio.” dissi alle aspiranti sissy mentre Jessica distribuiva i fogli “Non ci sono risposte giuste o sbagliate, ma dovrete solo essere sincere, quindi niente bugie e se non conoscete qualche pratica, chiedete a Jessica perché le conosce tutte. Quando avete finito consegnatemi i questionari e aspettate il vostro turno per un piccolo colloquio solo con me.”
Le sissy non sapevano che quello che avevo dato loro era un questionario standard per schiavi che avevo trovato in rete, al quale avevo fatto delle piccole modifiche per renderlo più completo. Com’era facilmente prevedibile erano tutte piuttosto inesperte, e armate solo di una grande voglia di divenire delle perfette sissy-maid. Tutte erano state sodomizzate più volte ma poche da veri cazzi, e ben poche erano state punite in modo serio e solo allo scopo di educarle al meglio.
Passai quasi tutto il pomeriggio a parlare con loro, mentre Patrizia faceva lezioni quasi individuali di trucco, e alla fine ebbi un quadro piuttosto preciso della situazione.
“Da domani si fa sul serio.” dissi a me stessa mentre l’ultima sissy chiudeva la porta dietro di se lasciandomi sola “Prima però voglio divertirmi con quel senza cazzo, anche per vedere cosa ne potremo fare dato che vestito da donna fa davvero schifo.”


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
/>

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie zozzeracconti pronoracconti erotici xxxsi fa scopare dal caneracconti di milu dominazioneracconti veri sexracconti gay hotstorie di scambiracconti porno suoramariti bsxraconti eroticeracconti eoriciracconti pprnoracconti erotici milfraconti picantiracconti erotici prima voltaracconti hot verierotici raccotiracconti porn gayracconti erotuciracconto gayracconti erotici caneraconti pornoracconti erotici generiracconti sesdoeroticiraccerotici raccotiracconti erotici dal ginecologoracconi eroticicontatti eroticiracconti erotic iracco.ti eroticiraconto pornostorie spintestorie incestiracconti cucklodracconti incestracconti hard gratisfisting estremisi fa inculare dal suo canefaccio sesso con mia cuginafoto porno raccontiracconti erotici canieracconti eroticiracconti zooerotici incestiracconti incesto pornoracconti oseracconti amorosiracconti gay freestorie erotivheerotiche storiemoglie porca al mareracconti erotici realmente accadutiracconti eroticaravconti pornoerotciraccontierotiche storiefoto racconti eroticiracconti gay padre e figlioracconti eroti iracconti erotici zooracconti eoricierotici racconti.comraccontia69racconti straponracconti erotiicraconti pornoracconti erotici genivracconti incesto lesbicoaspirante cornutoracconti eeroticiracconti di mariti cornutizia porcellinanon c'è cosa più divina che scoparsi la cuginaracconti cougarerotici rccontistorie erotracco.ti eroticigeneri dei racconti eroticizia porconarac erotracconti erotici scambioraccontierotici.itsesso donna e cavalloraconti sexracconti sesso gratisdilatare anosesso con genero