Ai piedi di Francesca

Scritto da , il 2019-08-14, genere feticismo

Finalmente accettò di incontrarmi. Dopo anni di corteggiamento Francesca - nettamente la più bella di Napoli - decise di ricevermi nella sua città. Come da accordo telefonico la raggiunsi in un bar del suo quartiere.
Era una fresca serata di Maggio. Mi aspettava seduta ad un tavolino,vestita quasi tutta di nero.
Bruna, dai capelli lisci e lucenti, dal profilo da cineteca, dal nasino all'insù,dal sorriso irresistibile, indossava una giacca nera;sotto si intravedeva una canotta rossa, che esaltava il suo seno fiorente. Le sue gambe accavallate giacevano in un paio di jeans attillati neri, che esibivano le sue caviglie nude, delle quali la sinistra era ornata da una cavigliera sottile e... nera. Ai piedi un paio di décolleté numero 40 color argento, col tacco da 10 cm.
Vi lascio immaginare il mio senso di inferiorità quando si alzò in piedi per venire a salutarmi coi baci di routine. Il suo rossetto marchio'la mia anima, oltre che le mie guance. Il profumo della sua pelle mi possedette all'istante. L'aroma floreale dei suoi capelli confuse i miei sensi.
Ordinammo un aperitivo, parlando delle nostre rispettive vite. Ogni tanto urtava le mie gambe con la punta della sua scarpa sinistra... Al che ad un certo punto lasciai cadere sotto al tavolino il mio portafogli. Chinandomi per raccoglierlo, potei avvicinare il mio viso ai suoi piedi divini, di cui le scarpe lasciavano intravedere le dita.
Ero in estasi. Dopo una mezz'ora pagai il conto (salato, giacché ordinò nel frattempo un altro costoso aperitivo) e andammo a fare due passi.
Mi guardava sorridendo, con fierezza, dall'alto verso il basso. Ad un certo punto mi propose di recarci al suo garage: accettai subito.
Chiusa la serranda, sedette sul suo divano giallo. Di fronte si stagliava un vecchio televisore, ai cui piedi stava un paio di scarpe bianche da ginnastica, al cui interno dimoravano ancora i calzini neri sudati della Dea. Sembrava un teatro creato ad arte.
"Ho deciso di assecondare i tuoi desideri." - esclamò. "È da tanto che ci provi... E poi queste scarpe mi hanno fatto un po' male, ti va di farmi un massaggio ai piedi?"
Non me lo feci ripetere. Dopo due secondi ero in ginocchio, al cospetto di Francesca, spogliando le sue estremità dalle scarpe color argento. Un forte odore di piedi misto al cuoio delle scarpe raggiunse le mie narici, inebriandole. Con sadismo poggio'il suo piede sinistro sul mio viso, chiudendo il mio naso con le sue dita. "Grazie, Padrona" - riuscii a farfugliare. "Ti piace il mio odore? Oggi è il tuo giorno fortunato. Annusa!". Mi prese a pedate in faccia. La mia eccitazione era al massimo livello. "Vorresti toccarti, eh? E invece devi stare in castità. Bacia i miei piedi!". Avevano un odore irresistibile... Iniziai a leccarli senza il suo permesso. Che bontà quei latticini!
"Come ti permetti? Schiavo ribelle!". Seguito'a sputarmi in faccia senza pietà. La sua saliva era nettare divino. Ero ormai la sua sputacchiera. "Sono il tuo cesso...". Mi calpesto'come uno zerbino, senza nessuna pietà per il mio pene, martoriato ma semiereretto. Avevo le ossa doloranti. "Ma chi ti piscia in bocca! Non meriti nemmeno di annusarla. Neanche un peto in bocca meriti. Solo i miei piedi in faccia e i miei sputi meriti..."
Grazie, Padrona. Per avermi trattato come meritavo. Almeno le ascelle però avrebbe potuto farmele annusare...

Questo racconto di è stato letto 2 2 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone