Una calorosa amica di infanzia (Seconda parte)

Scritto da , il 2019-08-26, genere prime esperienze

Un paio di giorni dopo aver rincontrato Monica nei pressi dell’università, ero concentrato sui libri quando squillò il telefono. Mi alzai contrariato dalla scrivania e andai a recuperare il telefono che era appoggiato sul comodino. Mi sdraiai sul letto e risposi: “Pronto!”. “Ciao! Sono Monica! Ti disturbo?”.
La voce vellutata ma vivace di Monica mi fece immediatamente tornare alla mente il nostro ultimo incontro e provai un brivido profondo frammisto di eccitazione ed emozione.
“No, stavo studiano…” risposi cercando di nascondere il fatto che le stavo mentendo. “Allora ti disturbo; vuoi che ti richiami in un altro momento?” disse Monica con un tono tra il gentile ed il dispiaciuto.
“No, no, dimmi pure: mi fa molto piacere sentirti!” le risposi mettendomi più comodo sul letto.
“Davvero? Pensavo che il nostro ultimo incontro ti avesse turbato o magari offeso. Non vorrei che avessi avuto l’impressione che ti abbia voluto usare per togliermi un capriccio. Ci siamo a malapena salutati l’altro giorno quando sei andato via…” disse Monica con tono dolce e suadente.
“Beh, non ti nascondo che l’ho pensato, ma è stato bello ed eccitante ciò che abbiamo condiviso. All’inizio ero molto imbarazzato: non mi ero mai mostrato nudo ad una ragazza prima di allora, per non parlare del fatto che non mi sarei mai sognato di farmi osservare mentre mi masturbo, ma poi sei stata brava a farmi sciogliere in quel modo… non me lo sarei mai aspettato da una ragazza come te! Mi hai fatto davvero godere!” risposi con sincerità.
“Mi fa piacere sentirlo, ero un po’ preoccupata di aver perso un amico dopo quello che è successo…” rispose Monica con voce sollevata e più distesa.
“Al contrario Monica, dal mio punto di vista la nostra amicizia si è consolidata: sento che adesso abbiamo una maggiore complicità e confidenza… non so come definirlo… ho l’impressione che non sia stato solo sesso… mi sembra che si sia stabilito qualcosa di tenero, come se il nostro incontro fosse stato il prolungamento dei nostri giochi pre-adolescenziali di quando venivo a fare i compiti a casa tua…” la confortai io.
“Hai ragione Giorgio, anche io ho avuto la stessa impressione: sono stata bene con te, ma hai detto bene: è stato un gioco, che però mi dispiacerebbe interrompere, anche se, come ti ho detto, sono fidanzata da qualche mese con un altro ragazzo. Ho però l’impressione di non tradirlo a frequentare te, mi sembra quasi di giocare con un fratello, non so, è una sensazione strana e piacevole allo stesso tempo” aggiunse Monica lasciandosi andare ad una tenera confidenza.
“Beh, non esageriamo, proprio come fratello e sorella non direi!” risposi io con tono leggermente ironico.
“Ma dicevi che ti dispiacerebbe interrompere il nostro gioco… cosa intendevi esattamente?” continuai cogliendo la palla al balzo e lasciandomi andare alla leggera eccitazione che stava montando in me a seguito di questa coinvolgente chiacchierata. Allungai la mano libera dal telefono verso il basso ventre per andare a verificare fisicamente l’erezione che stava salendo, costretta nei pantaloni. Accarezzai il mio pacco divaricando leggermente le gambe per dare più spazio al mio cazzo che iniziava a gonfiarsi.
Monica evidentemente si accorse che nell’ultimo minuto mi ero distratto e rispose:” Cosa stai facendo Giorgio, è entrato qualcuno in camera tua?” “No, no, non c’è nessuno in casa a parte me… stavo ricordando ciò che abbiamo fatto due giorni fa e… beh, mi sto eccitando…” ebbi il coraggio di confessare.
Non potei più resistere ed abbassai lentamente la cerniera dei pantaloni, infilai le dita nella fessura ed iniziai ad accarezzare il mio cazzo attraverso il tessuto degli slip.
“Ma non hai risposto alla mia domanda, Monica: cosa intendi dire esattamente quando affermi che ti dispiacerebbe interrompere il nostro gioco!” insistetti, reso più audace dall’eccitazione che cresceva in me.
“Davvero ti stai eccitando mentre parli con me?” rispose Monica con un tono misto di stupore e sensualità. “E cosa stai facendo esattamente?... Dimmi dai, ma voglio la verità, non inventare!” continuò con tono sempre più divertito ed eccitato.
“Davvero lo vuoi sapere?” chiesi io per prendere tempo e farmi coraggio. “Sì, è ovvio, dai… non essere timido, raccontami cosa stai facendo, dimmi dove sei, come sei vestito, voglio sapere tutto!”
“Okay, ad una condizione: che anche tu mi racconti cosa stai facendo!” risposi io con un leggero moto di orgoglio. “Anche se non hai ancora risposto alla mia domanda” continuai facendo finta di essere offeso.
“Dai racconta!” mi incalzò ancora Monica.
“Beh… ti ricordi camera mia? Mi sembra che ci fossi venuta un paio di volte qualche anno fa” iniziai io.
“Sì, me la ricordo abbastanza bene”. “Ecco, allora immaginami sdraiato sul mio letto, con la testa appoggiata sul cuscino e le gambe leggermente divaricate e distese. Tu come sei messa, invece?” chiesi io per stuzzicarla.
“Io sono seduta alla scrivania” rispose Monica. “E come sei vestita?” chiesi ancora. “Indosso un pigiama corto e leggermente largo, bianco con dei disegni verdi. E tu come si vestito?” chiese Monica lasciando trasparire una leggera eccitazione nel tono della voce.
“Io ho una maglietta bianca ed i jeans. E tu cosa stai facendo?” azzardai chiedere.
“Mi fai arrossire, Giorgio, ma ti ho promesso di stare al gioco, quindi sarò sincera: mi sto accarezzando i capelli, sollevandoli da dietro il collo con una mano e lasciandoli ricadere sulle spalle. Il movimento del braccio verso l’alto fa sollevare il mio seno; sento il cotone della mia maglietta scorrere dolcemente sui capezzoli, e dei leggeri brividi attraversano il mio corpo concentrandosi in mezzo alle mie cosce.”
“Wow” non potei fare a meno di esclamare. “Sei forte Monica! Non ti facevo così ardita e sensuale, mi stai davvero emozionando!” “Solo emozionando?” rispose Monica con un lieve accento ironico. “No, lo confesso, mi sati eccitando da morire… vorrei essere lì con te per poterti osservare da vicino” risposi. “Così mi piaci!” si lasciò andare Monica.
“Ma dimmi, tu cosa stai facendo, Giorgio… voglio eccitarmi anche io!” riprese Monica in modo deciso.
“Io mi sto accarezzando in mezzo alle gambe, ho abbassato la cerniera dei pantaloni già da un po’ e sento crescere l’erezione attraverso il cotone, un po’ come senti tu sui tuoi capezzoli, credo!” risposi io sinceramente.
“Fantastico! Proprio come l’altra sera! Mi piace immaginarti mentre lo tiri fuori, lo sai fare in un modo estremamente sensuale...” disse Monica emettendo un leggero gemito di piacere. “Dimmi quando lo tiri fuori: mi fa impazzire!” esclamò.
“Adesso mi slaccio la cintura… sto sbottonando il bottone ed allargando le tese dei jeans… Sei pronta? Ho infilato due dita tra l’elastico degli slip e la pancia… vado giù lentamente… vedo i primi peli del mio pube uscire allo scoperto… la cappella del mio cazzo si è impigliata nell’elastico e man mano che scendo sta facendo curvare l’asta verso l’alto… il gonfiore degli slip è massimo: il mio cazzo dentro gli slip si erge ortogonalmente al mio corpo…” raccontai io mentre eseguivo tutti questi movimenti che non facevano che aumentare la mia eccitazione.
“Sei fantastico Giorgio!” mi sentii dire da Monica.
“Io ho lasciato cadere i capelli all’indietro sulle spalle, mi sono appoggiata allo schienale della sedia con la testa leggermente inclinata, con la mano libera mi accarezzo il collo… i lobi delle orecchie… torno ad accarezzarmi il viso, …mmm… ho inumidito le dita con la lingua… scendo di nuovo lungo il collo reclinando la testa all’indietro e sporgendo il busto in avanti… sento l’erezione dei capezzoli crescere contro la maglietta del pigiama… non resisto più… faccio scorrere la mano dentro la scollatura e vado in cerca del mio seno sinistro… non indosso il reggipetto, quindi gli giro intorno, passo il palmo della mano alla sua base e lo sollevo lentamente… Sento il turgore aumentare nella mia mano ed il capezzolo che strofina delicatamente contro il tessuto… ecco, finalmente lo vedo balzare fuori dalla scollatura… l’aureola del mio seno è completamente irrorata, sensibilissima… il capezzolo si erge dritto verso di me… lo porto alla bocca ed inizio a leccarlo delicatamente… mmm”. Monica si interruppe come sopraffatta dal piacere.
“Oh, Monica! Non resisto più! L’elastico dei miei slip scorre lungo l’asta del mio cazzo sempre più inclinato verso i miei piedi… è alla base della cappella, la quale offre ancora una leggera resistenza alla sua liberazione… vedo le mie palle roteare alla base del mio cazzo impaziente di uscire allo scoperto… sta cedendo… la pressione dell’elastico mi accarezza la base della cappella… mmm… scivola… scivola… è libero! Con uno scatto è ruotato verso di me a causa dell’erezione… intravedo l’interno dalla cappella attraverso il buco del prepuzio… appoggio l’elastico degli slip alla base delle palle che si comprimono leggermente… mmm! Sposto la mano alla base del glande e faccio scorrere la pelle verso di me per completare l’erezione…” racconto io sempre più eccitato dall’immagine di Monica che si accarezza e si lecca il seno.
“Scappellalo!” mi ordina Monica autoritaria dall’altro capo del telefono. “Agli ordini, mia signora” rispondo io con tono falsamente sottomesso.
“Vado! Sto stingendo il mio cazzo con il pugno chiuso lungo l’asta… la cappella ancora coperta dal prepuzio fa capolino tra le mie dita arrotolate alla sua base… abbasso la mano… la pelle si tende… si allarga, ecco, vedo la cappella farsi largo tra le pieghe della pelle… è rossa, quasi violacea… vedo la fessura sul glande… una goccia biancastra fa capolino sulla punta… È scappellato, la pelle è tutta arrotolata alla base della cappella. Contenta?”
“Oh, sì!” esclamò Monica riprendendo la parola.
“Mi stai facendo eccitare! Sento uno strano calore in mezzo alle gambe… non lo avevo mai provato così intenso… sono costretta a divaricare le cosce per far entrare un po’ d’aria… le labbra sono leggermente incollate l’una all’altra: devo essermi già bagnata… le sento separarsi mentre allontano le cosce e questo concentra le mie sensazioni su un nuovo turgore che sta insorgendo alla loro radice poco più in alto… mi sfilo la maglietta: ho troppo caldo… strizzo ancora una volta prima un seno poi l’altro… un’ultima leccata ai capezzoli… i brividi si concentrano sul mio basso ventre: lo sento tremare… non resisto più… faccio scivolare la mano dal seno giù, lungo il ventre fino all’attaccatura della coscia sinistra… passo sopra i calzoncini, mi spingo fino al ginocchio, poi lentamente torno indietro, non posso fare a meno di scostare l’orlo della gamba sinistra del pigiama… ho la figa scoperta! solo una leggera peluria nera la sovrasta sopra il pube…”.
“Monica, ti desidero!” non potei fare a meno di esclamare. “Ho iniziato a masturbarmi lentamente ma con movimenti ampi, profondi… quasi volessi far scorrere il mio cazzo tra i tuoi seni raccolti nella tua presa. Mi massaggio la base della cappella energicamente, incluso il frenulo… la prima goccia di liquido si è straformata in un piccolo rigagnolo che fa una spuma bianca sulla cappella…!” ripresi a raccontare.
“Anche io ti desidero! Immagino il contatto caldo e delicato delle tue mani e del tuo pene sul mio corpo! Inizio ad esplorarmi… il medio della mia mano sta scorrendo dall’alto verso il basso, sento i peli del pube scorrere sotto il mio polpastrello che li spettina… eccolo finalmente il rigonfiamento tanto agonizzato: avverto il mio clitoride premere contro il mio dito in cerca di soddisfazione… gli passo sopra una prima volta scivolando verso il basso… mi faccio strada tra le grandi labbra, tenere e carnose, appena sporgenti… piego il dito ed entro nel mio corpo! Come è caldo e viscido! Affondo il dito fino alla radice e non riesco a resistere dal piegare in avanti la prima falange in cerca di una scossa di piacere che non tarda ad arrivare! Estraggo lentamente il dito facendo scorrere la mia mano sulle labbra e sul clitoride che come il tuo cazzo si scappella aggiungendo altro piacere…”
“Io non posso fare a meno di accelerare ed intensificare il massaggio sul mio cazzo! Monica, così mi farai venire in un baleno!” la interrompo.
“Non ti azzardare! Te lo dirò io quando potrai venire: cerca di controllarti!” mi risponde lei lasciandomi interdetto.
Sono costretto a fermarmi: lascio la presa del mio cazzo e lo osservo pulsare leggermente, tutto bagnato, mentre Monica continua a raccontarmi cosa succede nella sua stanza.
“La mia mano ha iniziato a scorrere su e giù, dentro e fuori la mia figa. Ad ogni passaggio faccio roteare il polpastrello sul clitoride e sgrilletto con la punta del dito quando sono in fondo alla mia vulva. Sento il mio corpo pulsare, arrotolarsi e distendersi intorno al suo centro… sempre più intenso… sempre più ampio… del liquido biancastro ha impregnato la mia mano e scorre sulla sedia… mi sembra quasi che il mio corpo voglia srotolarsi e rigirarsi come un calzino intorno alla mia figa… immagino il tuo cazzo che la riempie completamente… masturbati Giorgio, vai! Voglio che tu venga con me!” esclamò Monica sempre più coinvolta dagli spasmi del piacere che montava dentro di lei.
Afferrai nuovamente il mio cazzo che non aveva perso vigore e ripresi a masturbarmi finalmente libero di dare sfogo al mio piacere. Immaginavo Monica, seduta sulla sedia della sua scrivania con le gambe divaricate, la sua figa che si intravedeva tra la stoffa dei suoi pantaloncini scostati da un lato, che si dava piacere facendo scorrere la sua mano dentro e fuori il suo corpo. Sentii la sborra raccogliersi alla base del mio cazzo mentre Monica ormai non faceva altro che ansimare dall’altro capo del telefono.
“Ah… ah… ah, sì! Ci sono!! Mi sembra di avvertire il bisogno di fare la pipì che appare e scompare ad impulsi!” esclamò Monica quasi in preda al delirio. “Non la trattengo più! Il mio dito sta cercando al mio interno il punto per liberarmi e svuotarmi! Sborra per me, Giorgio, vai, lasciati andare!” singhiozzò Monica come se avesse perso il controllo di sé stessa.
Accelerai il movimento della mia mano concentrando la pressione alla base della cappella cercando di pompare la sborra che saliva fori dal mio cazzo. Pochi istanti dopo avvertii all’altro capo del telefono un profondo ma composto ululato provenire dalla gola di Monica, accompagnato dal rumore di un liquido che si rovescia a spruzzi sul pavimento.
Questo mi diede il colpo di grazia, inarcai il bacino, rilassai i muscoli del cazzo e lasciai eruttare dalla sua cappella una serie di fiotti di sborra che nell’eccitazione del momento mi colpirono in viso ed inondarono il mio ventre. Anche io mi lasciai andare e ansimai profondamente nel telefono senza poter trattenere il piacere.
“Monica, stai bene?” le chiesi quando mi fui ripreso appena un poco.
“Sì! È stato magnifico! Grazie! Ma è successa una cosa incredibile: ho fatto spruzzi di pipì dal piacere… non mi era mai capitato prima!”
Avevo letto poco tempo prima un articolo che spiegava i dettagli dell’orgasmo femminile, e soddisfatto del livello di eccitazione che la nostra telefonata aveva causato in Monica, le spiegai di cosa si trattava. Rimase allibita!
“Adesso ho risposto alla tua domanda?” mi chiese Monica prima di riattaccare.

Questo racconto di è stato letto 2 2 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di sesso e tradimentiraccinti pornoracconti di mia moglieracconti incesto lesbicoeroticiracconti gratisstorie sexyracconti porno+racconti primeracconti eroticiiiomilu comstorie di e per adultistorie erotic eracconti i miluracconti scambistirqcconti eroticiracconti e confessioni eroticheerotici racontigenitori che scopano con i figlinonna culo rottoracconty gayracconti bisex gayracconti erotici adultii piedi di mia moglieraconti eroticoracconti coppiaracconti di masturbazioneracconti di sesso con caniracconti di sesso tra parentieroticiracconti.itracconti di bdsmracconti erotoci gayracconti erotici nonna e nipoteracconti erotici softsi fotte la cuginaracconti erotici la nipotei generi di racconti inceatoracconti sroticiracconti di ragazzi gayracconti erotici schiavaracconti lesbo matureraccconti eroticiracconti aroticiscopami poi ti spiego facebookraccontihotraconti picantimoglie troia storietroie scopate da animaliracconti erosstorie vere di sessoracconti di mogli infedeliracconti gay fistingracconti gay schiavoracconti di una ninfomaneeroticaraccontiincesti con la ziaracxonti eroticiracconti erracconti porcelliracconti erotici famosimia nipote mi fa una segaracconti erotici madreracconti sadomasoracconti erotici a69storie eccitantimia mamma è una troiaracconti fistingraccontierracconti di mogli che tradisconostorie erotic eracconti amicaracconti gay annunci69racconti erotiracconti piediniracconti erotici con nonnastorie di ragazzi gaywww.eroticiracconti.itstorie erotiche vissuteracconti suocereracconti visita ginecologicaracconti eroticvistrorie pornoracconti io miluracconti coppiastorie di guardonieacconti eroticiracconti milfracconti erotici gang bangracconti erotricinel culo di mia suocerawww.eroticiraccontiragazza scopa con caneracconti erotici nonniscambio di mogli tra amiciracconti figa69 racconti eroticinonna troia raccontistorie di adultiraconto pornoracconti di mamme troie