Convocata a New York pt.II

Scritto da , il 2019-09-10, genere dominazione

La mano si sfila all’improvviso, sento il vuoto che lascia, il freddo che ne prende il posto sulla pelle liscia e fradicia. Lui si annusa le dita soddisfatto, come fosse un buon sigaro, e mi guarda (per la prima volta veramente) “sai cosa? Sono stato mandato per tenerti eccitata più a lungo possibile, ho avuto la raccomandazione di non farti venire fino a quando non sarai con Lui... Non pensavo di scoparti... ma mi hai fatto cambiare idea!”. Mi fa alzare il busto e mi sfila la canottiera osserva i capezzoli piccoli, chiari, tesi e corrugati dalle 4 ore di tensione emotiva. Una mano carezza e soppesa i miei piccoli seni pallidi e si dirige lungo il collo fino al mento. Mi prende dolcemente ai lati del muso e mi fa scivolare tra le sue gambe, fino a scendere in ginocchio ai piedi del divano. Prima di mollarmi esita un attimo, tenendomi vicino al suo corpo, per farmi annusare il suo cazzo pulsante. Me lo sta presentando, prima di usarlo in me.

Lascia le mie guance, mi chiede di voltarmi e sistemarmi gattoni, viso in terra, culo verso di lui. Io sinuosa obbedisco, addestrata a offrirmi scivolo in terra e mi sistemo. Gambe divaricate e schiena inarcata per evidenziare la mia zona lombare. Ho un nodo alla gola, un blocco che non scende e non sale, l’eccitazione non mi rende lucida e le gambe tremano al pensiero che sto per essere scopata e che non posso abbandonarmi al piacere. Un angolo del mio cervello gode della situazione: disciplina ed educazione costante, anche quando il padrone è lontano!

Lui alza la schiena dal divano, con le gambe mi circonda i fianchi, li carezza e fa scendere i pantaloncini. Espone il mio culo e lo coccola, porta gli umori dal mio sesso al buchino preparandolo e lubrificandolo. Ha mani sapienti e decise al punto giusto. Piano piano mi allarga aumentando il numero di dita che mi penetrano, non mi fa male anche se a volte muove le dita frenetico, come preso dall'onda di lussuria. Non risparmia carezze ai glutei e alla fighetta, alle quali rispondo sculettando complice. Poi si ferma, mi afferra per i fianchi e si punta col glande. Fremo. Chiudo gli occhi per trattenere il formicolio che scaturisce dai miei lombi. “Don’t dare to come, slut!” sono le sue uniche parole, decise, prima di affondare in me e cominciare a scoparmi il culo.

La penetrazione non dura molto, ma comunque abbastanza da torturare il mio mancato orgasmo per quelle che sembrano ore. Lui respira impegnato, non si distrae e ascolta come trattengo i gemiti e come sospiro. Il ritmo aumenta, il suo respiro si abbassa di tono. Il mio orgasmo tenta di seguirlo, a fatica lo trattengo. Con un colpo secco esce lasciandomi senza fiato ad anelare ancora piacere. Termina questo gioco perverso e mi esplode sulla schiena. Sento le sue gocce, pesanti, arrivare fino alle scapole. Viene in silenzio, non lo vedo ma lo immagino ad occhi chiusi. Il suo respiro si calma, il mio non trova pace, ho un magone che mi attanaglia la pancia, e spinge sul sesso e in gola. Sono sudata fradicia, ho fatto molta fatica e ho dovuto usare molta disciplina per trattenermi.

Lui si alza e va in bagno a pulirsi, mi lascia li a terra, ancora sculettante gattoni con gli shorts a mezza coscia. Nel tornare mi chiede, anche se il tono è quello di un ordine “Ti piacerebbe cenare con me? Gradirei non ti lavassi, però”. Alzo il busto, in ginocchio e attendo prima di rispondere. La sua cortesia mi inquieta, invece di rassicurarmi. Controllo gli shorts e vedo la macchia scura dei miei umori. “Mi piacerebbe molto, posso prima cambiarmi e sistemarmi? Giuro che non mi lavo... e poi... mi fumerei una sigaretta, se non ti dispiace.” Esito nel fare la domanda, studio l’uomo guardinga. Lui comincia a raccogliere i suoi abiti per rivestirsi, si muove per la stanza come se io fossi invisibile ”Fai pure, ti aspetto al ristorante dell’albergo.- una pausa, mi guarda dall’alto chinando il capo di lato - certo che hai un master permissivo a lasciarti fumare!”. Esce dalla stanza aprendo la porta senza curarsi del fatto che io sono in mezzo alla stanza nuda e in ginocchio, visibile dal corridoio.



Rimango alcuni secondi immobile, poi, con le gambe ancora tremanti, mi alzo. Sfilo i pantaloncini, studio un attimo la macchia dei miei umori, con un gesto di disgusto divertito li lascio stesi sul bordo della vasca. Domani per andare alla spa dovrò usare l’abito di lino, spero non venga rovinato questa sera, altrimenti dovrò muovermi per l’albergo in accappatoio. Il fatto che la sessione sia finita e che debba prepararmi per la cena distrae la mia mente, ma il mio sesso reclama ancora il suo piacere negato, nel muovermi verso le sigarette noto la mia tensione. Tremo mentre accendo e aspiro una boccata profonda. Vado alla finestra e guardo il traffico. D’istinto una mano scende a carezzarmi il pube, devo sforzarmi di toglierla, la tentazione è troppo forte. Mi concentro sul fumo e decido di pensare a come truccarmi per dopo. Raggiungo lo specchio, osservo il mio viso, sfatto dalle ultime ore di tensione. Spengo la sigaretta e comincio a detergermi con una crema. Vedo la stanchezza sfilare via sotto i colpi del cotone, gli occhi riprendere espressione mentre mi studio per decidere un trucco adeguato. Scelgo un verde smeraldo per gli occhi, rossetto lucido chiaro e piastra ai capelli.

Dopo 30 minuti sono al ristorante. Il mio confessore è in compagnia di una ragazza, sui 30 anni, capelli lisci in un caschetto biondo corto fino alla nuca ma con ciuffo laterale a scalare che quando le scivola dall’orecchio le arriva sotto il mento. Spalle atletiche ed eleganti, scoperte, pelle ambrata seno quasi inesistente, gambe lunghe e fianchi generosi. Leggings lucidi, tacco 10 su un sandalo bianco, t-shirt larga, corta, coloratissima di raso. Alta un po’ più di me si muove con sicurezza. Ha un’espressione solare e i due chiacchierano concentrati solo su di loro.

Arrivo al tavolo, in silenzio, quasi a non volerli disturbare. L’uomo mi saluta con un cenno, e mi indica la ragazza “Claire, may I introduce to you Vittoria?” e dicendo Vittoria mette in chiaro le sue intenzioni, lanciandomi uno sguardo intenso. Lei si alza, affettuosa come se fosse una mia amica del liceo, evita la mia mano, indirizzata verso di lei per un saluto formale, e mi bacia sulla bocca. Senza malizia ma con affetto sincero. Poi si mette a studiarmi, mi osserva, guarda l’uomo, torna a me, esita… e infine, entusiasta come una che ha scoperto un trucco di un mago, esclama “You fucked her! Oh gosh, I knew you’d do it! You owe me a dinner!” Io avvampo di imbarazzo.

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti mogli esibizionisteerotici racconti gratisracconti porno transracconti erotici di mia moglieeroticiracontiertici raccontiraccconti eroticiincesto con la suoceramia zia racconti eroticiconfessioni eroticiracconti erotici club priveincesto annunci 69racconti erotici ripetizioniracconti gay schiaviraccontipornograficistorie reali pornoracconti sesso con animalii raccontidi miluracconti erotici iniziazioneracconti porno la prima voltapissing italia forumsesso con mio cognatoracconti ziaracconti porno violentimia moglie esibitaracconto erotraccontierticiracconti erotici adultiracconti gay veristorie erla zia raccontiin culo alla suocerastorie erotichraconti sexracconti erotici italiastorie erotichrculosfondatoraccpnti pornostorie di sculacciateracconti.pornoracconti lussuriosiraccontie roticiraccontisessostorie erotiche da leggereracconti sesso in vacanzaeroticaraccontiracconti milluracconti dominazione femminileracconti travestitiracconti erotici in autobusgeniv raccracconti trasgressioniraccoti pornoracconti milu.comracconti erotici addio al nubilatoano slabbratodottoresse voglioseracconti porno mogliracconti picantistorie di sesso al cinemacuckold pugliaracconti erotici vecchieraccont eroticiracconti eroticimoglie inculata da amanteporno lettureracconti prime esperienzeracconti trasgressionisuocera vaccaracconti eroticheracconti hard moglieracconti mogli inculatemariti cornuti e umiliatierotici raccostorie di slaveracconto eroticiracconti erotici di zoofiliai ncestiracconti porbocome scoparsi la vicinaracconti erotici in palestraerotoci raccontieroti raccontisexy raccontiracconti erorticistorie di collantracconti erotici bendataraccontieroticracconti famigliaracconti erotici culo sfondatoracconti erotici nonno e nipoteracconti aroticiracconti erotici reali gayraccnti pornoracconti erotici annuncio69racconti piccanti gratisracconti feetracconti eoticimasturazione