Allenamento estremo (racconto di fantasia)

Scritto da , il 2019-08-20, genere fisting

Era una mattinata feriale alla periferia di Roma, Michele camminava sbadigliando in cucina. Caterina, una studentessa di ventitré anni viveva a casa con lui, sua moglie e un’altra ragazza, Chiara.

Caterina lo ha salutato allegramente con una tazza fumante di caffè e un bacio schioccante.

Indossava una maglietta al ginocchio troppo attillata con la quale soleva dormire. Non faceva nulla per nascondere il suo seno vivace e ben formato, e i suoi capezzoli erano costantemente eretti. Sotto era nuda.

Con una mano, quando Caterina stava transitando davanti a lui, Michele afferrò uno dei suoi capezzoli attraverso la sua maglietta sottile pizzicandolo e stringendolo saldamente. Questa azione improvvisa suscitò un lieve gemito di lei. Poi allungò una mano tra le sue natiche sode aspettandosi di affondare le dita nell’apertura anale che conosceva bene e che sapeva trovare non coperta da mutandine. Le sue dita andarono invece a cozzare contro l'ampia e solida base di un plug anale notturno che le aveva inserito la sera sua moglie Alessandra.

"Oggi uscirai con il plug inserito, piccola?" chiese mentre le dava il bacio e prendeva il caffè offertogli. "Potresti optare per una taglia più piccola se esci."

Aveva scoperto che a differenza delle donne europee che portavano giorno e notte un plug più piccolo, la maggior parte delle donne americane invece preferiva usare dei plug anali più grandi di giorno allo scopo di poter vivere la sensazione del culo aperto in pubblico.

Il metodo europeo era più coerente, e il metodo americano era significativamente più doloroso poiché lo sfintere non riusciva a rilassarsi bene durante il giorno, considerato il diametro più importante.

"Certo che si caro! Non lo toglierò" rispose mentre continuava a strofinare il suo corpo contro il suo. "Oggi le lezioni non iniziano prima delle 11:00, quindi ho pensato che avrei potuto portare il plug anale notturno, più grande, per tutta la mattina per fare un po' di stretching in più."

"Ci sta" rispose Michele mentre ruppe l'abbraccio e si sedette a capotavola.

"Stasera è una notte di punizione per te vero?" chiese, già conoscendo la risposta mentre aiutava Caterina a mettersi in ginocchio davanti a lui.

La grandezza e lunghezza del plug anale inserito nel suo retto aveva reso questo compito più difficile di quanto lo sarebbe stato normalmente. La punta del cuneo anale premeva saldamente nell’intestino e qualsiasi movimento di torsione o di abbassamento in avanti le causava un notevole disagio. Lo doveva togliere per espletare i suoi bisogni corporei, poi dopo un lavaggio anale lo avrebbe inserito nuovamente.

Michele e sua moglie Alessandra organizzavano regolarmente delle punizioni per castigare Caterina e Chiara, l’altra ragazza, per le infrazioni della settimana. Capitava che fosse invece semplicemente perché avevano deciso così.

Ogni sera le ragazze che frequentavano la casa erano normalmente autorizzate a violare il proprio buco del culo, prima già ben dilatato dalla moglie.

Certo, anche Alessandra amava usarli su sé stessa nel suo sfintere navigato e ben addestrato. Infatti durante la notte sovente lui e sua moglie si godevano intime serate di devastazione anale.

Una mattina Michele si era alzato presto e diede un'occhiata nella direzione di sua moglie che stava preparando la colazione per tutti mentre lui faceva scivolare le sue dita dentro e fuori il culo della ventenne Chiara che si era da poco svegliata. Lei da qualche tempo si era unita a loro ed aveva iniziato il processo di allargamento degli orifizi.

Michele quella mattina aveva trovato Chiara seduta sul bancone della cucina - qualcosa che lei sapeva non era permesso. Teneva i piedi sollevati sul bordo e le gambe aperte per consentire ad Alessandra, quando lo avesse ritenuto giusto, di accedere senza ostacoli ai suoi buchi.

"La lista dei rimproveri a Chiara è sul frigo Michele. Vai a controllare se manca qualcosa" aggiunse la moglie da sopra la spalla mentre sorrideva dolcemente a suo marito.

Alessandra portava i suoi lunghi capelli scuri in una crocchia stretta. Era vestita con uno dei suoi tailleur color crema per un'intensa giornata piena di incontri di lavoro. La giacca su misura mostrava ogni curva del suo corpo tonico. Si abbottonò appena sotto l'ombelico, la sua camicetta bianca aveva una scollatura profonda quasi quanto la sua giacca. L'ombelico trafitto da un piercing era visibile appena.

Il suo reggiseno, a tre quarti e nero era molto trasparente e di pizzo. Spingeva e modellava il suo bellissimo seno a coppa per valorizzare la scollatura baciata dal sole. Un accenno delle areole scure del suo seno e la punta del capezzolo erano chiaramente individuabili sotto il suo indumento ed erano ben esposte dalla sua camicetta.

La gonna di Alessandra era molto corta e scendeva appena sotto le sue umide labbra della figa. Indossava mutandine string che strusciavano costantemente il suo sfintere torturando il suo abisso nero che si inoltrava profondamente nel retto. Doveva solo chinarsi leggermente in avanti per rivelare entrambi i buchi a chiunque fosse interessato a guardare.

Il suo look era completato da stivali al ginocchio in pelle con tacchi vertiginosi. L'altezza e l'angolazione dovuta ai tacchi avevano modellato il suo già bellissimo culo trasformandolo in un'opera d'arte.

Il suo vestito era però abbastanza lungo da coprire i suoi buchi quando veniva visto da una normale altezza di conversazione. Da seduta, se lo voleva, poteva aprire le gambe e ognuno aveva una buona visione dei buchi. Si poteva perfino intravvedere lo scuro del buco posteriore che aveva avuto un ruolo significativo nella distruzione notturna.

Chiara, la ragazza giovane, quel giorno indossava un capispalla nero con un singolo bottone tra i suoi seni vivaci. Il materiale quasi trasparente di questo indumento non lasciava nulla all'immaginazione.

Quel giorno il talentuoso pugno di Alessandra entrava e usciva dal suo buco del culo. Per i colpi inferti i suoi seni pesanti e i suoi giovani capezzoli duri venivano sfregati contro il tessuto sottile facendola in breve avvicinare all’orgasmo.

Chiara indossava anche dei jeans attillati e sbiaditi con un buco sartoriale posizionato strategicamente all’altezza del suo buco del culo. Alessandra ne faceva uso quando intendeva sodomizzare la ventenne.

Invece sulla parte anteriore dei suoi jeans, in posizione strategica si notava una margherita bianca. Michele sapeva che la decorazione serviva in realtà a nascondere una chicca dietro ad un secondo buco strategico. Era un considerevole catetere di dilatazione che Alessandra le aveva inserito nell’uretra la sera. Togliendo la margherita di metteva in bella mostra la sua figa esagerata per l’età, allargamento dovuto al regolare fisting a due mani alla quale era sottoposta regolarmente.

L’allenamento dell'uretra era infatti la vera novità del momento. Infatti, togliendo il fiore bianco si sarebbe rimossa la sonda uretrale sempre inserita che immagazzinava l’urina della notte contenuta nella vescica e che sarebbe stata rilasciata di colpo allo stesso modo di quando si toglie un tappo da una bottiglia.

Michele sospirò. "Stare così sul bancone è vietato, lo sai Chiara” disse mentre puntava la punta del suo cazzo eretto sulle labbra socchiuse di Caterina.

Alessandra si fermò un attimo smettendo di fistare Chiara nel culo rispondendo: "Lo so tesoro, ma Chiara voleva davvero avere un altro orgasmo prima di prendere l'autobus per andare alle lezioni. Così abbiamo trovato questa posizione comoda per fistarla nel culo.

“Era l'unico modo per aiutare Chiara” affermò senza interrompere il ritmo del pugno. Ormai sapeva quando Chiara si stava avvicinando all’orgasmo e Chiara si stava avvicinando molto a quel punto. A differenza di quando aveva iniziato il trattamento, ora a Chiara piaceva prendere il pugno nel culo fino all'orgasmo. Alessandra la allenava ormai da tempo a questa pratica ogni mattina.

"Potresti sempre mandarla all'università eccitata" affermò Michele con fermezza quando estrasse il sondino e lasciò andare la vescica drenando l'urina della notte in un bicchiere da far bere più tardi a Caterina.

Poi rivolgendosi alla moglie le disse: "Lo sai che entrambe le ragazze sono troie amanti del fisting e adorano essere riempite sia davanti che dietro”.
"Proprio come me", rispose Alessandra, finendo la sua dichiarazione. Poi continuò a penetrarla con la sua mano chiusa a pugno nel buco del culo tremante.

Fu ricompensata da un lieve gemito di dolore misto al piacere della giovane ragazza. Da parte sua Chiara non aveva seguito l'intera conversazione mentre si stava avvicinando ad un orgasmo importante dovuto al lavoro di pugno di Alessandra al suo tenero buco del culo che da qualche minuto stava lavorando costantemente.

"Bene, dal momento che entrambe le ragazze hanno fatto l’allenamento mattutino, se ne riparlerà stasera quando decideremo le punizioni. Ora potete vestirvi e recarvi a scuola. Ci vediamo stasera.

Michele e la moglie salutarono le due ragazze con un buffetto sulle guance e una pacca sul culo.

Un’altra giornata era iniziata e ora potevano ambedue recarsi al lavoro.

Questo racconto di è stato letto 2 4 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici napoliracconti porno recentiracconti erotici zoofiliti cago in boccaracconti erotici segheracconti di coppie scambisteracconti erotici tettonaracconti mistress transracconti erotici tra donnestorie dincestoracconti porno con fotoracconti piccanti gratiseriticiraccontifidanzata esibizionistastorie di sesso verestorie fetishdonna scopa col caneraccontifetishmi scopo mio fratelloracconti sado masoraccontipiccantiracconti incesisesso con mia nonnaraccontierticiscambio fidanzatestorie di sesso pornostorie clisteremeccanici gayracconti wroticiracconti sissy maidracconi eroticiracconti erotici sissyracconti mogli porcheannunci 69 incestoracconti eeoticimassaggi erotici raccontistorie eroticracconti erotici gitaracconti erotici caneerotici taccontiraccontierracconti 69 lesboracconti erotici grannyracconti ballbustingstorie eoticheracconti erotici mia cognatastorie vere hardporno raccontiracconti bulleroticiracontiracconti con la ziaracconti incesto nonnaraccontisadomasobrevi racconti pornoeroticiracconti.itraccontizoofiliami fotto mia cognataerotici racconti.itsiti racconti pornoracconti gay annunci69www raccontimilu comstorie gay eroticheracconti porno con immaginierotici raccracconti eros miluracconti oornoracconti erotici itracconti tradimenti pornostorie di sesso con ziaracconti gay prima esperienzaracoonti eroticiracconti vicina di casastorie di mariti guardoniil culetto di mia sorellaracconti porno di mogliracconti erotici pulpmia moglie è una vaccascopata dal cane raccontiraccontie roticicane incula ragazzaracconti erotici ingravidataracconti erotici ragazzeracconti orsi italianiracconti analeracconti erotici miluracconti figapissing italia forumculo di mia suoceraracconti erotocoracconti reoticiracconti di spankingtarga troionamilu storieerotici racconriracconti erotici di anziani