Emozioni al drive-in

Scritto da , il 2019-08-15, genere fisting

Il film è davvero brutto. Recitano male, è un film senza emozioni, la trama è banale.

Ma quello che stava accadendo sul grande schermo non era certo al centro della loro attenzione in quel momento. Tutto quello che riuscivano a vedere di fronte a Sandro e Silvana erano i bellissimi occhi di lei mentre le baciava la bocca e teneva i capelli serrati tra i pugni. E anche Silvana non riusciva a vedere nulla, perché l'umidità dolorante tra le gambe la stava facendo impazzire.
Non si muoveva nulla attorno all’auto, c’erano solamente cinque o sei automobili sparpagliate sul piazzale quella notte. Non potevamo essere visti o ascoltati da nessuno. Il suono scoppiettante della colonna sonora del film proveniente dalla piccola cassa dell'altoparlante appesa al finestrino del conducente non si sentiva quasi.

L'immagine sullo schermo gigante del drive-in di fronte a loro avrebbe anche potuto essere completamente assente. Per quanto riguardava la notte al di fuori del piccolo groviglio di braccia, mani, labbra e lingue non c’era nient’altro per loro. I loro corpi erano rimasti intrappolati sul sedile anteriore.

Petting e carezze erano tutto ciò che era successo tra loro finora. Oggi errano venuti a vedere questo film al drive-in per festeggiare il loro anniversario, si conoscevano da un mese e speravano ambedue che fosse finalmente giunto il momento giusto dar sfogo alla passione che avevano provato l'uno per l'altro.

Non appena la nostra Ford è stata parcheggiata nascosta nell'angolo buio del parcheggio e il film è iniziato avevano già iniziato a toccarsi e abbracciarsi.

Silvana lo stava prendendo in giro da tanto tempo. All’apparenza casualmente premeva forte il seno contro il suo petto quando si abbracciavano, o sfregava con nonchalance la sua coscia quando si sedevano vicini al ristorante. Una volta sfregò persino la mano contro il suo cazzo eccitato mentre stavano dandosi il bacio della buonanotte sul gradino della porta d'ingresso del suo appartamento. Questa sarebbe stata la notte in cui aveva deciso di provare e vedere quanto Sandro la desiderasse davvero.

Mentre si avvicinavano l'uno all'altro sul lungo sedile anteriore della panca della Ford del 1962 il suo braccio le circondò le spalle e la tirò a sé per il bacio che sapeva avrebbe messo in moto molte cose. La sua bocca era calda e morbida e iniziò immediatamente a usare le sue labbra umide per esplorare il suo viso. Fece scorrere la lingua lungo la sua mascella fino all'orecchio dove si fermò per succhiare forte il suo lobo. Respirò con un lieve gemito nell'orecchio e mentre lo faceva un brivido le scorse lungo il suo corpo fino all'inguine: Il cazzo di Sandro non restò insensibile e cominciò a gonfiarsi.

Sandro le mise una mano sul petto e cominciò ad accarezzare e stringere le sue tette grandi e sode. Spostò il corpo per dargli un migliore accesso alla parte anteriore della camicia. Era una blusa abbottonata che si adattava facilmente all’esplorazione. La sua mano si fece facilmente strada attraverso la barriera di cotone e trovò la superficie setosa del suo reggiseno. Decise di non perdere tempo lì e mosse immediatamente la mano sotto il reggiseno in modo da poter arrivare al capezzolo duro che sentiva premere da sotto. Ha pizzicato e torturato il suo capezzolo, ruotandolo tra il pollice e l'indice. Mentre lo faceva Silvana emise un gemito gutturale, gli afferrò il viso e gli mise furiosamente la lingua nella bocca.

Ispirato dalla sua reazione Silvana si strappò il reggiseno e le sue tette pesanti caddero nelle sue mani. Ora Sandro ha iniziato a lavorare la carne morbida, massaggiando le sue tette con entrambe le mani mentre la baciava forte e in profondità. Adesso le loro lingue erano in piena esplorazione delle reciproche bocche.

Si girarono sul sedile, uno di fronte all'altro offrendo i loro corpi alle rispettive mani che tentavano di iniziare ad accarezzare qualsiasi parte del corpo a portata di mano. Silvana gli artigliò il collo con entrambe le mani mentre si chinava e apriva bruscamente la camicetta.

Adesso il busto era libero da ogni tessuto e Sandro si chinò a succhiare i suoi capezzoli. Allungò le mani attorno alla sua schiena e si strinse il petto alla bocca. Una volta lì, dedicò tutta la sua attenzione al lavoro da svolgere, strofinando le labbra sui capezzoli e succhiandoli come se stesse tentando di nutrirsi con avidità.

Silvana rispose gemendo e sussurrando con voce roca all'orecchio, "Sì ... succhia più forte." Mentre succhiava forte i suoi denti iniziarono a battere e Silvana sussurrò "Oh sì ... mordimi!" Questo la eccitava da matti. Mentre i suoi denti affondavano nel suo capezzolo, il dolce odore del suo profumo fu sovrastato dall’odore che proveniva dalla sua figa. Gli approcci innocenti che avevano avuto finora lasciarono il posto a più espliciti giochi sessuali tra un uomo e una donna che bramavano l'un l'altro da molto tempo.

La figa di Silvana era ormai un lago. Sandro spostò la mano sulle cosce di Silvana e le aprì. Una volta arrivato alla meta fece scivolare l'indice sul punto umido sul cavallo dei suoi jeans. Si stava inzuppando nel tessuto denim e il pensiero di ciò gli fece correre la mente. Ha quindi usato tutta la sua mano per stringere il suo cavallo sotto il quale trasudava la figa di Silvana.

Silvana lo spinse indietro con i fianchi e allargò le gambe invitandolo a toccare il tessuto sopra la sua figa in attesa. Le stava mordicchiando i capezzoli ma si fermò, si mise una mano sul viso e inspirò profondamente. Voleva annusare l’odore del suo sesso e lasciare che l'odore forte gli riempisse la mente di pensieri sconci. Ora si rese conto che stava annusandosi la mano.

Poi Sandro perse il controllo e cominciò ad aprire i bottoni dei jeans di lei. Voleva sentire le sue mani sulla figa di Silvana in modo che potesse godersi il pieno effetto del suo desiderio bagnato e fragrante. Slegarono un attimo l’intreccio di arti per aiutarla a togliersi i jeans. Silvana rise forte mentre si sdraiò sul sedile per sollevare le gambe in una posizione adatta a togliersi completamente i pantaloni.

Quando le sue gambe furono libere, cominciò a rialzarsi, ma Sandro si sedette immediatamente e le impedì di abbassare le gambe. Si chinò su di Silvana e usò il suo corpo per sollevare le gambe in aria, quasi schiacciandole il petto. La posizione esponeva completamente la sua figa. Con sua sorpresa, non indossava mutandine. Abbassò lo sguardo e vide le sue luccicanti pieghe rosa e immediatamente batté una mano sul bellissimo fiore. Era completamente bagnata e le sue due dita medie non avevano problemi a scivolare dentro la figa grondante di Silvana.

Le sue gambe vennero spinte all’indietro e i fianchi in alto in modo da consentire la massima penetrazione. Cominciò a battere forte la sua figa con due dita e Silvana lo guardò negli occhi. Le sue due dita si insinuarono sempre più all’interno della sua vagina e agganciando due dita verso l'alto raggiunse il suo punto G.

Il suono umido degli umori di Silvana provocò in Sandro un’erezione pazzesca. Sandro di sforzò di liberarsi dai pantaloni. Ma aveva le mani sui capezzoli, Sapeva che da lì a poco il suo cazzo gonfio avrebbe versato una sborra calda nella sua fighetta bagnata. "Ti piace il modo in cui ti fotto con le dita?", chiese? "Si sente? Pensavi di potermi prendere in giro facendomi desiderare questa bella figa, vero?

Le tue mani si sentono eccome - disse Silvana - non smettere per nessun motivo di scopare la mia figa con la mano. Le sue gambe iniziarono a stringersi per prepararsi a venire. Mentre lo faceva, il mignolo di Sandro le strofinò il buco del culo. Aveva pensato di evitare qualsiasi gioco anale la prima volta, ma non poté resistere e ormai non gli importava cosa fosse successo. Con sorpresa si accorse che il buco del culo di Silvana non era di certo vergine, anzi, cedeva facilmente all’inserimento delle dita.

La sensazione che la sua figa venisse lavorata combinata con la pressione esercitata dalle sue dita sul suo buco del culo la mandò in estasi.

D’un tratto Silvana ha iniziato a squirtare a getto, "Oh cazzo! Oh cazzo! Oh, cazzo ... sto ... squirtando, "urlò Silvana! Teneva il suo corpo premuto contro il suo mentre le sue mani continuavano a muoversi per non interrompere il suo orgasmo.

Silvana è esplosa. Gettò la testa di lato e il suo corpo iniziò ad avere delle convulsioni. Silvana gemette a lungo, fino a quando non dovette fermarsi e prendere fiato.

"Fermati, fermati ... ti prego fermati," supplicò. La pressione sul bacino, dopo il l’orgasmo era quasi insopportabile. Sandro la lasciò andare e lentamente tolse la sua mano inzuppata dalla figa e dal buco del culo. Mentre lo faceva, si chinò e iniziò a baciarla appassionatamente.

Sandro si portò la mano alla bocca e cominciò a succhiarsi le dita. Le offrì anche a Silvana e Silvana che accettò avidamente di assaggiare il gusto della sua sborra che incendiava i suoi sensi.

Si sdraiarono sul sedile anteriore baciandosi e lasciando che le forti emozioni si quietassero. Le mani di Silvana vagavano di nuovo, prima sul viso e poi sul bacino. Voleva sentire il suo cazzo duro nelle sue mani.

Ma Sandro la fermò, si allontanò e disse: "Ti voglio scopare". Appoggiò il viso proprio accanto al suo e sussurrò ora, "Ora voglio scoparti e scaricare ogni goccia del mio sperma nella tua figa.

Si, ti voglio così tanto dentro di me. Per favore ... per favore, lasciami avere il tuo cazzo dentro di me. La baciò forte e in profondità, poi si allontanò e cominciò a scivolare sul sedile per entrare nella parte posteriore del veicolo.

Si alzò anche Silvana per arrampicarsi ma Sandro la fermò. Le ordinò di sedersi in ginocchio e chinarsi sul sedile anteriore verso la parte posteriore in modo che potesse vederlo. E poi disse: "Voglio che tu mi guardi pompare il mio cazzo. Siediti lì e guarda mentre pompo e accarezzo il mio grasso cazzo e lo faccio diventare duro per te.

Silvana fece un sorrisetto malizioso, si sistemò sulle ginocchia e disse
“Mmm ... sì, per favore”. Si liberò completamente dai pantaloni e dagli altri indumenti e assistette allo spettacolo.

Il suo cazzo era enorme e venoso e aveva una cappella larga e circoncisa. Sandro si sedette e allargò le gambe, prese la carne tra le mani e iniziò a pompare lentamente.

Intanto Silvana appoggiò allora la testa sulle sue braccia facendo salire il culo in aria. Ora Sandro la stava fissandola, gli piaceva vederla in ginocchio con il culo sollevato in questo modo. Sperava segretamente che la gente al di fuori dall'auto vedessero il suo culo formoso, ma sapeva che i finestrini erano troppo appannati per quello.

Disse: "Sì, alza bel culo in aria ... allarga le gambe e inarca la schiena." Fece come le era stato ordinato. Quindi allontanò la mano dal suo cazzo e la mise in bocca di Silvana che iniziò a succhiargli le dita cercando di assaggiare il sapore del suo cazzo. Amava il suo odore, sudato e tuttavia ancora dolce.

Poi Sandro ordinò: "Sputami sulla mia mano in modo che io possa pompare il mio cazzo per te. Mentre protendeva la mano verso il suo cazzo Silvana si sporse sul sedile e si avvicinò con la bocca. Quando raggiunse il suo cazzo mise la bocca sulla cappella e applicò altra saliva.

Mentre si chinava sul sedile succhiando il cazzo Silvana si sedette e allargò le gambe sempre con il culo sollevato. Gemette rumorosamente per la pressione del cazzo dentro alla bocca mentre si passava la mano bagnata sul buco del culo inumidendolo.

Era ormai chiaro che Silvana amava molto essere presa in culo e Sandro era ansioso di accontentarla. Così mentre era piegata in grembo, Sandro le aprì le natiche e rapidamente inserì due dita in culo.

Lasciò uscire il cazzo dalla sua bocca e grugnì, "Oh, piccolo stronzo ... ti piace il mio culo vero?" Sandro gemette e ficcò ora tre dita nel culo fino alle nocche. Quindi le estrasse e spinse Silvana in posizione in modo da poterla penetrare più in profondità.

Raccolse gli umori dalla sua figa e li spalmò ben bene sul culo e al suo interno. Ora era pronta per una penetrazione più profonda. Tre dita erano passate facilmente, chissà se sarebbe riuscito a far passare tutta la mano all’interno del suo retto.

Il suo cazzo era bagnato e grondante di liquido pre-cum, iniziò ad accarezzarlo a lungo e pomparlo finché non venne con un getto di sperma che diresse sul buco del culo di Silvana. Spalmò ben bene gli umori di Silvana mischiati con il suo abbondante sperma in modo da lubrificare ben bene il culo di Silvana allo scopo di fistarlo senza provocare dolore o danni. Ormai, vista la poca resistenza dell’anello anale e la cedevolezza del buco del culo aveva capito che le dilatazioni anali erano gradite da Silvana,.

Iniziò così l’esplorazione intanto che Silvana si sgrillettava la figa che colava di umori in modo indecente. Tre dita erano un traguardo già raggiunto, ora si trattava di andare oltre. Pompando avanti ed indietro riuscì ad ottenere che anche il quarto dito gli entrasse in culo. Ora arrivava la parte più difficile. Far passare il pollice.

Con sorpresa scoprì che non era poi così difficile far passare anche il pollice. Difatti d’un tratto con un breve rumore di risucchio tutta la mano entrò nel suo culo. Silvana emise un gemito seguito da un urlo che suggellava il passaggio della mia mano nel suo retto.

Da non credere. Sembrava una verginella che aveva paura a farsi toccare ed invece amava il sesso estremo e si lasciava allargare il culo senza ritegno.
Iniziò a pompare, prima lentamente, poi sempre più velocemente.
Man mano che procedeva Silvana invece che irrigidirsi si distendeva sempre più, rendendo il fisting anale sempre più agevole. Se prima la mano era entrata fino al polso, ora la stessa si insinuava nel suo retto fino a metà avambraccio.
La pompai forsennatamente fintanto che urlò di smetterla.

Sentii i muscoli interni contrarsi con decisione e la mia mano venne stretta in una tenaglia di muscoli all’interno del suo culo. Silvana aveva avuto un orgasmo disumano che le aveva squassato il corpo con convulsioni e urla che per fortuna non erano sentite da nessuno.

Poi man mano si rilassò, permettendo alla mia mano di uscire dal suo buco del culo ora oscenamente dilatato. A ben guardare l’apertura della sua figa era grande tanto quanto l’apertura del buco del culo dopo il trattamento.

Dopo un po’Silvana gli chiese piano: “Non vedo l'ora che tu mi scopa con quella mano anche davanti. Voglio che tu entri nella mia figa più in profondità che puoi. Portò la testa all’indietro e chiuse gli occhi.

La sua figa non necessitava di essere bagnata, era già fradicia di suo. Inserii pian piano la mia mano nella sua figa senza sentire grande resistenza. Dopo poco avevo già tutta la mano all’interno del suo scrigno. Cominciò a gemere e grugnire, si rialzò mettendosi accovacciata per permettermi di pompare la sua figa dal basso all’alto. Ad ogni pompata la sua figa emetteva dei rumori di liquido in movimento, sembrava un lago. Pensavo stesse per venire e volevo vederla squirtare sulla mia faccia e sul petto ma per ora non succedeva nulla. Adorava essere pompata in quella posizione, di fronte a me ed era ormai pronta ad avere un nuovo orgasmo.

Ma per ora non stava ancora per venire. Alzò la testa, lo guardò e disse: "Appoggiati di nuovo qui e mordimi il capezzolo." Sandro non esitò. Saltò in avanti e afferrò il suo capezzolo tra i denti. Ha iniziato a morderlo e succhiarlo.
"Ecco, mmm ... adoro venir stimolata sui capezzoli mentre sono fistata", le sussurrò nell'orecchio. Baby, voglio che pompi con la mano tutto quello che hai nella mia figa. Lui la afferrò ora con entrambe le mani e la tirò sul sedile e in grembo.

Poi Silvana si sedette sulle sue ginocchia di fronte a Sandro sul sedile posteriore. Il cazzo di lui premeva contro il suo ventre e Silvana schiacciò la sua umidità sulle sue palle. Gli mise le braccia attorno al collo e lo baciò il più profondamente possibile. Il sapore nelle loro bocche era ora un mix sensuale di tutto il loro amore fatto finora.

Sandro la prese con le mani attorno alla vita la rigirò con le spalle contro il suo petto e la spinse verso il basso. Le afferrò il culo e lo amalgamò come un impasto. Poi disse: "Alzati a cavalcioni"

Silvana lo fece immediatamente. "Sì, è tutto ... ora calati sul mio cazzo." Ora era quasi in piedi in una posizione leggermente accovacciata, la sua figa era spalancata per Sandro. Silvana gli avvolse le braccia attorno al collo e si abbassò sul suo cazzo rigido, lui la penetrò spingendo a fondo fino alle palle.

Adesso era il massimo, cazzo ... e cominciò a rimbalzare su e giù. Il suono del suo culo che schiaffeggiava sulla parte superiore delle sue cosce era forte e serviva solo a spronarli. Voleva toccarlo ... sentire il suo cazzo scivolare dentro e fuori di lei. Quindi abbassò le mani per cercarlo.

Sandro iniziò ad allargarle le natiche e le punte delle sue dita le allargarono il buco del culo sfregando nel medesimo tempo contro il suo cazzo. Ora la sollevava per poi lasciarla cadere sul suo cazzo.

Avevano il viso naso contro naso. Silvana lo fissava negli occhi mentre i suoi fianchi danzavano sul suo stelo. Stavano sudando e grugnendo come un se non ci fosse un domani.

Silvana strinse i denti e disse: "Mettimi di nuovo la mano nel culo". E Sandro rispose “Vuoi che ti fotta il culo? Mi devi supplicare per questo. Pregami di farlo ... e dì, per favore, fistami il culo ...

Silvana ringhiò contro di Sandro e gli soffiò in faccia come un serpente afferrandogli il labbro inferiore tra i denti. Mentre gli succhiava il labbro, gridò: "Mmm ... ti prego, fottimi il culo. Ne ho bisogno.

Poi quasi facendo le fusa disse:" Se non lo fai, non sarò in grado di sborrare di nuovo. Per favore ... ti prego, fottimi il culo con tutta la mano a fondo mentre mi pompi con il tuo cazzo.

Allora Sandro la girò e la obbligò in modo quasi violento ad offrirsi. La afferrò con una mano attorno alla vita e le tenne il culo diviso, quindi usò la sua mano destra per penetrarle nel culo. Emise un ringhio profondo e gutturale mentre la sua mano scivolava nel suo buco del culo.

Intanto Silvana ha iniziato a dondolarsi sul suo cazzo. L'attrito stava paralizzando la mente per entrambi. Potevano sentire ogni centimetro del sesso e della mano dell’altro mentre pompavano su e giù, su e giù, su e giù. Lui sapeva di non poter durare a lungo e glielo disse. “Ti riempirò piccola se continui a pompare il mio cazzo in quel modo.” Lei lo baciò di nuovo e disse: “Lo voglio. Voglio il tuo sperma dentro di me. "


Si aggrappò al tetto della macchina e iniziò a sbattere contro il suo cazzo. Le sue mani premevano forte, quindi la sua spinta verso il basso era potente.

Poi si alzò per permettere alla mano di Sandro di entrare ancora più agevolmente nel suo retto. Sandro ne approfittò e seppellì la sua mano nel suo culo fino in fondo e iniziò a muoverla. Silvana urlò allora: "Oh, cazzo, ecco che vengo di nuovo!" ed emise un urlo pazzesco che rimbombò nel veicolo chiuso.

Questo urlo fece esplodere anche Sandro che sentì che il suo cazzo stava per esplodere e scoppiare. Il fiotto cominciò a risalire tra le sue palle, poi passò sull'asta e di colpo uscì inondando la figa e il culo di Silvana di sperma.
Poteva sentirlo scorrere tra le sue gambe e sue palle.

Gli occhi di Silvana erano ruotati all'indietro e Silvana serrò le dita sulle sue spalle. Il suo culo ora stava rimbalzando più lentamente. Poteva sentire il suo seme caldo colare dal suo corpo. Lasciò che l'orgasmo si placasse prima di cadere riversa sul corpo di Sandro adagiato sul sedile del veicolo. Si fermò lì e lasciò che il suo corpo fremesse sopra il suo.

Intanto Sandro le aveva tolto la mano dal culo. I loro corpi erano matidi di sudore. I loro corpi inzuppati improvvisamente iniziarono a strusciarsi.

Silvana incominciò a rabbrividire e mentre la sua testa era appoggiata sulla sua spalla la sentì piagnucolare piano. La sollevò immediatamente e la fece sedere sul sedile accanto a Sandro. Raccolse la coperta che giaceva a terra e la avvolse attorno alle sue spalle.

Non dissero una parola. La cullò appena, mentre Silvana piangeva dolcemente. L'ultima punta di tensione stava dissolvendosi uscendo dal corpo con quell'orgasmo finale.

I finestrini della macchina erano completamente appannati. Nella cabina era buio e il suono della musica che suonava silenziosamente riempiva le loro orecchie.

L’orribile film era terminato e la radio accesa. Il veicolo puzzava di sesso. Quel tipo di odore dolce e appiccicoso che impregna uomini e donne dopo l’amplesso. Il sudore sui loro corpi li rendeva scivolosi. Era un'umidità confortevole che si riscaldava con il calore corporeo sotto la coperta.

Ora Silvana aveva smesso di piangere e respirava lentamente lasciando che i suoi polmoni si riempissero con l'aria impregnata d'amore. Le sue mani le carezzavano i capelli sulla fronte. Aveva imparato ad amare la sensazione della sua pelle sul palmo delle mani.

Lasciarono che il silenzio e la musica si mescolasse con le loro sensazioni, entrambi sapevano che sarebbero rimasti assieme per sempre ... come erano rimasti bloccati al drive-in.

Questo racconto di è stato letto 1 9 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone