L'ultima donna del Famèi.

Scritto da , il 2019-08-27, genere etero


Inverno 1910/11. La contessa.

Non che pensassi che le cinquanta lire durassero in eterno ma erano state per un po' di tempo una specie di sostegno e viatico virtuale alle mie vicissitudini, che avevano poi visto una serie di lavori saltuari e mal pagati e il mio subire la fame e il freddo.
Con l'inverno avevo trovato una sistemazione presso un deposito-rivendita di legna e carbone. Pochi centesimi al giorno di paga ma potevo dormire nella baracca del deposito dato che facevo anche il guardiano contro i furti notturni, mentre durante il giorno provvedevo alla consegna della legna e del carbone che trasportavo con un carretto spinto a mano.
Il deposito apparteneva a una contessa che aveva il palazzo vicino al deposito, si vendeva la legna dei suoi boschi e il carbone di legna prodotto dai suoi carbonai. La prima delle mie incombenze giornaliere era proprio rifornire il palazzo di legna e di carbone, sia la cucina che le stanze, pulire le varie stufe e caminetti, venivo trattato con molta sufficienza dal personale di servizio che per la nota sindrome della "mosca cocchiera" si riteneva nobile di riflesso e di molto superiore a me, ma di positivo c'era che potevo approfittare dei numerosi avanzi dei pranzi nobiliari e mi sfamavo.
Succedeva che l'ultima delle mie incombenze nel palazzo consisteva nel pulire e rifornire il caminetto della stanza da letto della contessa, lei già uscita.
Quel giorno rientrò inaspettatamente e prese a spogliarsi ignorandomi completamente, si rivestiva, si spogliava nuovamente, faceva toeletta senza badare a me come se fossi invisibile e inconsistente. Io che ogni mattina notavo le coltri del letto disposte disordinatamente e immaginavo eccitandomi che ci fosse avvenuta una battaglia estenuante di sesso.
La contessa era una donna che viveva in quel momento le sue cinquanta primavere che portava splendidamente, ora lei discinta io guardavo con concupiscenza nascosta le sue grosse cosce, il largo culo e il seno abbondante. Da quanto avevo recepito dai discorsi delle domestiche godeva di uno straordinario vigore e appetito sessuale e non mancava notte che qualche baldo ufficiale non prendesse piacere con lei.
Si era autoproclamata "Madrina di Guerra" e assieme ad altre dame sue simili assistevano gli ufficiali dei vari reggimenti che avevano stanza nella città. C'era un particolare entusiasmo patriottico in quel momento, alimentato anche dal poeta Giovanni Pascoli e si parlava di una imminente guerra contro i turchi per conquistare la Libia, considerata la nostra "quarta sponda" e italiana da sempre visto che erano stati gli antichi romani a denominarla così.
Quindi inviti a cena agli ufficiali, feste e nel caso della contessa… lunghi e interessanti momenti di sesso, anche orgiastici, dove la nobildonna si esprimeva al meglio.
Il Reggimento che godeva della sua attenzione era quello dei Bersaglieri, valenti e aitanti soldati… e validi amanti.
Chissà cosa spinse la nobildonna ad interpellarmi dopo che mi aveva bellamente ignorato.
-Giovanotto...-
Mi alzai prontamente e la guardai rispettosamente.
-Si, Signora Contessa...-
-Come mai non sei militare? Un giovane prestante come te!-
-Non lo so... Signora Contessa...-
-Avvicinati...-
Feci alcuni passi verso di lei che si era seduta sul letto e mostrava completamente e senza pudore le sue grosse tette.
-Più vicino...-
Mi portai quasi a toccarla con le mie gambe e lei? Portò la sua mano al mio inguine e lo palpò quasi in maniera professionale, forse come faceva con i suoi stalloni in campagna quando prendeva in mano il loro sacco dello scroto per misurarne la potenza generativa.
-Sei ben fornito e hai delle cosce muscolose, saresti un bellissimo bersagliere...-
Ero alquanto confuso e non riuscivo a spiccicare parola ma in cambio mostravo una erezione più che evidente.
-Uhh... e devi avere un gran cazzo... sembri un toro!-

Mai avrei potuto immaginare una cosa simile, una nobildonna che parlava come una puttana di bordello! Avrei capito successivamente che per lei era solo una immersione nel mondo plebeo, solo una ulteriore esperienza sessuale per soddisfare la sua sensualità non soddisfatta dal piacere provato con l'amante della notte.
Fu lei stessa a calarmi i pantaloni presa da una foga animalesca e dopo un attimo di ammirazione verso il mio cazzo enormemente teso e leggermente curvo verso l'alto, lo prese in mano scappellandolo completamente e iniziò a baciarlo.
-Uhm... adoro e mi eccita la puzza ferina del tuo cazzo, un cazzo non lavato da una eternità che sa di piscio e di sborra vecchia! Lo adoro... e mi manda in bollore il sangue! Vieni che te lo devo mangiare!-
Lo mangiava davvero il cazzo! Riusciva a introdurselo completamente in gola e succhiava, mordeva, leccava e baciava, dall'uretra prese a scorrere un po' di liquido precoitale che lei leccava con assoluta libidine.
Sentivo che non sarei durato neanche un minuto se continuava così e l'avvisai...
-Signora Contessa... sto per godere...!-
-Che aspetti mio bel toro? Sborrami in bocca che ti bevo!-
E si mise a lavorarmi il cazzo con maggior vigore e mi liberai nella sua bocca! Era da un po' che non godevo, che non mi masturbavo e svuotai completamente le mie palle gonfie! Mi inarcai e spinsi il cazzo completamente nella sua bocca mentre sborravo!
Inghiottiva tutto e per continuare dopo riprese a leccarmi lungamente il cazzo che non mostrava cedimenti. Si stese sul letto con le gambe aperte e mi tirò su di se.
Oh... di nuovo quella sensazione mentre le entravo dentro! Mentre lo ficcavo finalmente di nuovo in una fica calda e bagnata! Ora che avevo goduto potevo durare per tutto il tempo che volevo! E volevo far godere lei... la donna che stavo possedendo che ora aveva perso ogni parvenza di nobiltà e smaniava e gemeva come una qualsiasi femmina vogliosa di cazzo. Ah... se la feci durare quella scopata! La sentivo godere mentre affondavo in lei! Mentre la riempivo del mio cazzo duro. Le palpavo le grosse tette, grosse come mai ne avevo viste e toccate neanche al casino, mentre le tenevo le grosse chiappe e la tiravo forte a me, verso il mio cazzo affamato.
I suoi orgasmi? Oh... si che godeva! Eccome! E mi incitava con un linguaggio scurrile da puttana di casino a scoparla sempre più forte e io lo facevo! Mi sentivo un toro... io il toro e lei la vacca! Alla fine sborrai in lei nuovamente e fu di nuovo un mare di seme quello che le misi in fica.
La sua fame non si placò assolutamente e ricominciò il suo lavoro di bocca, mi si mise sopra strizzandomi il cazzo bagnato fra le grosse tette per arrivare poi a mettersi nella posizione del 69 offrendomi la sua fica. In un primo momento questo mi fece senso, non volendo bere proprio il mio sperma portai la bocca sul suo buco del culo, sapido e odoroso e questo mi fece nuovamente diventare il toro che lei voleva, il cazzo riprese pienamente vigore mentre lo succhiava. Ora le spingevo la lingua nel culo e lo sentivo aprirsi, diventare morbido e ricettivo, superai la mia resistenza e passai a leccare, mordere la fica, bevevo la mia sborra, mordevo le grosse labbra esterne e le tiravo in fuori, le spingevo dentro la lingua per quanto potevo e la scopavo, presi a succhiarle forte il grosso clitoride, questo la faceva smaniare sulla mia bocca. Mordevo sempre più forte tanto da farla impazzire. Aveva smesso di succhiarmi il cazzo e tutta la sua attenzione era rivolta alla mia bocca che la torturava! Gli orgasmi? Quelli di una vera multiorgasmica, orgasmi sia clitoridei che vaginali, prima una serie ravvicinati e brevi e poi l'esplosione in uno potente e duraturo, per poi ricominciare. Era la Donna nata per scopare! Mi resi conto che poteva soddisfare tutto il corpo ufficiali del reggimento e non solo. Questa poteva fare la puttana da sola in un casino senza fatica.
Non smettemmo certo! Si era disposta in ginocchio sul bordo letto offrendomi il suo grosso culo, un vero mappamondo di carne morbida e liscia. Cominciai dalla sua fica e presi a penetrarla con forza e continuai per un tempo infinito, violente montate sulla sua groppa tenendola forte per i fianchi, era troppo larga la fica ed era bagnatissima e non ero sicuro di riuscire a godere, lo tirai fuori e provai a vedere la sua reazione appoggiando la cappella al suo buco, lei spinse il culo verso il cazzo mostrando di gradirlo, lasciai perdere ogni timore e scrupolo e spinsi forte. Non oppose la minima resistenza a prendermi dentro, evidente che lo faceva con continuità e mi scatenai in una inculata che diventò parossistica! Spingevo e lo tiravo fuori per poi infilarlo con tutta la mia forza e sentivo i suoi gemiti che rispondevano ai miei grugniti. Le strizzavo forte i grossi capezzoli oppure le strofinavo violento il clitoride per farla godere.
Lei godeva e me lo faceva sentire.
Finì così quel pazzo amplesso sborrando per la terza volta dentro il suo grosso culo. Poi ambedue sfatti e ansimanti crollammo sul letto.
Lei oscenamente aperta che perdeva sborra dal culo! Altro che contessa pensai allora, sei una puttana!
Mi congedò... dicendomi.
-Stanotte avrò qui nel letto il Colonnello Comandante del Reggimento, gli parlerò di te, gli chiederò di arruolarti... dimmi, sai leggere e scrivere?-
-Si... Signora Contessa...-
Le distanze abissali di classe fra noi erano tornate ad erigersi.
-Bene... avrai quasi subito un grado superiore, domani mattina te lo dirò e avrò bisogno del tuo cazzo di toro, quello del Colonnello non riuscirà certo a soddisfarmi... vai ora...-
Ripresi il mio ruolo e tornai alle mie mansioni, in cucina mi aspettavano le occhiate maliziose delle servette ora interessate e curiose e un cospicuo piatto di avanzi della cena della sera precedente, avanzi che divorai.

Alla fine mi aveva donato una splendida scopata e le ero grato, e lei?
Per lei... entusiasta!Si vedeva partecipare attivamente alla guerra rifornendo i ruoli dei Bersaglieri con baldi giovani soldati.

Ottobre 1911. L'ultima donna.
Sbarco a Tripoli..
Arruolato grazie all'interessamento della Contessa, passai tutta la primavera e l'estate nel campo d'addestramento, vita dura, molta disciplina ma di positivo c'era che si mangiava e in abbondanza. Tanto esercizio fisico e corse infinite e poi l'istruzione sull'uso delle armi, ma non era una vita sgradevole, quasi subito ricevetti i gradi di caporale solo per il fatto di sapere leggere e scrivere. E con il soldo potevo andare al casino regolarmente e scopare.

Il nostro Reggimento sbarcò assieme ai fanti di marina e dopo aver conquistato Tripoli ci insediammo nei fortini delle oasi di Sciara Schatt e Hennè. Noi dell'11° Bersaglieri e quelli dell'82° fanteria. Non ancora pronti militarmente fummo attaccati da milizie turche preponderanti e spalleggiate dalla popolazione tribale. Parte del Reggimento fu sospinto verso il cimitero e qui dopo strenua resistenza fu costretto alla resa. Furono catturati così circa trecento dei nostri compagni e quando con una decisa reazione riprendemmo la posizione trovammo un vero massacro. I nostri compagni morti con le mani e i piedi tagliati, alcuni crocifissi e torturati.
Ci fu quindi una azione di rappresaglia verso il villaggio e per tre giorni lo passammo a setaccio, uccidendo sul posto chiunque avesse un'arma, anche un semplice coltello e purtroppo devo confessarlo… commettemmo molteplici stupri... rispondemmo alla violenza con altrettanta violenza...

Lei... la giovane araba era molto bella, di stirpe nobile, figlia del Caid berbero ed era appena fuori dalla pubertà ma comunque già donna nel suo mondo, ancora vergine e fui io a rubargliela la verginità, forse aveva partecipato al massacro dei miei commilitoni o forse no ma in quel momento ero diventato una bestia ebbra di sangue e di lussuria che doveva scaricare nel sesso violento la propria febbre di vendetta.
La spinsi a terra e le strappai i vestiti, nuda cercò ancora di difendersi con i denti e le unghie ma senza alcuna possibilità contro la mia forza, inserii una mia gamba fra le sue costringendola ad allargarle e poi... la lotta per penetrarla, il suo divincolarsi e la mia voglia, infine l'attimo nel quale le rubai la verginità infrangendo il suo imene e il suo successivo e repentino abbandonarsi disperata al pianto e io che soddisfacevo il mio bisogno bestiale di maschio svuotandomi dentro di lei...

Mentre mi rialzavo e rinchiudevo i pantaloni la sentii dire rabbiosamente qualcosa nella sua lingua e poi alcune parole in uno stentatissimo italiano...
- ti leverò gli occhi...-
La lasciai così, aperta e sanguinante e tornai ad uccidere, ancora non avevo saziato il mio bisogno di vendetta.

Prendemmo quindi noi Bersaglieri posizione nel fortino di Hennè, una oasi a sud di Tripoli... e dei miei ultimi momenti posso solo scrivere fino a quando ebbi vita...
Fummo attaccati da un reggimento di regolari turchi che presero posizione davanti a noi e alle spalle da migliaia di arabi, uomini e donne armati di ogni cosa atta a uccidere, bastoni, sassi, coltelli e spade, in breve fummo soverchiati e a nulla servì il nostro combattere, erano dieci o venti contro uno di noi... impossibile resistere.

Cosa ricordo degli ultimi momenti?
Lei... la giovane araba che avevo violentato.
Io legato e lei che mi tagliava la bocca da un orecchio all'altro, mi piantava il coltello nell'inguine e poi... io ancora cosciente, mi levava gli occhi e finalmente perdevo conoscenza e non soffrivo più...
le sue ultime parole...
-Saranno i miei orecchini!-

L'ultima donna del Famèi, morto a neanche vent'anni.

Questo racconto di è stato letto 2 0 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti animal sexracconti madre figlioracconti erotici zoofiliamasturbarsi con spazzolino elettricoracconti erotico incestoracconti erpticiracconti donne inculateracconti erotici bullracconti smracconti erotici generiraccontiporstorie di pornoi generi racconti gayracconti di milferotici raccpntisesso a tre raccontostorie travestitiracconti erotciwww racconti eroticicamionisti arrapatimariti cornuti e mogli troieracconti porno ginecologostorie x adultistorie feticismoraconti porno69raccontistorie porno cuckoldracconti erotici prima voltaracconti eoriticracconti erotici napolistorie pornpracconti porno genivstrip poker raccontiracconti guzzon 59racconto eroticisesso racconti eroticiracconti prima esperienzaracconto incestuosoracconti ballbustingsuocera raccontiscambisti storieraqcconti eroticiracconti incesto ziaeriticiraccontii racconti di minuracconti porno costrettaracconti porno zoofiliaracconyi pornoracconti erotrscconti pornoraccontipornograficiorsi italiani raccontiracconti ragazzi gayracconti erotici sottomessaracconti erotic iracconti roticistorie erotichracconti dal dottoreracconti pirnoclitorodegeneri racconti gayerotiraccontiracconto sesso a treracconti eroticissimistorie erotiche piedieros raccontiracconti pprnostorie di escortracconti gay al mareracconti erotici gitaracconti-eroticiconfessioni incestuoseracconti erotici grannyracconti erotici con il caneracconti erotici cornaracconti guzzon59incedti