La storia continua - Parte 3

Scritto da , il 2019-09-02, genere orge

La ripartenza di Piero e dei nonni com'era prevedibile mi buttò abbastanza a terra moralmente,
mi consolava però che inaspettatamente durante l'ultimo week end avevo scoperto di avere
un potente alleato: mia nonna Susanna. La cosa importante era che avevo trovato in lei
non tanto una persona che mi avrebbe "coperto" con Piero, ma quanto una donna adulta
con cui confrontarmi davvero, chiedere consiglio o semplicemente sfogarmi. Stavo male se ricordavo a come avevo pensato cosi male di lei fino a pochi mesi prima, quando scoprii la sua relazione proprio con Piero nel periodo in cui io e lui facevamo del sano sesso ma senza di fatto stare insieme; pensai della nonna cose orribili in confronto a come Lei era davvero, ma non potevo conoscere alcuni retroscena di lei e mio nonno, quindi avevo interpretato quella cosa come una squallida situazione di tradimento coniugale in se.
Le settimane passavano, si avvicinava l'inverno e quindi il Natale, l'autunno lo passai male,
infatti avevo perso l'occasione per andare con Jessica, la mia amica di Torino, giù in toscana
con la scusa di andare a vedere delle sagre perchè purtroppo mi ammalai, una di quelle influenze che in quegli anni iniziarono ad arrivare dall'est mi mise ko per 2 settimane, trattandosi poi dell'anno della maturità scolastica i w.e. successivi dovetti studiare molto per recuperare.
Passato il periodo burrascoso, più o meno a fine autunno, prima settimana di Dicembre, io e Jessica ci trovavamo per passare il w.e. insieme a Milano, naturalmente dormii a casa mia, avremmo approfittato della settimana della fiera degli obej obej per girare un pò Milano :
"Bea ma hai pensato a come passare Natale e Capodanno ? Cosa volete fare tu e Piero ? "
" Sto cercando di convincere i miei ad andare giù dai nonni ma loro non sono dell'idea,
vorrebbero organizzare con dei loro amici e poi la settimana di S.Stefano vogliono andare a sciare, ho già detto loro che però non mi interessa, io voglio tornare da Piero, mi manca tantissimo".
La scuola stava andando bene ed i miei mi accontentarono, l'arrivo delle vacanze scolastiche invernali mi permetteva di tornare tra le braccia del mio amato, ci sarebbe stata anche Jessica che non vedeva l’ora di godersi la casa vacanze dei suoi genitori che d’inverno preferivano puntare verso la valle d’Aosta.
Il giorno dopo la chiusura delle scuole per le vacanze di Natale partii in treno per arrivare a Grosseto, mia Nonna, che mi aspettava a braccia aperte, chiese a Piero se poteva venire a prendermi quella sera....naturalmente Piero non aspettava altro anche se davanti a mio nonno si limitò ad un :" certo nessun problema ".
Quella sera alla stazione di Grosseto Piero mi fece uno scherzo, riconobbi il suo pick-up, lui accostò e abbassando il finestrino :
" Ciao sventola, quanto ti pigli per una mezz’oretta ?"
anche se inizialmente sorpresa riuscii a trattenermi dallo scoppiare a ridere e stetti al gioco:
" 300 mila lire in macchina 400 in albergo e l'albergo lo paghi tu"
Piero: "ammazza quanto costi bella morettina "
Aprendo il cappotto e mostrando meglio il corpo risposi : " bello mio la qualità si paga se no fai da solo. Allora che vuoi fare ? Vuoi divertirti con una bella femmina o preferisci la tua mano ?"
Piero: “ mmm, senti ho una proposta, oggi è venerdì, saresti disposta a passare con me tutto il week end ? “
Bea: “ Certo nessun problema, ma naturalmente ti viene a costare ancora di più, io devo pagarmi l’università. Se mi vuoi per due milioni resto con te fino a Domenica pomeriggio e puoi possedermi tutte le volte che vuoi ed in tutti i modi“.
Piero: " Accidenti, in tutti i modi hai detto ? Va beh, mi faccio un bel regalo di Natale, sali dai "
Salita sul pick-up ci ridemmo sopra e ci avviammo verso il paese.
Quelle vacanze di Natale furono bellissime, passai poco tempo a casa dei nonni dove comunque passavo per farmi vedere e salutarli; in realtà stavo ufficialmente a casa di Jessica, dove naturalmente non mancavano le occasioni per scatenare le passioni e le piccole perversioni sessuali mie e sue, dopo poche sere dal mio arrivo a casa sua mi fece davvero una bella sorpresa…
Io e Piero stavamo tornando verso la casa di Jessica, era ancora presto per la cena ma decidemmo di vagliare le proposte su cosa mettere sotto i denti con Jessica e naturalmente con Carlo, il fratello di Piero, che alla mia amica non avrebbe fatto mancare nulla sotto le lenzuola.
Entrammo in casa e andammo nella camera da letto a cambiarci e metterci comodi, in realtà inizialmente pensammo di essere soli ma poi sentii dei rumori, uscii dalla camera e notai la luce dallo spiraglio della porta della camera dove Jessica e Carlo avrebbero passato le loro notti di fuoco; scoprii dopo, che volutamente non era stata interamente accostata.
Pensai : “ vuoi vedere che quei due sono di nuovo dietro a…ecco appunto”, sorrisi, dallo spiraglio potevo vedere Jessica, completamente nuda, che si stava masturbando seduta sul letto rivolta verso di me, mentre lei abbastanza decisa maltrattava quel clitoride e di volta in volta si penetrava con le dita, Carlo le offriva generosamente il suo sesso, mi pregustavo un bello spettacolo mentre Piero dietro di me mi osservava scuotendo la testa : “dai lasciali in pace “, mi disse sottovoce, “ E’ lei che ama farsi guardare ed io amo spiare, lo sai, che male c’è ? “, Anche se in passato aveva partecipato, più o meno per caso o per forza, a lui non piacevano più di tanto queste situazioni, quindi tornò in camera.
Tanta era l’eccitazione che sentivo invadere il mio corpo nel vedere il corpo di Jessica prepararsi al coito con Carlo...e con...un altro ragazzo ! Non lo avevo potuto vedere perché era fuori dal raggio visivo che lo spiraglio mi concedeva ma sbucò fuori un altro ragazzo, non molto alto, biondiccio, leggermente grassoccio, era già nudo e con il membro in erezione, si avvicinò ai due amanti ed iniziò a tamburellare con il suo fallo i piccoli seni di Jessica alternando a questo uno sfregamento dello stesso sui capezzoli.
Beh questa proprio non me la potevo perdere, Jessica decise di sdraiarsi e li mi vide seminascosta, il solito sorriso di intesa tra noi e poi una volta sdraiata prese in bocca di nuovo un pene, questa volta era quello del biondiccio. Naturalmente Carlo non aveva intenzione di soddisfarsi da solo, di certo non era quello il programma del trio, infatti allargò le esili cosce di Jessica e la penetrò, come faceva per bene suo fratello con me, lo fece con un lento ma ben deciso movimento. Vidi che la penetrò fino in fondo, Jessica ebbe un sussulto, poi Carlo iniziò il balletto del dentro e fuori, si fermò per farla girare di fianco, in questo modo lei era più comoda per continuare ad assaporare il fallo di quel biondiccio a me sconosciuto. Il ritmo aumentò, e conoscendo Jessica capii che aveva già goduto del suo primo orgasmo. Si fermarono un momento per farla riprendere ma il gioco era appena iniziato, per lo meno lo speravo dato che anche io avevo iniziato a bagnarmi, là in basso ero un disastro, le mutandine ormai appiccicate alla mia passera, provai a passare una mano e c’era tanto di quel brodo da dissetare un esercito. Il trio riprese poi con la ginnastica da letto, questa volta era il biondino a possedere Jessica, lui si era sdraiato e lei lo stava cavalcando, ma non vedevo Carlo, si stava riposando per gustarsi lo spettacolo ? Eccolo ricomparire, ha in mano un tubetto di crema, lo conosco bene è la stessa che uso io con Piero e pensai “ ormai anche Jessica è navigata con il sesso anale “, io non potevo più trattenermi però, ritornai a far visita alla mia vagina con la mano ma...qualcosa mi fermò, un’altra mano, quella di Piero che si era messo dietro di me, mi allargò le labbrone con le dita, poi con le stesse mi penetrò mentre ero china ad osservare Jessica vidi a questo punto Carlo che metteva un pò di crema sul suo fallo e una quantità importante di crema anche sulla sua mano, Jessica interruppe la sua cavalcata sul biondiccio ma senza sfilarsi dalla vagina il membro su cui era seduta; si chinò in avanti e Carlo le preparò il buchetto, un bel pò di crema sulle dita che iniziarono ad esplorarla anche li dietro, avrebbero preparato il passaggio di qualcosa di molto più grosso.
Pensai che a quel punto il biondiccio si sarebbe tolto da sotto Jessica invece lei stessa lo esortò : “stai fermo Ivan, dai tempo a Carlo di entrare “, adesso sapevo il nome di quel ragazzo,
Carlo puntò la clava di carne sul buchetto della mia amica e iniziò a spingere, Lei...voleva a tutti i costi la doppia penetrazione.
Piero intanto mi masturbava, mi baciava il collo, facevo fatica a stare in piedi china in avanti mi appoggiai con le mani allo stipite della porta per cercare di non cadere e intanto osservavo quella scena incredibile, Carlo ormai era entrato completamente dentro Jessica ed iniziò a stantuffarla, Jessica : “Ivan che cazzo aspetti ? L’autobus ? Avanti scopami ! “.
Ivan riprese quindi a spingere, i due montoni si muovevano a ritmo, mentre usciva uno da davanti l’altro entrava dietro e viceversa, vedevo Jessica sconvolta dal piacere che stava provando. Ivan da sotto le tirava i capezzoli, pensai che facesse male ma Jessica era troppo presa dal godimento, di lì a poco sarebbe venuta per la seconda volta. I ragazzi fecero per uscire dal corpo della mia amica ma lei li fermò : “ no niente sperma in bocca, venite dentro “, i due ripresero con forza ma erano ormai alla fine anche loro e bastarono pochi colpi. Carlo si sfilò dall’ano di Jessica che alzandosi poi dal letto si tolse anche il membro di Ivan dalla vagina :
“ mi avete farcita come un bignè porca troia, devo andare in bagno “. Io e Piero ci allontanammo velocemente entrando nella nostra camera, adesso toccava a noi a noi darci da fare, raramente era così irruente ma la scena a cui avevamo appena assistito aveva sconvolto anche lui, mi fece inginocchiare e tirò fuori il suo pene, mentre cercavo di dare sollievo alla mia topina glielo presi subito in bocca era durissimo, non capivamo più niente tutti e due. Restando in ginocchio mi girai e mi appoggiai con le braccia sul letto, lui mi alzò il gonnellino, nemmeno mi tolse le mutandine, me le spostò per quel tanto che bastava per appoggiare il suo sesso contro il mio.
Piero non spingeva, non capivo, perché non entra ? Mi girai verso di lui, sorrideva, quel sacripante voleva che lo implorassi : “ il mio stallone ha dunque bisogno che la sua femmina lo preghi perché faccia il suo dovere ? “, Piero con una finta prepotenza mi diede una spintarella alla spalla per farmi girare e questa volta entrò dentro, le sue braccia appoggiate al letto quasi a sdraiarsi su di me, voleva entrare fino in fondo, lo sentivo muoversi, sentivo le sue spinte aumentare di intensità, non ce la facevo ad aspettarlo e raggiunsi il paradiso; dovevo pensare anche lui, inarcai quindi la schiena ed aprii un pochino le gambe, Piero iniziò a spingere più forte, era eccitatissimo, tanto che ad un certo punto mi girai con la testa “Piero !!!!”.
Sentii dentro di me che stava venendo anche lui, si abbassò con la bocca all’altezza del mio orecchio “ Perdonami amore, non sò cosa mi sia preso, ti ho fatta male ? “
“no ma avresti potuto “ gli risposi sorridendo, “ sto bene amore non preoccuparti “.
Come se nulla fosse accaduto dopo neanche una mezz’oretta io e Jessica stavamo preparando la cena ed i nostri uomini erano in sala a bersi un aperitivo : “ Jessica non mi avevi preparata a questo ! “
“ volevo farti una sorpresa Bea, e comunque dovresti provare anche tu con due maschi, c’è stato un momento che godevo così tanto che non capivo se ero già venuta oppure se stavo per venire! “
il biondiccio si era già dileguato e noi quattro dopo cena ci saremmo visti un film, del quale mi persi tutto perché nella mia mente continuavano a farsi vive ben altre immagini: la mia amica Jessica che si faceva possedere contemporaneamente da due maschietti, “chissà che altro avrebbe potuto inventarsi” pensai.

Questo racconto di è stato letto 1 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie erticheracconti annuncio69racconti dominazione transcognata raccontoracconti maturagay porno storieraccomti gayracconti sesso incestola sorella perversaracconti eoritciracconti erotocistorie ponostorie femdomracconti di esibizionismostorie erotic ewww.eroticiracconti.itracconti rapporti analinuovi racconti pornoracconti erotici femdomracconti feticismo piediinculata atroceracconti moglie zoccolai racconti di mikuracconti di camionististorie 69racconti erotici d'autore69raccontiraccobti eroticirqcconti eroticiincesto confessioniracconti veri di sessostorie di inculatestorie sexracconti erotici coppiestorie feticismo piediracconti di sogni eroticiracconti masturbazionestorie fetishraccontipopadrona tortura schiavoraccomti eroticiracconti pirnoracconti erotici verei segreti della ziaraccontipoerotica raccraconti pornoincesti nonnestorie di incestiracconti gratis gayzia raccontoracconti erotici videoracconti scatracconti erotici signoraracconti erotici gay stuproracconti erotticiracconti di sessstorie erotiche amatorialierotici racconti incestoracconto erotico clistereracconti la suoceraracconti etoticistoriw pornostorie erotiche gratisracconti cockuldstorie erotichho scopato mia nuoraincesti fraterniracconti lesbiciracconti maritiracconti piccanti gratisracconti e video eroticistorie di sesso incestogay al cinema pornoracconti di sesso al cinemastrapon raccontiracconti di zoofiliaincesto racconti veristorie sesso gratisstorie erotiche pornoracconti feetraccondi eroticiracconti erotici nerostorie di straponfiga brodosaracconti incrstiracconti erotic iracconti erotici proibitiracconti eroiticiracconti di sesso tra parentiporno racconti eroticiraccpnti pornoracconti eorticisesso con mia cognata