La mia prima fidanzata – Seconda Parte

Scritto da , il 2019-08-22, genere saffico

Da quella notte di sesso non l’avevo più rivista, nonostante mi avesse detto che ero la sua fidanzata. Probabilmente l’acquisizione di quel hotel le richiedeva molto tempo. Ovviamente ci sentivamo ogni giorno al telefono. Io ero in una fase di ansia mai riscontrata, pensavo sempre a lei e a quello che mi aveva fatto, e non ne potevo parlare con nessuno.
Dopo quasi un mese me la ritrovai fuori dalla scuola ad aspettarmi, mi baciò quasi immediatamente, mettendomi in imbarazzo con le mie compagne di scuola.
Senza salutarmi mi disse – “Cosa fai questo week end, tesoro!” – era sabato.
Io guardandomi in giro risposi imbarazzata – “Non lo so ancora forse uscirò con le amiche”
“Su, su, nessuna scusa ora tu vieni con me in montagna. Ci prendiamo un paio di giorni di relax alle terme”
“Ma io davvero non posso”
“Non fare la stronzetta. Ora ti porto a casa, prendi la tua roba e poi saluti i tuoi genitori”
Così facemmo, era praticamente impossibile dirle di no, quello che voleva otteneva. Quindi inventai una bugia con mia madre e partimmo.
Il viaggio fu molto lungo e chiaccherammo ammibilmente. Giungemmo a un hotel a 4 stelle, con tutti i confort del caso e una spa extra lusso.
Appena prendemmo possesso della nostra stanza, iniziò a baciarmi senza fine, mi sdraio sul divano e mi accarezzò dappertutto.
“Mi sei mancata tesoro”
“Pure a me, almeno credo” – Come ero agitata.
Le sue dita si intruducevano nella mia figa e la sua lingua nella mia bocca.
“Non vedevo l’ora di passare questo week end con te. Ho voglia di rilassarmi”
Dopo quei preliminari, si rialzò aprì la sua valigia e mi lanciò un bikini.
“Indossalo”
Chiamarlo Bikini era un efeumismo. Erano praticamente due fasce bianche che mi coprivano le parti intime, gli slip erano addirittura più piccoli del reggiseno.
“Sapevo che ti donava. Su vieni ho prenotato la sauna privata per le 15.”
Non avevo mai fatto una sauna in vita mia, quindi ero curiosa. Giungemmo in piccolo stanzino al piano terra. Era completamente rivestito da legno e aveva un piccolo braciere sulla sinistra.
Antonella richiuse la porta e subito si spogliò nuda – “Questi non ci servono” – Mi indicò di fare lo stesso e obbedii.
Ora eravamo li nude, da sole. Il calore iniziò a farsi sentire e subito sudanno.
Il suo corpo nudo sudato era qualcosa di strardinario. L’ultima volta non avevo notato i suoi addominali scolpiti, del resto non si era spogliata del tutto. I miei umori iniziarono a scorrere copiosi dalla mia vagina. Stavo perdendo il controllo delle mie facoltà.
Lei mi si avvicinò e subito mi leccò le tettine. Baciandomi poi mi disse – “Questa volta carina cerca di farmi godere, l’altra volta ho dovuto masturbarmi, dopo che te ne sei andata, per raggiungere l’orgasmo”.
Istintivamente mi ritrassi, non avevo la minima idea su come farle avere un orgasmo.
Mi accarezzò il viso, mi baciò – “tesoro ora fai esattamente quello che faccio io”
Appena me lo disse mi infilò di nuovo la lingua in bocca e mi palpò il seno. Io ripetei le stessa azione come se mi trovassi davanti a uno specchio. Il suo seno nonastante fosse gigante, almeno rispetto alle mie piccole mani, era molto sodo ed era un piacere toccarlo. Di mia iniziativa iniziai a leccargli i capezzoli e subito mi accarezzò i capelli.
“Brava la mia cucciola, lecca bene”
Cercai di ricordare tutti i porno che avevo visto e gli strinzi con forza il seno che stavo leccando. La sua mano scese lentamente verso la mia passera e me l’accarezzo. Stavolta era più decisa dell’altra volta e mi sgrillettava come se giocasse a quei vecchi videogiochi. Quindi mi apprestai a fare lo stesso e cercai con le mie dita, della mano destra, la sua vulva esperta. La trovai immediamente bagnata e sentii un piccolo gemito da parte sua. Almeno nella masturbazione avevo una certa esperienza. Le nostre lingua continuava a incrociarsi. La timidezza della mia prima volta stava svanendo minuto dopo minuto.
Certo che non avevamo perso tempo, eravamo arrivate da pochi minuti e già facevamo sesso. Probabilmente tutto il week end era dedicato al mio insegnamento.
Le sue dita mi penestrarono e io feci lo stesso. Lei aveva messo due dita, io mi decisi per 3. Per me stava diventando una sfida. La penetravo con tre dica e con il pollice le stimolavo il clitoride.
I suoi umori mi colavano sulla mano e la sentivo ansimare all’inteno della mia gola.
Lei si stese sulla panca della sauna e apri le gambe. Capii immediatamente cosa volesse, ma rimasi li immobile per qualche istante. Lei mi prese il braccio sinistro e mi attrasse verso di se. Il mio viso precipitò sulle sue tette e, come al solito, gli le leccai. Con la mano mi spinse la testa più in basso.
Era giunto il momento della mia iniziazione. Passai la lingua sui suoi addominali. Non mi ci fermai per molto, la mia destinazione era un'altra. Per prima cosa mi concentrai sul clitoride, me lo presi tra le labbra e lo succhiai. Le mia dita tornarono all’interno di lei, scivolavano con piacere.
“O si tesoro, leccamela brava, uhnn sei stupenda”
Mentre mi incitava si palpava le tette. Il nostro sudore scorreva lungo i nostri corpi e, grazie alle luci della sauna, sembravano risplendere. Forse era solo una mia suggestione.
Di mia inziativa, tolsi le dita dalla fica e gli le misi nel culo. La mia lingua sostitui immediatamente le mie falangi. Non so cosa fosse, ma aveva un gusto straordinario, sembrava di laccare un gelato alla vaniglia.
“Diooooo, tesoro sei nata per farlo” – Le sue parole mi diedero più fiducia.
Il suo respiro era sempre piu affannoso. Sentivo sotto la mia lingua dei piccoli spasmi e cercava di reggersi a qualsiasi cosa pur di non scivolare.
“Ora tesoro mi vuoi bene vero?”
Questa domanda mi sembrò alquanto strana e risposi in modo affermativo. Non so se le volessi davvero bene, ma mi stavo affezzionando sempre di più e ne ero tremendamente affascinata. Del resto fu la prima persona a farmi sentire importante.
“Quindi devi fare una cosa per me” – Mi sollevai un attimo, continuando ad accarezzarle la figa – “Se i miei dipendendi hanno fatto il loro lavoro” – La guardai stupita – “Non guardarmi così, tesoro, pure questo albergo è mio”
Ma quanti soldi ha questa donna.
“Ora ascoltami bene, apri quel casseto sulla destra”
Obbeii immediatamente e mi trovai davanti un strano oggetto. Era un coso nero di gomma a forma fallica e intorno c’era una specie di cintura. Lo presi in mano titubante. Ero una verginella, ma pure io potevo riconoscere un cazzo. Pensai subito che fosse quello che chiamavano Strap-on.
“Non fare quella faccia, amore, indossalo”
Visto che sono imbranata, ma non stupida, me lo legai alla vita. Me ne stavo li ferma, con quel coso che mi penzolava davanti a me.
“Scemina, muoviti” – Me lo prese in mano e se lo avvicinò alla sua passera – “Lo so che è la tua prima volta, ma datti da fare”
Puntai il cazzo di gomma verso il sogno di molti maschi e la penetrai. Ovviamente mi sentivo strana, ma ero decisa di far godere Antonella.
“Signora così va bene?”
“Uhn, quando mi chiami signora mi ecciti ancora di più, sai”
Come ho detto prima, le mie uniche esperienze si limitavano ai porno. Quindi la penetrai con piu decisione, cercando di tenere un ritmo costante.
Visto che adoravo il suo seno, gli lo palpai subito. Stavolta gli lo afferai con le unghie. Io suoi occhi si illuminarono e capii che avevo agito bene.
Improvvisamente mi afferrò il mio culo con le mani – “Piccolina fottimi, non sono fatta di piume”
L’aveva voluto lei. Spinsi il pene con tutta la forza che avevo, aiutata dalle sue mani che mi spingevano verso di lei. Mi infilò pure due dita nel culo. Ovviamente mentre la scopavo io non sentivo nulla, ma le sue dita e la situazione mi eccitò immensamente. Probabilmente il liquido che mi colava dalle gambe era un misto tra sudore e umori.
Mi sdraiai sopra di lei, volevo baciarla. Il mio petto sfiorò il suo. La mia lingua passò sopra le sue labbra. Non volevo ancora baciarla, la voleva far aspettare. Scesi sui capezzoli, li succhiai e poi finalmente la mia lingua raggiunse la sua.
“Ora la fotto signora” – Erano le mie parole quelle.
“Siiiii, cosiiiii, lo sapevo che mi sarei divertita con te”
Spingi lo strap fino in fondo. Lei inarcò la schiena per accoglierlo tutto.
“Leccamela subitooo”
Tolsi l’oggetto e tornai a limonarle la figa e in pochi secondo senti le sue voglie scatenarsi sulla mia faccia. Ero piena della sua eccitazione, era venuta.
Mi fece sedere sulla panchina, si inginocchiò davanti a me e, mentre me lo sfilava, mi leccò il pene di gomma. Poi fu la volta della mia figa, la sua lingua stimolava ogni parte dei miei genitali. Ero ancora più arrapata rispetto a un mese fa, sicuramente ero meno ansiosa.
Avevo la testa inclinata all’indietro. In quel momento non mi accorsi che aveva indossato lo strap.
“Ora, amore mio, ti faccio vedere come si scopa davvero” – E con un piglio autoritario – “Alzati”
Lo feci.
“Girati”
Obbedii.
“Appoggia le mani al muro, all’inizio ti farà un po male”
Quasi tremante, misi le mie mani sopra lo stipide della panca.
La sentii avvicinarsi, mi allargò le gambe con le sue mani. La destra si intromise curiosa all’interno dellla mia vagina e mi disse che mi stava preparando al meglio che doveva venire.
Oddio io ero già un lago, cosa poteva esserci meglio di così.
“Mi ami vero” - e le dita si introdussero sempre di più.
“Siiii” – Cosa altro potevo dirle.
Mi baciò la spalla destra, mi scostò i capelli, mi morse il collo. Sentivo i suoi capezzoli appuntiti sbattere sulla mia schiena e poi lo sentii.
Prima mi sembrà di sentire qualcosa di sferico che bussava alle mia labbra, poi improvvisamente mi sentii impalare. Persì un po’ di sangue. In teoria ero stata appena sverginata. La sensazione di piacere si sostitui, in pochi istanti, al dolore.
Ne volevo sempre di più.
Quel pene entrava e usciva a ritmo costante.
Dentro di me pensavo. Se la penestrazione era così bella perché non l’avevo provata prima.
Ora non solo sentivo i suoi capezzoli sopra di me, ma l’intero seno.
Persì il controllo – “ Si amore fottimi” – Era la prima volta che la chiamavo cosi ed era pure la prima volta che le davo del tu.
Spinse quel coso fino al fondo del mio canale e rimase li immobile un attimo, mi girò la testa e mi lecco la mia lingua. Dire che stavo tremando sarebbe limitato.
Afferrò da dietro le mie tettine. Spinse più forte. “Porco Dio che bello” – Io bestemmio poco ma in quel caso ci stava.
Sentii qualcosa nascere dal mio stomaco. Quella sensazione si divulgò alle mie gambe.
“Vieni, tesoro, vieni”
Anche stavolta obbedii. Fu addirittura dieci volte più intenso della scorsa volta.
Lei si divincolò da me. Ne rimasi delusa ne volevo ancora. Lo volevo fare per tutta la vita.
Lei probabilmente vide il mio sentimento di delusione nel viso - “Tesoro, abbiamo tutto il tempo che vogliamo a disposizione e ti insegnerò anche tanti altri atti sessuali, fidati di me”.
Prese due asciugamani che erano appesi accanto alla porta, me ne gettò uno – “Su dai ricomponiamoci, mi è venuta fame”
Dopo una bella doccia, serviva eccome, andammo al ristorante dove ci servettero pietanze estramemente gustose. Durante il week end intervallammo il relax al sesso, ma scriverne ora sarebbe troppo ripetivivo e ho altre cose, forse più avvincenti, da raccontare.
Vi posso solo dire che, una volta tornata a casa, mia madre si stupì dalla felicità che esprimeva il mio viso, anche perché le avevo detto che dovevo andare fuori città per un incontro di pallavolo.

To Be Continued…..

Questo racconto di è stato letto 3 8 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno cornutoerotico raccontiraccontierfratello e sorella raccontiracconti piedinicognate lesbicheracontieroticiracc eroticiracconto hotstorie sesso incestoracconti erotici transracconti erotici suppostesito racconti eroticistorue pornoraccontiiomiluracconti hatdracconti erotici con la ziaracconti hot realiguzzon69racconti erotici prima segaracconti piedi femminiliracconti porno cognataraccpnti pornoracconti pornpstorie eroticheerotici racconti 69cornuto e contentoracconti erotici famigliarocconti eroticiracconti nonnaracconti erotici piediracconti erotici veri gratiscuckold raccontiracconti erotici suocera generoraccontifetishraqcconti eroticiraccontiergenere racconti eroticirqcconti pornoracconti investiracconti erotici clisteriracconti di cornaracconti zoofiliaracconti hard tradimentiracconti erotici nudistiracconti storie di sessoracconti piccanti gratisio milùracconto erotico pompinoraccontidisessoorge estremestorie di mariti cornutimia zia in perizomatroie suocereracconti erotici bsxtettona raccontiracconti porno seghesesso storiepiedi di mia ziaracconti gratis eroticierorici raccontiracconti incestoracconti pronostorie erotiche cuckoldincesti raccontiracconti porno cornutoracconti di sculacciatecuckold storiazoofilia raccontiracconti tettonaracconti xxxracconti wroticiracconti erotticiracconti proibitiracconti di mariti guardonimistress racconti