In viaggio con mamma (parte 2)

Scritto da , il 2019-09-10, genere incesti

Ciao a tutti, scusate il ritardo nella pubblicazione ma ho avuto un po’ di problemi nella produzione di questa seconda parte, praticamente troppe idee e troppe poche righe, dato che avevo deciso di scrivere il racconto in sole 2 parti terrò le idee scartate magari per altri racconti, comunque non mi dilungo ulteriormente spero questa conclusione possa piacervi e come al solito spero nei vostri commenti /opinioni, scrivetemi liberamente alla mail :

Quella notte non riuscii a dormire molto, il pensiero di quello a cui avevo assistito continuava a tormentarmi, ma la cosa strana era che, non ero turbato per l’atto perverso in se, ma per l’eccitazione che aveva provocato in me.
Il giorno seguente ci alzammo verso le dieci e dopo una veloce colazione salutammo lo zio e partimmo verso il confine. In meno di due ore eravamo già in Istria e stavamo decidendo dove fermarci.
Non parlammo molto durante il viaggio, anche se ogni tanto mamma mi chiedeva se era tutto apposto, io mascherava quell’agitazione con la scusa del dover guidare ma era palese che non fosse solo quello. Guardando la cartina trovammo una zona abbastanza fuori mano con una piccola spiaggia rocciosa e ci dirigemmo li, usciti dall’autostrada ci mettemmo poco prima di raggiungere una stradina che conduceva a un piccolo parcheggio(anche se era segnato come tale era sull’erba) praticamente davanti alla spiaggia e li all’ombra degli alberi parcheggiammo.

Abbassai la tenda del camper e dopo aver posizionato fuori il tavolo e le sedie preparai i lampioncini per la serata, guardai soddisfatto il bivacco che avevo montato e dopo essermi acceso una sigaretta mi soffermai su quel piccolo angolo di paradiso, il posto era spettacolare, immerso nel verde e con il mare a pochi passi, nessuno che ti disturba e tanta tanta pace.

-Tesoro, cambiati che andiamo a fare il bagno !- disse mia madre uscendo dal camper, indossava il costumino rosso, nel vederla così tutta l’agitazione che per qualche minuto mi aveva abbandonato mi ricadde addosso come un macigno.
Corsi dentro e mettendomi il costume ma mi accorsi che l’erezione era ben visibile, attesi qualche minuto che si fosse placata e uscii.
Ci buttammo subito in ammollo e restammo dentro in acqua per un bel po’ di tempo, quando uscimmo ci sedemmo sulla spiaggia e mamma mi chiese :
-Tesoro scusa potresti spalmarmi la crema sulla schiena ?- si alzò in piedi sopra la stuoia e mi diede le spalle
-Certo mamma nessun problema – dissi, mi alzai anche io e le misi un po’ di screma sulle spalle, mentre le massaggiavo la schiena scendendo sempre di più verso i suoi fianchi l’immagine dello zio intento a stringerli cominciò a palesarsi nella mia mente. Le osservai il sedere, bello e sodo e mentre la toccavo il mio pene divenne di marmo, finii di corsa e con una scusa mi andai a sedere sugli scogli in riva al mare.
Li cominciai a pensare; non potevo andare avanti così per tutte le tre settimane, mi sarei rovinato gli unici momenti di relax dell’anno, decisi quindi di raccogliere tutto il mio coraggio e parlarle appena avrebbe fatto sera.

Il pomeriggio passò veloce, e quando furono circa le otto decidemmo di tornare al camper e sistemarci un po’, nessuno dei due aveva molta fame, quindi decidemmo di aspettare ancora un po’, magari facendo un aperitivo.
Andai a farmi la doccia per primo e dopo essermi tolto il salso di dosso mi sistemai sotto la tenda con una birra in mano a guardare il mare. Mamma si unì a me in quel bivacco improvvisato dopo un oretta, orami il sole cominciava a tramontare e l’atmosfera diventava sempre su suggestiva. Quando uscì dalla porta indossava un paio di pantaloncini corti e una magliettina di lino molto larga e semi trasparente, notai subito i contorni dei capezzoli ben visibili e ebbi un sussulto. Mi alzai e presi da bere per entrambi e dopo essermi acceso una sigaretta e aver raccolto tutto il coraggio possibile dissi.
-Mamma devo parlarti di una cosa- il mio sguardo si rabbuiò
-Dimmi tesoro cosa succede ?-
-Beh … praticamente … - balbettai un attimo, ma poi svuotai il sacco.
-So cosa hai fatto con lo zio ieri sera- il volto di mamma sbiancò, la bocca semi aperta e lo sguardo vuoto, la sua espressione durò per qualche secondo ma si riprese quasi subito
-Non so cosa intendi Fabrizio- disse scuotendo la testa
-Mamma vi ho visti non negare, non importa volevo solo dirtelo per sentirmi meglio-
-Ah, quindi… ok- scoppiò in una risata isterica ma poi continuò
-Cioè sai siamo adulti e consenzienti, ok siamo fratelli ma…- si bloccò un attimo
-Ma … abbiamo anche noi bisogno di affetto e di calore umano, quindi ogni tanto beh … può capitare-
-Mamma tranquilla non ti giudico assolutamente, fate pure quello che volete a me non interessa- risi facendole l’occhiolino.
La situazione sembrò distendersi un attimo poi mamma disse :
-Sai lo so che è una perversione grave ma… è che siamo così, non so come giustificarmi-
-Senti mamma, ti ho detto che va tutto bene non importa, avete questo feticcio e siete liberi di viverlo tranquilla, è che sono rimasto un po’ scioccato da questa cosa e per non rovinarmi la vacanza ho voluto parlartene- dicendo quelle parole cominciai a rasserenarmi ed a tranquillizzarmi, al contrario il volto di mamma era passato da un bianco candido a un rosso fuoco, ad un certo punto, con gli occhi sbarrati mi fissò e disse :
-Va bene, però promettimi che non lo dirai mai a nessuno ok ?- il suo tono di voce era roco e l’agitazione stava prendendo il sopravvento sulle sue parole.
-Certo mamma, ovvio, è naturale che tengo la bocca chiusa, non dovresti neanche chiedermelo-
-va bene, ora però scusami devo fare una telefonata…- si alzò di scatto e rientrò nel camper, il suo viso era decisamente sconvolto e sinceramente potevo capire come si sentiva, però era una cosa che doveva essere detta e sinceramente non mi importava che tipo di vizio avesse mia madre, anche perché quella strana perversione cominciava a colpire anche me.

Sentii qualcosa della telefonata che mamma stava facendo e a giudicare dall’argomento stava parlando sicuramente con lo zio, il suo tono di voce lasciava trasparire una decisa tensione, anche se più la conversazione continuava più sembrava distendersi come se lo zio la stesse in qualche modo calmando. Riuscii a carpire qualche frase, ma ad univoca direzione :
-Si hai ragione Gio, Fabrizio è un bravo ragazzo non lo andrebbe mai a dire a nessuno, però adesso non so se riuscirò più a guardarlo allo stesso modo-
E dopo qualche secondo mamma esordì
-COSA ?, ma sei pazzo ….-
-E come mi guarderebbe scusa ?-
-Ah, dai in fondo è giovane, come eravamo noi alla sua età ?- scoppiò a ridere
-Si hai ragione hahaha, molto peggio- e continuò a ridere

Dopo quell’ennesimo sfogo di risa mi scostai e smisi di ascoltare, anche se rimasi molto interdetto su quello che avevo sentito, non capendo o forse non volendo capire mi alzai e rimasi a guardare il tramonto stagliarsi sul mare.
Qualche minuto dopo mamma uscì dal camper e si risedette sulla sua sedia, il suo volto era visibilmente disteso allora prima di riprendere anch’io posizione presi dal frigo altre due birre e tornai in veranda.
-Non vorrai mica farmi ubriacare- esordì mamma ridendo
-Ma no figurati, allora tutto ok ?- chiesi un po’ cupo
-Si si tranquillo, ho parlato allungo con lo zio e mi ha tranquillizzata molto anche se mi ha consigliato di parlarne con te, ma non saprei nemmeno cosa chiederti-
-Tranquilla capisco che siano situazioni particolari, se non vuoi parlarne va bene, l’importante che ti sia tranquillizzata-
-Si Si, anche se una cosa volevo chiederti, cosa hai provato vedendo me e lo zio ?-
Mi bloccai un momento poi esordii :
-Beh, che avrei dovuto provare, mi sono solo turbato-
-Ah…- disse mamma –Cioè intendo, cosa hai provato intendo li sotto- e puntò lo sguardo verso il basso
Arrivati a questo punto ormai non me la sentivo di continuare a negare l’evidenza, in quel momento solo a ripensare a quei momenti il mio pene cominciava a inturgidirsi all’interno dei boxer, feci un grande sorso di birra e confessai :
-Beh, diciamo che nel vederti in quella situazione potrei essermi eccitato, ecco tutto-
Guardai mamma in volto e notai che la sua bocca si increspò in una piccola smorfia, per tutta risposta mamma si alzò in piedi e rientrò per un momento in camper, quando ne uscì in mano aveva un'altra bottiglia, guardai d’istinto quella aperta poco prima, vuota.
-Mamma ora te la faccio io la domanda, ma vuoi ubriacarti ?-
-Forse, o forse lo sono già un po’- disse ridendo poi continuò
-Comunque amore, non c’è niente di sbagliato nell’eccitarsi guardando la propria madre è normale, me lo diresti se fossi eccitato ?-
-No ! non te lo direi- dissi leggermente spaesato da quell’affermazione
-Capisco, mmmmh forse non lo vuoi dire perché lo sei anche adesso- disse portandosi una mano alla bocca e fingendosi pensierosa.
Allorché mamma appoggiò la bottiglia sul tavolino e si alzò in piedi poi con passo lento cominciò a venire verso di me, rimasi impietrito e non riuscii a professare parola, cosa aveva in mente adesso, pensai.
Dopo qualche secondo mi fu davanti, non potei far altro che continuare a fissarla ma più la guardavo e più l’eccitazione cresceva in me.
-Dai tesoro, abbassati i pantaloni, fai vedere a mamma quanto sei eccitato- disse; rimasi sbigottito da quelle parole.
-Ma… cosa stai dicendo… cos…- cercai di dire non molto convinto ma venni subito interrotto.
-Shhh, dai lo so che ti serve una mano li sotto, beh, magari non solo una mano- disse e dopo aver detto quelle parole, in un solo movimento si tolse la camicetta rivelandomi le suo bel seno.
Vedendo quel suo corpo stupendo ebbi un sussulto e non riuscii a dire niente, allorché mamma si inginocchiò davanti a me e con fare esperto, senza darmi il tempo di controbattere mi abbassò i pantaloncini e le mutande.
Il mio pene era turgido e pulsante, bramoso di essere soddisfatto, a quella scena un grande sorriso si stampò sul volto di mamma che disse :
-Allora avevo ragione, ora ci pensa la mamma- dopo aver pronunciato quelle parole la mano di mamma si avvinghiò attorno al mio pene e con un lento movimento cominciò a far scorrere la cappella, il mio pene sussultava di piacere tra quelle morbide dita e l’eccitazione cominciava a prendere il sopravvento in me.
Quando il pene fu completamente scoperto, mamma con un unico movimento si protrasse ulteriormente verso di me e lo prese in bocca, la sua testa si alzava e abbassava in un lento movimento costante e il mio pene stretto tra quelle labbra veniva stimolato in maniera esperta dalla sua soffice lingua. Ad un certo punto lo sentii raggiungere la gola e dopo un sonoro rumore gorgogliante mamma si rialzò lasciandomi l’asta piena di saliva, respirando affannosamente mi guardò e mentre con la mano continuava a masturbarmi disse :
-Allora tesoro ti piace ?-
-Si… mamma lo adoro- riuscii a dire balbettando
In tutta risposta mi sorrise e riprese quella proibita fellatio, appena però il mio pene fu nella sua bocca, il lento movimento si trasformò in un forsennato su e giù condito da gorgoglii e gemiti, stretto in quella morsa di piacere non riusii a controllarmi; con l’ultimo briciolo di lucidità dissi :
-MAMMA… sto per venire- ma lei non si scostò di un millimetro e continuò a assaporare il mio membro.
Dopo qualche secondo dalla mia esclamazione non riuscii più a trattenermi e dopo averle afferrato la testa, con spasmi di puro piacere venni nella bocca di mia madre.
Rimasi fermo in quella posizione per qualche secondo, il mio pene era ancora stretto tra la labbra di mamma e la sua gola continuava a contrarsi mentre deglutiva i miei succhi. Lasciai la presa e lei si scostò, dai suoi occhi scendevano delle lacrime e la sua bocca era ancora semi aperta, allora mi chiese tra i respiri profondi :
-Ti è piaciuto amore?-
-Si mamma tanto- dissi sorridendo
-Anche a me !- concluse ridendo e dopo essersi alzata si voltò pronta per riprendere posizione sulla sedia.
-Mamma ferma !- esclamai guardandole il sedere
-Che succede ?!- disse con tono preoccupato
-Niente tranquilla, ma devi fare un passo all’indietro verso di me-
-ok, ma perché?- disse venendomi incontro, ed io ormai senza alcun freno inibitore dissi
-Hai tutti i pantaloncini zuppi- una grande chiazza di umori infatti ricopriva completamente i pantaloncini di mamma, allorchè senza dire niente le abbassai i pantaloncini e mi fermai a guardare quel suo bel sedere sodo.
-Amore ma che fai, dai lascia…- non riuscì a continuare la frase perché la mia mano risalì lungo le sue cosce e la fece esplodere in un piccolo gemito. La sua vagina era colante di umori, bramosa di essere soddisfatta.
-Mamma adesso tocca a me- le dissi nell’orecchio dopo essermi alzato, lei mi rispose solo con un sommesso mugolio.
Feci appoggiare mamma con i gomiti sul tavolo e posizionato accanto a lei le infilai dentro due dita, cominciai a muovermi pian piano stimolandole il punto g. Mentre le mie dita si dimenavano dentro di lei mamma cominciò a prorompere in una serie di eccitanti gridolini di passione e io cominciai con la mano libera a stimolarmi il pene che ormai stava pian piano riprendendo la sua durezza.
Ad ogni mio movimento sentivo la vagina di mamma contrarsi in piccoli spasmi, allora con un singolo movimento le aprii ancora di più le gambe e dopo essermi inginocchiato tolsi le dita e dopo aver piegato all’indietro il capo cominciai a leccagliela. La mia lingua sgusciava sul suo clitoride e dalla sua vagina i succhi mi inumidivano il volto, la sentii venire, le sue gambe si strinsero sulla mia testa e spasmodiche contrazioni attraversarono il suo corpo.

Quando finalmente le sue cosce mi liberarono dalla morsa mi alzai e appoggiandomi ai suoi glutei con il pene, ormai eretto, le sussurrai nell’orecchio :
-Allora, lo vuoi dentro ?- ci fu un momento di silenzio in cui si sentivano solo i suoi pesanti respiri poi, con voce rotta dall’eccitazione disse :
-Si ti prego, scopa la mamma-
Senza farmelo dire due volte afferrai saldamente il membro e lo posizionai sull’apertura della vagina, infilai il pene in mia madre molto lentamente, lasciando che i succhi lo lubrificassero centimetro dopo centimetro ma finalmente una volta inserito del tutto stinsi la mani sui suoi fianchi e cominciai un lento movimento.
Ad ogni mio affondo mamma gemeva e la sua vagina si contraeva in un spasmo di perverso erotismo, cominciai a aumentare la velocità e in tutta risposta la schiena di mamma si incurvo verso di me alzando il sedere e permettendomi di andare sempre più in profondità.
-SI!!! AMORE CONTINUA COSI’- esplose in un urlo di piacere
-Ti piace il mio cazzo vero mamma !!!- dissi afferrando le sue braccia e tirandola a me
La sua schiena era incurvata e la sua testa era appoggiata alla mia spalla, sentivo i suoi profondi respiri e i gemiti di piacere che continuava a produrre.
-SI!!! TI PREGO NON FERMARTI LA MAMMA STA PER VEN…- Si bloccò in una contrazione di piacere che sembrò attirare il mio pene ancora più in profondità, quando lo spasmo si placò le sue gambe non ressero e cademmo entrambi sulla morbida erba.
Una volta per terra mi misi sopra di lei, il suo sguardo era pieno di passione e la sua bocca disegnava un piccolo sorriso ammiccante, senza dire niente mi prese il pene e lo rimise dentro, da quella posizione ad ogni mio movimento poteva vedere il suo volto che si increspava in una smorfia di piacere.
Cominciai a muovermi sempre più velocemente sopra di lei, le gambe di mamma mi cinsero i fianchi e cominciarono a trattenermi sempre più vicino, allora spostai il peso sul braccio sinistro e con la mano destra cominciai a toccarle le tette, la mia mano scorreva su quel morbido seno stimolandole i capezzoli ormai turgidi. Risalii poi fino a cingerle il collo, appena stinsi leggermente sul suo sguardo si disegnò un’espressione perversa, la bocca era aperta e la lingua sporgeva fuori, gli occhi erano spalancati e le pupille incrociate verso l’interno come se stessero guardando il naso.
A quella vista ebbi uno scatto di eccitazione e cominciai a pompare sempre più forte, il mio pube sbatteva contro il suo facendo risuonare echi di applausi nell’aria, mamma intento continuava a gemere in un concerto erotico di pura perversione.
-ALLORA TI PIACE FARTI SCOPARE DA TUO FIGLIO ?!!!-urlai in preda ad una eccitazione animalesca
-SI !!! ADORO IL TUO CAZZO DENTRO DI’ ME !!!- disse gemendo
Nell’udire quelle parole l’eccitazione crebbe a dismisura e sentii che il momento il momento si stava avvicinando.
-MAMMA STO PER VENIRE !!!- dissi trattenendomi il più possibile, il mio pene cominciava a pulsare e il tempo era quasi giunto.
-AMORE VIENI NELLA MAMMA, RIEMPIMI TI PREGO !!!- disse tra spasmi di piacere
Non mi feci ripetere due volte quella frase, cominciai a andare sempre più in profondità, la vagina di mamma si contraeva attorno al mio pene in una morsa di pura perversione, la mia mano stretta attorno al suo collo si contrasse e mamma proruppe in un urlo di piacere.
Il mio pene cominciò a contrarsi, fino a quando non esplose in un denso spruzzo di sperma che invase la vagina di mamma, rimasi li godendomi ogni singola contrazione.
Quando ebbi finito mamma mi liberò dalla morsa della sue gambe e ricaddi accanto a lei stremato, la mia mente era svuotata e priva di qualsiasi pensiero.
Nessuno dei due professò una singola parola, mamma si avvinghiò a me e rimanemmo li, distesi nell’erba a fissare le stelle, consci che avremmo passato la vacanza più lussuriosa di sempre.


Per commenti/opinioni o per idee su nuove storie scrivetemi liberamente alla mail :

Questo racconto di è stato letto 7 7 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti masturbazione femminilewww.eroticiracconti.itracconti di sesso in vacanzastorie cuckracconti ereoticiconti eroticiracconti eoriticiraconti eroticeracconi miluracconto erotico gayi generi dei racconti eroticiraccotni eroticimoglie troia raccontilaura panerairacconti clisteriracconti zozziracconti erotici blograconti picantistorie travracconti erotici fotoracconti feticistiracconti amatoriali per adultiquella porca di mia ziaracconti porno tradimentiultimi raccontistorie di sesso con transracconti eroticheracconti erotici transracconti veri incestiracconti erotici vipracconti erotiicraccontierovicina vogliosaracconto erotici gayporno racconti eroticiracconti erotici di mariti cornutierotci raccontiracconti voyeurracconto cuckspio mammaincesti storie vereracconti incesti veriti sborro dentroincesto raccontiracconti erotici itstorie porno tradimentiracconti eoricila moglie in calorewww.racconti-erotici.itracconti erotici sodomiaracconti amorosiracconti erotici casalingaracconti segretariala moglie eroticaracconti porno italianoiraccontidimilugenere racconti eroticiracconti eroticbdsm storiestorie porno gratisgara di seghefoto racconti gayrecconti eroticieroticiracconti.itracconti erotici erotici raccontisegretaria eroticaracconti pprnostorielle pornoerotici raccontraccontitransracconti feticismoracconti diincestostorie hot gratisracconti hot amatorialistorie di figaracconti moglie al cinemastorie eroricheracconti di sesso spintoraccontieroticoracconti eroiticiracconti incetoracconti erotici fetishincesto fotorscconti eroticieroticiraconti