Cherry Blue

Scritto da , il 2019-09-09, genere pulp

CHERRY BLUE

Sesso. La sua priorità per il fine settimana è quello. Dopo una settimana di lavoro d’ufficio a trattare con clienti ottusi e stupidi, a mandare affanculo la segretaria che non sa distinguere una graffetta da una spilla, a farsi abbaiare dietro dal tuo capufficio. Dopo una settimana a tornare a casa, dove trovi una moglie che il matrimonio ha trasformata in un’ombra di donna, la faccia secca come una prugna, i seni flosci come sacchetti del rudo, che non te le fa rizzare nemmeno se sei al buio e pensi di farti Michelle Pfaiffer.
E arrivi a casa e lei lì, con un abito da sera scollato, truccata e poco restaurata e ti annuncia: “Sei pronto per la serata hot?”
E senti la libido, già bassa, precipitare in un abisso senza fine. Smorfia, lamento. Valigetta lanciata sul divano. Mangia frettoloso sotto lo sguardo imbronciato della moglie. Lei, quarantaquattro anni e il fisico di una settantenne. Lui, quarantacinque anni e il fisico tonico di un palestrato trentacinquenne. “Ho avuto una settimana del cazzo” disse lui “Ho voglia di uscire e stare per i cazzi miei”
“Ma Will..”
“Esco”disse lui, lasciando la moglie nelle sue delusioni e nella sua mancata scopata settimanale. Quella situazione andava avanti da un mese ormai
Lei pensava che era molto tempo che non si facevano una scopata come si deve. Lei pensava che, forse, il loro matrimonio stava naufragando come il Titanic dopo aver incontrato l’iceberg.

E lui che guida per le strade della tangenziale e pensa a quello che era accaduto in quelle ultime settimane. Tornava a casa dal lavoro, il venerdì sera, stanco, la mente svuotata e la voglia di scopare. E poi si ritrovava la moglie, smagliata in poco tempo. E la voglia d’infilare il cazzo dentro di lei lo faceva sentire come in un dopo sbornia sul ponte di una nave in tempesta.
E usciva. Aveva preso a girare per le vie delle periferie, uscendo dalla città, andando di città in città, per variare, per svagarsi, per cercare qualcosa che..
Sfilata di puttane algerine, magrebine, somale, nigeriane, quasi tutte grasse, alcune magre, alcuni dei cessi peggio di sua moglie, altri belle da togliere il fiato. Ma irraggiungibili. Lui che le aveva sempre evitate per paura di prendere qualche brutta malattia. Non perché erano africane. Perché erano puttane di bassa categoria. Così come le bianche, le cinesi e tutta la varietà che stava in mezzo.
La prima sera che era uscito, aveva conosciuto una piccola puttanella cinese, Lynn. Piccola nelle tette, nel culo, nella vagina. Ma grande fame. L’aveva vista che passeggiava lungo la strada e si era fermato a chiacchierare. Lei gli aveva chiesto un passaggio e si era offerta di fargli un pompino per ringraziarlo. Lui aveva accettato e si era fatto pagare in anticipo. Poi l’aveva lasciata in un angolo di una strada, non ricorda dove
C’era stata Bella. Alta, mora, coi capelli lunghi neri. Una bellezza mozzafiato. Faceva delle cavalcate da paura. E Poi Zaya, una nigeriana che rientrava a casa, ferma alla fermata dell’autobus. Non era una prostituta ma, mettendosi a parlare con lei era saltato fuori il suo desiderio di sfogarsi con qualcuno, uno sconosciuto e fare sesso con lui fino a star male. E lui l’aveva accontentata. Ogni volta che incontrava qualcuna, diventava il miglior sesso di sempre.
Poi, sul giornale aveva riconosciuto la faccia di Bella,il suo corpo nudo lanciato in una discarica alla periferia nord della città, con quattordici coltellate in corpo “Diavolo” aveva esclamato. Fortuna che ho fatto in tempo a scoparmela. Aveva riso di questa cosa.
E poi non ci aveva pensato più. Ogni fine settimana prendeva, usciva, vagava di città in città a cercare il sesso perfetto.
Quella sera in tangenziale, puttane di ogni tipo. Sono le 10 di sera, poco traffico. E nel buio si alza la paletta della stradale. Cazzo che sfiga. Accosta. Patente e libretto. Tutto in regola. Scendere per favore, misura test alcolico. Fregati anche di lì “Va a prostitute?” chiede l’agente
E te lo vengo dire a te? “Vagheggio senza meta, non è reato” rispose
“Cerchi di stare attento a dove vagheggia. Ci sono posti più sociali da andare” risponde l’agente facendolo passare
E lui va, ancora un paio di chilometri. Si ferma ad una tavola calda aperta 24 ore su 24. Piazzale con qualche camion. Dentro camionista assonnati a bere caffè corretti o birra. Un paio di motociclisti. Qualche operaio di una vicina fabbrica chimica. Qualche ragazza carina. Una in particolare, bionda, capelli a caschetto, pesantemente truccata, unghie di laccato rosso. Una boccucia niente male, un fisico attraente. Le tette avranno una misura due e il culetto è strizzato dentro una mini blu che le disegnano le chiappe. Porta una borsa a tracollo e indossa tacchi medi. L’ombelico è scoperto e rivela un ventre perfetto.
Lui sente il cazzo irrigidirsi. Quanti anni può avere? Sedici? Lui ha delle regole. Mai con le minorenni. Anche se, le minorenni del giorno d’oggi…
“Un caffè macchiato freddo” ordina “Posso offrirti qualcosa?” il suo fascino da puttaniere provato
Lei lo guarda appena “Sono in pausa. Se aspetti puoi avermi”
“Spudorata ragazzina. Quanti anni hai?”
“21”
“Sembri più giovane
“Ti piacciono le ragazzine?”
“Solo se maggiorenni”
“Questo è un bene” Compra una bibita, si allontana di poco”vieni a casa mia” invita
Lui la segue, la conduce alla sua auto “Tariffe?”
“Trenta anale e orale. Cinquanta fica. Se vuoi palparmi tette e culo, faccio dieci per coppia. Scopata completa cento euro. Non rilascio scontrini” che spirito la ragazza
“Dimmi dove si va?”
“In fondo alla strada, allo stop giri a destra per circa un chilometro, poi a sinistra e si arriva nel posto dove vado io”
“OK” Guida, la osserva di sottecchi. Seduto vicino a lui, le gambe accavallate,la gonna che è scivolata verso la vita e rivela che sotto non indossa nulla. La radio è accesa sintonizzta su Radio 105. Il radiogiornale parla di politica, crisi di Governo e attentati in Bengladesh. Poi la notizia locale, indagini in alto mare sul misterioso killer della tangenziale “una di quelle la conoscevo” dice lui, tanto per fare conversazione
“Quale?”
“Bella. Gran ragazza”
“Esci sempre in caccia di ragazze da scopare?”
“Solo a fine settimana” risponde lui girando allo stop
“Sei uno scapolo?”
“No. Ma ho una moglie che induce il tradimento ogni minuto che la guardo”
“E vieni in cerca di sesso facile per il tuo ego. O per il tuo cazzo”
“Sì”
Gira a sinistra “Come ti chiami?”
“Cherry Blue”
“Nome carino” dice lui “Che origine ha?”
“L’ho scelto io. Mi piacciono le ciliegie. Mi piace il blu”
“Ciliegia blu. Sarai dolce da scopare”
“I miei clienti non si sono mai lamentati”
“Sei giovane. Da quanto tempo lo fai?”
“Da molto più tempo di quanto immagini” lo dice come se fosse una veterana e lui un pivello
“Quindi, da dove vieni Cherry Blue?”
“Fai tutte queste domande a tutte le puttane che raccogli?”
“Solo per fare quattro chiacchiere. Io mi chiamo Bill, ma poi chimarmi anche Will. Lavoro in un ufficio per tutta la settimana e, quando arrivo al week end, ho voglio di sfogare un po'’ di stress”
“Scopando prostitute” sorride “Non mi chiamo Cherry Blue”
“L’avevo intuito”
“Sono nata con il nome di Celeno. Avevo due sorelle e vivevamo su un’isola della Grecia dove regnava un re cieco. Siamo vissute lì per molto tempo, servendo alla corte di questo re. Alla sua morte venimmo via e decidemmo di girare il Mondo” lui pensa. Che cazzate spara questa qui? Non sarà mica una squinternata come quella Trudy che ha incontrato l’ultima volta?
Trudy, la donna dalla pelle color del carbone, che lo aveva aggredito con un coltello. E lui che si era difeso colpendo la donna in testa usando una pietra. Si era spevantato quella volta. Aveva creduto di essere stato colpito ma, per sua fortuna, la lama d’acciaio aveva preso la sua giacca.
Ma Trudy non era più un problema ed era finita nel fiume scomparendo tra le acque. E questa? Non è che si fa pagare e poi mi fa il fiocco?
Si stanno avvicinando ad un edificio basso e grigio, circondato da una rete metallica. Sopra di loro, una massa di nubi nere aveva preso a vorticare e caricarsi di elettricità “Arriva un temporale” dice lui
“Lì dentro staremo all’asciutto” dice lei “Lavoro lì”
Bill osserva meglio l’edificio e scopre che è il retro della morgue “Ehi, che succede?”
“te l’ho detto, lavoro lì” dice lei facendo tintinnare delle chiavi “Pulisco, tengo in ordine.La puttana è un mestiere di ripeigo. Anch'io ho biogno di sfogarmi. Non avrai mica paura?”
Una voce interna comincia a gridargli di salire in auto e scappare via. Ma l’auto non ne vuole sapere di ripartire e la tempesta si è così trasformata che, non sa perché, disturba le linee di frequenza. Un vento impetuoso ha preso a soffiare così forte da scuotere la pesante carrozzeria della BMW. Foglie in un vortice che si formano come un turbine. Will scorge una faccia ghignante, o è solo suggestione.
Raggiunge Cherry Blue, alias Celeo “Uh, tempo da lupi” si scuote le foglie di dosso “Ma non lavora nessuno qui?”
“Non a quest’ora” dice lei “Vieni” ancheggia fino ad una porta dove c’è scritto magazzino e lo fa entrare. Ci sono teli, qualche lettino vuoto, null’altro. Lei comincia a spogliarsi “Forza” esorta. Nuda e magnifica, tette che sembrano succose pesche e un culo che urla solo ‘Prendimi’
Fu nudo sopra di lei. La prese quasi con forza. Lei asseconda il suo assalto, lo fa entrare in ogni orifizio che possiede. Le affonda le unghie nelle sue spalle. Lui urla ma non molla “Ti farò godere dal dolore”
Lei sorride “Tu sentirai solo dolore”
Lo coglie di sorpresa, il male lancinante e tagliente sul sesso. Come se qualcosa coi denti glielo azzannasse. Si discosta e vede un fiotto di sangue bagnare il pavimento, la pelle è bucata e lacerata “Ma che cazzo?”
La voce di lei è cambiata. Più sottile, stridente. La sua faccia si allunga leggermente e i suoi occhi si riempiono di sangue. Si sentono rumori di ossa spezzate, le dita si allungano a formare artigli. La bocca si riempie di denti lunghi e ricurvi, taglienti come rasoi. I capelli mutano, fluenti e bluastri come una notte di tempesta. I seni si aprono orizzontalmente, come una membrana, rivelando grande occhi rossi e bianchi. E la sua vagina è una bocca oscena irta di denti. Inarca la schiena, le ossa si spezzano, la pelle si apre e due ali da pipistrello fuoriescono e si dispiegano fino a sfiorare il soffitto. E Bill incapace di assorbire quello che vede, impietrito, spaventato, piscio e sperma che si mescolano al sangue: “Credevi davvero che uno sfigato come te, potesse avere la meglio su di me” la voce era un ringhio feroce che soffiava dentro una caverna “Io che sono ciò che il Mondo mi ha dimenticato. Io che sono la tempesta che giunge. Io che sono nata nella lontana Strofade alla corte del re cieco Fineo”
“Stai lontana da me, demone!” urla Will riuscendo a scivolare via
“Non c’è posto dove tu possa fuggire, Bill” urla lei
Lui corre lungo il corridoio, prova le porte, tutte chiuse. L’uscita è bloccata. Fugge, la risata del mostro che la insegue.
Porta che si apre, corpi sotto lenzuola. L’obitorio è intasato. Squittii, rumori di foglie secche che scricchiolano. Inorridito vede topi che sciamano verso di lui, che fuoriescono da sotto i lenzuoli. E le foglie sono insetti che fuoriescono dagli interstizi delle piastrelle “No” fugge. Il volto di Bella lo osserva a pochi passi, le sue ferite slabbrate che sanguinano ancora “Ciao Bill” protende le braccia verso di lui
“No” urla
E c’è Lynn, con il taglio mostruoso alla gola, con la lingua che esce dall’orrida ferita, che saetta verso la sua faccia. Incubo, puro terrore, la paura che scivola via insieme ad altri liquidi del suo corpo. Un ratto gli morde il piede. Lui urla, scappa “Vieni Bill”
Zaya, pelle color carbone, le ferite rosso carne, le braccia protese “Bill” un rantolo di terra smossa e vermi bianchi. L’urlo di una creatura che non esisteva più. Altri volti, altre facce. Un’altra creatura mostruosa avanza strisciando verso di lui, sulla schiena ali simili a quelle di Cherry Blue. Ha la faccia di Sabrina e i capelli come vipere morte. Metà torso è nudo, dalla pelle bianca. L’altro è un colore marrone, con un occhio mostruoso al posto di una tetta “Non scappare” soffiano “Non fuggire” l’aria che si restringe e si dilata “Vieni con noi” Topi, insetti, mostri. Non può fuggire. I denti affondano, la carne si strappa, il sangue viene bevuto “Ciao Bill” Cherry Blue lo morde sulla spalla, i denti affondano, tagliano, bevono sangue, strappano muscoli “mia sorella Ocipete ti saluta..Ah, ma tu la conosci come Sabrina” morde. Sangue, pelle, muscoli
“No” urla “No” urla più forte “No” soffoca, affonda. Come in una mota di fango. Ridono, urlano.
Poi la pioggia lo lava, lui cade nel fango. E’ fuori da quell’incubo, nudo e sanguinante. Corre nudo nel buio rischiarato dalla tempesta.


“Paziente n° 222” dice il dottore Amisani guardando la cartella “Nome vero Guglielmo Massori. Quarant’anni, impiegato di un’agenzia di assicurazioni” fissano l’uomo bendato, imprigionato da una camicia di forza, seduto in una stanza imbottita, lo sguardo fisso nel vuoto.”
“per cosa è qui dentro?” chiede l’infermiere di turno
“Ha sbroccato. La polizia lo ha trovato che vagava nudo sotto il temporale con un coltello in mano e il corpo coperto di ferite”
“Ferite di che genere?”
“I dottori che lo hanno visitato dicono che sono morsi di topi e di cani. Più ferite auto inflitte. Continuava a sbraitare che c’erano dei demoni alati e delle donne morte che lo inseguivano”
“Un altro visionario”
“Dottore?” l’infermiera gli porge una cartelletta e una biro
“Sì e non solo. Nel delirio ha detto che lui ha ucciso tutte quelle prostitute che la stampa ha definito, delitti del Killer del Coltello”
“Sì, ho presente”
“La scientifica ha appurato che, il coltello ritrovato in mano sua, è lo stesso usato nei delitti. C’è il suo DNA, sia lì che sul corpo delle vittime”
“Si è capito perché uccideva?”
“Incolpava la moglie di essere una puttana. Che, tra parentesi, hanno ritrovato in casa sua, fatta a pezzi dentro una vasca”
“Che schifo”
“Quindi, questo tizio ammazza la moglie e si rende responsabile dell’uccisione di altre sei vittime?”
“Sì”
“E poi sballa di cervello e si mette a correre nudo in tangenziale con un coltello in mano?”
“La sua mente ha ceduto e non è riuscito a reggere la sua follia. Prima ho parlato con un giornalista. Da come poneva le domande, sembrava che credesse alle farneticazione di questo pazzo, sul fatto che fosse stato aggredito da un’entità sovrannaturale” ride “Dovrei portare qui anche lui”
“Come si chiama questo tizio?”
“Valerio Stalimbene”
“Uhm. E’ quel tizio che, qualche mese fa, ha scritto di strani delitti che si allacciavano al mito della Fenice. Ma sì, scrive per un giornale che si occupa di questa roba così”
“Demoni e zombie” ride il dottore “tutte fesserie” guarda verso l’infermiera “E’ d’accordo anche lei infermiera Blue?”
Cherry Blue riprende il foglio e la biro e sorride “Pura fantasia di un folle”

Valerio Stalimbene cammina lungo i corridoi della morgue. Ci sono dottori, infermieri, addetti alla sicurezza. Voleva credere di essere incappato in qualche altra strana creatura creduta un mito. L’uomo nudo e ferito che delirava a proposito di un demone e di zombie. Si era fatto una cultura di mitologia in quei mesi in cui era incappato per la prima volta in uno di essi.
Da quello che aveva captato nelle dichiarazioni dell’uomo, sembrava che il Killer del Coltello si fosse imbattuto in una delle arpie menzionate da Virgilio nell’Eneide. Celeno, la sorella meno conosciuta nei miti ma ricordate da Virgilio. Loro erano creature mostruose con viso di donna e corpo d'uccello. Omero parla di due arpie, Oello e Ocipete. Ma Virgilio ne aggiunge una terza.
Esse erano coloro che divoravano i suicidi trasformati in piante, nell’Inferno di Dante.
L’obitorio è pulito, non c’è nulla che lascia intendere che, una o più creature, hanno attaccato Bill. Valerio si guarda intorno nelle sale, passeggia, guarda sui tavoli, sotto i mobili. Ma nulla. Sta per andarsene, qualcosa scricchiola sotto le sue suole. Speriamo che non siano resti umani, pensa. Solleva la suola e guarda al di sotto. Bleah! Spiaccicati sopra di essa, i corpi di alcuni vermi bianchi

La sua mente era un flusso di materia fluida, senza più coesione. Si vede nudo, immerso in una pozza biancastra. Donne nude lo circondano e lo corteggiano. Lui è felice. Lo vogliono, si fanno penetrare. Lo fanno sedere su un masso e, a turno, scopano con lui, eseguono pompini ad arte.
In quel sogno non vuole svegliarsi mai. In quel lago così bianco,simile al latte
Il cazzo gli brucia e sente come se stesse rilasciando il suo liquido. Non smette, come un rubinetto continua a fuoriuscire. Si alza, scoprendo che continua a venire e lo sperma del suo sesso sta formando il lago in cui è immerso
Una voce lo chiama da lontano. Una voce suadente, famigliare. Lui vede una figura gigantesca comparire sopra il lago “Forza Bill, è ora delle tue medicine”
Il sogno svanisce e si ritrova nella stanza imbottita dell’ospedale ove è stato ricoverato “Ho bisogno di scopare” dice
“Temo che non sarà più possibile Bill” sorride l’infermiera rammaricata. Gli sfiora il pacco, una macchia rossa compare tra le bende. Lui focalizza prima la zona del pacco, poi il volto dell’infermiera. Così giovane, con i capelli biondi a caschetto e la bocca da pompino perfetto. E realizza che il sogno e l’incubo non sono nella sua testa. Consapevolmente, l’orrore arriva a precipizio e gli sale in gola come il getto di un gayser. Subito dopo che lei aggiunge “Non ti ricordi Bill? Te l’ho mangiato”
E l’urlo folle e delirante di Bill,il Killer del Coltello, che attraversa i muri imbottiti e le pareti del manicomio, che salgono verso il cielo colmo di tempesta.

=FINE=

((un omaggio dark erotico, che strizza con modestia l’occhio, a mr Lovecraft maestro degli Incubi))


Questo racconto di è stato letto 7 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie mariti cornutiscopata per scommessaracconti erotici pissingporn raccontiracconti erotici travestitidonne che si fanno scopare da animaliracconto massaggio eroticoracconto di un tradimentoracconti per adultiracconto bdsmracconti roticiracconti icestorecconti eroticiracconti e storie eroticheinculando mia sorellaaddio al nubilato orgiascambi di coppia raccontiracconti sex gratiserotici racconti.itracc 69acconti milupornoracconti gratisannunci 69 racconti gayracconti erticiporn raccontiracconti ingestiiracconti di milùmi presti tua mogliestorie eroticheracconti coppie scambisteracconti eroticel'amica di mia ziaraqcconti eroticisesso anale storieeritici raccontierotico raccontistoria porno italianoracconti incetoracconti gratis eroticiracconti erotici italianostorie pornistorie fetishstorie pronoraccontini eroticiraccomti pornosesso di gruppo raccontiracconti e storie erotichesesso con zia raccontiracconti eccitantiracconti eroti iincesto con la suoceraraccontineroticirotta in culo raccontii racconti di guzzonraccoti pornoinculato da un cavalloracconti erotici sul busracconti la suoceraracconti di donne maturestorie con donne matureacconti pornoracc pornracconti porno cornutiracconti sesso gratisi generi di racconti gayraccontitradimentistorie sesstorie porno mammadonne che fanno amore con animalistorie di coppieracconti porno a scuolaraccontieroticoracconti incestuosiporno racconti eroticimagredinoracconti erotici softracconti erotracconti porno sadomasoracconti erotici padre figliasverginamento vaginalegeneri dei racconti eroticiraqcconti eroticiscambio coppie raccontiracconti segheracconti erroticiraconti erosraccontiincestistotie pornoinculato da un cavalloracconti erotici per adultii generi dei racconti gayracconti porno amica