Manuela nella Cucina del ristorante

Scritto da , il 2019-08-23, genere etero

Questo racconto è frutto di fantasia, è totalmente inventata come tutti i racconti che seguiranno potrebbe essere reale solo la Parte che mi ha dato l'ispirazione... Userò anche nomi di fantasia tra cui il mio... Perciò qui mi conoscerete come Manuela...

Il lavoro anche se non lo cerchi lo trovi, sono Manuela ho 31 anni e faccio la barista in un piccolo circolo frequentato per lo più da vecchietti, che sono anche simpatici ma le mie aspirazioni sono altre, così quando mi si presenta l'occasione di sostituire una persona nella caffetteria di un piccolo ristorante non me lo lascio ripetere 2 volte e il mattino seguente mi precipito nel ristorante in questione, dove la proprietaria mi accoglie con un gran sorriso, mi spiega dove sono tutti gli strumenti e mi spiega i gusti delle brioches mentre lo Chef prepara panini e conseguente vetrina... La mattinata vola in tranquillità, e con mia grande soddisfazione mi accorgo di non aver perso la mano nel fare ottimi cappuccini... A metà mattina arriva anche l'aiuto cuoco Davide, un bel ragazzo, che ha più o meno la mia età ma ciò che attira il mio sguardo è il fisico che riesco a scorgere sotto la sua divisa da cuoco, credo che con quelle spalle e quelle mani potrebbe sollevarmi e aprirmi le gambe in un batterd'occhio... Mi chiede un caffè e io glielo faccio volentieri, alla fine della mattina la proprietaria del ristorante mi dice che è andata bene e mi chiede se voglio andare a lavorare lì in pianta stabile ed io ovviamente accetto con entusiasmo. Comincia quindi la mia avventura in questo ristorante e comincio a prendere sempre più confidenza con tutti, tranne con lui Davide, non capisco se sia per mio imbarazzo perché ho già fatto pensieri sconci su di lui ma non riesco a intraprendere una conversazione con lui... Dopo qualche mese un giorno come al solito mi chiede se voglio mangiare lì, ed io rispondo scherzando (ma non troppo): "solo se cucini tu per me" lui sorridendo mi dice:"con piacere, per la nostra bella barista questo ed altro"... Le sue parole mi fanno nascere un sorriso spontaneo e mi chiedo se potrei davvero dare sfogo alle mie fantasie... Finito il servizio rimango un po' e il caso vuole che siano tutti molto impegnati da lasciarlo da solo a pulire la cucina, così mi offro di aiutarlo, mentre sono piegata in avanti per pulire il forno lui mi passa vicino e involontariamente mi sfiora il culo con il dorso della mano, io mi raddrizzo appena, e lui:"scusami, lo spazio è stretto" io in preda ad una scarica ormonale rispondo:"tranquillo se vuoi puoi continuare" lui non se lo lascia ripetere 2 volte e comincia a palpare il mio culo, con le mani scende lungo i fianchi, e mi tira verso di lui, facendomi sentire il suo cazzo in erezione attraverso i pantaloni (sembra anche ben fornito il ragazzo)... Mi raddrizzo dandogli sempre le spalle mi slaccio la camicetta e lo invito a baciarmi il collo, lui comincia a leccarmi partendo dal lobo dell'orecchio fino alla spalla, intanto che mi infila una mano nelle mutande scoprendo che sono completamente fradicia e infilando subito 2 dita mi dice:"potevi dirlo prima che avevi così tanta voglia di farti scopare ti avrei accontentata mesi fa" e facendo scivolare a terra pantaloni e mutande rispondo:"ti voglio dentro di me da quando mi hai chiesto il primo caffè" dicendo questo mi giro e lui mi mette la lingua in bocca solleva e mi appoggia sul primo piano disponibile, mi apre le gambe e mentre mi palpa le tette si inginocchia:"voglio assaggiare il tuo nettare prima di sbatterti e riempirti con la mia crema" e comincia a leccarla tutta per bene. "aaaahhh siiii godoooo, ti prego, voglio il tuo grosso cazzo, fammelo sentire tutto dentro, fammi godere come una troietta", metto le mie gambe sulle sue spalle intanto che lui continua a pomparmi come uno stallone. "Come sei fradicia e aperta, mi piace vedere mentre godi, ti piace il cazzo troietta, voglio sentirti urlare" e così dicendo mi infila anche 2 dita nel culo e a giocare col mio buchetto. "siiiiiiiii, godoooooo, siiiiii, continua e dammi il tuo sperma!!!" veniamo entrambi e con calma ci rivestiamo, finiamo di pulire la cucina e sappiamo entrambi che questa giornata non è finita e che presto ci procureremo a vicenda altro piacere!!

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


stotie pornoi raccconti di miluraxconti eroticiconfessionale eroticocuckold umiliatoracconti di sesso sfrenatoracconti porno gratisracconti di mogli che tradisconoracconti nipoteracconti erotticiracconti piccanti 69milf racconti eroticiracconti erotici padreracconti porno i generiracconti erotici nuorastorie di collantracconti di clisteriracconti di cornaracconti eroti istorie pronoracconti cuckoldracconti erotici mia suoceraracconti inculateracconti eroticiùracconti gay bdsml'amica di mia ziacornuto feliceracconti feetracconti sroticieroti raccontierotci raccontira cconti eroticiracconti erotici gay giovaniracconti porno scatho scopato mia nuoraracconti erotici gratuitiracconti erotici sottomessoracconti porno donneracconti di sesstest pompinopiccola pompinarafarfallina racconti eroticigay raccontiraccont gaystorie eroticiracconto erotico mammacconti eroticimoglie ricattataracconti dominazione transstorie di sesso realmente accaduteracconti erotici amicaracconto primo pompinoracconti gatracconti erotici.comracconti cucklodracconti mogli inculateracconti erotociracc sessracconti piccanti 69mi fotto mia cuginaracconti sadomasoi racconti eroticiracconti di esperienze sessualiracconti eroticuracconti eroiticicagna sottomessanonno racconti eroticiracconti sesso con nonnaracconti al cinema pornoracconti erotici fantasystorie porno analevisita ginecologica raccontiracconti eropticiracconti di tradimenti erotici