Faust di Venezia.

Scritto da , il 2019-09-02, genere masturbazione

Tremenda l'umidità a Venezia in novembre!
Uscendo nella calle Faust si avviluppò nel pesante tabarro che indossava, sulla testa pelata portava un caldo zuccotto di lana. Si diresse verso casa nel Ghetto degli Ebrei, distante un mille passi. Il suo umore era pessimo, ancora una volta non era riuscito a spulzellare la giovanissima Margherita, una splendida tosa bella come il sorgere del sole in primavera sulla laguna! E ancora una volta aveva pagato invano il privilegio di avere la sua verginità, verginità che aveva prenotato dalla mezzana della ragazza.
-Stò ostia de cazo che non vol rizzarse!-
Brontolò rabbioso!
Eppure la desiderava da morire! A casa a pensarla gli sembrava che il cazzo tirasse e immaginava di godere la ragazza, bella come di più non era possibile!
Certo che gli dispiaceva lo sprecare dei soldi ed erano tanti! Lui ne conosceva l'importanza degli “schei”, lui che ne aveva venerato e adorato l'esistenza già da ragazzo e ora ne possedeva così tanto di denaro che non sarebbe riuscito a spenderlo tutto neanche impegnandosi! Ne aveva nascosto sotto il pavimento, ne aveva nascosto nelle pareti, ne aveva a deposito nei vari banchi della città da dove lo prestava a strozzinaggio. In più aveva interessi rilevanti nelle società che gestivano le galee mandate a commerciare in oriente e in mille altre imprese.
Insomma era un uomo ricco e potente a Venezia!
Ma non tanto potente sessualmente da sverginare Margherita... pensò con rabbia!
Aveva provato di tutto, alchimie strane proposte dagli erboristi mezzi maghi, infusi di mandragola fino ad esserne quasi avvelenato! Niente... il cazzo come si preparava per scoparla si ammosciava come cera al calore del sole.
Eppure la desiderava, la spogliava, la baciava e accarezzava tutta, passava la bocca avida e un po' bavosa sui capezzoli, sul ventre e a contatto con la sua meravigliosa conchiglia ancora chiusa, le aveva chiesto di provare a prenderglielo in bocca per vedere se gli si induriva ma il suo cazzo mollo schifava Margherita che non voleva saperne, ribadiva che o riusciva a sverginarla o l'avrebbe data ad un altro!

Faust non era sposato, non aveva mai voluto donne in giro per casa, salvo Pepa... una donna fedele come una perpetua ad un prete, che cucinava e teneva casa, ma le amava le donne e nella sua particolare graduatoria alcune donne erano seconde come valore solo al denaro.
Le aveva sempre comprate o circuite con il miraggio irresistibile di una vita agiata. Ma aveva una sua preferenza assoluta, la quale gli impediva ogni precauzione e diventava persino prodigo, infatti aveva speso cifre per lui iperboliche per avere la loro verginità, essere il primo uomo che ficcava il cazzo in quel pertugio paradisiaco difeso dall'imene era quanto di più lo faceva godere!
Quante ne aveva deflorate? Neanche ricordava il loro volto e numero, ma tante e tante.
Mentre entrava nel ghetto si rassicurava di non aver fatto brutti incontri, ormai Venezia era infestata da malfattori. Non era ebreo, era di origine levantine e non aveva principi religiosi ma stare in mezzo a gente che aveva i suoi stessi interessi gli dava sicurezza. Mentre svoltava in Calle Ghetto Vecchio trovò sui suoi passi qualcosa che era disteso a terra che quasi lo fece cadere.
Era un cane sdraiato che ostruiva il passaggio. Gli allungò un calcio rabbioso.
-Maledeta bestiaza imonda! Te lego na corda al colo co na piera e te buto nel canal!-
Il cane si raddrizzò sulle quattro zampe e si stirò con calma. Era una bestia strana e vedere in quegli occhi baluginare riflessi di fuoco spaventò fortemente Faust e poi il sentirlo parlare?
-Buona sera Faust... ti stavo aspettando. Dimmi... come è andata con la tua nuova fiamma? Come si chiama? Ah... si, Margherita.-
Faust riuscì a balbettare solo poche parole...
-Chi sei? Cosa vuoi?-
Mentre il cane parlava poteva vedere le lunghe e affilate zanne.
-Oh... vuoi arrivare subito al punto, eh... Faust? Va bene... come vuoi, sono il Diavolo, Mefistofele in persona e ti aspettavo per proporti un baratto...-
-Un baratto...? Quale?-
-La tua anima! In cambio del ritorno della tua potenza sessuale, se accetti... riuscirai a scardinare ogni tipo di imene e... durerai nell'amplesso come quando avevi vent'anni!-
-La mia anima? Possiamo parlarne... ma non qui, seguimi, la mia casa è qui vicino... ma probabile che già lo sai dove abito.-
Un minuto dopo bussava forte ad una porta rinforzata con barre di ferro.
-Chi è?-
-Sono il paron, apri!-
-O santi del cielo! No no... paron, non la vogio la bestiaza in casa, mandala via...-
-Muta tu! O ti bastono! Portami da mangiare e del vino nel mio studio e una ciotola d'acqua al can.-
Poco dopo ripresero il discorso.
-Allora Mefistofele... dicevamo, la mia anima alla mia morte in cambio di poter restare vigoroso come a vent'anni per quanto...?-
-Fino alla morte... Faust-
-Ma se non sono religioso! Non vado neanche a messa!-
-Oh... lo diventerai se non intervengo, poco prima di morire diventerai un vero baciapile mangia particole e lascerai tutto il tuo avere alla Madonna della Salute! Ma se la tua anima l'avrò io... questo non potrà succedere!-
-Come posso essere sicuro che... manterrai la parola? Che il cazzo mi tirerà fino ad allora?-
-E' nel contratto... e ora ne avrai una prova...-
Faust senti un fremito al ventre e lo sentì crescere e spingere con prepotenza contro il tessuto delle braghette che indossava, guardò il proprio inguine e vide qualcosa di assolutamente straordinario! Il suo cazzo era in tiro come mai era successo. Fece cadere le braghette fino a terra e si ammirò.
Oh... che gran cazzo aveva!
Ora davvero poteva godersi quella splendida troietta di Margherita e finalmente avere la contropartita per tutti i soldi spesi.
-Accetto!-
-Devi firmare il contratto con il sangue...-
E magicamente fece apparire una pergamena sulla quale figuravano alcune righe scritte.
Faust la prese e la lesse con attenzione come era uso fare e trovò il contratto corretto e regolarmente redatto.
-Dove devo firmare?-
-Qui...-
Faust si punse il dito e sulla goccia di sangue intinse la punta della penna d'oca... e firmò.
Il Diavolo ritirò la pergamena, l'arrotolo e prese per andarsene.
-Ne voglio una copia...-
Chiese Faust e il diavolo la fece comparire, eguale a quella appena firmata da Faust.
-Mettici la tua sigla...-
E subito apparve un lampo di fuoco che impresse sulla pergamena il marchio del diavolo.
Poi lo accompagnò alla porta.
-A presto rivederci... Faust...-
E Faust facendo gli scongiuri...
-Si, al più tardi possibile...!-
Raggiunse poi la sua stanza da letto in preda alla frenesia, voleva riguardarsi con calma. Nulla poteva dargli più piacere del suo ritrovato vigore sessuale.
Si stese sul letto e prese ad ammirarsi rapito.
-Ma quanto sei bello... e forte! Ho il cazzo di un toro!-
Si ripeteva mentre faceva scorrere la mano lungo l'asta rigida come ferro e ricoperta da vene apparentemente pronte a scoppiare! Si copriva e scopriva il glande tirando forte la pelle del prepuzio.
-Domani... domani avremo Margherita... la più bella vergine di Venezia e sarai tu, saremo noi a goderci il suo spulzellamento! L'apriremo a forza quella meraviglia di conchiglia! E tu... la riempirai del nostro seme! Chissà se non la ingravidiamo al primo colpo quella troietta! Ora... ora mostrami come mi fai godere...-
Prese a masturbarsi forte, con violenza, salvo fermarsi a tratti per scappellarsi con ancora più determinazione. Quando sentiva arrivare l'orgasmo si fermava del tutto e stringeva forte la base per fermare l'eiaculazione. Infine si lasciò prendere dalla necessità impellente di godere e portò a fine la masturbazione. Sborrò una infinità di sperma in aria che poi ricadde su di lui stesso! Ne era coperto... cosce, ventre, petto e addirittura delle gocce sul viso, gocce che leccò con soddisfazione!
Aveva eruttato sperma come un vulcano la lava!
Si rivestì parzialmente e riprese la pergamena dell'accordo, aprì il forziere dove teneva conservata la sua corrispondenza più riservata.
Ripose quindi la pergamena accanto a quella simile già esistente e rinchiuse con cura il forziere.
Poi scosse con forza la testa...

-Devono avere un gran casino all'inferno! E Mefistofele? Sarà diventato vecchio, imbolsito e rimbambito, che dire? Neanche ricorda che gli ho già venduto l'anima quarant'anni fa! E allora in cambio della ricchezza. Ma che m'importa poi? Tutto quello che viene a mio beneficio mi va bene. Ora ho da pensare a Margherita e alla sua figa d'oro! Mi è costata quanto una galea da trasporto ma quanto è bella? E domani me la godo...-

E si mise serenamente a dormire.

Questo racconto di è stato letto 1 5 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti disessoracconti padre e figliaracconti di sesso gratisracconti ricattatala vacca di mia moglieracconti erotici culo rottoho rotto il culo a mia suoceraracconti porno in trenoracconti erotivicuckold feliceracconti car sexracconti eorticiracconti erotici zio nipoteracconti di fantasie eroticheraccomti eroticidonne che si fanno inculare da animaliracconto porno gaymammeincestuoseerotico raccontiracconti cornutoprimo ditalinoracconti erotici sul buserotiraccontiracconti zoofiliracconti di masturbazionefeticismo forumstorie erotichrracconti veri sexraccontiporacconti erotici freeracconti erotici scambio coppieracconti ricattoerotici raccpntiraccontierotici.itincesti nonne nipotiracconti di cazzi in culoracconti porno di donne matureracconti eorticiracconti ballbustingwww.racconti pornoracconto sadomasoracconti milùracconti erpticiracconti straponstorielle hotracconti erotici con il caneracconti analestorie erotiche 69storielle eroticheracconti erotici safficiracconti porno ziaracconti eroti ii racconri di miluracconti feticistiracconti tradimenti pornoracconti a luci rosseracconti erotici cornaracconti luci rosseracconti erotici di vita realeracconti erotici cunnilingusracconti erotici annuncio 69eros raccontiracconti sesso donnedilatare anoracconti di sesso con caniracconti erotici ragazzaraccontizoofiliastorie porracconti erotici gay stuprodilatare anoracconi eroticiracconti primei piedi di mia suoceraracconti erotici sui piediracconti erotici vissutiuomini bsxstorie sesso realiracconti prime esperienze sessualiracconti eroyiciracconti cukracconti sesso con nonnaerotici taccontimoglie infedele raccontiertici raccontiraccontti eroticiracconti di donne maturei racconti di milerotici racconrirscconti eroticiracconti porno bdsmracconri eroticistorie poenomamma ingravidata dal figlioputtana racconti