Sedotta in ufficio

Scritto da , il 2019-08-22, genere masturbazione

È una giornata calda e afosa.
Come al solito, sto lavorando nel mio ufficio. Questa volta, però, devo elaborare un documento che risolva molte problematiche. Inizio a mettere per iscritto quello che ritengo essere i punti salienti del documento. Ma dopo un paio d'ore, mi accorgo di non aver fatto nessun passo avanti. Non riesco proprio a redigere il documento. Provo a chiamare qualche manager della sede centrale, ma non risponde nessuno. Allora decido di contattarlo. Non voglio parlare con lui. Questa mattina abbiamo litigato. Ma non posso fare diversamente se voglio creare quel documento. Prendo in mano il cellulare e digito alcuni numeri sulla tastiera.
"Sono io. Ho bisogno del tuo aiuto. Lascia perdere quello che è successo stamattina e vieni in ufficio ad aiutarmi.
Grazie" gli dico e spengo subito il mio cellulare. Passano le ore, non arriva nessuno e io mi trovo davanti ad un foglio bianco, senza avere nessuna idea. Ad un certo momento, sento bussare alla porta del mio ufficio.
"Avanti, entra" dico ad alta voce. La porta si apre, ma non è lui. È Andre'. Nonostante che l'ho respinto molte volte, André è venuto ancora a farmi visita in ufficio. Una visita inopportuna e indesiderata. "Cosa sei venuto a fare qui? Non ti amo. Non voglio vederti. E ho molto lavoro da fare" gli urlo addosso. "Cara Esmeralda.
Ti ho fatto un regalo. Prendilo. Scommetto che neanche tuo marito, che tu ami tanto, ti ha mai fatto un regalo del genere. E se hai bisogno di qualche consiglio per il tuo lavoro, chiedi pure. Oggi è il mio giorno libero e posso aiutarti senza fretta" mi risponde André. Sono un po' titubante ma alla fine allungo la mia mano e prendo il pacchetto che mi porge André.
Dopo averlo aperto, rimango sbalordita. André mi ha regalato una piccola croce in argento. Non so cosa rispondere mentre André si avvicina a me.
E guarda i fogli sparsi sulla scrivania. "Su alcune questioni
commerciali, ti posso aiutare, ma in cambio vorrei un po' di affetto da parte tua" mi sussurra André al mio orecchio.
Rimango in silenzio e immobile sulla mia sedia. André prende una penna e scrive qualcosa su un foglio. Mentre leggo quello che sta scrivendo, André preme le sue labbra sul mio collo. Subito dopo, infila la sua mano sotto la mia gonna e mi accarezza la coscia. Ho un brivido per l' eccitazione ma anche rabbia. Vorrei tirargli uno schiaffo, ma mi sta aiutando nel lavoro, mi ha fatto un bel regalo e mi piace
come mi tocca. Prendo l'iniziativa. Mi alzo, accarezzo André sul petto e lo bacio sulla guancia. Poi mi distendo sulla scrivania, mi metto in posizione supina, e allargo leggermente le gambe.
André fa scorrere la sua lingua sulla mia coscia e strofina i suoi corti capelli rossi sulla mia vulva. Il contatto pungente dei suoi capelli sulle mie parti intime, mi fa eccitare tantissimo. Inizio a gridare per la forte eccitazione. Subito dopo, André abbassa la mia mutandina e bacia ripetutamente il mio clitoride e le mie piccole labbra. Ho continui brividi di eccitazione e tremo tutta. "Vedo che ti stai eccitando molto. Cara Esmeralda, sei una donna bellissima e molto sensuale.
Non vedo l'ora di baciarti sulla bocca e poi penetrarti" mi dice André. Io gli sorrido e allargo ancora di più le mie gambe. André si toglie velocemente la camicia e i pantaloni. Ora ha indosso solo le mutande e le scarpe. Avvicina il suo viso al mio.
Io chiudo gli occhi e aspetto che André mi baci sulla bocca.
Ma André non riesce a baciarmi. Un improvviso forte rumore, come di una porta che sbatte, mi fa aprire gli occhi. Metto subito la mia mano sulla faccia di André e con una spinta lo allontano da me. André non è riuscito a baciarmi sulla bocca e per questo motivo è arrabbiato con me. "Perché mi hai respinto? Perché non mi hai permesso di baciare le tue splendide e morbide labbra?" grida André. Non si è accorto che lui, è entrato in ufficio ed è alle sue spalle. Lui afferra André per il collo e scaraventa André a terra. André si rialza ma lui, con un pugno, colpisce André in pieno volto.
André cade a terra e non si rialza più. André è svenuto.
Lui mi dice "mi hai chiamato ed eccomi qua ad aiutarti nel tuo lavoro. Sai, ci ho ripensato. Ti chiedo scusa. Ho pensato solo al mio divertimento. Questa sera andremo insieme allo spettacolo teatrale che ti piace tanto. Ora concentriamoci sul lavoro". Lui è mio marito Gianfranco. Le sue parole e il suo provvidenziale intervento mi hanno resa molto felice. Bacio Gianfranco sulla bocca. Premo con forza le mie labbra sopra le sue. Poi infilo la mia lingua nella sua bocca. Le nostre lingue si intrecciano e rimango unite per alcuni minuti. Poi Gianfranco mi prende in braccio, mi fa sedere sul bordo della scrivania e mi accarezza in mezzo alle cosce.
Io sono già abbondantemente bagnata. Allaccio le mie gambe dietro la schiena di Gianfranco e strofino la mia vulva sul rigonfiamento dei pantaloni di Gianfranco. Gianfranco si toglie i pantaloni, si toglie la mutanda e con uno scatto improvviso fa penetrare il suo pene dentro la mia vagina. Io urlo di gioia, mentre il pene di Gianfranco ruota dentro la mia vagina. Gianfranco affonda due volte dentro di me. Io ho l'orgasmo mentre lo sperma di Gianfranco scorre dentro la mia vagina. Bacio nuovamente Gianfranco sulla bocca. Poi ci rivestiamo. Un attimo dopo,Gianfranco mi fornisce le informazioni necessarie per elaborare il mio documento.
Terminato il lavoro, io e Gianfranco stiamo per uscire dall'ufficio quando André si sveglia e si rialza da terra.
"Non ci provare mai più con mia moglie Esmeralda. Hai capito bene quello che ho detto !! Questa sera non potro' andare a vedere la partita di calcio. Ti regalo il biglietto, se mi prometti che non cercherai mai più mia moglie e non ti avvicinerai mai più a lei. Hai capito bene quello che ho detto !!" Gianfranco urla queste parole in faccia ad André. André abbassa la testa e chiede scusa a me e a Gianfranco. Dopo aver promesso che non mi disturbera' mai più,
Gianfranco gli regala il biglietto per la partita. André prende il biglietto e se ne và.
Io bacio con passione Gianfranco sulle labbra e poi, mano nella mano, io e Gianfranco andiamo a teatro.



Questo racconto di è stato letto 4 1 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici gratuitiracconti erotici di mogli infedelistorie di sesso videoho scopato mio padreracconti sesso con animalimia moglie è una vaccaannunci69 raccontistorie etoticheerotici gayracconti suocera troiaracconti erotici scambio coppiaracconti erotici vergineracconti amatoriali per adultiracconti gratis pornoracconti erotici.itstorie pronoho scopato mia cuginaracconti erotici lunghiracconti erotic iero raccontisuocera porcellaraccontidi miluracconti sensualiracconti suoceroracconti gay prime esperienzeracconti etoticiracconti zoofiliracconti di cuckoldracconti primo analeracconti investoletture erotiche gratismoglie dominanteracconti erotici analemamma ti sborrostori eroticheracconti erotici di zoofiliaracconti icestoracconti erroticiporno racconti eroticiracconti mamma padronai raccontidi miluracconti porno di incestoracconti mariti cuckoldracconti porno trenoracconti erotici africaracconti prime segheragazze si leccano i piedistorie eroticeracconti porno gratuitiracconti calci nelle palleracconti eroti ierotica raccontierotciraccontiracconti gay zioiracconti di milùnonna viziosaraconti eroticemia zia racconti eroticiracconti zoofiliaerotico storieracconti porno italianoculosfondatostorie erracconti rroticiracconti di bdsmracconto hotracconti porno mia sorellaracconti erotici tra mamma e figlioraccontini eroticiguzzon raccontiraccontidimilùraconti eroticimaritobisexracconti amorosiracconti incesti realiracconti ertici 69sesso anale racconti eroticiracconti erotici con la suoceraracconti osèracconti porno italianierotociraccontiracconti animalsexerotici racconti 69racconti di tradimenti veristorie erotiche milu