Il Camaleonte e il colpo di coda dello Scorpione.

Scritto da , il 2019-08-20, genere pulp

Quando atterra all'aeroporto Chopin piove.
Il primo passo? Passare i controlli, poi valutare la donna, la troverà ad attenderlo?
La vede. Alta, bionda, bella come da richiesta.
Troppo alta? Troppo bella? Uhm… si, troppo appariscente. Ma va bene così. Approva la scelta.
Le si avvicina. Le parla in russo.
-Seguimi... a distanza.-
Niente attira l'attenzione più di una donna bella più alta dell'uomo che l'accompagna.
Non ha bagaglio, solo una borsa portata in cabina.
Fuori dall'aeroporto l'attende.
-Come ti chiami?-
-Geliya ...-
-Hai la macchina, Geliya ?-
-No, prendiamo un taxi.-
-Bene, andiamo. Dimmi... come hai organizzato?-
-Una camera all'Holliday Inn.-
-Il numero della stanza?-
-423...-
Lui vive di sensazioni e si fida di quanto prova momento per momento. Quando arrivano alla squallida periferia della città ordina al tassista.
-Zatrzymany... fermati!-
Mentre scende...
-Geliya ... aspettami all'hotel, in camera. Mi farò vivo io.-
Gira velocemente l'angolo e guarda se qualche vettura si ferma, tranquillizzatosi raggiunge con comodo la stazione della metropolitana. Scende al centro commerciale Hala Koszyki e compra uno zaino comune, una tuta blu da meccanico, scarpe da lavoro, uno spolverino economico, berretto a coppola.
Poi esce, riprende la metro e raggiunge la periferia, cerca una birreria. Ha indossato lo spolverino e la coppola, si è trasformato in una altra persona.
Beve una birra al banco e inizia una conversazione con il barista, in tedesco e con le parole che conosce del polacco.
-Cerco un affittacamere qui vicino, ma che costi poco... ne conosci?-
-La vecchia signora Sloty... scendi la strada fino al numero 16, non ha insegna, ma non è una regolare affittacamere...-
-Non importa, basta che costi poco, grazie... przyjaciel-
La stanza è molto comune, un letto, un comodino, un tavolino e un armadio con chiave, il bagno è sul corridoio, costa poco ed è perfetta per lui, manca una lampada da tavolo ma la padrona la procurerà, chiede la chiave della porta d'ingresso, vuole potersi muovere in assoluta libertà, esce, nel gabinetto della metro mette lo spolverino e la coppola nella borsa.
Raggiunge l'Holiday Inn, senza essere notato sale e bussa alla 423, Geliya gli apre.
-Hai due schede magnetiche della porta, Geliya? Dammene una.-
La ripone in tasca. Toglie invece un rivelatore di congegni d'ascolto, controlla.
-Hai ritirato la divisa? Mettila...-
La osserva mentre si toglie quanto indossa e si riveste.
Molto bella Geliya e la divisa, un severo tailleur blu scuro, gonna al ginocchio e giacca aderente al busto, le sta perfettamente, completa il tutto delle scarpe tacco alto nere e una borsa a tracolla professionale da hostess anche nera. Un logo sulla giacca mostra un aereo stilizzato.
-Benissimo... ora il tuo compito: indosserai questa divisa ogni giorno da domani e raggiungerai l'ufficio della Primus Siberian Air Lines che abbiamo aperto tempo addietro al Pałac Kultury i Nauki, al Palazzo della Cultura e della Scienza, ti darò il pass necessario e il codice numerico per la porta. E' al dodicesimo piano, sarai l'unica impiegata, avrai tutto funzionante, collegamenti telefonici e internet ma è solo d'apparenza, presenzierai ogni giorno dalle nove alle cinque, mangerai nel ristorante del palazzo e userai dei taxi per arrivarci e tornare qui in albergo, chiaro fino a qui? La sera non uscirai, voglio trovarti per ogni evenienza, mangerai al ristorante alle otto poi tornerai in stanza.-
-Capito...-
-Bene. Il giorno 20... quindi fra esattamente nove giorni, alle ore diciotto, nella sala del tredicesimo piano, giusto sopra il nostro ufficio, avverrà un incontro preceduto da un rinfresco fra una delegazione ucraina e una tedesca, tratteranno in maniera riservata gli accordi per il passaggio del gasdotto proveniente dal Turkmenistan fino in Germania, noi... abbiamo intenzione di sabotare l'incontro, non vogliamo vittime, vogliamo solo impedire l'incontro... e fare un po' di disinformazione, non ti serve sapere chi ci paga, giusto? Siamo professionisti e non facciamo politica.
Il tuo compito sarà: portare nell'ufficio parte dell'esplosivo giorno dopo giorno, nasconderlo, il giorno dell'incontro assemblerai l'esplosivo con il dispositivo detonante che ti consegnerò al momento. Sarà sicuro e non rilevabile al metal detector, completamente non metallico. Metterai l'ordigno esattamente nel punto che ti indicherò e farai partire il timer, lascerai il palazzo e sparirai nei modi che abbiamo deciso. Il tuo compenso è già stato versato dove ci hai indicato. Domande?-
-Come porterò l'esplosivo?-
-Dentro di te, nella tua vagina.-
-Plastico? So che può essere tossico.-
-No... assolutamente, ma devo controllare quanto ne puoi introdurre ogni volta, spogliati... completamente.-
Mentre si libera della divisa, delle calze e intimo.
-Ci saranno cani controllo antiesplosivo?-
-Non ci risulta... ma comunque sai? Saranno confusi dall'odore della tua... fica, stenditi sul letto e apri bene le gambe...-
E' davvero molto bella la russa, carnagione d'avorio, seno sostenuto, bel culo, il pube completamente depilato.
-Sei molto bella, Geliya... di dove sei esattamente?-
-Mosca...-
-Quartiere?-
-Ostankino-
-Gypsy kids? -
-No no... mio padre era poliziotto, morto in servizio.-
Lui avvicina le dita al pube della donna.
-Quanti anni hai? Non ti farò male... voglio solo vedere quanto sei ricettiva dentro...-
-Ventisette...-
Le dita passano leggere sulle labbra piene poi premono, avverte un leggerissimo inarcarsi della donna, paura? Inizio del piacere? Bagna le dita di saliva e torna a premere, apre le grandi labbra... entra, spinge, due dita, le rigira dentro, preme sulle pareti.
-Sei sensibile... molto, ti stai bagnando e hai uno splendido profumo.-
Ora sta spingendo con forza la dita, a fondo, è profonda la fica della donna, le ritira, le rimette sempre più profondamente.
-Orgasmo vaginale... Geliya?-
-Uhm... non siamo professionali... ora...-
-Che importa? L'importante è... lo vuoi?-
-Si... continua...-
Ora è la mano intera a spingere per entrare e lei che si apre e s'inarca per riceverla.
Si bagna davvero molto, un rivolo di umori profumati che escono e scendono sul perineo fino all'ano.
Insiste a spingere fino a quando la sente godere poi leva la mano.
-Girati... culo in su...-
-No.-
-Girati... non mi costringere a usare la forza.-
Le dita non faticano molto ad allargarle l'ano, spinge... e ritira, sono tutte le dita ora che la penetrano nel culo.
Si stacca, si spoglia velocemente e le si avvicina, spinge il suo cazzo duro dove aveva la mano, nella sua fica rorida e aperta, le mani ora le stringono la gola, non è certo tenero, mostra invece tutta la sua crudeltà di uomo senza riguardi. Stringe le dita fino a farle mancare il fiato... e incredibilmente a lei piace! Ne gode! L'unica attenzione dell'uomo è di non segnarla, ma le tormenta e tortura il seno, il suo cazzo esce tutto per rientrarle dentro dolorosamente. Poi... saziato il primo impulso lascia la fica ed è nel culo che la possiede, lei con la testa sul letto con le mani trattenute sulla schiena da quella forte di lui, è violenza quella che lui mette in atto! E per lei è una sottomissione che gradisce pienamente.
La lascia a notte fatta e rientra nella sua camera nel quartiere popolare, ha rimesso il berretto e lo spolverino e si confonde con la massa di gente in movimento.
Dorme poche ore, mette la tuta da operaio, le scarpe, lo spolverino, prende lo zaino ed esce, la sua solita prudenza lo costringe ad allungare il percorso, entra in negozi da una entrata ed esce da un'altra, è sul posto dove ha l'appuntamento venti minuti in anticipo sull'ora concordata, lo vede entrare nel locale... aspetta, controlla che non sia seguito, poi lo raggiunge al tavolo, si dispone in modo da controllare l'ingresso.
-Come va?-
-Tutto come previsto, vedo che hai con te il necessario, quanti chili?-
-Cinque, quello che hai richiesto... plastico ad alto potenziale, russo... semtex PVV-5A-
-Bene, dall'indagine allo spettroscopio sui resti arriveranno alla sua origine in un attimo e il resto?-
-Tutto quello che mi hai richiesto...-
-Spingi il pacco verso lo zaino e lasciacelo... dopo lo prendo...-
-La ragazza?-
-Va benissimo... bella e anche puttana, peccato...-
-E' il gioco... è sacrificabile, ci serve.-
-Nessuno scrupolo, solo una considerazione, è solo un elemento del gioco come hai detto tu...-
-Il programma?-
-Semplice... ora modellerò l'esplosivo in rotoli di venti centimetri per sei di diametro, li inserirò in due... condom uno sull'altro con un cordoncino, lei li metterà nella sua vagina e li porterà nel palazzo, poi il giorno venti le darò il dispositivo d'innesco e il timer e lei assembrerà la bomba, la disporrà contro la parete che le indicherò... e...-
-E...?-
-Quando azionerà il timer... la bomba è confezionata per esplodere sull'istante, lei esploderà con il tutto, il vano dell'ascensore crollerà, causerà di certo molte vittime e noi avremo raggiunto lo scopo, bloccare il convegno e dare la convinzione che sia una mossa russa quella di sabotare la trattativa, metterò nella stanza della ragazza parte dell'esplosivo, ci arriveranno senza meno e metterò qualche traccia che porta ai servizi segreti russi... e il gioco è fatto!
-Cosa manca quindi? Adesso?-
-Devo fare il detonatore, il dispositivo d'innesco, non uso componenti metallici, voglio dei dispositivi non rilevabili al metal detector, li compongo con polimeri e conduttori di fibra di carbonio, lo costruirò in questi giorni...
-Dove il prossimo lavoro?-
-Londra... fra trenta giorni, lo sai... operiamo sempre con piacere a Londra, ci vedremo lì, stesse modalità: Hyde Park, ogni martedì e venerdì alle diciotto al bar sul laghetto, chi arriva aspetta dieci minuti, se non arriviamo ambedue si ritorna l'appuntamento successivo...-
-Ad maiora... Camaleonte!-
-Ad maiora semper... verso traguardi sempre più importanti!-
Ora i giorni passano veloci, ogni sera le consegna parte dell'esplosivo e Geliya provvede a portarlo al Palazzo, si ferma da lei fino alle prime ore della notte, la sua sessualità è pesante e crudele, solo la volontà di non volerle segnare il corpo lo trattiene dal farla sanguinare e imporle ferite, ripiega sul penetrarla con tutta la mano e gode nel vederla smaniare e lamentarsi dal dolore, non le da tregua e continua fino a sfinirla, poi si veste e se ne va, torna nella sua stanza.
L'ultimo giorno!
La notte le ha consegnato il dispositivo d'innesco, una semplice scatoletta che mostra un piccolo timer, lei dovrà metterlo in azione in modo che la bomba esploda dopo le sei pomeridiane, dovrà collegare i terminali all'esplosivo e lasciare l'ufficio.
Ultime ore!
Geliya collega il timer all'esplosivo, ma non lo aziona. Lascia l'ufficio, ha già provveduto a sgomberare la sua stanza all'Holliday Inn, lascia Varsavia nel modo previsto.
Poco dopo le diciotto e trenta una voce anonima allerta la sorveglianza del Palazzo della Cultura e della Scienza della presenza di una bomba al dodicesimo piano.

Il colpo di coda dello Scorpione.
Il Camaleonte raggiunge l'Holliday Inn, vuole nascondere nella stanza di Geliya dell'esplosivo e alcune tracce della sua apparente appartenenza ai servizi segreti russi, apre la stanza ed entra... un rilevatore di massa coglie la sua presenza e fa scattare l'innesco di una mina antiuomo Claymore modificata, alla quale è stata tolta la carica di sfere d'acciaio e sostituita con fosforo incendiario.
Il Camaleonte vede solo un lampo prima di morire bruciato.
Il colpo di coda velenoso dello Scorpione.

^^^^^^^^^^
Informativa riservata per il Sig. Primo Ministro.
Agenti del nostro servizio di sicurezza hanno sventato brillantemente un attentato che doveva verificarsi il giorno 20 del mese in corso con obbiettivo il Palazzo della Cultura e della Scienza in Varsavia dove era in programma una conferenza fra esponenti dei governi Ucraino e Tedesco. Il congegno esplodente è stato disinnestato ed è risultato composto da esplosivo ad alto potenziale di origine russa mentre il dispositivo d'innesco portava al modus operandi del terrorista internazionale conosciuto come il “Camaleonte”.
Si ha ragione di ritenere che, grazie all'opera di una nostra agente, detto terrorista, originariamente tale Markus Finn Adams appartenente a suo tempo a cellula segreta dell'Irish Republican Army, operante ultimamente in campo internazionale come esperto di esplosivi, sia deceduto in una stanza di un hotel di Varsavia.
La versione ufficiale fornita dalle autorità cittadine e confermata successivamente dalle forze di polizia parla di morte accidentale di un uomo non identificato mentre preparava un ordigno esplosivo.
^^^^^^^^^^

Pochi giorni dopo...
A bordo di un areo di linea diretto a Recife in Brasile, business class, un uomo alza un flûte di champagne in un simbolico brindisi.
-Mors tua... vita mea... Camaleonte.-
Si fa riempire nuovamente il bicchiere e nuovamente brinda.
-Sláinte na bhfear agus go maire na mná go deo! Salute agli uomini e possano le donne vivere per sempre! Salute a te, Markus, amico mio! Nessun rancore, vero? Avresti fatto lo stesso nelle mie condizioni, no... non ti ho venduto! Non sono un Giuda! Ho dovuto scegliere... o sacrificavo te o me stesso. Ti saluta Geliya, lei è come noi... lo sai, ha detto... e ti piacerà saperlo, che l'hai fatta godere molto, moltissimo. Addio amico mio e compagno di tante battaglie, che tu possa avere la pace che non abbiamo mai conosciuto.

Il tuo eterno amico... Rupert O'Connors. Lo Scorpione.

Questo racconto di è stato letto 7 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti incesto madreracconti eroticiùzie incestuoseracconti e confessioni erotichestore pornoracconti mariti guardoniprima esperienza bisexracconti oornoracconti proibitiracconti porno sexsverginamento vaginaleracconti erotici paparacconti hot gratisstorie sexyracconti porno pissingracconti proibiti realidonne che scopano caniracconti porno mariti cornutiracconri pornoracconti anzianeracconti feticistir acconti eroticiracconti erotici castrazionevere esibizionisteracconti erotici di miluracconti eorticirotici raccontistorie feticismo piediracconti storie erotichestorie hard gayracconti porcicuckold incestichiavare la suocerastorie erotic eracconto massaggio eroticomi sono fatta inculareracconti travestitiracconti del cazzosculacciato dalla ziaracconti-eroticiracconti porno maturaracconti erotici con suocereracconti erotici prime esperienzeracconti porno incestistorie di sesso analeracconti pornpracconti aroticierotici racconti incestinuovi racconti eroticierotici racstorie si sessostorie sesso gratisraccontierotici.itstorie porno gratisracconti veri sessoracconti eroti cistrapon raccontiracconti erotici la suoceraraconti eroticoracconti hard con animalimassaggi raccontiracconti pirnoracconti animal sexsuocera raccontiscopare con cavalloerotico raccontodonne che scopano con il caneraqcconti eroticiracconti erotici donnaracconti porno gratisracconti erotici porcaracconti gay sverginatoracconti erpticicane incula ragazzaracconti di zoccoleracconti veri di tradimenti coniugaliracconti rroticifidanzate esibizionistestori pornosesso racconti eroticistorie di sesso con animalierotici racconti 69raccnti pornoracconti suocera troiaracvonti eroticila moglie eroticaracconti feticismodonna caga in boccaracconti porno fantasymilu racconti erotici