Ricominciamo da Eva

Scritto da , il 2019-09-07, genere etero

Mi sveglio di soprassalto, sentendomi scuotere.
Accanto a me c’è la Giulia, che mi sta accarezzando con decisione la spalla per farmi aprire gli occhi.
- Ciao – mi fa lei – Se ti sbrighi riesci a farti una doccia prima di andare. Abbiamo il Frecciabianca fra meno di un’ora.
Cazzo. Il treno. Si torna a casa...
Mi alzo come una zombie. Avrò dormito un’ora... Forse due.
- Quando siamo tornate a casa sono venuta in camera, ma ho visto che avevi una tipa a letto con te,
così sono andata a riposare con Franci e Mara – mi fa la Giulia con tono casuale – Vi siete divertite?
- Come? – faccio io, barcollando verso il bagno – Oh! Sì, certo...
Carla. Non l’ho sentita alzarsi... Deve aver voluto lasciarmi dormire più a lungo possibile.
- C’era un bel casino in soggiorno – continua Giulia, con tono casuale – Anche un odore abbastanza inconfondibile... Avete fatto anal? Franci era piuttosto disgustata.
Eh... Elena avrebbe dovuto aprire la finestra. Quando scopi non ci fai caso, ma più tardi...
- Fatti i cazzi tuoi. Voi tre non credo che siate state al cinema.
Entro sotto la doccia e apro l’acqua. Giulia, già vestita, mi segue in bagno e si appoggia con le spalle alla porta, continuando a parlare mentre io mi sciacquo di dosso i residui dell’ammucchiata della notte precedente.
- No, certo che no. Siamo andate in discoteca a festeggiare il compleanno mio e di Mara, e Franci ci ha offerto lei l’ingresso e le consumazioni. Io speravo di rimorchiare, ma sai come sono quelle due: i ragazzi fanno schifo a entrambe, così... Ci siamo pomiciate un po’ fra noi, poi siamo andate a finire in un bar per lesbiche a Brera. Carino... Hanno anche dei privé, così ci siamo divertite un po’.
Ma non abbiamo fatto il casino che avete combinato voialtri. Chi era la tipa nel tuo letto?
- Si chiama Carla – la informo, uscendo dalla doccia – Lei e suo marito sono svizzeri, amici di Elena e Guido.
- Sì – fa lei annuendo pensosa – C’era uno con loro nel letto grande. Franci era piuttosto incazzata: pensava l’avessero invitato per te, poi io le ho raggiunte dicendo che il tuo letto era pieno e abbiamo capito che doveva essere una coppia scambista. Come funziona, lei per te e lui per loro?
- Più o meno – glisso io, vestendomi velocemente – Tu dove hai dormito?
- Beh, a quel punto mi sono buttata nel lettone con Franci e Mara.
- E avete dormito?
Lei mi guarda strafottente: - Secondo te?
Sbuffo: - Ma come fai a essere così fresca dopo una notte di bagordi e senza aver dormito per niente?
- Pat, ho diciott’anni!
Ai miei tempi, dopo le loro notti brave i diciottenni dormivano dieci ore al giorno. Tranne io, che facevo la cameriera per pagarmi gli studi. Infatti ho ancora sonno da allora.
- Va bene, facciamo finta che sia una buona ragione. Franci e Mara?
- Oh, loro stanno ancora dormendo.
- Ecco, appunto. E gli altri?
- Guido ti sta preparando il caffè: si è alzato apposta. Elena sta russando, e il loro amico è scomparso, probabilmente assieme alla tua. Che succederà adesso, divorzieranno?
- Non credo – sbadiglio io infilandomi gli stivali – Ma mi par di capire che cambieranno un po’ i parametri del loro rapporto...
- Oh – fa lei, un po’ sorpresa – Come rovinafamiglie sei in ribasso...
Che cara viperotta. Tutta sua madre...

Raggiungiamo Guido che ci aspetta in vestaglia in cucina, e io approfitto grata del suo caffè.
- Sicure di non volere un passaggio fino alla Centrale?
- No grazie – faccio io scolando la seconda tazza senza zucchero – Tu torna a letto con Elena e salutala tanto per me.
- Non vuoi che la svegli? Ci resterà male se non riesce a salutarti...
- No, altrimenti poi come minimo ti fa impazzire per il resto della giornata. Sai com’è se non dorme almeno otto ore di fila...
Lui sorride, riconoscente.
Ci baciamo in bocca sulla soglia di casa, poi noi Visentin ci precipitiamo alla Metro.

Mezz’ora più tardi siamo sul treno, e finalmente ci rilassiamo un po’.
- Allora: racconta!
Sospiro: speravo in un sonnellino sul treno, ma conosco mia figlia e so che se non la accontento mi perseguiterà per tutto il viaggio, così le dico che in realtà non è successo poi molto: ho solo iniziato una coetanea con un marito e due figli ai piaceri di Saffo.
Suo marito voleva fare scambismo e lei era dubbiosa, così mentre lui si divertiva insieme ai nostri amici, io l’ho sedotta. Poi abbiamo giocato tutti e cinque ammucchiandoci in salotto, e le ho insegnato anche a fare i tramezzini... Già che c’eravamo, abbiamo fatto fare anal passivo anche al marito, e abbiamo corso un paio di trenini ben riusciti, tutto qui. Alla fine lei è rimasta così contenta che ha anche deciso di comprarsi uno strapon per inculare suo marito. Insomma, tutto a posto e niente di speciale.
La vecchina che sedeva davanti a noi si sente male a metà storia, e mi tocca anche accompagnarla a vomitare, e per tutto ringraziamento quando passa il controllore pretende di cambiare vagone.
Prima di andarsene mi chiama anche “debosciata”... Immagino fosse una di quelle che pensavano che evitare di parlare di sesso con le figlie le tenesse lontane dalla strada.
Giulia invece trova la storia abbastanza interessante, e ricambia la franchezza con una relazione dettagliata dei suoi giochi con le sue amichette... Non male, devo dire, considerato che hanno fatto tutto solo loro tre senza coinvolgere altri.
Giulia avrebbe preferito allargare il giro, ma Franci e Mara sono piuttosto schive, così hanno ovviato con la fantasia. Spero solo che nessuno le abbia filmate nel pomeriggio al parco Sempione...
Fra Brescia e Verona troviamo anche il tempo di scambiarci qualche tenerezza madre-figlia nel bagno, e quando torniamo ai nostri posti lei mi confessa di aver fatto tanto sesso lesbico questo weekend da averne abbastanza per almeno un mese. Ora può tornare ad occuparsi solo di maschietti, e per fortuna il collegio ne è pieno...
Ecco, è questo quello che intendevo: quante madri hanno una consapevolezza così dettagliata della vita sessuale delle proprie figlie? Il vero segreto è la condivisione!
Riesco anche a schiacciare un pisolino, e la Giulia mi sveglia dopo Mestre, così mi do una rinfrescata prima di arrivare.
Ho una figlia aperta, gentile e premurosa: sono una mamma fortunata...

Scendiamo dal vaporetto al Lido, e da lì al nostro approdo è questione di cinque minuti di bus.
È bello essere di nuovo sulla Serenissima dopo un po’, ed è fantastico per Giulia che non la vedeva da oltre un mese.
La schiava ci fa trovare la cena pronta, i letti rifatti e la barca è linda come appena uscita dal cantiere.
Ci facciamo una doccia calda insieme, poi dopo cena permettiamo alla schiava di fare a entrambe un bel pedicure rilassante nel quadrato.
Offro a Giulia di approfittare anche di quanto altro la nostra Roby ha da offrire, ma lei declina, confermandomi di aver avuto abbastanza fica negli ultimi giorni. L’indomani deve essere in collegio, così preferirebbe passare la notte solo con me... E non necessariamente scopando.
Così, congedata la schiava (un po’ delusa di non dover passare la notte ad accudire la padroncina), ce ne andiamo nel lettone a scambiarci un po’ di coccole.
Mandiamo anche qualche foto a Eva, che sta finalmente rientrando dopo la sua estenuante sessione di esami in Olanda, e lei reciproca subito con una serie di scatti dei suoi giochini a tre con Astrid e Karin.
Hmmm... In fase lesbo anche lei? Non capita spesso.
Replico con qualche snap presa di nascosto con Guido e Piero, e lei replica con una drop box con oltre duecento scatti presi con Kevin e gli altri suoi amici dell’università.
OK, non è in fase lesbo... Decisamente no. Direi più in fase gangbang.
Ognuna sfoga la tensione preesame come può, e lei si ammucchia MMMMF.
Poi, giusto per stuzzicare Giulia, ci manda anche un WhatsApp con una foto di Alex e Karin. Per ovvi motivi (Alex è suo padre, e perfino Eva ha i suoi limiti in fatto di indecenza) non è una scena di sesso, ma l’intimità è ovvia...
Per niente impressionata, Giulia telefona subito al suo uomo e pretende la storia completa.
Sì, è vero: all’inizio è stato tutto uno scherzo per cercare di ingelosire Astrid, poi l’aristocratica austriaca c’è stata davvero e, sì, hanno fatto parecchie scintille una notte in un hotel di Amsterdam...
Mi fa piacere che Karin non abbia rinunciato del tutto agli uomini; del resto è difficile rinunciare agli uomini se hai davanti un esemplare come Alex.
Giulia si congratula con il suo uomo e si raccomanda di tenerla aggiornata su eventuali sviluppi ulteriori, così lei potrà masturbarsi pensando a lui nella sua cameretta al collegio... Conclude con un saluto da parte mia e un bacino affettuoso.
Io provo un breve moto d’invidia: in quanto ganzo di mia figlia e padre della mia compagna, Alex è il solo maschio del pianeta che mi sia precluso a priori... E probabilmente è anche quello che ho desiderato di più in vita mia. Giulia non si farebbe problemi, ma Eva è molto ferma su questo punto, e io devo accettarlo: tutti dobbiamo saperci imporre dei limiti, e nel sesso Alex è il mio.
Pazienza.

Il giorno dopo Giulia torna in collegio, e io sono di nuovo sola a bordo.
Uso la schiava per un paio di lavoretti, faccio un po' di karate in palestra con i miei istruttori preferiti, poi dopo la doccia ceno con i vicini sulla loro barca struggendomi d’invidia per il diamante al collo della moglie.
Vado anche a letto presto, perché domani è un gran giorno.
Domani torna la mia Eva....

***

Quando la sua padrona sale a bordo, la schiava si affretta a correre per leccarle i piedi.
Non è uno dei suoi doveri, ma è un retaggio di quando era solo una cagna, e non ha mai voluto rinunciarci.
Eva la lascia fare con un sorriso tollerante, poi quando ne ha abbastanza le tira un calcio per liberarsene e si getta fra le mie braccia.
Finalmente...

Avventure al mare, avventure in montagna, orge in treno o in città: alla fine tutto mi riporta a bordo della Serenissima e al mio solo, grande amore: Eva...
La sera, dopo una cenetta romantica a bordo, ci rotoliamo nude nel nostro lettone, abbracciate e innamorate come non mai, ansiose di raccogliere qualche dettaglio in più delle rispettive avventure.
Io mi gusto la torrida storia d’amore fra Astrid e Karin, così uguali e così diverse, che convivono adesso in una relazione omosessuale piuttosto burrascosa e che Eva si diverte a rendere ancora più complicata. Ci sono anche le continue trasgressioni di Alex, che a sua volta interviene ad agitare le acque a casa di sua sorella per godersi le grazie di Karin (che a quanto pare non è affatto diventata lesbica, o almeno non del tutto), e naturalmente ci sono tutte le festicciole di gruppo interrazziali di Eva con i suoi numerosi amici maschi all’università.
Quando parlo io, le racconto dei nuovi vicini, delle avventure di Giulia, della riscoperta di suo padre, e delle recenti ammucchiate milanesi; ma quel che le interessa di più sono i nuovi istruttori di karate in palestra: vuole sapere tutto dei miei nuovi amici romeni, e non vede l’ora di conoscerli...
Guardo l’orologio: se non facciamo troppo tardi a scopare fra di noi, magari domani possiamo alzarci abbastanza presto da andare ad allenarci un po’ a metà mattina...

Non ci sono molte palestre al Lido. Sembra che qui contino solo il golf e la vela.
Siamo fortunate ad avere questo piccolo club vicino al lungomare, e non c’è da stupirsi che sia sempre piuttosto affollato.
Ioan è lì, naturalmente; e altrettanto naturalmente è occupatissimo.
Non solo il mio istruttore preferito ha lezione ogni due ore, ma ha anche una coda impressionante di ragazzine in fregola e di mogliettine trascurate che richiedono la sua personale attenzione. Infatti quando riesco ad approcciarlo un secondo da solo e gli faccio capire che ho delle necessità extra sportive, mi fa capire che per oggi proprio non se ne parla.
Ora, io sono una persona ragionevole; capisco benissimo che dal punto di vista di un ventottenne sano e prestante come lui una snella diciottenne con la quarta di seno prende la precedenza su una MILF per quanto in forma, ma piatta e androgina come me. È così che lo informo che non sono da sola, ma ho con me la mia compagna appena rientrata dall’Olanda.
Gli indico Eva che fa tranquillamente i pesi in un angolo, e a Ioan quasi cade la mandibola sul pavimento.
Per fare allenamento, la mia ragazza si è tolta il kimono e si sta esercitando in canotta e pantaloncini. Devo dire che il mio amore è nella sua forma migliore: non ha un solo etto di troppo addosso, si è tenuta in esercizio mentre era con la zietta maniaca del fitness, e anche se non va da un parrucchiere decente da almeno un mese i suoi capelli biondi sembrano una bandiera.
- Quella è la tua compagna? – mi fa Ioan, stupito.
- Già. Quella è Eva.
Lui scuote la testa: - L’ho vista appena ho finito la lezione nell’altra sala, non sapevo che stesse con te... Complimenti: è la ragazza più bella della palestra. Ma non è...
- È come me – lo rassicuro – Ama gli uomini esattamente quanto le donne, forse anche di più... Ed è anche altrettanto promiscua di quanto lo sono io. Ma se non hai tempo...
Lui guarda nervosamente l’orologio, poi mi chiede se per noi potrebbe andare bene vedersi più tardi al bar sul lungomare insieme a Nicolai.
Hmmm... Sì, direi che può andare.

Naturalmente li facciamo aspettare un po’, così non si montano troppo la testa: sono loro i fortunati a poterci scopare, mica noi a poterci accaparrare il loro tempo...
Facciamo anche in tempo a fare una doccia a bordo e a cambiarci, e quando li raggiungiamo al bar sul Lungomare Marconi siamo equipaggiate da acchiappo sotto i nostri giacconi di pelle che ci riparano dal vento che soffia dall’Adriatico: io in camicetta, mini di ecopelle e stivali, Eva con un vestitino bianco senza maniche e sopra il ginocchio, autoreggenti e sandali neri con tacco sei (di più e rischia di finire per terra). Così, quando ci togliamo i giacconi i due maschi si rendono conto che l’attesa è stata giustificata...
Ci facciamo offrire un aperitivo analcolico adeguato al loro budget tanto per dar loro la sensazione di dirigere il gioco, poi Eva ne ho abbastanza di preliminari sociali senza troppo costrutto (vogliamo scoparli, mica metterci insieme con loro), e suggerisce di andare sulla Serenissima a fottere come animali.
Loro sono per l’appunto due animaloni da monta, e dopo un breve istante di confusione approvano entusiasticamente.
Dieci minuti e siamo al calduccio nel quadrato della nostra barca, intente a pomiciare con i nostri due ragazzoni: io con Ioan ed Eva con Nicolai, almeno per cominciare.
Mentre facciamo lingua in bocca, Ioan mi infila una mano fra le gambe, cominciando a ravanare sotto la minigonna in cerca del pelo, ben consapevole del fatto che non porto le mutandine.
Apro le cosce per agevolargli il compito, e le sue dita cominciano a frugare nel boschetto bagnato.
- Hmmm... – gemo, sentendomi aprire le valve mentre l’altra mano mi tira un capezzolo attraverso la camicetta e la lingua mi rotea in bocca.
Allungo una mano anch’io fino al suo pacco e comincio ad aprirgli la patta con brevi movimenti esperti, finché non ho saldamente in pugno la sua erezione.
Le nostre lingue roteano liberamente mentre ci masturbiamo a vicenda, già pronti per l’accoppiamento...
- Oohhh! Aahhh...
Eva mi ha preceduto: si è già impalata a spegnimoccolo sull’arnese tostissimo di Nicolai, e adesso sta già caracollando su di lui, baciandolo appassionatamente mentre lui le sprimaccia le tette ancora coperte dal vestitino bianco.
Non ci sto a rimanere indietro, così mi stacco da Ioan per montarlo anche io: mi volto, sollevo la mini sui fianchi e mi siedo su di lui dandogli le palle in una “reverse cowgirl”. Mi godo la penetrazione sentendo il bel cazzo del mio uomo che mi riempie la fica, poi mi reclino all’indietro più che posso e giro la testa per dargli nuovamente la lingua mentre comincio ad andare su e giù.
Lui risponde al bacio, e mentre io comincio a pomparmi sul suo uccello mi sbottona la camicetta denudandomi i seni per poi strizzarli forte.
- Aahhh... – esalo io quando mi tira ferocemente i capezzoli nudi – Sì, mi piace!
Mi piace, ma mi piacerebbe ancora di più se...
Mi sollevo di nuovo in piedi, mi succhio due dita e me le infilo nel culo mentre il mio amante sposta il cazzo di quel tanto che basta... Poi mi abbasso di nuovo, calando il mio bucone spalancato sulla verga durissima del mio maschio e spedendomici sopra senza esitazioni.
La tremenda erezione di Ioan mi allarga il culo e ci affonda dentro con relativa facilità, strappandomi un grugnito di dolore: adesso ce l’ho nelle budella fino in fondo...
- Puttana... – mi sibila lui nell’orecchio, ricominciando a strizzarmi le tette e a torcermi i capezzoli gonfi mentre io riprendo ad andare su e giù per godermi meglio il suo cazzone nel culo.
I tonfi ritmici delle nostre chiappe sui corpi muscolosi dei rispettivi amanti risuonano nel quadrato assieme all’ansimare dei maschi e ai nostri gemiti strozzati; Eva e io ci scambiamo qualche rapida occhiata, eccitandoci entrambe nel vedere l’altra impalata sul rispettivo cazzo del momento.
So che Eva ha l’orgasmo molto più facile di me, così mi porto una mano fra le gambe e comincio a masturbarmi il clito per accelerare la venuta e non restare indietro...

Adoro andare in giro a far danni assieme alla Giulia, e sedurre Carla è stato dolcissimo, romantico e tremendamente erotico... Ma fottere come una cagna assatanata è la cosa che più mi fa sentire femmina. Femmina nel modo più brutale, animalesco, primitivo del termine...
Femmina insieme a Eva.
Allungo la mano libera in direzione della mia compagna, e lei me la afferra nervosamente un attimo prima di toccare il cielo con un dito...
Gridiamo entrambe il nostro orgasmo, impalate sui cazzi del momento, stringendoci per mano.
Ancora insieme...

Questo racconto di è stato letto 2 6 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti gratis gayporno ita netracconti erotici zoofiliastorie pornostorie erotic eracconti erotici zoogenere racconti eroticiracconti di sesso con la nonnaracconti di sesso con animaliracconi pornofratellino ti faccio un pompinoi generi racconti eroticistorie travestititrasgredire xvideosi raccomti di miluracconti erotocoracconti di mariti cuckolderotici raccontosculacciate storieracconti eroticiùstorie di crossdresserracconti erotici natalestorie poraconti eroticeracconti incesti gayracconti erotici diraconti erotici gayraccont gaysuocere scopate dai generistorie di feticismoeroriciraccontierotici taccontierotica raccontiho sverginato mia sorellageniv racconti eroticimi ha pisciato in boccaracconti di suocerespio mammaracconti gay la prima voltastorie erotiche realiracconti fetishracconti erotici con la nonnaracconti eroriciracconti veri hardstorie erorichestorie porno cuckoldraconti eroticoracconti erotico gayeroticiracconti.itracconto erotico moglieracconti ertoticiracconti di sculacciate erotichemi presti tua moglieraccontitradimentiracconti incesizia footjobraccontigaystorie di incesto vereracconti porno mogliracconti eroti cimi inculo la suocerapiringeoracconti ewritermia moglie esibizionista al mareracconti nutillaho scopato mia nonnaracconti porno animalii raccontidi milustorie di pornoracconti piccanti gratisracconti 69 incestoracconti gay stuproracconti eroticostorie di scambistiracconti erotici in autobusscambio di coppie 69erotico storieracconti dominazione transracconti erotickgay al cinema pornoracconti 69 tradimentiracconti eroticjracconti porno zoofiliaracconti erotici cineseracconti poroprime inculateracconti pormoracconti porboracconti pororacconti incetuosiracconti gay annunci 69come masturbarsi yahooincesti zieracc sessracconti erotici di travestiticognata raccontoracconti erotici animaliracconti di mistressracconti porno lesbicheconfessionale erotico