Violenza in palestra (racconto di fantasia) (1/2)

Scritto da , il 2019-08-24, genere fisting

Episodio 1/2

Da poco mi ero seduta da sola nello spogliatoio della palestra. Non ho fatto in tempo a girarmi che ero circondata da cinque ragazzi. Non avevo idea di cosa stesse succedendo, ma ero decisamente spaventata.

"Come ti chiami?" Mi ha chiesto uno di loro

"Erica". Ho risposto, la mia voce tremava un po’.

"Bene Erica, ecco il patto, mi chiamo Michele. Io e i miei amici non potevamo fare a meno di spiarti mentre facevi la doccia, hai un corpo così grazioso che volevamo solo venire e dirti ciao"

"Io non sono una troia." Ho sbottato.

"Beh, noi siamo degli orchi, ma chiunque può vedere che la tua fighetta è diventata lucida. Poi hai un magnifico culo, e saremmo sciocchi a non approfittarne" ha risposto Michele.

Ero ancora bagnata dalla doccia e avevo solo un asciugamano intorno alla vita. Potevano chiaramente vedermi iniziare a tremare di paura per il pensiero di ciò che sarebbe successo.

"Non aver paura bella, non ti faremo del male, ma a tua volta dovrai fare la brava con noi."

"Cosa? No, ascolta, non so chi pensi che io sia, ma stai commettendo un errore, non sono una troia."

"Oh andiamo ora, ogni ragazza vorrebbe fare sesso con più ragazzi, fidati di me è divertente." disse in modo malizioso. “Vuoi collaborare o dobbiamo fare noi …?” mi minacciò

Prima facciamo un piccolo test del bacio, se lo superi ti lasciamo andare ma se la tua figa si inumidisce ulteriormente sarà un chiaro segno per noi. Disse Michele.

Appoggiò una mano sul retro della mia testa e avvicinò le sue labbra alle mie. Girò la testa e la nostra lingua si incontrò, durò circa 30 secondi e si allontanò con una scia di saliva che lo seguiva. Mi fece aprire la gambe e allargare le labbra della mia figa, vedemmo entrambi che luccicava di umori, segno evidente delle mia eccitazione.

"Sì, starai bene Erica, ne sono sicuro" affermò con un sorriso. Io ho provato a ricambiare il suo sorriso.

Sfortunatamente la decisione era stata presa e non c'era modo di contrastarli, ero sola. E poi questi ragazzi erano alti più di un metro e ottanta e molto muscolosi, peccato che solo uno di loro poteva facilmente eccitarmi. Ma non avevo scelta.

"Basta lasciatemi stare..." li ho supplicati.

Tutti sorrisero e iniziarono a spogliarsi. I loro corpi muscolosi brillavano ancora di sudore per l’allenamento di prima. Il vero problema è stato quando ho visto quando hanno tolto i loro indumenti. Potevo vedere cinque enormi cazzi, erano tutti lunghi e spessi almeno come il mio polso.


"Adesso iniziamo" Ha detto Michele afferrando il suo cazzo. "E’ tempo per un assaggio"

Avvicinò i suo cazzo alla mia bocca, l'ho aperta e mi ha forzato a farlo entrare. Mi sono un po’ ritratta ma non ho potuto fermarlo poiché lui con una mano sulla mia nuca ha tenuto il suo cazzo profondamente nella mia gola. Mi lacrimarono gli occhi mentre soffocavo per l’enorme cazzo. Alla fine riuscii ad allontanarmi ansimando in cerca d'aria e asciugandomi le lacrime dagli occhi.

"Pensavo che saresti andato piano" dissi tra un respiro e l'altro

"Sembra essere facile con questa …" ha detto Michele mentre gli altri hanno riso. "Ora hai altri cazzi da succhiare, meglio mettersi al lavoro"

Ero ancora seduta sulla panchina che si trovava tra gli armadietti; il mio viso era all'altezza della loro vita, quindi i ragazzi si sono trasferiti davanti a me. Ho avvolto la bocca attorno al primo cazzo e ho fatto del mio meglio, cercando di imitare quello che avevo visto nei porno su Internet.

Sembravano divertirsi. Ho continuato con il primo cazzo fino a quando non ne ho sentito un altro schiaffeggiare la parte posteriore della mia testa. Mi sono girata ed ho iniziato a succhiare il suo, cercando di renderlo felice per paura di cosa sarebbe successo se non l'avessi fatto.

"Questa cagna sa come succhiare un cazzo." disse uno con una mano sulla mia testa mentre mi guardava attraverso il suo cazzo.

"Ora voglio avere un assaggio di quel tuo bel culo" disse allora Michele.

"Sdraiati sulla pancia." ha comandato.

Ho fatto come mi ha chiesto e mi sono sdraiata a faccia in giù sulla panchina, avevo ancora l'asciugamano intorno a me, ma in un attimo me l’ha tolto rivelando il mio tenero culo nudo.

"Dannazione, è un dolce culetto" esclamò Michele, poi mi afferrò le natiche e le allargò. La sua lingua non era molto lontana e presto mi leccò il culo prima di penetrarmi con il suo grosso cazzo. La nuova sensazione mi fece sussultare un po’ ed emisi un lungo gemito mentre continuava ad entrare.

Il resto dei ragazzi stava diventando impaziente e non passò molto tempo prima che uno si inginocchiò accanto a me e mi mise il suo cazzo in bocca mentre gli altri lentamente si masturbano aspettando il proprio turno.

Michele aveva appena finito di esplorare il mio culo ma non riuscivo a vedere cosa stesse facendo fino a quando non l'ho sentito sputare. Un grosso sputo era atterrato sul mio culo e il cazzo in bocca è stato tolto di colpo.

Dalla mia bocca al culo non ci mise molto, infatti dopo poco ho sentito il suo grosso cazzo appoggiarsi sulla mia rosetta e penetrare il culo. Ho stretto i denti per il dolore.

"Mmmmmmmhhhhh" gemetti mentre i primi centimetri penetravano nel mio culo vergine.

"Cazzo, oh cazzo, mi spaccherai a metà" gridai mentre spingeva sempre più in profondità fino a quando il suo corpo toccò il mio.

Strinsi i pugni e provai a combattere il dolore, e con mio grande stupore lo stesso incominciò a placarsi. Tirò fuori il suo cazzo e lentamente lo spinse di nuovo dentro, ogni volta che il mio culo si rilassava poi entrava ancora di più fino a quando non iniziai davvero a godermelo.

"Mmm sì, ti piace questo grosso cazzo nel culo. Te l'avevo detto che sarebbe stato divertente." disse e lo guardai con un lieve sorriso in faccia.

Poi un altro cazzo mi è stato spinto in faccia, questa volta l'ho preso volentieri e ho iniziato a succhiare. Finché sarò qui potrei anche provare a godermeli questi bei cazzi, pensai.

"Sì, guarda questa cagna, via avevo detto che sarebbe venuta in breve tempo" disse Michele, buttandomi ancora il suo cazzo nel culo.

Avvenne poi qualcosa per cui non ero pronta.
"Oh sì, sto venendo …" disse il ragazzo che mi stava penetrando.
Allungò la mano e mi tenne saldamente sul suo cazzo mentre esplose riempendomi la bocca di sperma. Ho cercato di non deglutire ma non avevo scelta, non ha mollato la presa fino a quando non ho ingoiato giù tutto.

"Non è stato così male." ha detto il tizio "Che gusto ha? Dolce vero?"

Rimasi sorpresa ma riuscii ad annuire mentre si alzava. Michele aveva finalmente tirato fuori il suo cazzo e presto fui forzatamente girata sulla mia schiena. Ora fissavo cinque ragazzi pronti a riempirmi di sperma, ma la cosa più strana era che non ero nervosa od agitata.

Avevo ora due cazzi vicino alla mia bocca. L’ho aperta il più possibile ed entrambi hanno forzato la mia bocca. Ho fatto del mio meglio per accontentare entrambi ma sono stata distratta quando ho sentito un ragazzo afferrare le mie gambe e rapidamente affondare il suo cazzo nel mio culo. Sono scattata un attimo ma poi ho cercato di rilassarmi.

"Fottuta troia, lo adori il cazzo, vero?" urlò il ragazzo dietro di me, mentre i due cazzi nella mia bocca iniziarono ad esplodere, io deglutii il più possibile, lasciando che il resto mi gocciolasse sul mento.

"Oh sì, fottuta troia" mi disse uno mentre mi ripulivo dello sperma che era restato sul suo cazzo.

Proprio quando ebbi finito ho sentito il ragazzo premere il suo corpo contro il mio. "Cazzo che culo stretto." ha urlato e poi mi ha riempito con il suo seme caldo gli intestini.

Si ritrasse lasciando dal mio buco del culo gocciolante di sperma ed ormai aperto.

"Alzati." ordinò Michele e fui rimessa in piedi. Michele era sdraiato sulla panca con il suo cazzo eretto. "Va bene, ora cavalcalo piccola cagna."

Sono stata lasciata libera e mi sono impalata lentamente sul suo cazzo in attesa. La penetrazione mi lacerò il buco del culo fino a quando non mi sedetti completamente sopra di lui. Ho iniziato a saltellare su e giù prima lentamente per poi aumentare la velocità man mano che continuavo, fino a quando non ho iniziato a stancarmi.

Allungò allora una mano e mi tirò contro il suo petto; aveva una presa salda su tutto il mio corpo.

"Va bene, mettiamo ora un secondo cazzo in questo culo stretto." disse Michele

"No, non puoi, non c'è modo che si adatti, non puoi" l’ho supplicato, ma non sono stata ascoltata.

Un altro ragazzo era rapidamente montato dietro di me. Il suo cazzo ha spinto contro il mio buco del culo fino a quando non ha iniziato a scomparire dentro di me, allargando il mio buco del culo oltre ciò che pensavo fosse possibile.

"Oh, cazzo, basta, mi stai distruggendo il culo!" ho urlato mentre si avvicinava a me. Non sapevo quanto tempo avrei potuto durare in questo modo, due enormi cazzi che mi penetravano in culo, dividendomi a metà.

Ma a loro non importava, nel momento in cui sono entrati dentro di me hanno iniziato a spingere e pompare facendo girare il loro cazzo in tutte le direzioni. Riuscivo a malapena a respirare ed ansimare per prendere aria.

... continua con episodio 2/2

Questo racconto di è stato letto 3 4 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici rafaccio sesso con mia cuginaraccontieroticracconti tabooincesti nonna e nipoteracconto sexistorue pornoracconti di vecchie porcheracconti moglie infedelecornuti racconticulosfondatoquella troia di mia sorellaracconti di sesso tra parentiraconti hotracconti erotici fotograforacconti casalingaracconti piediniracconti perettaracconti erotici la cognataracconti erotici per adultischiava aziendaleracconti prima segaracconti porno incestistorie sesso realiracconti 69.itracconti nipoteracconti porno donneraconti eroticeracconti lesbiraconti eroticola moglie in caloreraccontihotracconti porno cornutiletture erotiche gratisracconti efoticiracconti pronocrociera eroticaconfessioni erotiche realistorie erotiche gratisi generi dei racconti eroticiracconti erotici d'autoreracconti inculataracconti lesbo bdsmgenere racconti eroticiracconti di mogli esibizionistestorie vere di sessoracconti nonnami sono scopato mia figliadoppia penetrazione raccontiracco.ti eroticirscconti eroticistorie di mogli troieracconti porno violenzarqcconti eroticiraccoonti eroticiracconti erotici spintierotiche storiestorie di sessoracconti erotici pornostorie di tradimenti pornoraccconti gayracconti erorticiracconti sesso con sorellaerotici rccontidonna scopa con animaleracconti erotickracconti piedi maschiligeneri dei racconti eroticistorie di e per adultiraccnti miluracconti culoracconti incestracconti erotici tra suocera e generopompino racconti eroticiracconti transexeroticiraconti