Sissy

Scritto da , il 2019-08-24, genere bisex

Seduta in un angolo, sorrido.
Seduta su un tavolino: gambe accavallate, gambe lunghe, nude, lisce, setose.
Mi guardo intorno.
Bella stanza, ampia e luminosa.
Vetrate che danno su un giardino curato e rigoglioso. Tappeti, cuscini, due grandi divani. Arredamento su toni chiari, palese il buon gusto dei proprietari.
Adesso è un po' tutto in disordine. Bicchieri sparsi, qualche bottiglia vuota, diversi piatti contenenti ormai solo le briciole di ciò che offrivano.
Stranamente, anche la musica di sottofondo, entra meno nella testa ora, che è coperta da sospiri e gemiti, rispetto a prima, quando a soffocarla era il chiacchiericcio confuso di chi al momento è impegnato in cose più divertenti.
Molto più divertenti.
Osservo il groviglio di corpi. Bocche, lingue, braccia, mani. Culi, piedi, capelli, occhi.
Gambe. Gambe di tutti i tipi.
Nessuno però le ha belle come me.

Le ammiro, le mie gambe accavallate.
Finiscono su caviglie affusolate e piedi un po' lunghi ma sottili ed eleganti. Sexy. Chiusi in classiche décolleté tacco dodici, nere e lustre.
Dondolo il piede destro, annoiata e stanca. Persa anche nei miei pensieri. Le immagini della serata giocano nella mia testa ed io mi accorgo di seguire con le espressioni del viso le emozioni provate.

Un sorriso smagliante. Il mio e quello di chi mi circonda. È il momento delle presentazioni. Tre coppie sconosciute. Tre uomini e tre donne. Due brune, una rossa tinta. Un uomo rasato, un brizzolato e un moro stempiato. Bella gente, amichevole, allegra.
Anche io mi sono presentata qui in coppia. Con un'amica. Colei che conosce i nostri ospiti e che ha proceduto, garbata, alle presentazioni. Lucia, Giovanna, Elena. Alessio, Michele, Marco.
Marco lo lascia per ultimo. È il suo ex. Rapporti educati, gentili ma forse ancora un tantino tesi. Faccio finta di niente. Stringo le mani a tutti. Sfodero il mio sorriso. Mi presento.

Sissy.

Chiacchiere. Un po' di prosecco. Buonissimo.
Due tartine. C'è chi ride e scherza e c'è chi ha già abbassato il tono di voce sussurrando parole sul collo dell'interlocutore.
B. mi guarda. Risate nervose. È bella intanto che mi si avvicina e in punta di piedi mi bacia la bocca. Si aiuta con una mano che appoggia fra il mio collo e la nuca. Mi spinge a lei. Bacia bene la mia amica.
Quando si stacca è sporca di rossetto.
Il mio.
Il sorriso diventa l'anticamera di una risata ma non abbiamo il tempo di dare alle nostre bocche libero sfogo. Almeno non per ridere.
Quel gesto fra noi due ha scaldato l'aria in un attimo.
Non è solo la mia erezione ad essere evidente.
Tutti siamo eccitati.
Lo leggo nei pantaloni gonfi, nei capezzoli visibili sotto i vestiti estivi, nelle bocche umide e socchiuse e negli occhi lucidi.
Impegnata a guardare gli sconosciuti mi accorgo tardi che B. ha liberato, fra slip e minigonna, il mio cazzo.
Lo ha liberato da una costrizione di stoffa per metterlo in una prigione di labbra.
Le signore sono favorevolmente sorprese dalle dimensioni delle mie doti nascoste.
B. lecca puntandomi in faccia uno sguardo divertito. Una bimba strafottente.
Mi verrebbe voglia di farle vedere che non sono poi così dolce come crede
Ma, di nuovo, il pensiero viene interrotto da un elemento diverso.
Un'altra bocca si sta occupando del mio cazzo. Un'altra bocca mi bacia le labbra, un'altra bocca sta esplorando la fessura fra le mie natiche.
Quattro donne intorno ad una donna dotata.
Dotata.
Quattro donne.
Le guardo. Guardo le loro labbra. Mi soffermo sul trucco degli occhi. Gli orecchini.
Le mani. La pelle di ognuna sulla pelle mia.
Chiudo gli occhi per godere pienanente del tatto, per godere delle sensazioni di baci e carezze.

Non dura molto questo momento. I maschi del gruppo chiedono a loro volta attenzione. Non solo dalle loro donne.
Vogliono la mia attenzione.
Giro lo sguardo nella sala. Gli uomini sfoggiano i loro membri dritti.
Ho voglia di assaggiarli.
Ho voglia di succhiare quei bei cazzi duri.
E ho voglia di infilare il mio in un posto caldo e confortevole.
Voglio infilarlo nelle fiche delle signore. Se possibile anche nei loro graziosi culetti.

Sono affamate le signore, si vede.
Una delle due more sta già prendendo una dose di cazzo dal rasato. Gli altri li ho intorno.
B. è impegnata in un pompino doppio. Si sta dedicando ancora al mio membro, insieme a quello del brizzolato.

Basta. Ho voglia.

Tiro su la mia amica, con le dita sento la sua eccitazione. La sdraio sul divano.
La posizione monastica.
Le apro le gambe e glielo metto dentro, guardandola dritta in faccia.
Sorride la mia amica. Sorride e gode contenta.
Bene.
Da lì in poi è un circo di posizioni ed emozioni.
Non capisco più nulla.
Mentre scopo B. mi trovo un cazzo in bocca e dopo poco sento qualcuno che si fa spazio fra le mie natiche.
In un attimo riempio e sono piena.
È la sensazione più bella del mondo.
Mi scopano a turno, gli uomini.
Ognuno vuole un po' del mio piacere.
Ognuno vuole godere di me.
Le posizioni cambiano.

È il delirio
Gemiti, lamenti, gridolini.
Godo, godi, godiamo
Declinazioni senza genere.

Non c'è tregua per nessuno.
È un'orgia bellissima.
Impossibile da descrivere se non con un triste elenco di posizioni e parti del corpo

Mi soffermo solo sul mio culmine.
Il culo di B. merita.
È un piacere della vista, è un appagamento tutto speciale scoparla alla pecorina.
La soddisfazione arriva poi da qualcuno, forse il rasato, che decide di scoparmi il culo.
Vicino a noi gli altri mugolano, sospirano, esplodono in orgasmi.
L'aria vibra di piacere, il mio cazzo è sensibile alla fica di B. I miei occhi lo sono guardando la sua schiena e il suo culo. L'uomo che mi sta scopando a sua volta è aggrappato a me, mi stringe, mi pompa deciso, ritmato.
Lo sento venire esattamente quando sento B. inarcarsi e aprirsi a me.
È troppo per resistere.
Vengo guardando e sentendo venire.
Un'esplosione in testa e nelle viscere che mi lascia sfinita ed appagata.

Ancora un po' di vino.
Qualche parola.
L'orgia riprende e io guardo assorta quei corpi sudati e tesi.
Persa nei miei pensieri ho voglia di perdermi ancora fra loro.



Questo racconto di è stato letto 3 5 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti piediniracconti erotici zoofiliaracconti 69 tradimentiraccontii eroticiporno seghe al cinemaxnxx fratello e sorellaracc er 69racconti di milùfoto racconti hardstori pornoracconti erotici suppostaschiavo cornutoracconti erotici vedovacameriera eroticaracconti erotici con immaginistorie di ninfomaniracconti erotciraconti di milunuora porcaraccontieroticracconti erotici estetistavideo racconti porno gratisracconti porno massaggimilf raccontii rcconti di miluavventure maturecornuto in vacanzaracconti erotici nonniquella troia di mia sorellagiorgina la troiaracconti padrona schiavoio milu raccontiracconti di sesso gratisracconti harracconti erotici piediracconti erotici-annunci69.itmogli infedeli raccontiraccobti eroticiracconti ertoticii generi dei racconti gayracconti di mamme incestuosenonna pomparacconti erotici ricattatastorie porno gratismia cognata raccontieroticiraccontiracconti erosstorue pornoracconti erotico gaypompino ad uno sconosciutoracconti porno con immaginiracconti erotici tradimentiracconti gay realiracconti mogliestorie sesso verezia perversaracconti sesso donneincesti gay raccontiracconti erotici tra donneracconti erotici con il caneracconti erotici di incestoraconti picantiracconti nel culoracconti erotici sui piediracconti in saunaracconti pprnoerotici racvontiracconti erotiicraccconti eroticiracconti di sesso con la mammamasturbazione tra fratelliracconti nonna nipotei raccontidi miluracconto primo pompinoho scopato mio fratellostorie porno incestoracconti porno con animalii migliori racconti pornoracconti erotici dottoreracconti erotici di cornaraccontidi miluiraccontierotici