Un incontro inaspettato.

Scritto da , il 2019-08-25, genere etero

Ero ancora sconvolta per la fine della mia storia d'amore con R. La distanza aveva vinto e gli 800km che ci separavano avevano pesantemente influenzato la nostra relazione. Ero ancora innamorata di lui ma ero troppo ferita per poter anche solo pensare di tornare indietro. Per svagarmi un po' scaricai Tinder, una celebre app. Avevo semplicemente bisogno di un po' di cazzo per cercare di guarire dalle mie pene. Tramite questa app conobbi L.,un carinissimo scrittore della mia zona. Era un ragazzo molto dolce ma insicuro, anche lui appena uscito da una storia piuttosto intensa.
Dopo quanche giorno passato a messaggiare costantemente decidemmo di incontrarci in un bar per due chiacchiere e un aperitivo. Mi presentai tirata di tutto punto: gonna corta in pelle nera, ovviamente senza mutandine, top nero e stivaloni neri in pelle. A completare tutto uno sgargiante rossetto rosso. Mi è sempre piaciuto attirare gli sguardi su di me, so di essere una bella ragazza. Non sono magrissima ma le curve nel punto giusto e il mio seno enorme attirano l'attenzione. Entrata nel bar lui era già lì ad aspettarmi. Vedendomi sgranò gli occhi e divenne tutto rosso, una cosa che mi fece ridacchiare ma che mi sembrava anche molto dolce. Dopo un'oretta passata insieme a chiacchierare e conoscerci un po' meglio, parlando anche di cose piuttosto spinte, decisi che non potevo più aspettare. Da sotto il tavolo allungai il piede ancora nello stivale e inizia piano piano à toccargli le gambe e appoggiarglielo sul pacco,fissandolo negli occhi e continuando a parlare tranquillamente. Sentivo che si stava eccitando, gli tremava la voce. Gli chiesi se avesse voglia di venire a casa mia per prolungare un po' quella serata, magari bere un altro drink o guardare un film insieme, ovviamente erano solo scuse per finire nel mio letto. Disse di sì, allora pagammo il conto e andammo a casa mia. Appena chiusa la porta mi fiondai sulle sue labbra. Sentivo la sua erezione premere sulle mie cosce. Mi stavo eccitando. Sentivo la figa tutta bagnata. Lo volevo. Quando mi mise le mani sotto la gonna e si accorse che non portavo le mutandine mi rivolse subito uno sguardo compiaciuto e prese ad accarezzarmi e sditalinarmi. Gli sbottonai i pantaloni e li abbassai insieme ai boxer, liberando il suo cazzo duro e gonfio, arrossato dall'eccitazione. Era un pisello niente male. Mi tolsi il top e gli tolsi la maglia, rimanendo entrambi a torso nudo. Iniziai a fargli una sega, pelle contro pelle, mentre gli ricoprivo il collo e il petto di baci e succhiotti. Ci avviammo verso la mia camera e mi buttò sul letto, togliendomi la gonna. Si avventò sulla mia figa, ormai fradicia, e prese a leccarla con gusto, grugnendo come un animale. Dopo poco, venni. Mugugnando forte, miagolando come una gattina in calore, tirandogli i capelli. Fu un orgasmo travolgente, ma era solo l'inizio. Si tolse completamente i pantaloni e mi prese con una possenza che non mi aspettavo, cavalcandomi e pompando con grande maestria. Lento, poi veloce, poi di nuovo lento. L'unico rumore che si sentiva era la mia figa ormai gocciolante ripiena del suo cazzo, i miei sospiri di piacere, i suoi grugniti. Cambiammo posizione, mi sedetti sopra di lui e presi a cavalcarlo con una foga incredibile, lo volevo sempre di più, sempre più a fondo. Mi baciava il collo, mi mordeva i capezzoli, mi ha riempito di pacche sul culo. Poi, successe una cosa che non mi aspettavo assolutamente. Mi sputò addosso. Forse non lo sapete ma io sono un'amante della degradazione e del sesso violento. L'umiliazione che si prova facendosi sputare addosso mi arrapa tantissimo. Lo guardai negli occhi, con la faccia coperta di sputo. Senza parlare, aprii la bocca e chiesi di farlo ancora. Ingoiai tutto, volevo sempre di più. Mi prese a pecorina, sentivo che stava per venire. Mi venne dentro, mi riempí del suo sperma caldo che prese a gocciolarmi fuori insieme ai miei umori. Mi abbandoni sfinita nel letto e lui, con mia grande sorpresa e piacere, si mise a pulirmi con la lingua, mandando giù tutti i miei umori e il suo stesso sperma. Poi, mi sputò di nuovo in faccia e prese a baciarmi, mentre con la mano mi regalava un altro orgasmo. Ormai ero sfinita, ma lui non sembrava volermi dare tregua. Quella notte mi prese ancora, da dietro. Mi riempí il culo di sborra, calda, che si andò a mischiare alla pozza di saliva, sudore e umori che già s'era formata sul letto. Ci addormentammo nudi, coperti di fluidi corporei e soddisfatti. Al mattino mi prese ancora una volta, nella doccia, regalandomi un altro orgasmo che mi fece tremare le gambe.
Se ne andò, e non l'ho mai più rivisto.

Questo racconto di è stato letto 3 7 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici zoofiliracconti erotici erotici raccontiincesti veri raccontistore pornoracconti reali incestiraccontisessoracconti eros gratisracconti incesti gayracconnti eroticiracconti erotici gay bisexracconti erotici sui piediporno italiano storieracconti di sesso con superdotatistorie erotiche gratisraccontu pornoravconti pornowww.eroticiracconti.itracconti e video eroticisottomessa racconto di una segretariaracconto massaggioracconti eroticastorie scambio di coppiaracconti hard mammeracconto erotico clistereracconti erotici adultistorie di scopateracconti frociracconti di sesso gratisracconti erotici estateracc erstorie erotichrstorie erotichestorie porracconti erotici fetishstorie di sesso tra cuginipicchiamelo nel culostorie feticismoracontieroticiil confessionale eroticofotostorie erotichestorie di culostorie pornoracc er 69eriticiraccontiracconi eroticisega dalla cuginaracconti hotacconti pornovideo racconti eroticiracconti porcelliracconti di milracconti mamma padronaracconti coppiaracconti poroincesto con mia ziapapa inculamipornoinfamigliaracconti erotici gitasex clistereracconti erotici calzestrorie pornoracconto erotico analeperetta raccontiracconti erotici tra mamma e figliostorie analihard storieracconti porno incestuosistorie sesso analeracconti incesti realiracconti nipotestorie porno con immaginisverginamento vaginaleraccontierstorie etoticheracconti erotici di sessoracconti erotici piscinaraccontu porno