Esperienza in palestra con abbonamento annuale gratuito (1/3)

Scritto da , il 2019-08-15, genere fisting

"Penso che questo sia l'ingresso principale", ha commentato una giovane pallida in piedi sul marciapiede di cemento di una grande palestra di nuova costruzione. La giovane era magra, con i capelli biondi corti e il corpo ben proporzionato. Indossava pantaloncini marroni con una polo nera e un paio di infradito. La giovane bussò alla porta con le nocche.

"No merda Lisa" sbottò una ragazza altrettanto giovane. La ragazza era bassa, un po’ in carne, con i capelli ricci scuri e le unghie lunghe pitturate di rosa. Indossava una canotta bianca che mostrava una buona dose della sua ampia scollatura. "Sono così felice che questo posto sia stato aperto, sto per mettere su peso e diventare una balena, voglio ritornare in forma.

Lisa iniziò a commentare, ma si fermò prima che potesse completare la prima parola. In un certo senso aveva una necessità. Non aveva molto tono muscolare. Ma aveva in programma di cambiarlo iscrivendosi alla palestra. Aveva sempre desiderato diventare più atletica come molte sue amiche, ma Lisa di solito non poteva permettersi un abbonamento ad una palestra. "Ok Alessia", rispose” Prometto che diventerò più atletica come lo vuoi tu.

Alessia si avvicinò alla porta e afferrò con decisione la maniglia e aprì la porta. "Dai, Lisa", disse. Attraversò la porta, il suo petto ondeggiava avanti e indietro nella sua canotta. Le sue vistose poppe erano ben in vista.

Un uomo notò l'arrivo delle due. Era alto e aveva la pelle abbronzata e capelli corti e scuri. Sembrava vivere tra la metà e la fine degli anni '30 e indossava una maglietta rossa e jeans. Si avvicinò alle due con il blocco degli appunti in mano. "Ciao a voi due, perché non andiamo a pesarci? intanto posso mostrarvi la palestra e potrete vedere cosa abbiamo da offrirvi" - ha iniziato il suo discorso di promozione.

"In realtà," Alessia lo interruppe. “Ho appena letto un articolo in internet …” Si girò di scatto facendo rimbalzare le tette nella maglietta. “Questa nuova palestra ho sentito che dovrebbe essere disponibile gratuitamente ai residenti del quartiere. Ho portato una copia del mio contratto di locazione. Tese all’uomo un foglio aggraffato.

"Hmph," sospirò l’uomo e afferrò il pezzo di carta. “Seguimi nel mio ufficio e possiamo verificare i documenti.” Si avvicinò lentamente ad un'area isolata della palestra con grandi vetrate che la circondavano ad eccezione di una porta aperta. Vi entrò e si lasciò cadere su di una sedia dietro ad una scrivania facendo segno alla coppia di ragazze giovani di sedersi su due sedie di cuoio davanti a lui.

Lisa ed Alessia si sedettero sulle due sedie di fronte alla scrivania dell’uomo. Lisa si guardò attorno nella stanza scarsamente arredata. Non c'erano molte cose in giro. Lisa pensò tra sé che doveva essere dovuto al fatto che era una nuova struttura. L'unica cosa che colpì Lisa era una serie di biglietti da visita sulla scrivania il cui nome riportato era "Piero Morelli"

Piero lasciò cadere la copia del contratto di locazione sul suo tavolo con un tonfo. Egli notò che lo sguardo di Lisa era concentrato sulle sue mani spesse e ruvide. "Beh, mi dispiace dirlo a voi due, ma il vostro contratto è appena oltre al termine per annunciarvi per un abbonamento gratuito alla palestra", ha spiegato Piero. "Le quote associative per una coppia finirebbero per essere di circa 400 Euro al mese, se siete ancora interessate" ha concluso Piero.

"Che cosa?! Non ci credo ", ha esclamato Alessia. Ella esitò per un momento e poi si schiarì la voce. Abbassò la testa in modo da mostrare più seno che fuoriusciva dalla sua scollatura. Con una voce dolce disse: “Beh, forse possiamo elaborare una specie di accordo o qualcosa del genere? Non abbiamo 400 Euro ma abbiamo davvero bisogno di questo abbonamento alla palestra. Se ci dai un abbonamento gratuito forse posso massaggiartelo per bene”

"Alessia, non puoi farlo!" Esclamò Lisa. Non riusciva a immaginare la sua amica che massaggiava il cazzo pulsante di questo rozzo uomo. Rabbrividì al pensiero delle sue mani avvolte nelle pieghe sudate della pelle dell’uomo.

Piero alla sua proposta alzò un sopracciglio. Lentamente la guardò. Quindi scosse la testa avanti e indietro, a destra e a sinistra. "Mi dispiace signorina, ma questa è una proposta che non posso accettare come pagamento", ha spiegato.

"Mi stai prendendo in giro?" Sbottò Alessia rabbiosamente. Scosse aggressivamente il petto per assicurarsi che l'uomo avesse una buona vista sulla sua scollatura. Alla fine si calmò e disse piano: “Bene, questo è il massimo che posso offrire. Se ci dai l'abbonamento gratuito ti farò un pompino una volta, quando lo vorrai. Faccio ottimi pompini e ho un disperato bisogno di questo abbonamento.

Piero la guardò con occhi annoiati, scosse la testa e rifiutò "No signorina, mi dispiace ma ..." poi improvvisamente si interruppe. “Beh, forse possiamo fare qualcosa. Se sei abbastanza disperata accetterei il pagamento sotto forma di quella tua giovane amica che mi fa girare la testa."

"È disgustoso!" Esclamò Lisa. “Non voglio succhiare il cazzo di un uomo così schifoso. Sono una ragazza per bene, non faccio cose del genere e non lo farò mai.

Piero si alzò dalla sedia e parlò ad alta voce, ma non troppo, facendo attenzione che la sua voce non arrivasse fino in palestra. Calmati. Senti, sei una poco di buono se ti offri a tutti e vuoi fare sesso con loro. Si tratterebbe solo di succhiare il mio cazzo per risparmiare un sacco di soldi. Sia a te che alla tua amica del cuore. Nessuno lo saprà e saranno solo pochi minuti spiacevoli. "

"Lisa, forse dovresti ascoltarlo," ragionò Alessia. “Ti prendo sempre in giro anche se non voglio. Fallo per la nostra amicizia. Si tratta solamente di muovere la testa avanti e indietro; non credo abbia nemmeno un cattivo sapore. ”Alessia gli mise una mano sul ginocchio. "E mi risparmierai di doverlo fare io."

"No, non lo voglio fare", disse Lisa ad alta voce. “Non voglio succhiare il cazzo di uno sconosciuto. Non sono una puttana."

"Ok, ok", ha risposto Piero. “Bene, allora possiamo elaborare un’altra proposta. Ma non voglio continuare a parlare di favori sessuali qui dove i clienti possono sentirci parlare. C'è un localino in questo ufficio dove possiamo avere un po' di privacy.”

Lisa guardò Alessia che stava annuendo. "Ok, ma non ti voglio succhiare il cazzo." Lisa con riluttanza fu fatta entrare in localino attiguo aperto dall’uomo. Non c'era molto spazio per due, riuscivamo a malapena ad entrarci assieme. Sulla porta c’era una piccola finestrella che lasciava entrare una sorprendente quantità di luce.

Piero entrò nel localino e chiuse la porta dietro di sé. Quindi si voltò e affrontò Lisa. Senza dire una parola, le dita di Piero afferrarono il bordo inferiore della sua maglietta e la sollevò lentamente in alto sopra la sua testa. Piero quindi gettò la maglietta sul pavimento del localino.

Lisa osservò Piero in silenzio. Doveva ammettere di essere rimasta impressionata dal fisico dell'uomo. Piero era piuttosto muscoloso. Non era completamente cesellato, c'erano delle sacche di grasso corporeo qua e là, ma Lisa non poté fare a meno di notare le sue grandi braccia muscolose e il suo petto villoso.
Piero fece un passo avanti e disse gentilmente: “Non preoccuparti di tutto questo. Tra qualche minuto finirà e avrete la vostra iscrizione in palestra. Piero iniziò ad abbassare i pantaloni.

.... continua (1/3)

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone