L'impero dell'Alba ~ I

Scritto da , il 2019-09-10, genere dominazione

Era una mattinata piacevolmente tiepida e soleggiata, una mattina di primavera.

La parte bassa della Città Splendente brulicava come un formicaio d'estate in un miscuglio piacevole di ogni classe sociale: mercanti che promuovevano ad alta voce ogni tipo di merce, dalla noce moscata, al vino, alle pietre preziose, alle sculture d'ambra; gente proveniente da ogni parte del globo, uomini altissimi provenienti dal nord, con i capelli biondi e le spalle bruciate dal sole; medici greci e arabi; mongoli dagli occhi allungati, donne di ogni genere con bellissimi abiti variopinti.

In quella folla così assortita spiccavano a colpo d'occhio alcuni schiavi completamente coperti da un abito nero, con lunghi veli che lasciavano una fenditura solo per gli occhi e in vita una stretta cintura metallica senza apertura recante il nome del proprietario.
Era un'usanza molto diffusa che in pubblico gli schiavi apparissero completamente velati sia per scoraggiare dei furti che per renderli sempre riconoscibili a tutti come tali.

Persino dei nobili quel giorno bazzicavano nei quartieri popolari, riconoscibili dagli occhi truccati di nero, gli abiti di seta colorati e dal fatto che fossero spesso accompagnati da guardie armate e da schiave le quali quando non erano velate erano molto poco coperte, con il marchio ben in vista e le mani legate alla cintura del padrone.

In quel miscuglio etnico e sociale due ragazzi si aggiravano nei meandri di quelle stradine, facendosi strada tra la folla.
Come il dì e la notte uno era biondo con i capelli lunghi fino alle orecchie, le spalle larghe e robuste, vestito molto semplicemente di bianco, con pantaloni di lino e una camicia sottile e l'altro dalle orecchie leggermente appuntite seminascoste dai lunghi capelli neri, i quali sciolti gli arrivavano ben sotto le spalle, aveva gli occhi allungati verso l'alto, le labbra piccole e i lineamenti del viso poco spigolosi, regolari, perfetti, a tratti femminei. Il suo corpo suggeriva forza ed eleganza ed incantava con una bellezza magica e fuori dal tempo: tutto lasciava intendere che fosse un Athanatos, uno di quei maghi potenti che avevano scritto la storia dell'impero dell'Alba.

Gli Athanatoi, riconoscibili spesso dai lineamenti perfetti e dalle orecchie appuntite, emanavano un fascino particolare a cui la gente comune resisteva a stento. La loro casta più importante era quella della famiglia imperiale, nella quale da tempo immemore l'imperatore tramandava ad uno solo dei figli maschi i suoi poteri e con essi il trono.
Godevano di un grande rispetto e di molti privilegi, tanto che picchiare uno di loro era punibile con la morte. In fondo basti pensare che a loro ci si riferisce usando un aggettivo che in antichità era usato per descrivere gli Dei.

Tuttavia quei due ragazzi non differivano solo fisicamente, ma soprattutto per stato d'animo: il biondo qualche passo indietro del suo compagno aveva un'espressione contrita, annoiata, quasi da fratello maggiore costretto a fare da balia. Camminava lentamente, con le mani in tasca pensando forse alle dolci carezze della fidanzata. Osservava tuttavia con sorpresa il suo amico chiaramente felice, che quasi saltellava da un piede all'altro godendo di quella folla, di quegli odori pungenti e del vocio confuso che mischiava tutti gli accenti diversi con cui veniva parlato il greco, la lingua ufficiale.

Sicuramente quell'euforia non era dovuta alla notizia che sarebbe stato venduto un intero lotto di schiave barbare provenienti dalla Terra.
Anche se in fondo tutto ciò che proveniva dal mondo parallelo era estremamente raro e in molti casi severamente vietato, di certo il contrabbando di schiavi non era così singolare, anzi era sicuramente tollerato.

Qualche giorno prima era tornata una delegazione proveniente dalla Terra, composta da una decina di studiosi e da una Athanatas.
Proprio quella ragazza che il ragazzo moro conosceva bene si era avvicinata a lui lasciandogli furtivamente in mano una piccola scatolina di cartone, un regalo presumibilmente proibito.

Erano un paio di lentine colorate di verde che lui aveva indossato prontamente per poi guardare i propri occhi riflessi nello specchio e sentirsi finalmente libero di sembrare meno unico, meno importante, e poter fingere per poco tempo di non essere sé stesso. Di non essere l' imperatore.
Ora Alhamba godeva di quel regalo, facendo una passeggiata nella capitale senza che nessuno lo riconoscesse a prima vista per via degli occhi dorati come l'ambra, un simbolo di potere e di divinità che solo gli imperatori possedevano, ma che egli viveva come un marchio a fuoco sempre visibile a tutti.

Ad un certo punto fece un mezzo giro facendo perno su un palo di legno che sorreggeva l'insegna di una bettola “Kassandros entriamo qui.” Esordì sorridendo al suo compagno.

L'altro fece una smorfia disgustata “Devo proprio?” domandò con un'espressione perplessa ma non ricevette risposta e non trovando alternativa seguì sospirando il suo amico, che nel frattempo era già entrato, all'interno del locale caldo e in penombra.

Dopo poco entrarono dietro di loro cinque o sei uomini e Alamba fece sottovoce al compagno “Era proprio necessario portarseli dietro?”
“La tua sicurezza è importante, lo sai.” Ricevette di rimando “Invece prendiamo del vino, non ho intenzione di morire di sete oltre che di caldo a causa delle tue idee strampalate" continuò sbuffando.

“Sia.” Rispose l'altro chiamando con un cenno la ragazza che stava lucidando il bancone “Comunque gran parte del mio divertimento in queste uscite in incognito è osservare le tue espressioni facciali. Credo che raggiungano il limite dell'umanamente immaginabile.” Continuò sogghignando malefico prima di essere interrotto dall'arrivo della cameriera. Entrambi rimasero intenti ad osservarla dopo che si era allontanata, era una bella ragazza sui vent'anni, scurissima di pelle, probabilmente la figlia del proprietario, non molto alta e dalle forme piene e piacevoli che s'indovinavano sotto il vestito corto e sottile.

“Davanti le si vede tutto” commentò Kassandros a bassa voce, riferendosi al fatto che il tessuto era diventato praticamente trasparente sui seni di lei e i capezzoli turgidi erano molto evidenti.
“Sei in astinenza per caso?” rispose l'altro alzando un sopracciglio divertito.
“No.” Rispose il biondo infastidito “È solo una di quelle ragazze che ti viene voglia di scopare appena le vedi. Su quel bancone sarebbe perfetto” sorrise poi soddisfatto.

La ragazza nel frattempo aveva posato sul tavolo una brocca e riempito due bicchieri “Siete del posto?” chiese lei attaccando discorso “Non vi avevo mai visti prima d'ora” continuò lanciando un'occhiata compiaciuta a Kassandros il quale le rispose fissandola negli occhi e bevendo un sorso di vino “Effettivamente non siamo proprio del luogo, ma comincio a pensare che dovrei passare più spesso di qua” Alhamba gli lanciò una lunga occhiata di disapprovazione “Sfortunatamente siamo solo di passaggio. Grazie di tutto" disse poi sorridendo alla ragazza, gentile ma distaccato.

Quando lei li ebbe lasciati soli si rivolse a Kassandros “Ci sei cascato in mezzo a quelle tette eh? Credo che regalerò qualche gioiello alla tua schiava prediletta come incentivo, almeno così smetterai di importunare povere cameriere indifese” poi prese il bicchiere e lo vuotò per intero con un'espressione soddisfatta.
“Questo vino non è così buono” ribattè l'altro “E poi devo ricordarti che hai interrotto i miei rituali mattutini molto bruscamente e in modo assolutamente inoppotuno. Devo rifarmi”
“Eri in ritardo e poi non pensavo che Siva ti stesse facendo un pompino” rispose tranquillo Alhamba.
“Stavo per venire, mi hai fatto prendere un colpo al cuore. Certo che tu e la delicatezza siete due rette parallele.” Disse Kassandros infastidito ricordando quell'irruzione improvvisa che gli aveva fatto cominciare la giornata in modo pessimo.

“Invece sono molto delicato. So che mi vuoi parlare e accetto il fatto che tu svii il discorso. Prego” proferì Alhamba facendosi serio e poggiando la schiena sulla spalliera in legno.
Kassandros cambiò espressione e cominciò a tamburellare il dito sulla tazza di metallo. Lui e Alhamba si lanciarono uno sguardo nervoso e carico di tensione, poi il biondo abbassò lo sguardo come a cercare le parole sul fondo del bicchiere ormai quasi vuoto.

“Voglio darti un consiglio. Come tuo primo ministro, ma soprattutto come amico” cominciò scrutando la reazione del compagno “Trova una ragazza nobile e corteggiala, crea rumore e voci. La gente è stanca di un imperatore fantasma, vuole qualcuno che si comporti come un uomo. Qualcuno che si mostri responsabile, il tuo reggente ti sta sostituendo troppo come figura e potrebbe ritorcersi contro di te. Mostra che ci sei. Che pensi al futuro del tuo popolo. I tuoi poteri ancora non si sono manifestati e il fatto genera inquietudine.”

Un'espressione impassibile era dipinta sul volto di Alhamba, in fondo sapeva che avrebbe dovuto sempre fare i conti con il suo ruolo e con le sue responsabilità “Sia, chi hai scelto?”
Il biondo deglutì e si passò una mano tra i capelli disordinati, si aspettava una resistenza da parte dell'imperatore che invece aveva dato ancora una volta dimostrazione di arguzia e aveva capito che lo scopo era di proporgli una qualche ragazza in particolare “Mia sorella, ai miei genitori farebbe estremamente piacere e posso garantire io riguardo alla sua riservatezza”

Kassandros osservò l'espressione esterefatta di Alhamba con la morte nel cuore “Spero tu stia scherzando, Saxa è una una scassacazzo. Senza offesa, ma è pieno di ragazze nobili e poi io e lei non siamo mai andati d'accordo.”
Il biondo lo fissò con sguardo colpevole “Non Saxa, Querin”
“Ma è una bambina! Avrà quattordici anni! Non mi farò ridere dietro corteggiando una ragazzina” affermò categorico.

“È abbastanza grande, fidati. E poi è ora che si renda conto di cosa significa vivere” l'amico era gelido nel dire ciò e Alhamba rabbrividì “E va bene” accettò infine stanco di quella discussione ma ben consapevole di aver già deciso che a quella mocciosa non avrebbe concesso più di qualche sorriso.

Kassandros si sentì perso, aveva capito che l'imperatore non era intenzionato a mantenere fede alla promessa. Sospettava quell'esito ancor prima di prendere il discorso, conosceva bene Alhamba e sapeva che odiava quelle relazioni pianificate.
Eppure lui aveva un bisogno quasi disperato che la sorella ricevesse quelle attenzioni speciali da parte dell'unica persona a cui nessuno poteva fare concorrenza. Perché non aveva voluto dirlo, ma il reale motivo di tutto quell'interesse era che altrimenti sarebbe diventato quasi impossibile per la giovane principessa rifiutare la proposta di matrimonio dell'anziano e terribile re di Samotracia.
Kassandros cercò di non pensarci e finì il vino rimasto nel bicchiere, in fondo sarebbe potuto arrivare allo scopo per vie meno tradizionali.

I suoi pensieri vennero interrotti dall'arrivo di un signore di mezza età, dai capelli brizzolati e gli occhi chiari, portava un turbante colorato e una lunga veste bianca; si trascinava dietro, tenendola legata per una corda, una ragazza completamente nuda.

Lei avanzava esausta e ogni qual volta che si attardava l'uomo le dava uno strattone crudele che le dava la forza di continuare a camminare. Tuttavia era incantevole, i capelli castani, riccissimi e lunghi fino a metà schiena le conferivano un fascino ribelle, la pelle abbronzata contrastava con gli occhi verdi, contornati da lunghe ciglia.

Alhamba sorrise compiaciuto e osservò la ragazza, come se sapesse dell'arrivo della coppia che nel frattempo si era diretta e fermata davanti al loro tavolo.
Ne apprezzò le curve sinuose, la vita sottile, i seni piccoli, sodi, morbidi, dai capezzoli appuntiti. “Hai sempre avuto un ottimo gusto Tark” disse all'uomo con un sorriso sghembo “Tuttavia stavolta ti sei superato, questa barbara è incantevole” poi prese la corda che le legava i polsi e la slegò, osservando come ipnotizzato i solchi che la canapa aveva lasciato su quei polsi sottili.

“Grazie Signore, per me è un piacere servirti”
L'imperatore sorrise e girando intorno a lei le scostò la chioma su un lato del collo, per ammirare la linea perfetta della schiena di lei. La schiava, reagì sussultando nell'essere sfiorata in quel modo quasi indifferente, casuale.

“È vergine?” domandò poi carezzandole un fianco in modo dolce e suadente, la sentì rabbrividire e tendersi come la corda di un violino, visibilmente sorpresa e spaventata da quella situazione a lei estranea.
“Si, lo è. Mi è costata di più per questo motivo io…” argomentò l'uomo, probabilmente tentando di giustificarsi per aver speso qualche soldo di più per una barbara ignorante e non addestrata.
“Non importa, sono soddisfatto. Tieni pure per te il resto del denaro.” Lo interruppe congedandolo.
“Grazie mio imperatore” rispose grato, in fondo “il resto del denaro” era una somma considerevole, pensò allontanandosi per poi uscire dalla taverna.

Il principe Kassandros aveva osservato la scena in silenzio, intuendo che il suo amico aveva ceduto alla tentazione di comprare una nuova schiava, ed egli stesso per primo non potè fare a meno di condividere la scelta di una schiava barbara, la sua stessa favorita lo era, e ricordava bene la curiosità che lo aveva spinto a comprarla.
Alhamba aveva uno sguardo particolare nel contemplare quel suo nuovo giocattolo, uno sguardo impaziente di usarlo. Uno sguardo malizioso e soddisfatto.

Il desiderio di fotterla su quel tavolo di legno, davanti a tutti, senza attendere, premendole il viso sulle assi sconnesse e imprigionandole i polsi gli attraversò fugacemente i pensieri.
Di scoprì desideroso di sentirla urlare, dibattere, soffrire, e infine piegarsi alla sua volontà. E poi godere di quella sottomissione fino al punto di desiderarla intimamente e di sentirne il bisogno.

Poi le strizzò il sedere, forte, improvvisamente, e lei strillò più per la sorpresa che per il dolore “Porco schifoso!” urlò. E prima che chiunque se ne rendesse conto lei aveva afferrato la brocca di terracotta dal tavolo e gliel'aveva rotta in testa.

In meno di un secondo tutti gli avventori furono i piedi, pronti a sguainare le armi. La ragazza fissava con gli occhi sgranati il ragazzo di fronte a sé, con le mani tremanti e realizzò la stupidità del proprio gesto. Alhamba era impassibile, sembrava che l'avvenimento non lo avesse minimamente sconvolto se non fosse stato per il vino che lo inzuppava da capo a piedi e una luce assassina negli occhi.
Prima che lei potesse trovare la forza di reagire lui se l'era caricata in spalla. E le aveva caricato un ceffone sul culo che era echeggiato in tutto il locale.

~ ~ ~

Giulia era ancora frastornata da quanto le era successo. E sinceramente non ci aveva capito molto apparte il fatto di essere completamente intimorita da quel ragazzo dai capelli lunghi e neri che sin da subito l'aveva trattata come un oggetto in suo possesso.

Incominciava a interiorizzare che era proprio così e a ricordarglielo erano soprattutto le gambe doloranti e la stanchezza che aveva addosso.
Ricordò con orrore che aveva fatto alcuni chilometri correndo dietro il carro dei due. Aveva implorato con le lacrime agli occhi in tutte le poche lingue che conosceva di avere pietà, invano.

In massimo che aveva ottenuto era stato lo sguardo sornione del ragazzo biondo, al quale sembrava divertire moltissimo la sofferenza e la disperazione della ragazza costretta a correre per non venire trascinata nella polvere.
Quello che invece aveva ormai capito essere il suo padrone non l'aveva degnata della minima attenzione, non si era voltato a controllare le sue condizioni, l'aveva persino lasciata legata in un enorme giardino, una volta arrivati, finchè una ragazza non era venuta a prendersi cura di lei.

Quella schiava si chiamava Siva, era italiana come lei, le parlava nella sua lingua, ma a lei sembravano assurde le sue parole, anche ora mentre era in piedi e con le gambe a pezzi le rimbombavano nella mente: Alhamba è il tuo padrone, obbediscigli, sempre. Poi aveva detto altro ma per Giulia erano solo un farfugliare indistinto su come dovesse comportarsi.
Come in loop le parole di quella schiava, una volta sua connazionale, le ritornavano sempre nei pensieri. Aveva voglia di piangere, sfogare la rabbia e la tristezza, ma era come una statua di sale in mezzo alla sala dove Kassandros e l’imperatore cenavano.

Giulia guardò di fronte a sè, la favorita di Kassandros era molto aggraziata e non sembrava imbarazzata per nulla dalla propria nudità, d'altro canto il ragazzo biondo non appariva impressionato e le porgeva con noncuranza la coppa per farsela riempire, cosa che lei si affrettava a fare per poi restare in piedi in attesa di qualsiasi cosa potesse esserle richiesta.

Servivano la cena ed erano entrambe nude al contrario dei due ragazzi completamente vestiti e seduti dinanzi a un tavolo riccamente imbandito. Era una cena molto intima, non vi era nessun altro apparte loro che chiacchieravano beatamente.

Giulia non capiva nulla di ciò che dicevano, ma ad un certo punto il principe chiamò Siva la quale si inginocchiò ai suoi piedi e cominciò a mangiare a piccoli morsi un pezzo di arrosto che lui le porgeva, non lo toccava con le mani ma si limitava a mordere delicatamente ciò che lui le concedeva. La nuova ragazza barbara restò ipnotizzata da quella scena e si chiese come fosse possibile per la sua collega controllarsi in quel modo visto che non avevano mangiato nulla e lei stessa sentiva i morsi della fame.
La ammirò a lungo, in quello che Siva stava facendo non c’era nulla di spigoloso, di scattante.
Giulia desiderò essere come lei, sensuale in qualunque gesto, morbida, elegante, bella pur senza alcun vestito. La invidiò e invidiò il modo in cui Kassandros la guardava, con affetto, complicità e amore.

Poi avvampò Siva aveva finito e aveva cominciato a succhiare le dita del proprio padrone, ripulendole e insalivandole. Vi era un chè di malizioso in quel gesto, di provocatorio e una volta conclusa l'operazione aveva slacciato i pantaloni del principe biondo ed era passata a succhiargli il cazzo con delicata naturalezza, come se sapesse esattamente quali fossero i pensieri del principe e assecondandoli prima che lui le ordinasse di farlo.

Giulia pensò che fosse una puttana, solo una puttana sarebbe stata tanto sfacciata, non era stata costretta in alcun modo, eppure sembrava non desiderare altro che fare ciò che stava facendo.
Se prima le stava simpatica ora la disprezzava, e la guardava con vergogna.

Un ordine tagliente interruppe quei pensieri “Avvicinati schiava” rimase interdetta, era la prima volta in assoluto che il suo padrone si rivolgeva a lei direttamente e si stupì ancora di più quando realizzò che parlava nella sua lingua.
Ma d’altronde non c’è da stupirsi, gli Athanatoi sono come il diavolo, parlano qualunque lingua.

La barbara esitò qualche istante, aveva paura che lui pretendesse qualcosa di simile a ciò che stava facendo Siva e ne era disgustata. Forse esitò troppo nell'eseguire fatto sta che Alhamba si alzò e afferrandola per i capelli le sbattè il viso sul tavolo costringendola in ginocchio.

L’imperatore era quasi sempre flemmatico e gelido, ma ora sembrava un dio irato e furibondo inspirò profondamente prima di mollare alcuni schiaffi sul culo della ragazza, erano dei colpi spietati, forti, che la fecero gridare.

Alhamba guardò il sedere lievemente abbronzato illividirsi, poi come preso da una frenesia vendicativa le aprì le cosce tenendole ferme con le proprie e la colpì sulla figa, rendendola sempre più gonfia, più rossa e più dolorante ad ogni colpo.
Lui la lasciava urlare e singhiozzare, anzi sembrava fossero incitamenti a fare di peggio.

Davanti agli occhi Giulia poteva vedere la sua compagna di schiavitù, Siva teneva le mani sulle gambe del suo uomo, come sorreggendosi stanca di quella fellatio in cui metteva tutta sé stessa, le labbra scendevano e salivano incessanti, sempre allo stesso ritmo forsennato.
Stringeva l’asta in una morbida presa e la percorreva con la lingua, Siva non si sarebbe mai fermata in quel momento nonostante fosse esausta, sapeva che il suo padrone stava per venire. Sentiva quel pene pulsarle in bocca e vedeva il biondo completamente abbandonato al piacere, con il capo reclinato all’indietro e un’espressione perversa in volto.

Quando Giulia credette infine di morire per l'umiliazione e per il dolore, Alhamba smise di percuoterla e la penetrò con un dito.
Lei si dimenò. Inutilmente. Lui le premette ancora più forte il viso contro la tovaglia e inserì un secondo dito fino in fondo, a Giulia sembrava che avrebbe inserito pure le nocche, tanto spingeva in profondità.
Poi sentì con orrore il sangue colare lungo le cosce spalancate.

Il giovane imperatore vide il sangue, rosso come il fuoco e osò di più. Slacciò i pantaloni velocemente, e prima di un battito di ciglia premeva la cappella per entrare dentro di lei, la sentì contrarsi di paura, ma non si scoraggiò, la violò lentamente, centimetro dopo centimetro, più affondava e più la sentiva stringersi per impedirgli di entrare, più entrava e più sentiva quel buco strettissimo bagnarsi.
Quando fu del tutto dentro rimase immobile, godendo di quella conquista, la sentì abbandonarsi, arrendersi, poi un gemito flebile, frammisto di dolore e di piacere.

Lei cominciò a pensare che fosse tutto finito e seppur immobile si sentiva completamente riempita, e aperta, involontariamente cominciava a godere, ancora di più quando Alhamba cominciò a muoversi lentissimo dentro di lei. Paradossalmente ora era tanto delicato quanto era stato spietato prima.

Ma non l’avrebbe lasciata godere, non quella sera, quella sera la voleva punire, voleva sentirla urlare disperata, farle capire che ogni minimo aspetto della sua vita dipendeva da un capriccio. Così bagnò di saliva un proprio dito e le massaggiò l’ano, percepì distintamente la paura che provava e così cominciò a spingere dentro quel culetto strettissimo e vergine.

Giulia strinse con tutte le proprie forze sperando che avrebbe rinunciato ma lui non lo fece.
Inserì molto lentamente il dito dentro, una falange alla volta, sentendola stringersi per il dolore, la figa già strettissima e vergine si strinse ancora di più intorno al cazzo, Alhamba sussultò per il piacere, e perse il senno. Con un dito dentro il culo di lei la scopò velocemente, senza tregua, affondando il cazzo bagnato di sangue e di umori.

Quando si sentì vicinissimo a venire arcuò il dito dentro l’ano della ragazza e lo girò ferocemente dentro di lei, strappandole un urlo e facendole spalancare la bocca.
Giulia sentiva un bruciore atroce dappertutto, si sentiva aperta esposta ed umiliata e proprio in quell'istante il principe emerse dalla bocca della propria schiava e le schizzò in faccia il proprio piacere, riempiendole la bocca e il viso di seme bollente e la osservò ridendo mentre il proprio sperma si mescolava alle lacrime della malcapitata.
Nello stesso istante l’imperatore venne dentro di lei che si ritrovò piena dello sperma di due uomini diversi.

“Vedo che ti piace questa puttana, tienila per te” disse l'imperatore dietro di lei lanciando delle piccole chiavi a Kassandros.
Giulia sapeva cos'erano: le chiavi con cui era stato chiuso il proprio collare e comprese quello che accadeva intorno a lei. Poi improvvisamente Alhamba uscì da entrambi i suoi buchi contemporaneamente facendole più male di quando era entrato.


Io sono Fairy Land e questa è la mia storia di fantasia. Ogni riferimento a fatti o a persone realmente esistenti è puramente casuale.

Scrivetemi per critiche, consigli e suggerimenti all'indirizzo email :p
La mia storia si chiama L'impero dell'Alba e la trovate pure su Wattpad.

Questo racconto di è stato letto 1 2 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto miluracconti harracconti femminilizzazione forzatacconti pornoracconti di zieraccpnti pornostorie di sesso con caniracconti erotici 69.itracconti erotickstorie erotiche incestii pompini di mia madreracconti mariti cuckoldmi chiavo mia cognataracconti schiavi gaysesso storieeracconti eroticiracconti erotici generisex done con animalistorie erotichraccontu eroticiseghe al cinema pornomammatroia.comracconti erotici la professoressaracconti erotici cuckiomilu raccontidonne che fottono con animaliracconto bdsmracconti erotici femminilisesso a tre storieracconti erotici baby sitterfilm porno storieracconti erotici estetistaracconti erotici tetteracconti erotici zoofiliporno raccontiracconti storie eroticheracconti di mamme troiestorie d'incestoracconti sex 69pompino a mio figlionel culo raccontiracconti:eroticiracconti di mogli puttaneerotici racconti.itacconti eroticistorie dincestoannunci69 raccontiho inculato mia nonnastorie eroticheraconti eroticiracconti eteroracconto erosstorie sadomasoracconti porboi piedi della profdonna scopa con animaliracconti porno pretiscambi di coppia raccontiracconti hard 69sculacciate raccontistorie di orgeraccoti eroticiracconti di donne voglioseincesto storie verefeticismo raccontiracconti di donne voglioseerotico storieracconti erotici di una mogliespio mammaracconti brevi di sessoracconti dottoreracconti eoriticiracconti erotici gay bisexracconta eroticimariti cornuti e mogli puttaneracconti pornpracconti eoriciracconti di sesso gratismogli dominantiracconti harracconti gwww iomilusega al cinema pornowww.eroticiracconti.itracconti scopataracvonti pornoraconti gayracontieroticiracconti efotici