Un matrimonio perfetto-Una troia e il suo cornuto 2

Scritto da , il 2019-08-24, genere incesti

Per tutto il periodo dell'adolescenza,avevo continuato a fare l'amore con mio fratello e i 2 cugini migliorando con la pratica la qualità delle nostre prestazioni e traendone sempre maggiore piacere.

I primi tempi li avevo vissuti con un certo terrore di rimanere incinta(Mia madre non faceva che raccomandarmi di diffidare dei maschi e di stare comunque attenta)in quanto dovevo vegliare io che i maschi"tutti maiali!"diceva lei,non mi venissero dentro.

Successivamente però,avevo imposto loro l'uso del preservativo e la cosa mi aveva dato non poca tranquillità.

Prima dei diciotto anni poi,mia madre stessa,vedendomi così sviluppata e bella(Non sapeva assolutamente nulla di quello che combinavo coi tre porcellini quando lei non era in casa ma forse,dai miei atteggiamenti,intuiva che ero già predisposta per il sesso)e dunque sottoposta al rischio di qualche guaio,mi aveva portata dal suo ginecologo per farmi prescrivere la pillola.

Io lo conoscevo bene quel dottore essendo stata da lui quando ero ancora vergine ed avendo talvolta accompagnato mia madre per le sue visite.

Non volevo che lui le rivelasse che non ero più illibata.

Ne sarebbe scaturito un problema con il relativo pressante interrogatorio per sapere chi....dove ...quando?

Dunque,a sua insaputa,avevo preso appuntamento con lui ed ero andata nel suo studio nell'ora di chiusura.

Devo subito dire che quel dottore,abbastanza giovane,era piuttosto bello,simpatico e mi aveva affascinata sin dalla prima volta che lo aveva visto.

Chissà,forse nella mia mente di bambina,il fatto che vedesse e toccasse tante donne nella loro intimità,me lo faceva immaginare come un grande amatore.

Dunque,andavo da lui per assicurarmi la sua discrezione e poi,nel segreto del mio inconscio,speravo forse che qualcosa potesse succedere.

In fondo ero una bella ragazza ben formata che dimostrava certamente più della sua età.

Mentre mi visitava con la gambe aperte sul lettino ginecologico,non smetteva di complimentarsi per come ero cresciuta bene,di quanto fossi bella e ben formata e di quanto il mio sesso gonfio e carnoso avrebbe potuto far impazzire tutti i ragazzi.

D'altra parte,aveva cominciato coi suoi complimenti subito dopo il mio ingresso nello studio oramai vuoto e la scoperta della mia micina carnosa sormontata da un pelo biondo che tenevo ben curato,gli aveva fornito la possibilità di farmi complimenti più audaci.

Al mio apparire sulla soglia della porta,dopo avermi lanciato uno sguardo carico di stupore e ammirazione,mi aveva abbracciata e mi aveva baciata sulla guancia e mentre mi accompagnava nell'ambulatorio visite,non smetteva,col tono della voce incerta,di sciorinare complimenti su complimenti.

"Questo me lo faccio!"

Avevo subito pensato sentendo un certo formicolio tra le cosce.

Dopo avermi visitato la vagina confermandomi ciò che già sapevo circa la mia verginità,si era spostato a palparmi il seno ed auscultare il cuore.

Io ero già bagnata e lui che se n'era accorto,aveva fatto un commento a mezza bocca accompagnato da un sorriso ammiccante.

Anche i miei capezzoli irti,confermavano il mio stato di eccitazione.

A quel punto,avevo perso ogni freno e,senza esitare,gli aveva appoggiato una mano sulla patta dei pantaloni e con l'altra gli avevo spinto la testa sui miei seni.

Quello che ne è seguito è stato un crescendo di passione senza controllo.

Mentre con le sue labbra attaccate alla mia bocca cercava con la sua lingua la mia coinvolgendola in una vorticosa e sensuale danza,con le mani scorreva smaniosamente su ogni parte del mio corpo in preda ad un incontrollabile tremore.

Subito dopo era corso ad inchinarsi davanti al mio sesso e col sapiente tocco delle sue dita accompagnate dalle precise saettate della sua lingua,mi aveva trascinata subito in un travolgente orgasmo.

-Sei un vero schianto.....una stupenda puttanella.....mi hai già allagato lo studio coi tuoi umori.....magnifica....bellissimo......un vero fenomeno del sesso...una puledra tutta da scoprire....-

Mi aveva detto alzandosi e guardandomi negli occhi col viso lucido completamente imbrattato dal succo del mio piacere.

-Mi hai fatta godere come una matta,ma adesso prendimi...prendimi subito fammi godere ancora che poi ti voglio ricambiare leccandoti tutto.-

Gli avevo risposto sollevando il bacino in un chiaro e urgente invito a prendermi.

-Sei stretta.....non ne hai ancora presi da adulti non è vero?-

Mi aveva chiesto mentre con la cappella appoggiata alle grandi labbra,cercava di aprirsi un varco nel mio corpo.

-E' vero,ho giocato solo con ragazzi della mia età con misure diverse dalle tue.

Però ti voglio....ti voglio sentire dentro....voglio godere e sentirti godere.....ma fai piano...piano....per favore chiavami piano ma a fondo...fammi sentire come se anche tu mi sverginassi per la seconda volta!-

Avevo risposto con la stessa voce flebile e sensuale di quando giocavo coi miei tre porcellini.

Dopo aver preso una crema ed averla spalmata dentro e fuori la mia fichetta e sul suo nerbo che non avevo ancora visto ma di cui percepivo la consistenza,aveva cominciato a spingere.

-Dimmi se ti faccio male che mi fermo.-

-Mmmmmm.....siiiii....così.....spingi piano...mi piace....Dio se mi piace....come lo sento....che cazzo che hai...mmmmm....-

Mentre mi scivolava in corpo,avevo l'impressione che un palo mi stesse squartando ed al tempo stesso,le sensazioni di piacere che provavo,lenivano in parte le pungenti stilettate di dolore.
Mi sentivo squagliare e perdere coscienza come la prima volta

-Vado?-

Mi aveva chiesto con voce esitante.

-Vai!-

Gli avevo risposto con un groppo in gola.

-Il contatto caldo dei suoi testicoli col mio culo ed una fitta nel mio cervello,mi avevano detto che era tutto dentro di me.

-Wow!-

Avevo gridato con un filo di voce.

-E' tutto dentro...sei stata brava....neanche un grido,un sussulto!
Sono scivolato dentro di te come nel burro....sei davvero fantastica!-

Mi avevo confermato commentando il mio grido di giubilo.

Poi lentamente aveva cominciato a muoversi dentro di me mentre con un dito mi stimolava la clitoride.

Che goduria,che piacere!

-Vengo...vengo...hooooo...uhhhh.....ahhhhhhh......-

Godi godi bambina che ce n'è ancora tanto per te stasera!

Aveva esclamato senza interrompere i suoi movimenti ed accompagnando con le mani sotto i miei glutei,le contrazioni del mio corpo causati dagli spasmi di piacere.

-Mi fai impazzire....adesso voglio leccarti anch'io...dammelo in bocca.-

Alla mia richiesta si era sfilato da me ed invitandomi ad alzarmi mi aveva accompagnata nel suo studio dove un divano letto era già aperto e apparecchiato con lenzuola di raso bianco.

-L'avevi preparato per me?-

Gli avevo chiesto d'istinto con la voce di una bimba birichina.

-Si!-

Era stata la sua laconica risposta riprendendo dopo una piccola pausa:

-Anche tu eri già preparata per me a giudicare dal lago che avevi tra le cosce?!:

-Si!-

Avevo gridato io mentre gli saltavo con le braccia al collo per cercare ancora la sua bocca e la sua lingua serpentina.

Completamente nudo sul letto era uno spettacolo!

Un corpo ben proporzionato e muscoloso e tra le cosce un cazzo che al momento,paragonato a quelli che avevo visto sino ad allora,mi pareva spaventosamente grosso.

Nero,ricoperto di vene sporgenti e con una lucida cappella violacea tanto tesa che pareva potesse scoppiare da un momento all'altro.

Uno scroto scuro e grosso ricoperto di peli neri arricciati completava l'oggetto dei miei desideri appoggiato vivo e immobile sulla pancia come in attesa delle mie labbra.

-Davvero mi hai messo dentro tutto quel coso?-

Avevo chiesto ridendo mentre mi inginocchiavo tra le sue cosce aperte ed invitanti.

-Si,proprio così,te lo sei ingoiato tutto e credo che in futuro potrai ospitarne anche di più grossi!-

Lo avevo accarezzato e leccato in ogni parte del corpo(d'altra parte coi miei tre porcelli,quella era una delle mie specialità!)e quando mi dedicavo ai gonfi testicoli scivolando poi con la lingua sull'asta sino al frenulo e la cappella,sentendolo contrarsi alle mie attenzioni,sorridevo tra me e me ed ero fiera di quello che sapevo fare.

-Succhi e lecchi in modo divino!

Ma dove hai imparato...chi è il tuo maestro?-

-Segreto!-

Avevo risposto mentre continuavo a spompinarlo con le sue mani sulla testa che accompagnavano i miei movimenti.

Lo sentivo contrarsi ed ansimare ad un ritmo crescente sino a che,spingendomi via mi aveva detto:

-Non ho mai sentito due labbra come tue!

Velluto,decisamente di velluto mentre la tua lingua sembra un pennello di seta.

Basta,per ora basta così mi stavi facendo venire ed ho ancora tanto da fare dentro il paradiso che hai tra le cosce.-

Mi aveva chiavata per quasi due ore facendomi trovare davvero il paradiso in terra.

Quando aveva goduto la prima volta era stata per me una esperienza che mai potrei dimenticare.

-Non venirmi dentro,non sono protetta.-

Gli avevo detto mentre ansimando precipitavo in un nuovo orgasmo.

-Ti sborro dentro....ti godo nelle fica....devi ricordarti per tutta la vita il fuoco che che ti rovescio in corpo...godo...godo....sborroooo...sborrooooo!-

I nostri corpi si contorcevano e si contraevano come in preda ad una crisi epilettica e mentre io mi scioglievo in un lago di umori,lui mi riempiva coi suoi bollenti fiotti di sborra.

Lui aveva una capacità di recupero davvero straordinaria ed era una vera fortuna per me che per tutto il tempo,mi sentivo in preda ad una incredibile voglia di godere.

Avevo già dimenticato la raccomandazione di mia madre di non farmi venire dentro e dunque,ho lasciato che mi sborrasse ancora dentro e poi in bocca per gustere quel nettare così abbondante,dal sapore così pungente e tanto diverso da quelli ai quali ero abituata.

Mentre distesi sul letto ci facevamo le ultime languide coccole,mi aveva bisbigliato:

-Sei stata magnifica....ti è piaciuto?-

-Tantissimo!-

Glia avevo risposto strusciandomi a lui come una gatta.

-Lo facciamo ancora?-

Avevo aggiunto in una sensuale preghiera.

-Certo,quando vuoi tu e se poi lo desideri,potrai regalarmi anche il bocciolo che hai tra le natiche facendolo aprire da me come una rosellina.-

-Certo.....così potrai avere la mia intimità ancora vergine.-

-Promesso?-

-Promesso!-

Gli avevo risposto prima di unirmi ancora alla sua bocca per un lungo,interminabile bacio.

Prima di andare via mi aveva dato la pillola del giorno dopo.

Ero raggiante!

Quell'ultimo regalo aveva definitivamente cancellato quel timore che mi inquietava nel profondo

All'indomani quando mia madre mi aveva accompagnata per la visita e la prescrizione della pillola,lui l'aveva rassicurata così:

-Sua figlia è una bella e brava bambina,sana e intatta come lei l'ha fatta.

E' proprio una brava ragazza e non come certe che visito e che ne hanno già fatto di tutti i colori.

Complimenti alla mamma e raccomandazioni alla ragazza che presti cura alla sua persona e stia attenta alle sue frequentazioni!-


segue

Questo racconto di è stato letto 8 9 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


rcconti eroticii generi raccontiracconti erotiraccobti eroticiracconti erotici piccolaracconti incesto padre e figliastorie di sesso lesboscambio di coppie raccontiracconti erotici sui piedicrociera eroticafidanzate esibizionisteracconyi miluracconti porno in italianomia moglie si esibiscefamiglie incestuoseraccon ti eroticiaddio al nubilato orgiaracconti porno ragazziracconti pirnoerotici raccar sex raccontiracconti clisterestorie di sesso in ufficioracconti sexsiracconti erotici donna maturastorie mogli troieracconi pornouomini bsxstorie di ragazzi gaysesso fra parentiracc 69racconti fetish piedimasturbazionrracconti erotricirscconti pornoculo di mia suoceraracconti erotici ragazzeracconti sroticila monta delle vaccheincesto nonnaracconti eraticiracconti pornograficitrans raccontimogli esibizioniste troieerotici racconti tradimentiracconti erotici 69stori pornocfnm raccontiracconti erotici sul busstorie porracconti erotici gravidanzaraccontj eroticiracconti milusesso di gruppo raccontiraccinti eroticitacconti eroticischiave sadomasostorie erracconti erotici nuoreracconti milùvicine di casa troieracconti incestuosi veriraconti sexbdsm storieracconri eroticiracconti erotici erotici raccontiracconti erpticiracconti erotici anzianosculacciata raccontiscopata con il caneracconti erot