La curiosità

Scritto da , il 2019-09-10, genere gay

Che poi uno se lo immagina, e se poi quando te lo immagini ti ecciti, ti diventa duro come il marmo e la voglia di masturbarti ti occupa tutto il cervello e hai modo di farlo e te lo immagini ancora di più, ma non lo hai mai fatto quindi è tutto fantasia, ed è bello, godi bene, ma poi resta la curiosità.
Erano ormai un paio di anni che avevo questa curiosità, fino ad allora appagata solo nella mia fantasia, quando in bagno o nel letto allargavo le gambe, lasciavo che il lenzuola mi accarezzasse il perineo e cominciavo lentamente a farmi una sega, immaginandomi sovrastato da un uomo più grande e più grosso di me che mi spingeva il suo cazzo contro il mio ano, immaginavo la dilatazione e poi la penetrazione, mi immaginavo girato, a pecorina, le sue mani sui fianchi e le spinte del suo bacino contro le mie natiche.
Gli ultimi momenti in cui la fantasia era l’unica a togliermi la curiosità, mi trovavo in un autogrill, sbarcato da una punto che mi aveva dato un passaggio fino a quel punto me che sarebbe uscita dall’autostrada al prossimo svincolo.
Non è che fossi un maniaco, la curiosità verso un rapporto omosessuale non era il mio chiodo fisso, e in quel momento non ci stavo pensando proprio emozionato per quel viaggio in solitaria che mi ero deciso di fare in quello scampolo di estate che era rimasta.
Salutai l’autista della macchina che mi aveva portato fino a li ed entrai nel bar per un caffè, in fila alla cassa avevo due persone davanti a me, dopo poco che aspettavo il mio turno un signore si mette dietro di me con una banconota da 20 euro in mano; quando il primo della fila ha finito di pagare ci spostiamo tutti in avanti e il tipo dietro di me mi si appiccica alla schiena, senza spingere ma a contatto diretto, mi giro a guardarlo lui mi fa un sorriso alza le mani e indietreggia di mezzo passo, e io vengo travolto da un attacco di tachicardia e di sudore freddo, sento che sto arrossendo e questo mi rende ancora più emozionato.
Mi rigiro di scatto dopo aver accennato un mezzo sorriso di risposta, pago il caffè e vado velocemente al banco senza girarmi. Mentre aspetto che l’espresso sia pronto lo cerco nello specchio che fronteggia il bancone, lo trovo, si è fermato molto prima e sta aspettando una spremuta, non guarda dalla mia parte io però posso vederlo riflesso avrà una cinquantina d’anni un viso simpatico bello, più alto e più robusto di me.
Finito il caffè vado al bagno, devo pisciare e voglio darmi una sciacquata prima di rimettermi a fare l’autostop. Uscito dalla cabina mi avvicino a lavandini e alla mia sinistra dove c’è una fila di orinatoi c’è il bel cinquantenne intento a pisciare, lo scroscio è potente e il mio istinto mi fa girare la testa nella sua direzione, e lo guardo, mi sta guardando anche lui, se lo sgrulla mettendolo bene in evidenza e mi fa il secondo sorriso della giornata.
Poi se lo riinfila nei pantaloni si sciacqua le mani ed esce.Io sono sconvolto, la vista di quel pisello in stato di riposo il suo sorrisetto, lo scroscio della sua pipì, mi sento eccitatissimo ma anche spaventato, ma poi penso è andato via mica c’ha provato, probabilmente era solo un esibizionista, voleva farsi guardare il cazzo da qualcuno e adesso è contento.
Mi sciacquo una seconda volta ola faccia mi metto lo zaino in spalla ed esco dal bagno e poi dal bar, del tipo nessuna traccia, mi avvio verso l’uscita dell’autogrill ma non faccio in tempo ad alzare il pollice che lo vedo,dentro un citroen, che mi guarda e per la terza volta mi sorride mentre porta la macchina accanto a me, poi abbassa il finestrino e sempre sorridendo mi dice “allora, vuoi salire?”
Il cuore ricomincia a battere forte, lo guardo e senza pensaeci rispondo “non lo so” lui si mette a ridere e dice “secondo me lo vuoi” e apre lo sportello, io metto lo zaino nei posti posteriori ed entro in macchina.
Dove sei diretto
Spagna
Bello tutto in autostop?
Se ci riesco,non ho molti soldi e ho tutto il tempo che voglio
E quindi via verso l’avventura
Già
Viaggiare è la condizione perfetta per fare nuove esperienze
Già
E tu vuoi farne di esperienze nuove
Non rispondo
O magari ne hai già fatte?
Di cosa?
Di esperienze
Quali?
Mi guarda e per l’ennesima volta sorride, poi mi prende una mano e se la porta sulla sua coscia,
Hai mai fatto un pompino?
No
Mi accarezza le mano poi me la sposta sopra il pacco, duro grosso, attraverso la stoffa ne sento la consistenza la forma, sono come inebetito, mi tiene la mano premuta contro la sua erezione poi la lascia e riprende il volante, la mia mano resta là, accarezza quel pezzo di stoffa riempito dalla sua eccitazione.
Davvero non lo hai mai succhiato?
Non sono mai stato con un uomo
Ma ne hai un gran voglia
Sono curioso
Be la curiosità è una virtù che va assecondata, mi dice mentre si apre la fibbia della cinta e fa scattare il bottone dei pantaloni, io prendo la zip e la abbasso. Ora dalla apertura dei suoi pantaloni spunta un tronco di carne avvolto dalla stoffa delle mutande, infilo un dito nell’elastico e le allento e il suo cazzo spunta fuori dritto durissimo, lo accarezzo e comincio lentamente a fargli una sega,
lui mette la freccia a destra, guardo la strada e vedo che stiamo entrando in una area di sosta, si parcheggia in un punto isolato ,spegne la macchina e si abbassa un altro po i pantaloni, poi mi mette una mano dietro la nuca e sorridendo mi fa
Dai
Con la sua mano calda sulla testa mi abbasso e poso le labbra sulla base del suo uccello, poi tiro fuori la lingua e lo lecco lungo la grande vena che sale fino alla cappella, apro la bocca e me lo lascio scivolare dentro, fra la lingua e il palato, lo prendo in bocca finchè non sento la punta che mi tocca la gola poi lo ritiro fuori tutto lentamente, la mia testa sta registrando tutto quello che mi sta succedendo, l’odore di sudore del suo inguine, la consistenza dei suoi peli pubici che mi ritrovo in bocca o in cui affondo il naso l’odore del suo pisello, il suo sapore, il calore della mano sulla nuca che comincia a darmi il ritmo veloce, sempre più veloce,lui ansima,io non voglio che mi venga in bocca, ho il terrore delle malattie, mi sollevo e gli dico Hai il preservativo?
Ne ho uno solo, conserviamolo per dopo
E in quel momento mi riempie la mano di sperma .
Scendo dalla macchina nella piazzola ci siamo solo noi, c’è una fontanella è mi sciacquo la mano e il braccio.
Quando torno in macchina lui si è acceso una sigaretta, mi passa il pacchetto e mi dice:
c’è un motel a una trentina di chilometri, facciamo una sosta?
Offri tu?
Naturamente.
Nei venti minuti che ci separano dal Motel l’atmosfera nell’abitacolo è tesa, almeno per me, lui sorride mi accarezza una gamba, mi chiede Davvero era la prima volta?
Si
E ti è piaciuto?
Non lo so, mi è piaciuto eccitarti vederti venire
Avresti voluto che ti venissi in bocca?
Si, ma ho troppa paura
Fai bene, bisogna stare attenti
Tu vuoi scoparmi?
Ho si tesoro, e tu vuoi farti scopare vero?
Non mi farai male?
Sarò delicatissimo
Un segnale ci indica il motel fra un chilometro e mezzo, lui rallenta e mette la freccia, sono le 21,10, parcheggia spegne la macchina prende una valigetta dai sedili posteriori e va verso la reception, io recupero lo zaino e lo seguo.
Mentre ci avviciniamo al banco sottovoce mi fa O ma tu sei maggiorenne vero?
Si
Ci registrano e ci assegnano una stanza, ha il letto matrimoniale e uno singolo.
Poso lo zaino su una sedia e da dietro lo sento abbracciarmi, poi mi gira la testa e mi infila la lingua in bocca, io lascio fare, rispondo al bacio e le lingue si avviluppano l’una all’altra.
Mi toglie la camicia, si toglie la sua e poi dice Andiamo a fare la doccia.
Il piatto della doccia è enorme ci si sta comodamente in due, siamo nudi e ci insaponiamo reciprocamente, mi gira e mi fa appoggiare alle mattonelle della cabina, le gambe un po aperte, le sue dita piene di bagnoschiuma che mi passano fra le natiche, che entrano nel retto la sua lingua nel mio orecchio, la sua erezione contro la mia schiena. Mi tiene un braccio e mi fa girare poi mi sussurra all’orecchio Devo pisciare, mettiti giù” mi inginocchio davanti a lui, il viso all’altezza del suo pube lui mi punta la cappella in faccia distante pochi centimetri, mi dice Apri la bocca” io apro la bocca e il primo getto mi colpisce il centro della lingua, un odore e un sapore fortissimi, ora è uno scroscio prolungato, un po mi va in bocca un po sul viso, sulla testa sulle spalle, finisce di pisciarmi addosso e mi infila il cazzo barzotto in bocca e li gli esce un altro schizzetto di pipì, direttamente in gola. Poi mi lava mi insapona e mi sciacqua, chiude l’acqua e mi avvolge in un telo di spugna, mi prende in braccio e mi porta in camera da letto.
Eravamo entrambi nudi, lui mi depositò sul materasso e cominciò a leccarmi le dita dei piedi, poi mi fece girare e disteso a pancia in giù sentii le sue mani allargarmi le gambe, il suo respiro risalirmi luna coscia l’umidità della sua lingua sul mio buco ed ero in estasi
Dopo un po che mi faceva mugulare leccandomi e insinuandosi con la lingua mi diede una pacca su una chiappa e mi disse Ora andiamo a mangiare che se no chiudono le cucine.
Si alzò e cominciò a vestirsi, io rimasi li un po, stordito dalle sensazioni che i suoi giochini di lingua mi avevano regalato e deluso dall’interruzione, ma non mi opposi e scendemmo a mangiare.
Mangiammo in silenzio, lui era galante, mi versava il vino e altre gentilezze. Quando ci alzammo mi chiese di aspettarlo in camera, lui sarebbe arrivato di li a poco.
In camera mi spogliai e mi misi a letto, ad aspettarlo, eccitatissimo e con il cuore in gola.
Dopo una ventina di minuti sento la porta aprirsi lui entra con un sacchetto in mano, ne tira fuori un pacchetto di preservativi, una crema lubrificante e un pacchetto.
Poi si toglie la camicia e sale sul letto, mi bacia io apro la bocca e la sua lingua mi va ad occupare il palato, la mia mano e scesa sul suo cavallo, gli slaccio la cinta e i pantaloni, gle li abbasso insieme alle mutande e mi infilo il suo cazzo in bocca, lui me lo spinge dentro come a scoparmi la testa, tanto che mi provoca un conato e devo farlo uscire, allora mi afferra per un braccio e mi fa girare, lo sento liberarsi dei pantaloni e inginocchiarsi fra le mie gambe, mi struscia il pisello fra le chiappe poi si solleva prende un preservativo e se lo infila, poi la crema, ne spalma un po sul suo cazzo e un po dentro di me, sento la punta della sua cappella spingere allargare e poi un dolore tremendo, come di carne strappata, mi lamento e lui si ritrae, il dolore scompare, mi dice di mettermi di lato, mi fa sollevare una gamba e torna a spingere, questa volta entra senza provocarrmi dolore, lento, prima la cappella poi gradualmente, muovendosi piano spingendo sempre un po di più mi sodomizza fino ai testicoli che sento schiacciarsi contro le mie chiappe.

Questo racconto di è stato letto 2 4 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici tettonaracconti gay pornracconti eoriticracconti amatoriali eroticiracconto hardstorie eroticraccontieroticpiccanti raccontiracconti erotici ricattoannunci 69 storiemilùraccontiraconti eroticileccamelaracconti erotici classicistorie hentaii generi di racconti inceatoracconti-eroticiraccpnti miluincesti materniraccoti eroticierotico raccontiraccontihotraccinti pornorscconti pornoracconti eoriticiracconti di bdsmracconti dominazioneleccasuoleracconti e storie erotichestorie erotivheracconti erotici umiliatastorie di mariti guardonischiava cagnaracconti di storie di sessoracconti erotici prima segainculata dal suo caneracconti sesso animaliracconti schiavo padronaracconti gay schiavobrani eroticipompino a mio figliola sorella perversageneri dei racconti eroticiracconti erosstorie mogliestorie pornoracconti porno suocereinculata raccontoho scopato mia cuginacconti eroticiraccontii eroticiraccont eroticistorie vere lesbononna viziosaraccontu eroticiracconti mamma padronaracconti puttanaracconti di tettepompino racconti eroticiiraccontieroticii generi di racconti gayla zia vogliosaracconti di sesso in vacanzamilu eroticiracconti erotici dominazioneracconti gay bdsmracconti erotuicistorie di sesso con animaliracconti porno genivstorie vere cuckoldracconti massaggicane incula padronaracconti sado masoa69 raccsaune eroticheracconti erticiracconti erotici straniracconti erotici animaliraccconti eroticistorie eroticierotici ra69 racconticuckold pugliaracconti di zieinculate tra vecchierotici racconti miluracconti erotici gay & bisexracconti scambioracconti di sculacciate eroticherocconti eroticiracconti hard freeracconti ragazzestorie erotiche tradimentieroticeracconti erotici classicigeneri dei racconti eroticieroticiraccdreamsonwebracconti pormoracconti milunuda