La scatola dei colori

Scritto da , il 2019-08-14, genere etero

Capitolo 1 - Ricordi

Se una persona avesse aperto quella porta in quel momento, alla fioca luce delle candele, avrebbe visto una donna con le braccia in alto, i polsi legati con una corda fissata ad un gancio al soffitto, una benda nera sugli occhi e completamente nuda. Intorno a lei due uomini, nudi anch’essi, che le giravano intorno, ne osservavano il corpo sinuoso e, senza proferir parola la toccavano, baciavano e accarezzavano. Gli unici suoni che si udivano, prima soffocati poi sempre più forti, erano i di lei gemiti.
Arianna, questo il nome della donna in questione, si trova in questa situazione “particolare” per una storia che ha avuto inizio molti anni prima……..

E pensare che quel giorno aveva tutt’altri programmi, invece per vari motivi si ritrovò a pulire e riordinare la cantina e, tra le tante cose che non ricordava più di avere trovò, nascosta in un angolo, una vecchia scatola di scarpe. Non appena aperta i ricordi inondarono, impetuosi, la sua mente come l’acqua che scende da una diga che viene aperta.
Continuava a fissare il contenuto di quella scatola senza proferire parola.
Lentamente mise le mani all’interno e ne estrasse il contenuto, una vecchia scatola di colori.
Ormai la carta esterna era rovinata ma la marca ancora si riusciva a leggere, con delicatezza aprì la parte superiore in modo da poter vedere all’interno.
I colori erano messi ordinatamente uno vicino all’altro, in base alle tonalità, alcuni più lunghi altri più corti, in base al consumo che ne aveva fatto nel tempo.
Si sedette a terra, appoggiandosi con la schiena al muro, chiuse gli occhi e tornò indietro di 18 anni.
Era un tardo pomeriggio d’estate, come ogni anno era solita passare qualche settimana, lontana dalla calura cittadina, a casa dei nonni che vivevano sulle sponde di un lago.
Quel giorno, ricordava, il caldo era stato particolarmente intenso per cui decise di uscire più tardi del solito, non per andare in piazza con gli amici, dai quali sarebbe andata in serata, ma per assecondare la sua passione, disegnare/dipingere, per cui armata di fogli e carboncini, la sua passione, s’incamminò alla ricerca di un posto e di una visuale che la ispirasse.
Dopo circa un quarto d’ora trovò il posto idoneo, si vedeva uno scorcio suggestivo del lago, con le vele delle barche e dei surf, i bagnanti che erano sulle rive a godersi i raggi del sole e tutt’intorno circondato dalla collina.
Sedutasi, Arianna, iniziò a disegnare.
Quando disegnava stava bene, si sentiva se stessa appieno, riusciva ad esprimere ciò che, a volte, non riusciva a fare con le parole. Praticamente si estraniava dal mondo circostante. Il carboncino (in questo caso), era l’ideale prolungamento della sua mano, che scorreva sul foglio dando vita a delle forme, in quel momento diventava il suo essere, il suo qui ed ora.
Proprio per questo motivo, ebbe un sussulto, quando sentì alle sue spalle una voce che gli disse: “Complimenti, bellissimo disegno.”
Giratasi vide un uomo in piedi dietro di lei.
“Mi perdoni se l’ho spaventata, non era mia intenzione. Stavo passeggiando con il mio cane quando l’ho vista intenta a disegnare, poiché anche a me piace molto il disegno mi sono permesso di avvicinarmi per vederla all’opera. Devo dire che sono rimasto molto sorpreso dalla sua bravura, dalla sua attenzione per i dettagli, dai suoi giochi di luce/ombre.”
“La ringrazio per i complimenti. Cerco solo di rappresentare al meglio quello che vedo o quello che sento.”
“E ci riesce alquanto bene, devo dire. Permetta che mi presenti: mi chiamo Lorenzo Garuffi.” Le porse la mano.
Lei porse la sua stringendogliela dicendo: “Piacere, io sono Arianna Rossi.”
“Non l’ho mai vista, non è di queste parti?” chiese lui.
“Ci vengo in vacanza, i miei nonni hanno casa qui.”
“Capisco, anch’io vengo qui per rilassarmi, il posto è perfetto per questo.”
“Si, si ha ragione.”
“Non la voglio trattenere oltre, però le vorrei chiedere una cosa, che ne dice se domani ci troviamo qui verso quest’ora, scegliamo un posto e disegniamo insieme?”
“Mah…non saprei…”
“Non la mangio mica. Cosi approfittiamo anche per parlare un po’ di arte e pittura.”
Dopo averci pensato Arianna accettò l’invito.
L’uomo si allontanò con il suo cane al guinzaglio.
Terminato il disegno, nel tragitto di ritorno a casa Arianna ripensò a quell’uomo, aveva l’impressione di conoscerlo già, ma non ricordava dove e come. Poi il pensiero si spostò al loro “incontro” si pose la domanda: “E’ stato un caso che passasse di li proprio in quel momento? Se avessi scelto un altro posto, mi avrebbe notata? Esiste il caso oppure è tutto già scritto? Oppure siamo noi che ci creiamo la nostra realtà?” Domande amletiche che l’avevano da sempre affascinata ma a cui, al momento, non era in grado di dare una risposta.
Il giorno dopo Arianna giunse sul luogo dell’appuntamento in perfetto orario e trovò Lorenzo che l’attendeva.
Dopo i saluti s’incamminarono alla ricerca di un posto idoneo.
Trovato, entrambi si misero all’opera e durante il loro lavorare ebbero modo di parlare di arte, pittori, colori, prospettive, correnti di pensiero e tanti altri argomenti.
Arianna si trovò cosi bene con quell’uomo che accettò l’invito anche per il giorno dopo.
Quella volta l’uomo portò di sua iniziativa Arianna in un posto, impervio da raggiungere, ma di rara bellezza.
Da li si poteva godere di un panorama mozzafiato dando nel contempo molti spunti per disegnare.
La ragazza fu molto felice e disegnò spensieratamente per un’ora abbondante.
Come avevano fatto la volta precedente, una volta terminato il proprio lavoro, lo avrebbero confrontato e ne avrebbero discusso insieme.
“Aspetta un momento, non ho ancora finito, mi manca qualche dettaglio.” Disse lui.
Dopo cinque minuti disse: “Arianna, ho terminato. Sei pronta?”
“Si certo fu la risposta della ragazza.”
L’uomo girò la tela e lei, dopo qualche secondo di sorpresa, lei disse: “No….è bellissimo!” mentre diventava rossa dall’imbarazzo
“Sono contento che ti piaccia.”
Lorenzo aveva raffigurato Arianna intenta nel disegnare, le aveva fatto un bellissimo ritratto di profilo mettendone il risalto i lineamenti, quasi perfetti, del volto fondendo la sua figura con la natura che la circondava. I riflessi particolari dei raggi solari sulla superficie del lago, le poche nuvole bianche presenti nel cielo, gli alberi intorno a lei e le rade case che si vedevano sullo sfondo.
“Te lo regalo.” Disse lui.
Arianna che non si aspettava nulla di tutto ciò rimase senza parole.
“Hai perso la parola?”
“No…no, è solo che non me l’aspettavo, non so cosa dirti.”
“Mi devi dire che lo prendi e lo porti a casa.”
Arianna, dopo insistenze, accettò il regalo inatteso. Arrivata a casa dei nonni lo riguardò più e più volte, le piaceva moltissimo come l’aveva ritratta, in particolare l’espressione serena e rilassata che si vedeva. Stava per riporlo quando la sua attenzione venne catturata dalla firma dell’autore nell’angolo in basso a destra “FILO”, fu allora che capì dove l’aveva “conosciuto”.
Nella realtà non si erano mai incontrati ma lei aveva letto, su una rivista specializzata, di lui e delle sue opere, era considerato un artista emergente in particolare nel campo dei disegni e della pittura erotica.
Riposto con cura il disegno, che insieme avevano intitolato, “La ragazza col carboncino”, si ripropose di rivederlo nei giorni seguenti.
Contrariamente ai suoi desideri nei due giorni successivi non lo incontrò, le era rimasto un solo giorno ancora prima di ritornare in città, voleva assolutamente rincontrarlo per cui scoprì dove abitava e decise che sarebbe andata da lui.
Il pomeriggio era caldo ma una leggera brezza lo rendeva più piacevole, Arianna prese il motorino e partì con destinazione casa di Lorenzo Garuffi. Situata fuori il paese principale, sul fianco di una collinetta, impiegò un quarto d’ora per arrivarci. Giunta sul posto mise il motorino sul cavalletto e si avvicinò al cancello, dietro le sbarre c’era il cane che aveva visto durante il loro primo incontro, per cui fu sicura che quella era la casa giusta.
Titubante sul cosa fare, alla fine, d’impulso, suonò il citofono.
I secondi passarono ma nessuna risposta.
“Cosa faccio? Suono di nuovo o vado via?” pensò tra se e se.
Decise di risuonare.
Dopo pochi secondi dal citofono una voce disse: “Chi è?”
Emozionata, Arianna rispose: “Sono Arianna, la ragazza col carboncino.”
Ci fu un silenzio che a lei sembrò durare un’eternità.
“Arianna? Arrivo subito.”
L’attesa durò poco, il cancello si aprì e Lorenzo, in maglietta e bermuda, salutò la ragazza.
“Che sorpresa mi hai fatto!” disse lui.
“Spero di non aver disturbato” rispose lei.
“Ma no figurati nessun disturbo. A cosa devo la tua visita?”
Arianna gli raccontò di come già lo conoscesse, non di persona, e che le sarebbe piaciuto parlare con lui di pittura e, se possibile, vedere qualche sua opera.
Lorenzo accettò con piacere e la fece accomodare in casa.
Dopo una chiacchierata di un’ora abbondante Arianna gli chiese se poteva vedere qualche sua opera, sempre che ne avesse in casa, lui accettò di buon grado.
Condusse la ragazza nel suo studio dov’erano i suoi dipinti.
Erano una decina, Arianna li guardò con attenzione uno a uno facendo, ogni tanto, delle domande su cosa volesse rappresentare con quel particolare soggetto, oppure sul perché avesse usato quel determinato colore o sfumatura di esso e altro ancora.
Una tenda, di quelle scorrevoli ad anelli di colore verde, era posta in fondo allo studio ostruendo la visuale.
“Dietro quella tenda ci sono le tue opere in essere?” chiese incuriosita.
“Se hai letto di me saprai anche che faccio dipinti erotici, quella è la parte “hard” chiamiamola cosi” rispose lui, sorridendo.
“Potrei vederla?”
“Certo.” Scostò la tenda e si spostò di lato lasciando entrare Arianna.
Si trovò immersa e circondata dal mondo dell’eros e del sesso impresso su tela.
Alla sua destra un fallo, poggiato su una distesa di petali di fiori, la “osservava”, tele con corpi di uomini e donne intenti nell’amplesso erano davanti a lei, alla sua sinistra la bocca di una giovane ragazza accoglieva un membro maschile, affianco un’altra tela con una donna, nuda, distesa sul letto, con i polsi legati alla testata. Appesi in alto altri quadri, in uno dei quali una donna, appoggiata sul davanzale di una finestra veniva penetrata, da dietro, da un uomo mentre la piazza, antistante la finestra, era piena di gente in quanto vi era un mercatino, in un altro una donna, in ginocchio, teneva tra con entrambe le mani due peni molto grandi uno dei quali stava eiaculando, in un altro ancora una donna era intenta nell’atto sessuale con un uomo mentre un altro osservava la scena.
A un certo punto si rese conto che qualcosa di bagnato le stava colando lungo le cosce e piano piano arrivò alle caviglie.
Molto imbarazzata dalla cosa sperava che Lorenzo non se ne accorgesse……oppure no……
Quell’ambiente, quelle tele le avevano fatto perdere “la testa”, l’avevano completamente rapita, si era talmente immedesimata in ogni quadro che aveva osservato, immaginandosi la protagonista di quelle azioni tanto che il risultato era stato quello.
“Allora che ne pensi?” chiese Lorenzo.
Quelle sue parole la riportarono sulla terra.
Si girò verso di lui e gli disse: “Posso farti, solo e ancora, tanti complimenti, con il tuo modo di dipingere riesci a rendere quasi reali le situazioni e i momenti che imprimi sulla tela.”
“Ti ringrazio, mi fa piacere sentire le tue parole.”
Uscita dall’angolo dell’eros Lorenzo richiuse la tenda ma lei non voleva che accadesse per cui, senza pensare in modo istintivo e a bruciapelo, gli chiese: “Posso farti da modella……ora?”
Lui, si girò e la guardò. “Scusa non ho capito.”
“Ti ho chiesto se posso farti da modella per un tuo nuovo quadro erotico, solo che vorrei farla ora perché domani devo tornare in città.”
Lorenzo la guardò e dopo averci pensato un po’ disse di si. Le disse cos’aveva in mente, lei accettò anche se con qualche timore.
Preparata l’attrezzatura, le fece togliere la maglia e il reggiseno, le mise una benda nera e il buio calò davanti a lei.
Mentre lui dipingeva e il tempo scorreva lei non poteva far altro che immaginare e….desiderare.
Desiderava essere sua, essere “presa” da lui nei modi che voleva, voleva sentire le sue mani sui suoi seni, sulle gambe, tra le gambe, le sue labbra sulle sue, sentire la sua lingua nella sua bocca.
Questi pensieri le fecero indurire i capezzoli e sentì di nuovo scendere del liquido caldo lungo le gambe, ebbe un fremito, cercò di contenerlo ovviamente non fu in grado di capire se lui se ne fosse accorto o meno, ma….non gli importava nulla!
Dopo un lasso di tempo che non seppe quantificare sentì i suoi passi avvicinarsi e subito dopo la benda venne tolta.
“Ho finito” le disse.
Dopo essersi riabituata alla luce vide Lorenzo vicino ad un cavalletto appoggiato al quale c’era il quadro coperto da un telo.
Lei disse: “Scoprila pure.”
Lorenzo tolse il telo.
Arianna guardò il dipinto e spalancò la bocca.
Era stata dipinta a mezzo busto con i seni scoperti, capezzoli duri e turgidi, con la benda nera sugli occhi, la testa all’indietro, la bocca aperta e l’espressione facciale lasciava intendere chiaramente che era nel pieno di un orgasmo, nel dipinto non si capiva se l’uomo fosse dietro, sotto o sopra di lei, era lasciato all’immaginazione di chi avrebbe guardato il quadro.
“Che ne dici? Ti piace?”
“Si, è bellissimo!”
“Mi fa piacere. E’ tuo, te lo regalo.”
“No” rispose lei.
“Perché no?” chiese lui sorpreso.
“Perché l’hai fatto tu ed è tuo e poi perché vorrei che venisse esposto in una tua mostra futura. Vorrei che in tanti e tante mi guardino……..”
Lorenzo la guardò e fece cenno di si con la testa.
“Come lo intitolerai?” chiese lei.
“Stavo pensando molto semplicemente “Orgasmo bendato”.”
“Mi pare appropriato” rispose lei, sorridendo.
Prima di salutarla le volle regalare una scatola di colori dicendole che erano dei colori a cui teneva molto e che gli faceva piacere fossero nelle mani di una persona amante dell’arte come lei.
A distanza di un anno da quel giorno Arianna ricevette l’invito per una mostra di “Filo” dove poté riammirare di nuovo il suo ritratto.
Quella fu l’ultima volta che Lorenzo e Arianna si videro, ogni tanto si scrissero ma poi con il tempo i contatti tra i due terminarono.
Continuava a fissare quella scatola di colori e capì che il desiderio di lui non le era mai passato.
Lo squillare del telefono cellulare interruppe i ricordi e la riportò alla vita reale e attuale.


Capitolo 2 - Ferrara

Con i social non le fu difficile trovare il modo di contattare Lorenzo ma preferì non farlo, troppo “impersonale” era meglio di persona e a sorpresa.
L’occasione sarebbe stata una sua mostra che di li a due mesi si sarebbe tenuta a Ferrara una città che da tempo aveva desiderio di visitare.
Con questa scusa organizzò con Matteo, il marito, una due giorni fuoriporta.
Matteo e Arianna, sposati da quasi dieci anni, sono una coppia affiatata e aperta motivo per il quale lei raccontò tutta la storia al marito incluso il reale motivo per il quale voleva andarci.
Lui fu molto colpito dalla storia e, poiché sempre alla ricerca di nuovi stimoli tra di loro, accettò di buon grado la cosa.
La città non deluse le aspettative di Arianna dal punto di vista culturale.
La mostra a cui era interessata si sarebbe tenuta presso una villa la sera a partire dalle ore 18:00.
Per l’occasione decise d’indossare un abito rosso con uno spacco laterale, con una fasciatura all’altezza della vita che saliva fin sul petto incrociando da sinistra verso destra, scarpe decolté rosse, capelli raccolti, che evidenziavano i lineamenti delicati del suo viso, con qualche ricciolo biondo che le scendeva, trucco leggero, rossetto in tinta con l’abito, pendenti e girocollo abbinati.
Arrivarono intorno alle 20:00, c’era già un bel po’ di gente, presero da bere e iniziarono a guardare i quadri esposti.
Arianna riconobbe subito la mano di Lorenzo, il suo modo di dosare i colori, di giocare con la luce, era inconfondibile, almeno per lei.
Dopo circa dieci minuti lo vide, era intento a conversare con altri ospiti, Arianna e Matteo si avvicinarono attendendo che ebbe finito.
“Buonasera Lorenzo” disse lei quando fu solo.
Lui si girò, la guardò negli occhi, fece un sorriso e poi tranquillamente rispose: “Buonasera Arianna……….. la ragazza col carboncino, giusto?…..Finalmente….”
Lei rimase spiazzata da quello che aveva detto infatti ci mise qualche secondo per replicare. “Mi hai riconosciuta?”
“Certo che ti ho riconosciuta……perché non avrei dovuto?”
“Sono passati cosi tanti anni!”
“Hai ragione gli anni passano io invecchio tu invece sembra proprio di no.”
Arianna gli presentò Matteo.
Insieme iniziarono a camminare nel giardino.
“Arianna mi ha parlato molto di te, di come vi siete conosciuti, dei tuoi quadri, dei temi che affronti, di quando ha fatto la modella per te….”
“Si, si, come saprai ha fatto la modella per me in due occasioni, una inconsapevolmente e l’altra volontariamente.”
“L’arte è la sua passione, la sua vita” ribatté Matteo.
“La capisco benissimo. Parlando di arte direi che questa sera sei una vera opera d’arte, un misto di classe ed eleganza, unito alla tua bellezza che è degno di una grande opera.”
Lei, imbarazzata, rispose: “Ti ringrazio….sei troppo gentile…”
“Ora perdonatemi, ma altri ospiti mi reclamano, godetevi la mia umile mostra e se vorrete ci vedremo dopo.”
Cosi dicendo si allontanò.
Rimasti soli Matteo e Arianna continuarono a camminare fino a quando giunsero nei pressi di una panchina di marmo ove si sedettero.
“Brami dalla voglia di essere scopata da lui, vero?”chiese Matteo, a bruciapelo.
Colta di sorpresa dalla domanda, rispose stizzita: “Ma cosa dici?”
“Dico quello che ho visto nei tuoi occhi quando vi siete guardati, ho visto passione, desiderio, voglia, stessa cosa nei suoi occhi.”
Arianna voleva negare ma sapeva che era la verità, per cui non disse nulla.
Visto il suo silenzio Matteo continuò: “Ne abbiamo parlato tante volte, non dobbiamo avere segreti tra noi.”
Lei alzò lo sguardo verso il cielo, limpido e sereno al centro del quale c’era il “faccione” butterato della luna piena che sembrava le sorridesse e la incoraggiasse a dire quello che pensava realmente.
“Hai ragione, ho voglia di lui….”disse lei.
“E lui ha voglia di te…..e a me quest’idea piace molto…..molto…” rispose lui.
Arianna lo guardò sorpresa, a dire il vero in passato Matteo le aveva parlato di ravvivare un po’ il loro rapporto, dal punto di vista degli stimoli anche sessuali, ma lei non gli aveva mai dato troppo peso.
“Quindi mi stai dicendo che se ci prova ci devo stare?” chiese lei.
“Ti sto dicendo vediamo come si evolve la situazione……”
“Risposta criptica, mi hai detto e non mi hai detto niente.”
Intorno alle 22:30 la maggior parte dei visitatori erano andati via per cui i tre poterono proseguire la loro chiacchierata con maggiore tranquillità, si sedettero in un tavolo all’interno della villa, in una sala riservata.
“Piaciuti i miei quadri?”
“Si, sono bellissimi, come sempre.”
“Ti ringrazio, anche se penso che tu sia un po’ di parte….”
“No, no, sono sincera nei miei giudizi, sono due/tre non sono di mio gradimento.”
“Non dirmi quali però” disse lui ridendo.
“Tu Matteo di cosa ti occupi invece?”
“Lavoro per una multinazionale nel campo informatico.”
“Lavoro interessante. Oggi siamo nelle mani dei computer.”
“Si…per fortuna…per me” rispose lui sorridendo.
La conversazione continuò andò avanti per una mezz’ora fino a quando Matteo chiese a Lorenzo: “Perché non te la sei scopata 18 anni fa e vorresti farlo adesso?”
“Domanda legittima, sarò sincero, non lo feci all’epoca perché era troppo “scontato e semplice”, l’artista che ha una relazione con una modella. Comunque, non so se te l’ha detto, anche se non abbiamo avuto nessun rapporto fisico sono riuscito lo stesso a trasmetterle delle emozioni forti….vero?”
Lei, capendo a cosa facesse riferimento Lorenzo, guardando prima uno poi l’altro fece cenno di si con la testa.
“ Sapevo che ci saremmo ritrovati in un’altra occasione, non avevo la minima idea di quanto tempo sarebbe passato, ma come vedi non mi sbagliavo.”
“Già solo che ora, a differenza di allora, ha un marito.”
“Io ero certo che l’avrei rincontrata ma non sapevo in che condizioni e in che modo.”
In tutto questo Arianna si sentiva sempre più al centro dell’attenzione, la cosa da faceva sentire imbarazzata ma allo stesso modo eccitata, vedere due uomini che la desideravano, contemporaneamente, non le era mai accaduto prima.
“Quando vi siete rivisti prima, ho visto nei tuoi occhi la voglia di possederla e nei suoi quello di esserlo.” Disse Matteo.
“Sai leggere bene negli occhi delle persone.”
I due uomini si guardarono e Matteo fece un sorriso rivolto all’altro mentre con una mano accarezzava l’interno coscia della moglie.
“Senti senti qui…la signora è eccitata….” Disse lui, facendo imbarazzare ancora di più la moglie.
Le prese la mano spostandola sopra la chiusura dei pantaloni invitandola a massaggiare la parte.
“Non essere timida” la esortò il marito.
Nel frattempo Lorenzo venne chiamato per cui si allontanò dalla stanza.
Al suo ritorno trovò Matteo seduto sulla sedia ma non Arianna, abbassò lo sguardo e la vide china su di lui.
Notò un piede nudo della donna che fuoriusciva dal vestito, con la scarpa rossa poco distante, il vestito abbassato fino a scoprire i seni e la testa, con i capelli sciolti, fare avanti e indietro.
Si sedette anche lui, si gustò la scena per un po’ poi tirò fuori dai pantaloni il suo pene e attese che Matteo indirizzasse Arianna da lui.
La donna iniziò a leccare e succhiare il cazzo di Lorenzo.
Continuò il lavoro orale fin quando, prima Matteo e poco dopo Lorenzo vennero in maniera copiosa entrambi.
Ricompostisi uscirono di nuovo in giardino, ormai non c’era più nessuno per cui i coniugi salutarono Lorenzo il quale diede loro un invito per il mese successivo in Umbria in occasione di una mostra sull’erotismo a cui avrebbe partecipato.

Capitolo 3 - Umbria

Più volte erano stati in Umbria una regione bellissima, tra cultura, cibo e paesaggi sapeva offrire di tutto. Con piacere fecero quest’ennesimo viaggio nella terra che fu di Santa Rita, del Perugino, del Pinturicchio, tanto per citarne alcuni.
Il posto, un castello medioevale per la precisione, nel quale si sarebbe tenuta la mostra era situato in provincia di Perugia, la coppia prese alloggio nel centro della città.
La mostra, la quale non esponeva opere del solo Lorenzo, ripercorreva il modo di rappresentare il sesso e l’eros nei vari secoli a partire dal medioevo in poi.
Il castello, esternamente, non era molto grande, un ponte levatoio abbassato era l’ingresso della mostra.
Si partiva con rappresentazioni fatte nel medioevo, per poi procedere mano mano verso i giorni nostri.
Quando arrivarono nella parte dedicata a Lorenzo furono accolti da una luce rossa soffusa che s’intonava molto bene con il tema in questione.
I quadri erano disposti sui due lati sfalsati, la coppia li osservò con attenzione uno per uno partendo dalla fila alla loro destra.
Arrivati al quarto quadro si fermarono scambiandosi un’occhiata complice, quel dipinto, in bianco e nero, intitolato “La scarpa rossa” raffigurava una donna, di spalle, con un vestito lungo elegante la quale, inginocchiata, faceva del sesso orale a un uomo seduto su una sedia che la guardava compiaciuto. Il titolo del quadro era dovuto al fatto che l’unico particolare colorato era una scarpa rossa, persa dalla donna e che si trovava a terra vicino a lei.
Dei quadri che Arianna vide nello studio di Lorenzo, anni prima, non ce n’era nessuno tranne uno, posto alla fine della sala, al centro, quello intitolato “Orgasmo bendato”.
Era certa che l’avrebbe esposto, ma vederlo le fece tanto piacere.
“Bellissimo” fu la l’esclamazione che fece Matteo quando lo vide.
“Devo dire che in quell’occasione ho dato il meglio di me, sarà forse stato per la modella che avevo di fronte.” Disse una voce alle loro spalle.
Entrambi si girarono.
“Buonasera signori” disse Lorenzo.
“Buonasera Lorenzo” rispose Matteo cosi come Arianna.
“Ho visto con piacere che hai preso anche me come modello” disse ridendo Matteo.
“Mi sembrava giusto rispettare la parità dei sessi, no?” fu la risposta.
“Giustissimo! Dobbiamo anche dare importanza al sesso debole….”disse sarcasticamente Arianna.
“Ma certo!” disse l’autore ridendo.
“Come mai e’ stato scelto questo posto per la mostra?”
“Perché questo, leggenda vuole, che sia stato un posto peccaminoso, regno del “peccato” e della lussuria. Il castello apparteneva ad una famiglia importante dell’epoca, la quale aveva tre figli, due maschi Alfredo e Lodovico e una femmina, Odilia. Sempre secondo tale leggenda, due di loro, il maschio più piccolo e la femmina erano dediti ai piacere della carne mentre il primogenito era quello con la testa sulle spalle. I genitori morirono a distanza di un anno uno dall’altro per cui quando i figli si trovarono da soli iniziarono le liti. Quello maggiore, Alfredo, scapolo, era colui che gestiva le finanze della famiglia mentre gli altri due si divertivano. Racconti dell’epoca narrano di veri e propri festini organizzati all’interno del castello spesso quando il maggiore non c’era ma anche, a volte, con lui presente. Un giorno durante un viaggio il maggiore venne assalito da dei briganti e ucciso……
Inutile dirvi che nel giro di poco la famiglia cadde in rovina, il secondo fratello venne ucciso dalla sifilide, mentre la sorella alla fine mise la testa apposto sposandosi ma abbandonò il castello. C’è un piano di questo castello, quello superiore, che viene chiamato il piano del sesso, poiché, sempre secondo scritti dell’epoca, era li, nelle varie stanze che vi sono si tenevano incontri di sesso sfrenato.”
“Molto interessante questo piano superiore……..” esclamò Matteo, girando la testa, maliziosamente, verso la moglie.
Lei, facendo finta di non aver sentito, disse: “Direi che la mostra s’intona bene perfettamente con l’ambiente.”
“Si, direi proprio di si” rispose Lorenzo.
“Si può visitare questo piano “erotico”?” chiese Matteo.
Sorridendo Lorenzo disse: “Sapevo che me l’avresti chiesto……Ufficialmente, a causa della mostra è chiuso ma per voi no. Seguitemi.”
Passando da una porta salirono delle rampe di scale che li portarono al piano superiore, Lorenzo aprì una porta e li fece entrare.
La stanza era grande, con un tavolo in legno in mezzo, nella parete di fronte all’ingresso vi era un camino, alla loro destra, su una delle pareti lunghe c’erano due finestre mentre nell’altra parete lunga, intervallate da due grandi quadri c’erano due porte.
“Questo era il salone dove ricevevano gli ospiti o le ospiti, dopo aver mangiato, forse, andavano nelle camere da letto, a destra era quella di Lodovico mentre a sinistra quella della sorella.”
Sarà stata forse la suggestione di quanto raccontato da Lorenzo, ma in quel posto c’era un’atmosfera particolare, un’atmosfera di sesso.
“Se non erro questa stanza è stata riprodotta in un dipinto della mostra, vero?” chiese Arianna.
“Esattamente Arianna. Fu dipinto da un uomo che probabilmente partecipò a qualche festa qui visto che è molto particolareggiato in tutti i sensi……”
“Hai altre leggende su questo posto, sono curioso!” chiese Matteo.
Lorenzo si diresse verso la stanza che doveva essere di Lodovico, aprì la porta e una volta entrati tutti disse: “Qui, si narra, che il buon Lodovico fece sesso con oltre cento donne, per poi passare nella stanza del fratello una volta che lui venne ucciso.”
Matteo era pensieroso, sembrava che parlasse da solo.
“Che stai facendo?” gli chiese la moglie.
“Contavo solo con quante donne sono stato nella mia vita…….per arrivare a lui ancora me ne mancano un bel po’!!”
“Cretino!” ribatte lei.
Uscirono dalla stanza e Lorenzo chiuse la porta alle loro spalle.
“Per quanto riguarda Odilia, si dice fosse molto lasciva, amasse sia uomini che donne indifferentemente, anche qui si narra che una sera il fratello, Lodovico, non avendola vista per tutto il pomeriggio andò in camera sua, aprendo la porta vide una ragazza appesa per i polsi al soffitto, nuda, a terra bagnato. Preoccupato corse verso di lei, credendo fosse la sorella, invece si trattava di una giovane donna. La sorella era nel letto con un uomo e avrebbe detto al fratello: “Perché corri? Hai voglia di scopartela anche tu?”
“Bellissimo!” esclamò Matteo, ricevendone un’occhiataccia da Arianna.
Detto questo Lorenzo aprì la porta della camera.
Entrarono nella stanza, non era molto grande, c’era una finestra, un letto, un mobile in legno e tante candele che, con la luce tremolante delle loro fiamme, la illuminavano.
“Che atmosfera!” esclamò quasi sottovoce lei.
Lorenzo, senza dire nulla, si spostò alle spalle di lei e le sussurrò: “Ora diverrai la nostra Odilia” e fece passare una benda nera sopra la testa della donna fino a posizionargliela sugli occhi.
“Ma cosa…..” disse.
Ma lui la rassicurò: “Tranquilla….vedrai che ti piacerà….”
Le mani di Lorenzo, dopo aver annodato la benda dietro la nuca, scesero lentamente lungo i fianchi arrivando fino ai glutei, palpandoli, nello stesso momento le altre due mani maschili le massaggiavano i seni da sopra il vestito.
Matteo, rimasto all’inizio sorpreso dal tutto, si adeguò subito alla situazione infatti i due uomini, in modo sapiente e lento la spogliarono completamente.
Uno dei due le prese i polsi, li unì e fece passare intorno ad essi una corda sottile, la fece spostare di qualche passo indietro e le sollevò le braccia.
Se una persona avesse aperto quella porta in quel momento, alla fioca luce delle candele, avrebbe visto una donna con le braccia in alto, i polsi legati con una corda fissata ad un gancio al soffitto, una benda nera sugli occhi e completamente nuda. Intorno a lei due uomini, nudi anch’essi, che le giravano intorno, ne osservavano il corpo sinuoso e, senza proferir parola la toccavano, baciavano e accarezzavano. Gli unici suoni che si udivano, prima soffocati poi sempre più forti, erano i di lei gemiti.
Tutti e tre erano, ovviamente, molto eccitati, i due uomini con i loro peni eretti e duri che più volte avevano appoggiato sui glutei della donna e lei che cercava di percepire ogni movimento le avveniva intorno.
“Sei meravigliosa” gli sussurrò all’orecchio.
I capezzoli erano durissimi, la voglia di essere presa enorme, avrebbe voluto gridarlo ma non lo fece, era consapevole che faceva parte del gioco.
Non era mai “lasciata sola”, infatti o due o tutte e quattro le mani erano sempre su di lei, cosi come le bocche, a volte sui capezzoli, a volte sulle labbra, a volte dietro la schiena.
Una mano le accarezzò le natiche, poi un dito piano piano entrò nella vagina bagnatissima, e poi, sapientemente, cominciò a fare su e giù, su e giù. Da uno le dita diventarono due, sempre su e giù.
Il piacere e il godimento aumentavano sempre di più, il suo corpo si muoveva sempre in maniera più accentuata, voleva essere penetrata!
Delle labbra si appoggiarono alle sue, lei insinuò la lingua nella bocca dell’uomo che contraccambiò, fu un bacio lungo, passionale, profondo.
Leggendole nel pensiero, le dita vennero tolte dalla vagina e subito dopo venne penetrata da dietro, tenendole i fianchi, chi era dei due, le dava colpi secchi e profondi, ad ognuno dei quali corrispondeva un gemito sommesso di lei.
L’orgasmo era prossimo, infatti dopo pochissimo urlò più forte, ebbe un tremito e le gambe quasi le cedettero, venne sostenuta dalla corda.
Le vennero sussurrate delle parole all’orecchio ma in quel momento non capì nulla, era solo ebbra di piacere.
Quando si fu ripresa, le vennero sciolti i polsi e tolta la benda, cosi ebbe modo di vedere quanto Matteo e Lorenzo fossero vogliosi di lei.
Non si fece pregare e subito iniziò a giocare con i loro peni grandi e duri sia con le mani che con la bocca.
Fu portata sul letto dove, una volta fatta sdraiare a pancia in su, venne penetrata da Lorenzo mentre il marito le sbatteva il suo cazzo sul viso.
Poi si scambiarono e fu la volta di Matteo a penetrare la moglie questa volta alzandole le gambe in alto.
Dopo averla scopata in questa posizione venne fatta girare e messa “alla pecorina” con Lorenzo dietro a penetrala e Matteo davanti a riempirle la bocca.
Ogni colpo era come se le arrivasse in pancia, le piaceva molto quella posizione si sentiva “donna”, venne per la seconda volta.
Il membro di Matteo era diventato enorme la moglie sapeva che di li a poco avrebbe eiaculato e cosi avvenne un forte getto di sperma le inondò la bocca fuoriuscendo dai lati delle labbra.
Anche Lorenzo poco dopo eiaculò sulla schiena e sui glutei.


Capitolo 4 - Il pacco

Circa un anno dopo i fatti sopra descritti, suonò il citofono, rispose Matteo
“Tesoro ma aspettavi un pacco?” chiese ad Arianna, la quale rispose di no.
“C’è un corriere che dice di avere un pacco per te.”
La donna scese a vedere.
Tornata a casa lo appoggiò sul tavolo.
“E’ di Lorenzo” disse lei, sorpresa.
Lo aprì.
Tolta la carta esterna, gli oggetti erano avvolti dalla plastica da imballaggio, tolta anche quella la sorpresa fu grandissima.
Era il quadro “Orgasmo bendato”, aprirono anche il secondo ed era quello intitolato “La scarpa rossa”, ce n’era un terzo, non dipinto ma disegnato.
“Non capisco” disse Matteo.
“Neanche io” disse la moglie. Vide che c’era anche una lettera indirizzata ad entrambi. L’aprì e mano mano che la leggeva lacrime le scendevano lungo le guance.
“Cosa c’è scritto?” chiese preoccupato Matteo.
Lei non riuscì a rispondergli, gli porse la lettera.

“Cari Matteo e Arianna, se avete ricevuto questo pacco significa che non sono più tra voi. Come vi dissi quando c’incontrammo già sapevo che prima o poi avrei rincontrato Arianna e in quel momento fui conscio che di li a poco sarei andato via. Per questo motivo ho deciso di renderti ciò che ti appartiene. L’ultima mia creazione è stata fatta volutamente disegnata e senza colori per darti l’opportunità, se vorrai, di poterla colorare tu stessa con i colori che ti regalai tanti anni fa e che hai conservato con cura, sapevo che sarebbero stati in ottime mani. Voglio salutare Matteo ringraziandolo per la complicità che abbiamo avuto. Presto o tardi ci rincontreremo di nuovo. Un abbraccio Lorenzo.”

Arianna, asciugandosi le lacrime, prese il disegno di Lorenzo e lo guardò, raffigurava una stanza, con muro in mattoni, con una finestra sullo sfondo, delle candele e lei legata con le braccia in alto e una testa di un uomo vicino alla sua come a sussurrarle qualcosa nell’orecchio.
Immediatamente le venne un flash, rivisse tutta la scena, si ricordò quelle parole sussurratele all’orecchio di cui si era dimenticata, fino ad ora.
Chiuse gli occhi e le senti chiaramente ora: “Grazie Arianna e…. addio” un brivido profondo le attraversò il corpo.




























Capitolo 1 - Ricordi

Se una persona avesse aperto quella porta in quel momento, alla fioca luce delle candele, avrebbe visto una donna con le braccia in alto, i polsi legati con una corda fissata ad un gancio al soffitto, una benda nera sugli occhi e completamente nuda. Intorno a lei due uomini, nudi anch’essi, che le giravano intorno, ne osservavano il corpo sinuoso e, senza proferir parola la toccavano, baciavano e accarezzavano. Gli unici suoni che si udivano, prima soffocati poi sempre più forti, erano i di lei gemiti.
Arianna, questo il nome della donna in questione, si trova in questa situazione “particolare” per una storia che ha avuto inizio molti anni prima……..

E pensare che quel giorno aveva tutt’altri programmi, invece per vari motivi si ritrovò a pulire e riordinare la cantina e, tra le tante cose che non ricordava più di avere trovò, nascosta in un angolo, una vecchia scatola di scarpe. Non appena aperta i ricordi inondarono, impetuosi, la sua mente come l’acqua che scende da una diga che viene aperta.
Continuava a fissare il contenuto di quella scatola senza proferire parola.
Lentamente mise le mani all’interno e ne estrasse il contenuto, una vecchia scatola di colori.
Ormai la carta esterna era rovinata ma la marca ancora si riusciva a leggere, con delicatezza aprì la parte superiore in modo da poter vedere all’interno.
I colori erano messi ordinatamente uno vicino all’altro, in base alle tonalità, alcuni più lunghi altri più corti, in base al consumo che ne aveva fatto nel tempo.
Si sedette a terra, appoggiandosi con la schiena al muro, chiuse gli occhi e tornò indietro di 18 anni.
Era un tardo pomeriggio d’estate, come ogni anno era solita passare qualche settimana, lontana dalla calura cittadina, a casa dei nonni che vivevano sulle sponde di un lago.
Quel giorno, ricordava, il caldo era stato particolarmente intenso per cui decise di uscire più tardi del solito, non per andare in piazza con gli amici, dai quali sarebbe andata in serata, ma per assecondare la sua passione, disegnare/dipingere, per cui armata di fogli e carboncini, la sua passione, s’incamminò alla ricerca di un posto e di una visuale che la ispirasse.
Dopo circa un quarto d’ora trovò il posto idoneo, si vedeva uno scorcio suggestivo del lago, con le vele delle barche e dei surf, i bagnanti che erano sulle rive a godersi i raggi del sole e tutt’intorno circondato dalla collina.
Sedutasi, Arianna, iniziò a disegnare.
Quando disegnava stava bene, si sentiva se stessa appieno, riusciva ad esprimere ciò che, a volte, non riusciva a fare con le parole. Praticamente si estraniava dal mondo circostante. Il carboncino (in questo caso), era l’ideale prolungamento della sua mano, che scorreva sul foglio dando vita a delle forme, in quel momento diventava il suo essere, il suo qui ed ora.
Proprio per questo motivo, ebbe un sussulto, quando sentì alle sue spalle una voce che gli disse: “Complimenti, bellissimo disegno.”
Giratasi vide un uomo in piedi dietro di lei.
“Mi perdoni se l’ho spaventata, non era mia intenzione. Stavo passeggiando con il mio cane quando l’ho vista intenta a disegnare, poiché anche a me piace molto il disegno mi sono permesso di avvicinarmi per vederla all’opera. Devo dire che sono rimasto molto sorpreso dalla sua bravura, dalla sua attenzione per i dettagli, dai suoi giochi di luce/ombre.”
“La ringrazio per i complimenti. Cerco solo di rappresentare al meglio quello che vedo o quello che sento.”
“E ci riesce alquanto bene, devo dire. Permetta che mi presenti: mi chiamo Lorenzo Garuffi.” Le porse la mano.
Lei porse la sua stringendogliela dicendo: “Piacere, io sono Arianna Rossi.”
“Non l’ho mai vista, non è di queste parti?” chiese lui.
“Ci vengo in vacanza, i miei nonni hanno casa qui.”
“Capisco, anch’io vengo qui per rilassarmi, il posto è perfetto per questo.”
“Si, si ha ragione.”
“Non la voglio trattenere oltre, però le vorrei chiedere una cosa, che ne dice se domani ci troviamo qui verso quest’ora, scegliamo un posto e disegniamo insieme?”
“Mah…non saprei…”
“Non la mangio mica. Cosi approfittiamo anche per parlare un po’ di arte e pittura.”
Dopo averci pensato Arianna accettò l’invito.
L’uomo si allontanò con il suo cane al guinzaglio.
Terminato il disegno, nel tragitto di ritorno a casa Arianna ripensò a quell’uomo, aveva l’impressione di conoscerlo già, ma non ricordava dove e come. Poi il pensiero si spostò al loro “incontro” si pose la domanda: “E’ stato un caso che passasse di li proprio in quel momento? Se avessi scelto un altro posto, mi avrebbe notata? Esiste il caso oppure è tutto già scritto? Oppure siamo noi che ci creiamo la nostra realtà?” Domande amletiche che l’avevano da sempre affascinata ma a cui, al momento, non era in grado di dare una risposta.
Il giorno dopo Arianna giunse sul luogo dell’appuntamento in perfetto orario e trovò Lorenzo che l’attendeva.
Dopo i saluti s’incamminarono alla ricerca di un posto idoneo.
Trovato, entrambi si misero all’opera e durante il loro lavorare ebbero modo di parlare di arte, pittori, colori, prospettive, correnti di pensiero e tanti altri argomenti.
Arianna si trovò cosi bene con quell’uomo che accettò l’invito anche per il giorno dopo.
Quella volta l’uomo portò di sua iniziativa Arianna in un posto, impervio da raggiungere, ma di rara bellezza.
Da li si poteva godere di un panorama mozzafiato dando nel contempo molti spunti per disegnare.
La ragazza fu molto felice e disegnò spensieratamente per un’ora abbondante.
Come avevano fatto la volta precedente, una volta terminato il proprio lavoro, lo avrebbero confrontato e ne avrebbero discusso insieme.
“Aspetta un momento, non ho ancora finito, mi manca qualche dettaglio.” Disse lui.
Dopo cinque minuti disse: “Arianna, ho terminato. Sei pronta?”
“Si certo fu la risposta della ragazza.”
L’uomo girò la tela e lei, dopo qualche secondo di sorpresa, lei disse: “No….è bellissimo!” mentre diventava rossa dall’imbarazzo
“Sono contento che ti piaccia.”
Lorenzo aveva raffigurato Arianna intenta nel disegnare, le aveva fatto un bellissimo ritratto di profilo mettendone il risalto i lineamenti, quasi perfetti, del volto fondendo la sua figura con la natura che la circondava. I riflessi particolari dei raggi solari sulla superficie del lago, le poche nuvole bianche presenti nel cielo, gli alberi intorno a lei e le rade case che si vedevano sullo sfondo.
“Te lo regalo.” Disse lui.
Arianna che non si aspettava nulla di tutto ciò rimase senza parole.
“Hai perso la parola?”
“No…no, è solo che non me l’aspettavo, non so cosa dirti.”
“Mi devi dire che lo prendi e lo porti a casa.”
Arianna, dopo insistenze, accettò il regalo inatteso. Arrivata a casa dei nonni lo riguardò più e più volte, le piaceva moltissimo come l’aveva ritratta, in particolare l’espressione serena e rilassata che si vedeva. Stava per riporlo quando la sua attenzione venne catturata dalla firma dell’autore nell’angolo in basso a destra “FILO”, fu allora che capì dove l’aveva “conosciuto”.
Nella realtà non si erano mai incontrati ma lei aveva letto, su una rivista specializzata, di lui e delle sue opere, era considerato un artista emergente in particolare nel campo dei disegni e della pittura erotica.
Riposto con cura il disegno, che insieme avevano intitolato, “La ragazza col carboncino”, si ripropose di rivederlo nei giorni seguenti.
Contrariamente ai suoi desideri nei due giorni successivi non lo incontrò, le era rimasto un solo giorno ancora prima di ritornare in città, voleva assolutamente rincontrarlo per cui scoprì dove abitava e decise che sarebbe andata da lui.
Il pomeriggio era caldo ma una leggera brezza lo rendeva più piacevole, Arianna prese il motorino e partì con destinazione casa di Lorenzo Garuffi. Situata fuori il paese principale, sul fianco di una collinetta, impiegò un quarto d’ora per arrivarci. Giunta sul posto mise il motorino sul cavalletto e si avvicinò al cancello, dietro le sbarre c’era il cane che aveva visto durante il loro primo incontro, per cui fu sicura che quella era la casa giusta.
Titubante sul cosa fare, alla fine, d’impulso, suonò il citofono.
I secondi passarono ma nessuna risposta.
“Cosa faccio? Suono di nuovo o vado via?” pensò tra se e se.
Decise di risuonare.
Dopo pochi secondi dal citofono una voce disse: “Chi è?”
Emozionata, Arianna rispose: “Sono Arianna, la ragazza col carboncino.”
Ci fu un silenzio che a lei sembrò durare un’eternità.
“Arianna? Arrivo subito.”
L’attesa durò poco, il cancello si aprì e Lorenzo, in maglietta e bermuda, salutò la ragazza.
“Che sorpresa mi hai fatto!” disse lui.
“Spero di non aver disturbato” rispose lei.
“Ma no figurati nessun disturbo. A cosa devo la tua visita?”
Arianna gli raccontò di come già lo conoscesse, non di persona, e che le sarebbe piaciuto parlare con lui di pittura e, se possibile, vedere qualche sua opera.
Lorenzo accettò con piacere e la fece accomodare in casa.
Dopo una chiacchierata di un’ora abbondante Arianna gli chiese se poteva vedere qualche sua opera, sempre che ne avesse in casa, lui accettò di buon grado.
Condusse la ragazza nel suo studio dov’erano i suoi dipinti.
Erano una decina, Arianna li guardò con attenzione uno a uno facendo, ogni tanto, delle domande su cosa volesse rappresentare con quel particolare soggetto, oppure sul perché avesse usato quel determinato colore o sfumatura di esso e altro ancora.
Una tenda, di quelle scorrevoli ad anelli di colore verde, era posta in fondo allo studio ostruendo la visuale.
“Dietro quella tenda ci sono le tue opere in essere?” chiese incuriosita.
“Se hai letto di me saprai anche che faccio dipinti erotici, quella è la parte “hard” chiamiamola cosi” rispose lui, sorridendo.
“Potrei vederla?”
“Certo.” Scostò la tenda e si spostò di lato lasciando entrare Arianna.
Si trovò immersa e circondata dal mondo dell’eros e del sesso impresso su tela.
Alla sua destra un fallo, poggiato su una distesa di petali di fiori, la “osservava”, tele con corpi di uomini e donne intenti nell’amplesso erano davanti a lei, alla sua sinistra la bocca di una giovane ragazza accoglieva un membro maschile, affianco un’altra tela con una donna, nuda, distesa sul letto, con i polsi legati alla testata. Appesi in alto altri quadri, in uno dei quali una donna, appoggiata sul davanzale di una finestra veniva penetrata, da dietro, da un uomo mentre la piazza, antistante la finestra, era piena di gente in quanto vi era un mercatino, in un altro una donna, in ginocchio, teneva tra con entrambe le mani due peni molto grandi uno dei quali stava eiaculando, in un altro ancora una donna era intenta nell’atto sessuale con un uomo mentre un altro osservava la scena.
A un certo punto si rese conto che qualcosa di bagnato le stava colando lungo le cosce e piano piano arrivò alle caviglie.
Molto imbarazzata dalla cosa sperava che Lorenzo non se ne accorgesse……oppure no……
Quell’ambiente, quelle tele le avevano fatto perdere “la testa”, l’avevano completamente rapita, si era talmente immedesimata in ogni quadro che aveva osservato, immaginandosi la protagonista di quelle azioni tanto che il risultato era stato quello.
“Allora che ne pensi?” chiese Lorenzo.
Quelle sue parole la riportarono sulla terra.
Si girò verso di lui e gli disse: “Posso farti, solo e ancora, tanti complimenti, con il tuo modo di dipingere riesci a rendere quasi reali le situazioni e i momenti che imprimi sulla tela.”
“Ti ringrazio, mi fa piacere sentire le tue parole.”
Uscita dall’angolo dell’eros Lorenzo richiuse la tenda ma lei non voleva che accadesse per cui, senza pensare in modo istintivo e a bruciapelo, gli chiese: “Posso farti da modella……ora?”
Lui, si girò e la guardò. “Scusa non ho capito.”
“Ti ho chiesto se posso farti da modella per un tuo nuovo quadro erotico, solo che vorrei farla ora perché domani devo tornare in città.”
Lorenzo la guardò e dopo averci pensato un po’ disse di si. Le disse cos’aveva in mente, lei accettò anche se con qualche timore.
Preparata l’attrezzatura, le fece togliere la maglia e il reggiseno, le mise una benda nera e il buio calò davanti a lei.
Mentre lui dipingeva e il tempo scorreva lei non poteva far altro che immaginare e….desiderare.
Desiderava essere sua, essere “presa” da lui nei modi che voleva, voleva sentire le sue mani sui suoi seni, sulle gambe, tra le gambe, le sue labbra sulle sue, sentire la sua lingua nella sua bocca.
Questi pensieri le fecero indurire i capezzoli e sentì di nuovo scendere del liquido caldo lungo le gambe, ebbe un fremito, cercò di contenerlo ovviamente non fu in grado di capire se lui se ne fosse accorto o meno, ma….non gli importava nulla!
Dopo un lasso di tempo che non seppe quantificare sentì i suoi passi avvicinarsi e subito dopo la benda venne tolta.
“Ho finito” le disse.
Dopo essersi riabituata alla luce vide Lorenzo vicino ad un cavalletto appoggiato al quale c’era il quadro coperto da un telo.
Lei disse: “Scoprila pure.”
Lorenzo tolse il telo.
Arianna guardò il dipinto e spalancò la bocca.
Era stata dipinta a mezzo busto con i seni scoperti, capezzoli duri e turgidi, con la benda nera sugli occhi, la testa all’indietro, la bocca aperta e l’espressione facciale lasciava intendere chiaramente che era nel pieno di un orgasmo, nel dipinto non si capiva se l’uomo fosse dietro, sotto o sopra di lei, era lasciato all’immaginazione di chi avrebbe guardato il quadro.
“Che ne dici? Ti piace?”
“Si, è bellissimo!”
“Mi fa piacere. E’ tuo, te lo regalo.”
“No” rispose lei.
“Perché no?” chiese lui sorpreso.
“Perché l’hai fatto tu ed è tuo e poi perché vorrei che venisse esposto in una tua mostra futura. Vorrei che in tanti e tante mi guardino……..”
Lorenzo la guardò e fece cenno di si con la testa.
“Come lo intitolerai?” chiese lei.
“Stavo pensando molto semplicemente “Orgasmo bendato”.”
“Mi pare appropriato” rispose lei, sorridendo.
Prima di salutarla le volle regalare una scatola di colori dicendole che erano dei colori a cui teneva molto e che gli faceva piacere fossero nelle mani di una persona amante dell’arte come lei.
A distanza di un anno da quel giorno Arianna ricevette l’invito per una mostra di “Filo” dove poté riammirare di nuovo il suo ritratto.
Quella fu l’ultima volta che Lorenzo e Arianna si videro, ogni tanto si scrissero ma poi con il tempo i contatti tra i due terminarono.
Continuava a fissare quella scatola di colori e capì che il desiderio di lui non le era mai passato.
Lo squillare del telefono cellulare interruppe i ricordi e la riportò alla vita reale e attuale.


Capitolo 2 - Ferrara

Con i social non le fu difficile trovare il modo di contattare Lorenzo ma preferì non farlo, troppo “impersonale” era meglio di persona e a sorpresa.
L’occasione sarebbe stata una sua mostra che di li a due mesi si sarebbe tenuta a Ferrara una città che da tempo aveva desiderio di visitare.
Con questa scusa organizzò con Matteo, il marito, una due giorni fuoriporta.
Matteo e Arianna, sposati da quasi dieci anni, sono una coppia affiatata e aperta motivo per il quale lei raccontò tutta la storia al marito incluso il reale motivo per il quale voleva andarci.
Lui fu molto colpito dalla storia e, poiché sempre alla ricerca di nuovi stimoli tra di loro, accettò di buon grado la cosa.
La città non deluse le aspettative di Arianna dal punto di vista culturale.
La mostra a cui era interessata si sarebbe tenuta presso una villa la sera a partire dalle ore 18:00.
Per l’occasione decise d’indossare un abito rosso con uno spacco laterale, con una fasciatura all’altezza della vita che saliva fin sul petto incrociando da sinistra verso destra, scarpe decolté rosse, capelli raccolti, che evidenziavano i lineamenti delicati del suo viso, con qualche ricciolo biondo che le scendeva, trucco leggero, rossetto in tinta con l’abito, pendenti e girocollo abbinati.
Arrivarono intorno alle 20:00, c’era già un bel po’ di gente, presero da bere e iniziarono a guardare i quadri esposti.
Arianna riconobbe subito la mano di Lorenzo, il suo modo di dosare i colori, di giocare con la luce, era inconfondibile, almeno per lei.
Dopo circa dieci minuti lo vide, era intento a conversare con altri ospiti, Arianna e Matteo si avvicinarono attendendo che ebbe finito.
“Buonasera Lorenzo” disse lei quando fu solo.
Lui si girò, la guardò negli occhi, fece un sorriso e poi tranquillamente rispose: “Buonasera Arianna……….. la ragazza col carboncino, giusto?…..Finalmente….”
Lei rimase spiazzata da quello che aveva detto infatti ci mise qualche secondo per replicare. “Mi hai riconosciuta?”
“Certo che ti ho riconosciuta……perché non avrei dovuto?”
“Sono passati cosi tanti anni!”
“Hai ragione gli anni passano io invecchio tu invece sembra proprio di no.”
Arianna gli presentò Matteo.
Insieme iniziarono a camminare nel giardino.
“Arianna mi ha parlato molto di te, di come vi siete conosciuti, dei tuoi quadri, dei temi che affronti, di quando ha fatto la modella per te….”
“Si, si, come saprai ha fatto la modella per me in due occasioni, una inconsapevolmente e l’altra volontariamente.”
“L’arte è la sua passione, la sua vita” ribatté Matteo.
“La capisco benissimo. Parlando di arte direi che questa sera sei una vera opera d’arte, un misto di classe ed eleganza, unito alla tua bellezza che è degno di una grande opera.”
Lei, imbarazzata, rispose: “Ti ringrazio….sei troppo gentile…”
“Ora perdonatemi, ma altri ospiti mi reclamano, godetevi la mia umile mostra e se vorrete ci vedremo dopo.”
Cosi dicendo si allontanò.
Rimasti soli Matteo e Arianna continuarono a camminare fino a quando giunsero nei pressi di una panchina di marmo ove si sedettero.
“Brami dalla voglia di essere scopata da lui, vero?”chiese Matteo, a bruciapelo.
Colta di sorpresa dalla domanda, rispose stizzita: “Ma cosa dici?”
“Dico quello che ho visto nei tuoi occhi quando vi siete guardati, ho visto passione, desiderio, voglia, stessa cosa nei suoi occhi.”
Arianna voleva negare ma sapeva che era la verità, per cui non disse nulla.
Visto il suo silenzio Matteo continuò: “Ne abbiamo parlato tante volte, non dobbiamo avere segreti tra noi.”
Lei alzò lo sguardo verso il cielo, limpido e sereno al centro del quale c’era il “faccione” butterato della luna piena che sembrava le sorridesse e la incoraggiasse a dire quello che pensava realmente.
“Hai ragione, ho voglia di lui….”disse lei.
“E lui ha voglia di te…..e a me quest’idea piace molto…..molto…” rispose lui.
Arianna lo guardò sorpresa, a dire il vero in passato Matteo le aveva parlato di ravvivare un po’ il loro rapporto, dal punto di vista degli stimoli anche sessuali, ma lei non gli aveva mai dato troppo peso.
“Quindi mi stai dicendo che se ci prova ci devo stare?” chiese lei.
“Ti sto dicendo vediamo come si evolve la situazione……”
“Risposta criptica, mi hai detto e non mi hai detto niente.”
Intorno alle 22:30 la maggior parte dei visitatori erano andati via per cui i tre poterono proseguire la loro chiacchierata con maggiore tranquillità, si sedettero in un tavolo all’interno della villa, in una sala riservata.
“Piaciuti i miei quadri?”
“Si, sono bellissimi, come sempre.”
“Ti ringrazio, anche se penso che tu sia un po’ di parte….”
“No, no, sono sincera nei miei giudizi, sono due/tre non sono di mio gradimento.”
“Non dirmi quali però” disse lui ridendo.
“Tu Matteo di cosa ti occupi invece?”
“Lavoro per una multinazionale nel campo informatico.”
“Lavoro interessante. Oggi siamo nelle mani dei computer.”
“Si…per fortuna…per me” rispose lui sorridendo.
La conversazione continuò andò avanti per una mezz’ora fino a quando Matteo chiese a Lorenzo: “Perché non te la sei scopata 18 anni fa e vorresti farlo adesso?”
“Domanda legittima, sarò sincero, non lo feci all’epoca perché era troppo “scontato e semplice”, l’artista che ha una relazione con una modella. Comunque, non so se te l’ha detto, anche se non abbiamo avuto nessun rapporto fisico sono riuscito lo stesso a trasmetterle delle emozioni forti….vero?”
Lei, capendo a cosa facesse riferimento Lorenzo, guardando prima uno poi l’altro fece cenno di si con la testa.
“ Sapevo che ci saremmo ritrovati in un’altra occasione, non avevo la minima idea di quanto tempo sarebbe passato, ma come vedi non mi sbagliavo.”
“Già solo che ora, a differenza di allora, ha un marito.”
“Io ero certo che l’avrei rincontrata ma non sapevo in che condizioni e in che modo.”
In tutto questo Arianna si sentiva sempre più al centro dell’attenzione, la cosa da faceva sentire imbarazzata ma allo stesso modo eccitata, vedere due uomini che la desideravano, contemporaneamente, non le era mai accaduto prima.
“Quando vi siete rivisti prima, ho visto nei tuoi occhi la voglia di possederla e nei suoi quello di esserlo.” Disse Matteo.
“Sai leggere bene negli occhi delle persone.”
I due uomini si guardarono e Matteo fece un sorriso rivolto all’altro mentre con una mano accarezzava l’interno coscia della moglie.
“Senti senti qui…la signora è eccitata….” Disse lui, facendo imbarazzare ancora di più la moglie.
Le prese la mano spostandola sopra la chiusura dei pantaloni invitandola a massaggiare la parte.
“Non essere timida” la esortò il marito.
Nel frattempo Lorenzo venne chiamato per cui si allontanò dalla stanza.
Al suo ritorno trovò Matteo seduto sulla sedia ma non Arianna, abbassò lo sguardo e la vide china su di lui.
Notò un piede nudo della donna che fuoriusciva dal vestito, con la scarpa rossa poco distante, il vestito abbassato fino a scoprire i seni e la testa, con i capelli sciolti, fare avanti e indietro.
Si sedette anche lui, si gustò la scena per un po’ poi tirò fuori dai pantaloni il suo pene e attese che Matteo indirizzasse Arianna da lui.
La donna iniziò a leccare e succhiare il cazzo di Lorenzo.
Continuò il lavoro orale fin quando, prima Matteo e poco dopo Lorenzo vennero in maniera copiosa entrambi.
Ricompostisi uscirono di nuovo in giardino, ormai non c’era più nessuno per cui i coniugi salutarono Lorenzo il quale diede loro un invito per il mese successivo in Umbria in occasione di una mostra sull’erotismo a cui avrebbe partecipato.

Capitolo 3 - Umbria

Più volte erano stati in Umbria una regione bellissima, tra cultura, cibo e paesaggi sapeva offrire di tutto. Con piacere fecero quest’ennesimo viaggio nella terra che fu di Santa Rita, del Perugino, del Pinturicchio, tanto per citarne alcuni.
Il posto, un castello medioevale per la precisione, nel quale si sarebbe tenuta la mostra era situato in provincia di Perugia, la coppia prese alloggio nel centro della città.
La mostra, la quale non esponeva opere del solo Lorenzo, ripercorreva il modo di rappresentare il sesso e l’eros nei vari secoli a partire dal medioevo in poi.
Il castello, esternamente, non era molto grande, un ponte levatoio abbassato era l’ingresso della mostra.
Si partiva con rappresentazioni fatte nel medioevo, per poi procedere mano mano verso i giorni nostri.
Quando arrivarono nella parte dedicata a Lorenzo furono accolti da una luce rossa soffusa che s’intonava molto bene con il tema in questione.
I quadri erano disposti sui due lati sfalsati, la coppia li osservò con attenzione uno per uno partendo dalla fila alla loro destra.
Arrivati al quarto quadro si fermarono scambiandosi un’occhiata complice, quel dipinto, in bianco e nero, intitolato “La scarpa rossa” raffigurava una donna, di spalle, con un vestito lungo elegante la quale, inginocchiata, faceva del sesso orale a un uomo seduto su una sedia che la guardava compiaciuto. Il titolo del quadro era dovuto al fatto che l’unico particolare colorato era una scarpa rossa, persa dalla donna e che si trovava a terra vicino a lei.
Dei quadri che Arianna vide nello studio di Lorenzo, anni prima, non ce n’era nessuno tranne uno, posto alla fine della sala, al centro, quello intitolato “Orgasmo bendato”.
Era certa che l’avrebbe esposto, ma vederlo le fece tanto piacere.
“Bellissimo” fu la l’esclamazione che fece Matteo quando lo vide.
“Devo dire che in quell’occasione ho dato il meglio di me, sarà forse stato per la modella che avevo di fronte.” Disse una voce alle loro spalle.
Entrambi si girarono.
“Buonasera signori” disse Lorenzo.
“Buonasera Lorenzo” rispose Matteo cosi come Arianna.
“Ho visto con piacere che hai preso anche me come modello” disse ridendo Matteo.
“Mi sembrava giusto rispettare la parità dei sessi, no?” fu la risposta.
“Giustissimo! Dobbiamo anche dare importanza al sesso debole….”disse sarcasticamente Arianna.
“Ma certo!” disse l’autore ridendo.
“Come mai e’ stato scelto questo posto per la mostra?”
“Perché questo, leggenda vuole, che sia stato un posto peccaminoso, regno del “peccato” e della lussuria. Il castello apparteneva ad una famiglia importante dell’epoca, la quale aveva tre figli, due maschi Alfredo e Lodovico e una femmina, Odilia. Sempre secondo tale leggenda, due di loro, il maschio più piccolo e la femmina erano dediti ai piacere della carne mentre il primogenito era quello con la testa sulle spalle. I genitori morirono a distanza di un anno uno dall’altro per cui quando i figli si trovarono da soli iniziarono le liti. Quello maggiore, Alfredo, scapolo, era colui che gestiva le finanze della famiglia mentre gli altri due si divertivano. Racconti dell’epoca narrano di veri e propri festini organizzati all’interno del castello spesso quando il maggiore non c’era ma anche, a volte, con lui presente. Un giorno durante un viaggio il maggiore venne assalito da dei briganti e ucciso……
Inutile dirvi che nel giro di poco la famiglia cadde in rovina, il secondo fratello venne ucciso dalla sifilide, mentre la sorella alla fine mise la testa apposto sposandosi ma abbandonò il castello. C’è un piano di questo castello, quello superiore, che viene chiamato il piano del sesso, poiché, sempre secondo scritti dell’epoca, era li, nelle varie stanze che vi sono si tenevano incontri di sesso sfrenato.”
“Molto interessante questo piano superiore……..” esclamò Matteo, girando la testa, maliziosamente, verso la moglie.
Lei, facendo finta di non aver sentito, disse: “Direi che la mostra s’intona bene perfettamente con l’ambiente.”
“Si, direi proprio di si” rispose Lorenzo.
“Si può visitare questo piano “erotico”?” chiese Matteo.
Sorridendo Lorenzo disse: “Sapevo che me l’avresti chiesto……Ufficialmente, a causa della mostra è chiuso ma per voi no. Seguitemi.”
Passando da una porta salirono delle rampe di scale che li portarono al piano superiore, Lorenzo aprì una porta e li fece entrare.
La stanza era grande, con un tavolo in legno in mezzo, nella parete di fronte all’ingresso vi era un camino, alla loro destra, su una delle pareti lunghe c’erano due finestre mentre nell’altra parete lunga, intervallate da due grandi quadri c’erano due porte.
“Questo era il salone dove ricevevano gli ospiti o le ospiti, dopo aver mangiato, forse, andavano nelle camere da letto, a destra era quella di Lodovico mentre a sinistra quella della sorella.”
Sarà stata forse la suggestione di quanto raccontato da Lorenzo, ma in quel posto c’era un’atmosfera particolare, un’atmosfera di sesso.
“Se non erro questa stanza è stata riprodotta in un dipinto della mostra, vero?” chiese Arianna.
“Esattamente Arianna. Fu dipinto da un uomo che probabilmente partecipò a qualche festa qui visto che è molto particolareggiato in tutti i sensi……”
“Hai altre leggende su questo posto, sono curioso!” chiese Matteo.
Lorenzo si diresse verso la stanza che doveva essere di Lodovico, aprì la porta e una volta entrati tutti disse: “Qui, si narra, che il buon Lodovico fece sesso con oltre cento donne, per poi passare nella stanza del fratello una volta che lui venne ucciso.”
Matteo era pensieroso, sembrava che parlasse da solo.
“Che stai facendo?” gli chiese la moglie.
“Contavo solo con quante donne sono stato nella mia vita…….per arrivare a lui ancora me ne mancano un bel po’!!”
“Cretino!” ribatte lei.
Uscirono dalla stanza e Lorenzo chiuse la porta alle loro spalle.
“Per quanto riguarda Odilia, si dice fosse molto lasciva, amasse sia uomini che donne indifferentemente, anche qui si narra che una sera il fratello, Lodovico, non avendola vista per tutto il pomeriggio andò in camera sua, aprendo la porta vide una ragazza appesa per i polsi al soffitto, nuda, a terra bagnato. Preoccupato corse verso di lei, credendo fosse la sorella, invece si trattava di una giovane donna. La sorella era nel letto con un uomo e avrebbe detto al fratello: “Perché corri? Hai voglia di scopartela anche tu?”
“Bellissimo!” esclamò Matteo, ricevendone un’occhiataccia da Arianna.
Detto questo Lorenzo aprì la porta della camera.
Entrarono nella stanza, non era molto grande, c’era una finestra, un letto, un mobile in legno e tante candele che, con la luce tremolante delle loro fiamme, la illuminavano.
“Che atmosfera!” esclamò quasi sottovoce lei.
Lorenzo, senza dire nulla, si spostò alle spalle di lei e le sussurrò: “Ora diverrai la nostra Odilia” e fece passare una benda nera sopra la testa della donna fino a posizionargliela sugli occhi.
“Ma cosa…..” disse.
Ma lui la rassicurò: “Tranquilla….vedrai che ti piacerà….”
Le mani di Lorenzo, dopo aver annodato la benda dietro la nuca, scesero lentamente lungo i fianchi arrivando fino ai glutei, palpandoli, nello stesso momento le altre due mani maschili le massaggiavano i seni da sopra il vestito.
Matteo, rimasto all’inizio sorpreso dal tutto, si adeguò subito alla situazione infatti i due uomini, in modo sapiente e lento la spogliarono completamente.
Uno dei due le prese i polsi, li unì e fece passare intorno ad essi una corda sottile, la fece spostare di qualche passo indietro e le sollevò le braccia.
Se una persona avesse aperto quella porta in quel momento, alla fioca luce delle candele, avrebbe visto una donna con le braccia in alto, i polsi legati con una corda fissata ad un gancio al soffitto, una benda nera sugli occhi e completamente nuda. Intorno a lei due uomini, nudi anch’essi, che le giravano intorno, ne osservavano il corpo sinuoso e, senza proferir parola la toccavano, baciavano e accarezzavano. Gli unici suoni che si udivano, prima soffocati poi sempre più forti, erano i di lei gemiti.
Tutti e tre erano, ovviamente, molto eccitati, i due uomini con i loro peni eretti e duri che più volte avevano appoggiato sui glutei della donna e lei che cercava di percepire ogni movimento le avveniva intorno.
“Sei meravigliosa” gli sussurrò all’orecchio.
I capezzoli erano durissimi, la voglia di essere presa enorme, avrebbe voluto gridarlo ma non lo fece, era consapevole che faceva parte del gioco.
Non era mai “lasciata sola”, infatti o due o tutte e quattro le mani erano sempre su di lei, cosi come le bocche, a volte sui capezzoli, a volte sulle labbra, a volte dietro la schiena.
Una mano le accarezzò le natiche, poi un dito piano piano entrò nella vagina bagnatissima, e poi, sapientemente, cominciò a fare su e giù, su e giù. Da uno le dita diventarono due, sempre su e giù.
Il piacere e il godimento aumentavano sempre di più, il suo corpo si muoveva sempre in maniera più accentuata, voleva essere penetrata!
Delle labbra si appoggiarono alle sue, lei insinuò la lingua nella bocca dell’uomo che contraccambiò, fu un bacio lungo, passionale, profondo.
Leggendole nel pensiero, le dita vennero tolte dalla vagina e subito dopo venne penetrata da dietro, tenendole i fianchi, chi era dei due, le dava colpi secchi e profondi, ad ognuno dei quali corrispondeva un gemito sommesso di lei.
L’orgasmo era prossimo, infatti dopo pochissimo urlò più forte, ebbe un tremito e le gambe quasi le cedettero, venne sostenuta dalla corda.
Le vennero sussurrate delle parole all’orecchio ma in quel momento non capì nulla, era solo ebbra di piacere.
Quando si fu ripresa, le vennero sciolti i polsi e tolta la benda, cosi ebbe modo di vedere quanto Matteo e Lorenzo fossero vogliosi di lei.
Non si fece pregare e subito iniziò a giocare con i loro peni grandi e duri sia con le mani che con la bocca.
Fu portata sul letto dove, una volta fatta sdraiare a pancia in su, venne penetrata da Lorenzo mentre il marito le sbatteva il suo cazzo sul viso.
Poi si scambiarono e fu la volta di Matteo a penetrare la moglie questa volta alzandole le gambe in alto.
Dopo averla scopata in questa posizione venne fatta girare e messa “alla pecorina” con Lorenzo dietro a penetrala e Matteo davanti a riempirle la bocca.
Ogni colpo era come se le arrivasse in pancia, le piaceva molto quella posizione si sentiva “donna”, venne per la seconda volta.
Il membro di Matteo era diventato enorme la moglie sapeva che di li a poco avrebbe eiaculato e cosi avvenne un forte getto di sperma le inondò la bocca fuoriuscendo dai lati delle labbra.
Anche Lorenzo poco dopo eiaculò sulla schiena e sui glutei.


Capitolo 4 - Il pacco

Circa un anno dopo i fatti sopra descritti, suonò il citofono, rispose Matteo
“Tesoro ma aspettavi un pacco?” chiese ad Arianna, la quale rispose di no.
“C’è un corriere che dice di avere un pacco per te.”
La donna scese a vedere.
Tornata a casa lo appoggiò sul tavolo.
“E’ di Lorenzo” disse lei, sorpresa.
Lo aprì.
Tolta la carta esterna, gli oggetti erano avvolti dalla plastica da imballaggio, tolta anche quella la sorpresa fu grandissima.
Era il quadro “Orgasmo bendato”, aprirono anche il secondo ed era quello intitolato “La scarpa rossa”, ce n’era un terzo, non dipinto ma disegnato.
“Non capisco” disse Matteo.
“Neanche io” disse la moglie. Vide che c’era anche una lettera indirizzata ad entrambi. L’aprì e mano mano che la leggeva lacrime le scendevano lungo le guance.
“Cosa c’è scritto?” chiese preoccupato Matteo.
Lei non riuscì a rispondergli, gli porse la lettera.

“Cari Matteo e Arianna, se avete ricevuto questo pacco significa che non sono più tra voi. Come vi dissi quando c’incontrammo già sapevo che prima o poi avrei rincontrato Arianna e in quel momento fui conscio che di li a poco sarei andato via. Per questo motivo ho deciso di renderti ciò che ti appartiene. L’ultima mia creazione è stata fatta volutamente disegnata e senza colori per darti l’opportunità, se vorrai, di poterla colorare tu stessa con i colori che ti regalai tanti anni fa e che hai conservato con cura, sapevo che sarebbero stati in ottime mani. Voglio salutare Matteo ringraziandolo per la complicità che abbiamo avuto. Presto o tardi ci rincontreremo di nuovo. Un abbraccio Lorenzo.”

Arianna, asciugandosi le lacrime, prese il disegno di Lorenzo e lo guardò, raffigurava una stanza, con muro in mattoni, con una finestra sullo sfondo, delle candele e lei legata con le braccia in alto e una testa di un uomo vicino alla sua come a sussurrarle qualcosa nell’orecchio.
Immediatamente le venne un flash, rivisse tutta la scena, si ricordò quelle parole sussurratele all’orecchio di cui si era dimenticata, fino ad ora.
Chiuse gli occhi e le senti chiaramente ora: “Grazie Arianna e…. addio” un brivido profondo le attraversò il corpo.




























Questo racconto di è stato letto 1 0 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone