Tutto può succedere

Scritto da , il 2019-08-23, genere incesti

-E adesso spogliati!
-Che cosa!? Perché!?
-Perché te lo chiediamo noi tesoro … e vista la situazione non hai molta scelta!
Wanda aveva accolto in casa sua, Helena e Shasa, come due figlie. Si era sentita orgogliosa di quella scelta. Avrebbe dato la possibilità a quelle due ragazze appena diciannovenni, di ricominciare una vita, al di fuori di un istituto correzionale. E il gesto sarebbe stato un buon esempio anche per i suoi figli, che avevano la stessa età delle ragazze. Lisa e Marco le avevano accolte a braccia aperte, sin dal primo giorno, come lei e suo marito tra l’altro.
E allora, perché ora le stavano facendo questo!?
Okay, forse era stata un po’ troppo severa quando le aveva beccate a fumare erba in giardino davanti ai ragazzi. Ma, da buona mamma, non voleva che prendessero il brutto vizio.
E forse, soprattutto, non avrebbe dovuto pubblicare quei selfie hot, in quel sito, per poi lasciare il suo portatile acceso in giro per casa. Ora, erano proprio quei scatti ad essere al centro del ricatto. Lei era una brava moglie, e una brava mamma. Ma era pur sempre una giovane donna di trentasei anni, con gli ormoni ancora galoppanti. E visto che Gianni, suo marito, era spesso via per lavoro, giocare in anonimato su quel sito, dove chattava con altri perfetti sconosciuti, condividendo a volte qualche scatto hot, le dava modo di sfogare le sue voglie.
Ora però le sue voglie le stavano costando davvero molto …
Ma perché quelle due la volevano umiliare fino a quel punto. Avevano chiesto dei soldi per il loro silenzio, non pochi, aveva accettato, ma ora, sedute sul letto di fronte a lei, pretendevano che lei si spogliasse. Due ragazzine. La cosa era ridicola, oltre che vergognosa.
-Perché volete questo!?- insistette Wanda.
-Perché vogliamo proprio vedere se hai un fisico perfetto, come nei scatti che pubblichi sul sito!- le rispose Helena. –Shasa sostiene che una vecchia come te, non può avere un fisico del genere, e che sicuramente le tue foto le ritocchi con Photoshop.
Shasa scoppio a ridere. Wanda, sentì la rabbia risalirle dalla stomaco. Le avrebbe prese a sberle tutte e due.
-Okay stronzette!- sbottò. –Io ora mi spoglio. Poi, finita questa pagliacciata, prendete i vostri soldi, le vostre cose, il vostro ricatto, e ve ne andate a fare in culo. Vi riporto all’istituto questa sera stessa.
-Okay mammina,- le rispose beffardamente Helena. E lei, Wanda, con rabbia iniziò lentamente a spogliarsi. Visto che le avevano dato della vecchia, ci teneva proprio a mostrare a quelle due stronzette il suo fisico perfetto, benché non avesse più vent’anni e con due figli messi al mondo.
E mentre lei si spogliava, Helena incominciò a parlarle. Ora, le sue parole non avevano nulla a che fare con il ricatto, o con la sua dubbia bellezza. Persino il tono era mutato. Ora, la sua, era una voce dolce, ammagliante.
-Sì … sei veramente una bella donna Wanda. Sai, siamo rimaste affascinate dal tuo lato nascosto,- le sussurrava la ragazza, mentre lei lentamente si spogliava. –Io lo trovo eccitante che sotto l’immagine della brava e bella mammina ci sia una bomba erotica come te … sai, li abbiamo letti tutti i messaggi che scambi con i tuoi amici del sito, sia uomini che donne .... Wanda, tu sei una bomba erotica, tu sei …
Mentre continuava a spogliarsi, Wanda sentiva quelle parole arrivarle addosso come calde fiammate, che la stavano surriscaldando.
Sì, era vero, su quel sito riusciva a tirare fuori una Wanda che nessuno conosceva. Il suo lato più erotico, spregiudicato, perverso.
-Sì Wanda, tu sei una bomba erotica,- continuava Helena.
-Smettila!- sbottò ad un certo punto Wanda.
-Che c’è!? Le mie parole di stanno eccitando mammina?
Wanda non rispose, arrossì soltanto. Sì, quelle parole la stavano eccitando, ma non voleva di certo dare a vedere alle due.
-Ecco! Siete contente!- sbottò dieci secondi dopo, piazzandosi mani sui fianchi di fronte alle due stronzette, sbattendo in faccia loro il suo fisico perfetto. –Allora, che vi pare del fisico della vecchia?
Quell’espressione l’aveva offesa. Come ogni donna, Wanda ci teneva al suo corpo e alla sua bellezza.
-Però, niente male la mammina! Non trovi Shasa?
-Hai ragione Helena, davvero niente male!
Wanda sentì di aver avuto la sua personale rivincita, ma non fu quella l’unica cosa che sentì. Quello stato di eccitazione che pulsava dentro di lei, innescato dalle parole delle due, ora, stava lievitando sotto i loro sguardi. Wanda si sentiva angosciata per il modo in cui le due ragazze la stavano fissando. Angosciata, ma allo stesso tempo anche eccitata. Helena e Shasa, ora non la fissavano più con uno sguardo di sfida o di derisione, ma bensì con occhi languidi di desiderio.
-Sei veramente bellissima Wanda?
-Hai un corpo da sogno … ti prego, levati anche il reggiseno e le mutandine!
Wanda si sentì come ipnotizzata da quelle parole. Ipnotizzata e sempre più eccitata da quella inspiegabile situazione. Per questo, senza nemmeno accorgersene, si sfilò via reggiseno e mutandine, ritrovandosi completamente nuda di fronte alle due.
-Uaooo sei davvero bellissima!- esclamò Helena.
-Che corpo!- sussurrò Shasa. Poi, tutte e due, alzandosi dal letto dove erano sedute, incominciarono a spogliarsi.
-E ora, che-che diavolo state facendo!?- chiese a loro Wanda. Le ragazze le sorrisero soltanto, continuando allegramente a spogliarsi, come se il tutto fosse stato un semplice gioco.
-Si può sapere che diavolo avete in mente!!!- tuonò allora più forte lei. Le due, oramai completamente nude, scoppiarono a ridere.
-Ma non l’hai ancora capito Wanda?
-Capito che cosa!? Che cosa cazzo volete!?
-Calmati Wanda, vogliamo solo scoparti!
Quelle parole la pietrificarono. Wanda sentì il suo cuore piombarle in gola, e la sua fica farsi umida. Ancora una volta dentro di lei sconvolgimento ed eccitazione si dibattevano.
-Voi siete pazze … siete due ragazze pazze …- bisbigliò con un filo di voce, mentre le due la stavano circondando, come due lupi famelici circonderebbero un indifeso succulento agnellino.
-E tu invece sei solo una brava mammina sconvolta ed eccitata allo stesso momento, per quello che ti sta per succedere,- le sussurrò Helena, piazzandosi di fronte a lei.
-Perché mi fate questo!? Perché!?- le supplico. Visto che la forza di reagire le mancava, non le restava che far appello al loro buon senso, alla loro coscienza, sempre ammesso che ce ne avessero una.
-Cerca di capire Wanda,- le sussurrò Helena, guardandola dritta negli occhi. –E’ da un po’ che non scopiamo. Sai, all’istituto capita che a volte in camera nostra entri qualche suora, o qualche prete, oppure qualche istruttore o istruttrice a sfogare i nostri giovani galoppanti ormoni!
Alla battuta risero tutte e due, poi, tutte e due si inginocchiarono. Helena di fronte a lei, e Shasa dietro di lei.
-Ma che diavolo fate!!!???- domandò ancora una volta Wanda. Questa volta però non ci fu risposta. La risposta la diede i loro gesti.
Wanda, percepì le loro mani allargarle le cosce e i glutei, poi, due lingue calde, come due serpi la insidiarono nel suo più intimo.
-Aaah!!!- esclamò sollevando il capo.
Spontaneamente appoggiò le mani sulla testa delle ragazze. Non seppe neanche lei se lo fece per fermare quel perverso gioco, o per paura di perdere l’equilibrio.
La testa le girava. Sentiva disgusto per quelle due piccole delinquenti, per ciò che le stavano facendo, e per la sua stessa incapacità di reagire. Disgusto, ma allo stesso tempo un forte piacere, una sconvolgente goduria, data da quell’abile gioco di lingue.
Helena la leccava davanti, con la punta della lingua, duellava insistentemente con la sua clitoride, per poi scendere più giù, a leccare avidamente le labbra vaginali.
Shasa da dietro non era da meno. Faceva scorrere la lingua nel bel mezzo dei suoi glutei, soffermandosi giocosamente sul buchino. Era come se la sua fica e il suo culo, fossero due frutti prelibati, per le labbra e le lingue di quelle due. Sì, Wanda in quei momenti si sentì letteralmente assaporata, nemmeno fosse un gelato, un lecca lecca di carne e umori, in bocca a due bambine golosone.
Ma la cosa che la mandò letteralmente in ecstasy, fu quando sentì le due ragazze smettere di leccarla e passare a penetrarla, nel vero senso della parola. Sì, quelle due lingue, come due serpi, iniziarono letteralmente a scoparla, penetrandola in fica e in culo, a ritmo serrato.
-Aaahhh!!! Aaahhh!!! Aaahhh!!! Aaahhh!!! Aaahhh!!!
Completamente in ecstasy, Wanda si ritrovò a mugolare e gridare dal piacere. In vita sua non aveva mai goduto così tanto. Nemmeno quando Gianni la scopava in fica, infilandole in culo il nero vibratore che avevano comprato per puro gioco in un sexy shop a Parigi.
E in balia del forte orgasmo che stava esplodendo in lei, andò avanti a gridare e mugolare, finché un altro grido riempì le mura di quella camera da letto.

-WANDAAAA!!!-

Wanda riaprì gli occhi si voltò verso la porta. Le parve di svenire quando il suo sguardo incontrò gli occhi di suo marito e i volti dei loro figli.
Avrebbe voluto morire. Morire in quel preciso istante vista la vergogna. Beccata da suo marito e dai suoi ragazzi in una simile situazione.
-Wanda ma che cazzo stai facendo!!!???
-Mamma!!!
-Mamma ma cosa!!!
Wanda non rispose, cosa avrebbe dovuto mai dire. Si buttò in un angolo, stringendosi in sé, cercando di nascondere la sua nudità. Le due stronze invece scoppiarono a ridere, e fu questo che fece infuriare Gianni, che in preda all’ira si scagliò, o meglio cercò di scagliarsi addosso a Shasa.
Ma Helena fu più veloce. Si avvicinò al comodino dalla parte del letto dove dormiva Gianni, e da sotto il cassetto sfilò fuori la sua semiautomatica. Erano anni che Gianni teneva una pistola. Il quartiere era abbastanza tranquillo, ma non si sapeva mai. E quelle due delinquenti, nel loro curiosare, avevano scoperto persino dove suo marito teneva nascosta l’arma.
-Fermo!!! Non toccarla!!!- gridò Helena, puntando l’arma contro l’ingegnere. –Fermo!!! Mani in alto e appoggiati contro l’armadio!!!- lo intimò.-E voi due stronzetti,- gridò rivolta a Marco e Lisa, -fate lo stesso!!!
-Ti prego non fare pazzie!- la supplicò Wanda ora terrorizzata.
-Zitta puttana!!!- la zittì Helena. Shasa scoppiò a ridere.
-Ti prego, ascolta mia moglie … non fare pazzie, appoggia quell’arma!- sussurrò l’ingegnere. La sua rabbia, sembrava essersi sbollentata ti colpo. Ora era la paura, il terrore, a pulsare dentro di lui.
-Dipende solo da voi,- gli bisbigliò Helena, schioccandogli l’occhio.
-Faremo tutto ciò che vuoi, ma tu non fare pazzie,- le sussurrò il padrone di casa.
-Bene!- esclamò Helena. –Allora incominciate a spogliarvi!
-Che cosa!?- domandò l’ingegnere.
-Hai capito benissimo coglione!- lo derise Shasa.
-E perché?
-Perché vogliamo farvi partecipare al nostro gioco! Hai visto come si divertiva la tua mogliettina?
A queste parole Wanda abbassò lo sguardo. Si sentiva un verme. Suo marito invece, era così confuso e spaventato che non riusciva a capire. O forse si ostinava a non voler capire.
-Ma si può sapere che cosa volete!?- domandò così.
Helena gli sorrise.
-Voglio solo e soltanto dare il via ad una sana spensierata scopata di gruppo!
L’ingegnere non disse nulla. Il figlio sembrava una statua di sale, la figlia rossa in volto si coprì il viso con le mani, mentre Wanda rannicchiata in un angolo singhiozzava. Nessuno dei quattro aprì bocca.
-Forse devi essere un po’ più precisa,- spronò Shasa l’amica, con un tono decisamente goliardico. –Questa è una famiglia di intellettualoidi, tirata su da un ingegnere e un insegnate di lettere!
Helena scoppiò a ridere.
-Hai ragione amica mia! Diciamo che mi piacerebbe vedere l’ingegnere segarsi, mentre suo figlio si scopa sua moglie. Mi piacerebbe anche che la giovane Lisa perdesse finalmente la verginità, con il cazzo di papà in fica e il cazzo del fratello in culo. L’ingegnere potrebbe anche sverginare il culo del figlio, cosa dici amica mia?
-Sarebbe l’ideale,- le rispose Sasha, -magari mentre la madre lo spompina a dovere. Poi, un’altra bella cosa sarebbe vedere l’ingegnere con il cannolo in bocca del figlio. Oppure Lisa e Marco che lustrano i culetti di mamma e papà a suon di lingua.
-Siete due pervertite!!!- tuonò all’improvviso l’ingegnere.
Helena gli sorrise, guardandolo dritto negli occhi.
-E voi invece, siete morti, se non farete ciò che vorremmo noi!- lo minacciò, senza tanti troppi giri di parole.
-E in quanto a perversione,-proseguì Shasa, - voi non siete di meglio. Tua moglie fa la troia in un sito. Tu passi ore e ore a guardarti porno, pissing, gang bang e incesti sono i tuoi generi preferiti. Tuo figlio si sega sulle cam con trans, e tua figlia in giro per la rete avrà pubblicato una centinaio di racconti erotici. Papà mi stupra, I cinque muratori marocchini, Sapore di mamma, Assetata di sborra, La troia della famiglia, sono solo alcuni titoli della grande scrittrice che avete in casa.
Shasa scoppiò a ridere, e pure Helena.
-Comunque vogliamo aiutarvi, in fondo non ci crederete ma ci siete pure simpatici,- continuò Shasa, e avvicinandosi ai suoi pantaloncini, dalla tasca tirò fuori una boccetta con delle pasticche.
-Prendete una di queste a testa, vi aiuteranno ad essere più disinibiti!- mormorò lanciando la boccetta all’ingegnere che la prese al volo, di mala voglia.
-Decidete voi!- sentenziò Helena con un tagliente sorriso. –O le pasticche o le pallottole! O scoperete o morirete!



Erano passate le due del pomeriggio da più di un quarto d’ora, quando Teresa incominciò a fissare fuori dalla finestra della sua cucina.
-Si può sapere che cos’hai da guardare, vecchia curiosa?
La rimproverò il marito.
-Wanda e l’ingegnere, non hanno ancora alzato le tapparelle.
-E saranno cavoli loro?- protestò Terenzio. –La gente può fare quello che vuole?
-Sei solo un vecchio brontolone!- si alterò Teresa. –Non ti passa per la testa che potrebbe essere successo qualcosa?
Dopo aver discusso per un buon quarto d’ora i due vecchietti, settantacinque anni lui e settantadue lei, decisero di andare a dare un’occhiata. Giunti davanti alla porta suonarono a lungo senza avere risposta, e proprio per questo decisero di entrare con la chiave di riserva che sapevano che l’ingegnere aveva nascosto sotto il portafiori.
Entrarono, anche con un filino di paura. In soggiorno e in cucina non c’era nessuno, proprio per questo si spinsero a salire di sopra. Una volta di sopra entrarono prima nelle camere dei ragazzi, trovandole vuote, e poi nella camera matrimoniale, e lì …
E lì, ai loro occhi si presentò una scena, che ai due poveri vecchietti sgranò gli occhi e fermò il respiro. La stanza era stata messa sotto sopra. Sedie rovesciate, lampade pure, vestiti sparpagliati, e sul letto un groviglio di corpi nudi, ricoperti di sudore, sperma e altri liquidi.
Su quel letto giaceva l’ingegnere, Wanda, i loro figli, e quelle due ragazze arrivate da poco. Dal loro russare si capiva che morti non erano, ma il modo in cui erano distesi quei corpi avrebbe lasciato sbalordito qualsiasi sguardo. La giovane Lisa sembrava essersi addormentata con il pene del padre in bocca. E il ragazzo, stava russando con il suo volto affondato nel sedere della madre. Wanda, aveva il viso e il seno sporco di sperma. Una delle ragazze le si era addormentata abbracciata al suo collo.
-Ma cosa diavolo è successo?- borbottò Teresa.
-Non lo so!- le rispose con un filo di voce il marito Terenzio. Poi, notò sul pavimento un cellulare, con delle immagini scattate. Si avvicinò lo raccolse e assieme alla moglie si mise a visualizzare quelle immagini, fotogrammi in testimonianza di ciò che era successo dentro quella stanza, nella notte passata.
-Ma sono proprio loro?- commentò Teresa sconvolta, di fronte a quei scatti pornografici.
-Sembrerebbe di sì!- borbottò Terenzio, a dir poco incredulo, pure lui, come la moglie, di fronte a quelle foto dove si vedeva la giovane Lisa, leccare il membro del padre, assieme al fratello. L’ingegnere che sodomizzava suo figlio seduto su di lui, mentre la madre masturbava il ragazzo con i due seni. Wanda che leccava il buchino della figlia sporco di sperma. Lisa in ginocchio a terra, che si faceva urinare addosso dai suoi genitori, e tanto altro ancora.
-Andiamocene! Questi sono pazzi!- sussurrò Teresa al marito, dopo aver visualizzato l’ultimo scatto.
Così in silenzio uscirono di casa, ritornando a casa loro. Passò una buona mezzora prima che aprissero bocca. Erano sconvolti entrambi.
-Ma secondo te cos’è successo?- domandò per l’ennesima volta Teresa a suo marito. Lui sbuffò.
-Certo che sei proprio una vecchia rimbambita. L’hai visto tu con i tuoi occhi che cos’è successo!
-Ma secondo te sono una famiglia di pervertiti?
-Non lo so,- le rispose il marito, poi ridacchiò.-Quello che so, è che ciò che ho visto mi ha risvegliato il capitone.
E sì, i due vecchietti erano rimasti sconvolti, ma allo stesso tempo, la cosa, aveva risvegliato in loro assopite voglie, e, se il capitone di Terenzio si era indurito, la bianca topina di Teresa si era fatta umida. Proprio per questo erano saliti di sopra, e avevano cominciato a darci dentro. E quando Helga, la loro giovane badante romena, li aveva sorpresi a letto, loro dure, presi dalla foga ormonale si erano spinti nei suoi confronti in una proposta indecente. D’altronde, se i loro bravi vicini si spingevano a fare orge con i figli, loro due potevano benissimo aspirare a fare una cosa a tre con la loro badante, che però non si dimostrò subito d’accordo.
-Io badante professionale diplomata, no puttana dell’est!- fu la sua prima risposta. Ma quando il vecchio Terenzio le sbandierò davanti al naso mille euri tondi tondi, la badante professionale diplomata, accettò di levarsi camicia, jeans, reggiseno e mutandine, e di lasciarsi toccare da per tutto da i due vecchietti.
-Scusami Helga, è mio marito che ha avuto quest’idea!- le sussurrava la signora Teresa, mentre si accingeva a toccarle le giovani tette. A quel punto a Helga francamente non interessava a chi dei due fosse venuta l’idea, o del fatto se la signora Teresa fosse un po’ lesbica o meno. Mille euro sono sempre un bel gruzzoletto. Proprio per questo dopo essersi lasciata a lungo palpare, accettò di infilarsi a letto con i due, di farsi scopare a pecorina da lui, mentre leccava lei, o di strusciare la sua giovane fica su quella della signora Teresa, mentre era intenta a spompinare il marito. Helga, non si fece troppi scrupoli a far divertire i due vecchietti. Un colpo le prese, quando sia lui che lei, vennero colti da malore, e in un battito di ciglia rimasero stecchiti.
A quel punto Helga si rivestì, li sistemò al meglio, e chiamò il medico, che, constatato il decesso, chiamò il suo amico impresario funebre. Ma quando i due, muovendo i corpi, si resero conto che in quel letto Terenzio e Teresa non erano di certo morti nel sonno, Helga, per mettere tutto a tacere, dovette per la seconda volta in quella giornata, lasciare da parte il suo essere una brava badante diplomata, per poi tirar fuori un'altra qualità.
I funerali ci furono tre giorni dopo. Morte naturale decretò il medico, che prescrisse anche una lavanda per il culetto di Helga. L’impresario funebre si era dimostrato alquanto dotato. Avrebbe fatto meglio a dare a lui la fica, e il culo al medico. Ma vista la situazione, e la paura di finire nei guai, non ci aveva pensato e aveva agito d’istinto.
Wanda e suo marito mandarono un cesto di fiori. Non furono presenti ai funerali, visto che Helena e Shasa costrinse loro due, e i figli, a partire per una vacanza nel chalet in montagna.
Lì le due delinquenti schiavizzarono la povera famigliola a loro piacimento, costringendoli a compiere altri lussuriosi incestuosi atti, che ripresero con il telefonino.
La quinta notte, le due giovane delinquenti fuggirono con l’auto di famiglia, e tutti i soldi liquidi che riuscirono a rubare. Non erano poi molti, ma la cosa non importava più di tanto. Con quei scatti in mano, potevano ricattare l’ingegnere da ogni parte del mondo.
Nessuno si accorse della loro fuga, tranne una camionetta dei Carabinieri, che vista la velocità le inseguì.
Helena e Shasa, tentarono di far perdere le loro tracce, ma ahimè ciò che persero fu la vita, in fondo a un burrone, dentro la macchina in fiamme.
Per Wanda e la sua famiglia fu una vera liberazione. Era stata un esperienza traumatica, che però li aveva legati ancor di più.
Ritornati in città, ripresero la loro vita, sforzandosi di dimenticare tutto, e di perdonarsi reciprocamente. E in un certo senso ci riuscirono. Erano sempre stati una famiglia modello di fronte agli occhi di tutti, e tale ritornarono ad essere.
Ma, di tanto in tanto, capitava certe notti in cui Wanda, mentre faceva sesso con suo marito, si metteva a mugolare più forte del solito, e mentre lei mugolava, lui la riempiva di parolacce. E così andavano avanti, fino a svegliare i figli.
In quelle notti succedeva che Marco usciva dalla sua camera da letto, e si metteva a sbirciare ciò che succedeva in camera di mamma e papà. E mentre sbirciava si masturbava, per poi aprire lentamente la porta, e se i genitori avevano nulla da dire, entrava nella stanza e saliva sul letto, iniziando a toccare la madre come un figlio non dovrebbe toccare.
In quelle notti capitava che Wanda, in un niente si ritrovasse presa oltre dal marito anche dal figlio. Uno in fica, l’altro in bocca. Oppure uno in fica, l’altro in culo.
Altre volte mettevano il ragazzo al centro della situazione. Lo facevano distendere, gli infilavano un cuscino sotto l’osso sacro, e poi Gianni godeva a scopargli il culetto, mentre lei gli si metteva sopra a sessantanove, sbattendogli il suo bel culo di mamma in faccia. E mentre Gianni scopava il loro principino, lei godeva a segarselo e rideva divertita ogni volta che il ragazzo veniva, eruttando il suo sperma in aria.
Dopo un po’ nella stanza entrava anche Lisa. Lei era solita a non salire subito sul lettone di mamma e papà. Si sedeva su una poltrona e masturbandosi osservava attentamente che cosa combinavano i suoi cari.
Era sempre Wanda che andava a prenderla, e visto che sapevano quanto a Lisa piacesse il sesso violento, in quei momenti la trattavano come la protagonista di uno dei suoi racconti, praticamente era la troietta di tutta la famiglia, dei veri e propri stupri di gruppo, dove la ragazza godeva nell’essere abusata dai genitori e dal fratello.
E il giorno dopo, era come se nulla fosse successo.
La vita riprendeva solita, con i suoi impegni, i suoi orari, le sue regole. Ma in fondo lo sappiamo tutti che la vita è anche un po’ noiosa. Per fortuna c’è il sesso!
Solo grazie al sesso, tutto può succedere.

Questo racconto di è stato letto 8 2 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


suocere raccontiannunci69.iysesso porno raccontiraccomti eroticiracconti gay cuginoracconti bdsm gayracconi gaystorie hard gratiseroticiraccerotoci raccontistoriw pornoracconti erotici pulperotici rccontiracconti erotici sul busmammatroia.comporn raccontistorie fetishracconti feetracconri eroticistorie eroticoracconti porno videoracconti erotici di moglieracconti di triostorir pornoracconti erticierotici racconriracconti erotici enemaracconti eeoticiracconto sadomasoracconti pornograficierotica raccmature racconti eroticiracconti erooticiracconti annunci 69racconti erotiicla zia eroticaracconto lesboracconti zoofiliaracconti erotici-annunci69.itraccont 69racconti rtoticistorie pirnoerotciracconti di sesso gratisrqcconti pornovideo storie di sessoracconti porno gratuitichiavare la suoceraracconti erotici marecamionisti porcistorie di sculacciateracconti di ragazze lesbicheincesto racconti veriracconti erotici cazzo piccoloracconti sesso animaliracconti zozziracconti erotticiio miluracconti moluracconti porno scambio di coppiaracconti gay freeimcestiveri racconti incestoracconti erotici giovanistorie pornpracconti erotici gatracconti sroticiracconti erotici padre e figliastorielle eroticheracconti lesbiracconti erotici con suoceraraccontiberoticiracconti feticismo piediravconti pornoracconti eroticviracconti erotici con donne matureracconti erotici haremscambi di coppia racconti