No Quarter, episodio 7 (2^ parte) - Solo insieme a te

Scritto da , il 2019-08-14, genere trio

«Pari o dispari?».
"Pari o dispari", sul serio? Qualcuno era nascosto nella siepe, probabilmente le aveva spiate mentre facevano sesso, e ora a Lory andava di scherzare in quella maniera?
Questo fu il primo pensiero di Marta, quando la sua amica le fece quell'assurda domanda. Eppure anche per Lory la prima reazione era stata di spavento. Ma poi quella situazione, forse il vedersi nuda all'aperto assieme alla sua amante... l'aveva eccitata di nuovo. E quel probabile guardone, ora per lei rappresentava un nuovo modo per divertirsi insieme a Marta. Come era successo quella mattina al lago con gli scout, oppure in giardino con Daniele.
Le due si fissarono negli occhi per diversi secondi, Lory sembrava quasi volerla convincere con la sola forza dello sguardo. Ma alla fine decise di prendere in mano la situazione.
«Anzi - disse alzandosi - L'altra volta sei andata tu, ora è giusto che vada io».
Dopo aver sentito quelle parole, Marta ancora incredula la osservò dirigersi - sempre tutta nuda, senza alcuna vergogna - verso la siepe. Quando fu a metà strada, la figura uscì allo scoperto, bloccando entrambe le ragazze.
Era un uomo. Di mezza età, all'apparenza. Un signore dai capelli e dalla barba brizzolati, dall'aspetto abbastanza rude, la pelle abbronzata dal sole... Rendendosi conto di essere stato scoperto, aveva deciso di mostrarsi e ora le stava guardando in silenzio, come in attesa di una contromossa.
Dopo una decina di secondi di immobilismo, Lory riprese a camminare lentamente verso di lui, fino a raggiungerlo. Marta li vide parlare da lontano, senza poter sentire le loro parole. L'uomo non sembrava poi così mortificato, per essere stato beccato. Ma allo stesso tempo, non appariva neanche come un delinquente di cui aver paura. Li osservava vicini l'uno all'altra, lui vestito normalmente, lei completamente nuda, senza alcun timore di mostrargli le proprie grazie. Nel mezzo del verde della natura, all'aperto... Marta, che già iniziava a sentirsi stimolata, sapeva che quell'immagine era destinata a diventare l'ennesima fotografia mentale che si sarebbe portata a casa da quella vacanza.

Passò un minuto, forse meno. Poi a un certo punto i due smisero di parlare, e tornarono verso la piscina. Non solo Lory, anche l'uomo misterioso la affiancò in quei pochi metri, sufficienti per far battere all'impazzata il cuore di Marta. Solo quando le furono ormai davanti, lei si decise finalmente ad alzarsi. E facendo ricorso a tutto il proprio sangue freddo, si mostrò nella sua nudità senza coprire alcunché, proprio come stava facendo Lory.
«Tesoro, ti presento...» fece lei per introdurlo, come se fosse stata la cosa più normale del mondo. Ma a quel punto si rese conto di non sapere il suo nome. Prima che lui lo potesse dire, tuttavia, lo bloccò: «Anzi - osservò - Penso che i nomi non servano».
Marta li guardava, incredula, immaginando di trovarsi dentro a un sogno. Già, forse si era addormentata davvero, e quell'uomo era solo un frutto del suo subconscio. Pensare questo in qualche modo la rinfrancava.
«Che dici, gli offriamo qualcosa da bere?» suggerì Lory con la massima cordialità, da perfetta padrona di casa. Lei esitò per un secondo, poi tornò verso il tavolino dove avevano lasciato il secchiello con il ghiaccio, contenente un paio di birre. Nel farlo, si rese conto di esibire il proprio fondoschiena all'uomo. Ma paradossalmente la confortò il pensiero che, nascosto ai margini del giardino, lui gliel'aveva probabilmente già potuto ammirare a lungo, e dunque non gli stava mostrando nulla di nuovo.
Accarezzandogli un braccio, Lory lo guidò fino a uno dei due lettini, dove lo fece sedere.
«A quanto pare, lui è uno dei giardinieri di mio zio - rivelò finalmente, togliendo un velo di mistero alla loro breve chiacchierata - Mi sa che l'abbiamo colto proprio di sorpresa, quando stamattina siamo arrivate alla villa».
Nel frattempo Marta si era riavvicinata, e gli porse la bottiglia di birra ghiacciata.
«Grazie» le disse semplicemente, facendole sentire per la prima volta il suono della sua voce. Aveva un tono molto basso, una voce quasi cavernosa, che ben si addiceva a quell'aspetto da omone rude. Osservandolo da vicino, notò che effettivamente l'abbronzatura era proprio quella tipica di un giardiniere, così come i muscoli delle braccia suggerivano che fosse un uomo di fatica. La pelle scura, quasi bruciata dal sole, contrastava invece con quegli occhi azzurri, di ghiaccio. Se da un lato le sembrava una brava persona, dall'altro aveva anche la sensazione che fosse un tipo che era meglio non far arrabbiare. Un uomo un po' vecchio stampo, insomma.

«E quindi... è tutto il giorno che ti nascondi?» gli chiese infine Marta, sedendosi vicino a lui. Lory, apprezzandone lo spirito d'iniziativa, la imitò posizionandosi dall'altro lato, lasciando l'uomo proprio in mezzo.
Lui si limitò ad annuire, tenendo lo sguardo basso. Era evidente quanto per lui fosse una tortura, comportarsi in maniera rispettosa e rinunciare a scrutare quei giunonici corpi nudi, a pochi centimetri dal suo. Nel frattempo, Marta e Lory avevano tutta la libertà di scambiarsi alcuni sguardi d'intesa.
«Ci hai spiate?» lo incalzò. Gli aveva posato l'indice della mano sul mento, invitandolo a girare la testa verso di lei per risponderle. E inevitabilmente, il suo sguardo era stato subito calamitato dal seno in bella vista, da quei capezzoli rosa che sembravano quasi due occhi intenti a fissarlo. Marta avvertì il suo sguardo voglioso, e fu attraversata da un brivido.
«Ma tanto con te i nostri segreti sono al sicuro, no?» aggiunse Lory, ripetendo lo stesso gesto e invitandolo a girare il viso verso di lei. Lui, ancora una volta ipnotizzato da quella nudità così sfrontata, non proferì parola, ma annuì di nuovo.
«Insomma, non hai niente da dire?» protestò allora Marta.
E solo a quel punto, dopo diversi secondi di interminabile silenzio, tornò a parlare: «Siete bellissime», disse semplicemente.

Fu un altro sguardo d'intesa fra le due donne, a dare il via al loro nuovo gioco.
«Devi aver lavorato un sacco, in questo giardino... - disse Lory suadente, accarezzandogli un braccio - Perché per oggi non ti rilassi un po' con noi?».
«Stare nudi sotto al sole è un paradiso, sai?» le fece eco Marta, con evidente malizia.
Quasi contemporaneamente, le loro mani andarono ad afferrare la maglietta dell'uomo, sui fianchi. E senza chiedere il permesso, iniziarono a sollevarla. Lui, seppur stupito, non fece resistenza. Anzi, alzò le braccia per favorire il movimento delle due ragazze, che ora erano in piedi e gliela stavano sfilando dalla testa. Quando riuscirono nel compito, si fermarono per qualche secondo ad ammirarlo. Aveva un torace ampio e forte, frutto probabilmente da anni di fatica nei campi, ma anche un filo di pancetta tipico degli uomini della sua età, che tuttavia non guastava la visione. Marta non resistette alla tentazione, e posò una mano sul pettorale villoso, accarezzandolo. Lui la guardò negli occhi, e accennò un sorriso timido.
Fu il segnale che attendeva. Lo prese per mano e lo invitò ad alzarsi, e un paio di secondi dopo Lory era già intenta ad armeggiare con i bottoni dei suoi pantaloni. Quando li fece calare, entrambe rimasero senza parole alla vista dei boxer dell'uomo. Al loro interno c'era... un pitone, un tubo lungo e largo che si piegava tutto su un lato, e che a fatica sembrava poter essere contenuto dalla stoffa.
Le due ragazze si guardarono, quasi incredule. Nessuna delle due aveva il coraggio di togliergli anche i boxer. Fu allora l'uomo, forse intuendo la loro improvvisa timidezza, ad occuparsi della cosa: afferrò le mutande ai lati, e con un gesto rapido se le sfilò, mostrando un chiaro segno dell'abbronzatura di chi evidentemente è abituato a lavorare a petto nudo sotto al sole. Ma non fu quel dettaglio, a far rimanere Lory e Marta senza fiato. Il pene ciondolava verso il basso, non era ancora in erezione... ma era già più lungo di molti dei quali con cui fossero venute a contatto nella loro vita.
Senza ostentarlo, l'uomo si sedette e si tolse le scarpe, facendo scivolare giù anche pantaloni e boxer, e rimase del tutto nudo. Le sue nuove amiche si guardarono ancora una volta - entrambe avevano ancora la bocca aperta dallo stupore - e poi si sedettero nuovamente vicino a lui. Tenendo lo sguardo fisso sul pene, Lory iniziò ad accarezzargli una coscia.
«Così si sta meglio, no?» chiese, cercando di mostrarsi tranquilla.
Stavolta lui non si limitò ad annuire, ma le rispose «Sì, è vero», e subito dopo ricambiò la carezza allungando la mano sulla gamba di lei. Aveva delle mani enormi, con dita grosse e tozze, piene di peli sulle nocche.
Dall'altro lato, Marta gli si avvicinò fino a posare le tette contro il suo braccio, e allungò anche lei la mano sull'altra coscia. «Dopo magari ci facciamo anche un bel bagno insieme» gli sussurrò.
In quel momento, entrambe si accorsero di un sussulto del pene. Il quale si stava lentamente alzando, acquistando anche qualche centimetro nelle dimensioni. A Lory scappò una risatina nervosa, la situazione si stava avvicinando a un punto di non ritorno.

«Qui... ci vuole un po' di protezione!» esclamò infine Marta, come colta da un lampo di genio. Si piegò a raccogliere l'olio solare nella borsa sotto al lettino, e lo porse a Lory.
«Giusto - la assecondò lei - Sennò ti scotti». Nel dire così si versò un po' di olio sulle mani, e poi fece lo stesso su quelle dell'amica. A quel punto iniziarono a massaggiargli il petto, i bicipiti, per poi scendere giù verso lo stomaco... E più le mani si avvicinavano, più il pisello cresceva sotto ai loro occhi. Ogni tanto si guardavano, come per darsi forza a vicenda, mentre intorno a loro il silenzio si faceva quasi assordante.
Centimetro dopo centimetro, le mani arrivarono fin quasi al pube, coperto di riccioli neri. Si guardarono ancora, per attimi che sembrarono eterni, e infine si decisero: con una sincronia degna delle migliori tuffatrici olimpioniche, entrambe gli afferrarono il cazzo.
Lentamente, iniziarono a farlo scivolare sotto le dita, unte di olio, e lo sentirono crescere ancora di più. Ormai era in piena erezione e puntava verso l'alto. Era grosso, gonfio, scuro... aveva un che di animalesco. Sembrava quasi di avere a che fare con un toro, tale era la prestanza fisica di quell'uomo dai capelli brizzolati e dagli occhi di ghiaccio.

Era lì, duro, preda delle loro mani che lo massaggiavano... Nel frattempo le due continuavano a guardarsi negli occhi, pareva quasi che si dicessero "posso fare una cosa del genere solo insieme a te".
Avvicinarsi sempre di più fu una conseguenza del tutto naturale. E pochi secondi dopo, l'uomo vide le due ragazze unirsi in un intenso bacio proprio davanti a lui, proprio a pochi centimetri dal suo pene. Osservava le lingue danzare l'una nella bocca dell'altra, e si sentì ancora più eccitato. E poi lentamente le due si piegarono, sempre più giù, finché l’asta dura scivolò fra le loro lingue, andando a infilarsi in quel bacio appassionato.
Fu questione di un attimo. Entrambe iniziarono a leccarlo, come se fosse stato un gelato. Un gelato caldo e pulsante, che vibrava in mezzo ai loro visi. Lo baciavano, lo percorrevano in tutta la sua maestosa lunghezza con la lingua, fino a rincontrarsi proprio sulla punta, per unirsi di nuovo in un appassionato bacio alla francese.
A un certo punto Lory lo prese saldamente e lo portò dalla sua parte. Tirò la pelle quel tanto che bastava per far uscire tutta la cappella, e poi la accolse tra le proprie labbra, come se fosse stata una grossa ciliegia. E infine affondò il colpo, facendo entrare buona parte di quel cazzone nella propria bocca. Uno, due, tre affondi. Sempre con lo sguardo negli occhi di Marta, la quale dopo averle spostato i capelli dalla fronte la osservò adorante e sorridente. Poi anche lei scese un po' più giù, e si dedicò ai testicoli dell'uomo. Li prese entrambi nella mano, e si allungò fino a baciarne uno. Di nuovo tirò fuori la lingua, iniziando a leccargli le palle in una maniera che, stando all'intensificarsi del respiro, lui decisamente gradiva. Quando tornò su, pochi secondi dopo, si vide passare il testimone da Lory. Lo aveva appena estratto dalla propria bocca e stava riprendendo fiato, e nel frattempo lo porgeva alla sua amante, come se fosse stato un regalo. Marta non si fece pregare, aprì le labbra e lo accolse dentro di sé. Mentre lo spompinava, Lory la guardava felice ed orgogliosa. Grazie a quell'uomo entrambe stavano scoprendo un nuovo lato dell'altra, ancora più intimo.
Intanto i grugniti di lui si facevano sempre più intensi, non sarebbe potuto durare ancora a lungo... Anzi, era già stato bravo a resistere fin lì.
Nel tentativo di concedergli un po' di respiro, Marta abbandonò la presa con la bocca, e ritrovò quella di Lory. Nel loro bacio ora sentivano entrambe ancora il sapore di quel bel cazzo, e la cosa le eccitava ancora di più.
«Non... non fermatevi...» sussurrò lui, con la sua voce cavernosa.
Entrambe lo strinsero col petto, godendosi dall'alto la vista di quell'uccello che provava a farsi strada fra le loro tette. Anticipata da un gemito più intenso dell'uomo, quasi un ruggito, la punta del cazzo si arrese e iniziò a sparare potenti getti di sperma. Entrambe le ragazze furono investite in pieno viso da quegli spruzzi, seguiti da altri meno forti, che ricaddero sui loro seni.
Solo a quel punto lasciarono la presa, sedendosi per terra sfinite. Si guardarono e risero, sulla faccia erano piene di schizzi bianchi. Marta allora raccolse da terra uno dei loro asciugamani, e a carponi si avvicinò a Lory. Prima di utilizzarlo, tuttavia, si allungò come se volesse sussurrarle qualcosa, e a sorpresa con la lingua le leccò via una goccia di sperma che le colava sulla guancia.

«Ci hai fatto una bella doccia, eh, omaccione?» disse Lory un paio di minuti dopo, sedendosi sulla sua coscia e mettendogli un braccio intorno al collo taurino, come una bambina in grembo a Babbo Natale per chiedergli i regali. E lei sapeva benissimo che tipo di regalo voleva.
Si erano ripulite, ma nel frattempo anche lui sembrava essersi ripreso in pieno: il pene era ancora dritto e pulsante, ben lontano dall'aver esaurito le energie. E che fosse ancora pieno di voglia lo dimostrò subito, allungando una mano fino a posarla sul petto di Lory. Con decisione le afferrò un seno e iniziò ad accarezzarlo, guardandola negli occhi per percepire la sua reazione. A lei non dispiaceva affatto questa sua iniziativa, tanto che spinse ancora più in fuori il petto, per offrirgli meglio quei grossi meloni. Lui allora piegò la testa, andando a posare la lingua sul suo capezzolo. Qui iniziò a baciare e a leccare, strizzandole il seno con forza.
Intanto Marta si era rimessa dall'altro lato del lettino, seduta e con le gambe tirate su. Ora gli esponeva senza alcuna vergogna la fica aperta, sulla quale le sue dita avevano già iniziato il proprio lavoro. Si stava praticamente masturbando a pochi centimetri da lui, e la eccitava che con la coda dell'occhio la guardasse, mentre la lingua era intenta a stuzzicare il capezzolo della sua amica.
A un certo punto Lory lo staccò, e appoggiandogli amorevolmente il viso al proprio seno lo invitò a guardare proprio Marta.
«Hai visto che bella, la mia amica?» disse orgogliosa. E poi aggiunse: «Puoi toccarla, se vuoi...».
L'uomo non se lo fece ripetere, e allungò la mano verso il suo inguine. Marta gli lasciò piena libertà, aprendo ancora di più le cosce, e portando su le mani a stringersi i seni. Quando sentì quelle dita sulle sue grandi labbra, fu percorsa da un brivido di piacere. Con l'indice e il medio, l'uomo iniziò ad accarezzarla dall'alto in basso, sul monte di venere fino all'entrata della vagina, constatando subito quanto fosse bagnata. Lui aveva dei polpastrelli decisamente grossi, e la sensazione non era dissimile da quella di un pene che bussava per entrare dentro di lei.
Intanto Lory, sempre più eccitata, non resistette alla tentazione di prendergli il viso fra le mani e di dargli un lungo e appassionato bacio. Vedere quelle due lingue intrecciarsi fu l'ultimo colpo alle resistenze di Marta. La ragazza sentiva di essere ormai prossima all'orgasmo, e prese una decisione. Si alzò e si mise di fronte all'uomo. Entrambi la guardarono, comprendendo quasi all'istante quale fosse il suo desiderio.
Lory le rivolse uno sguardo serio. «Sei sicura?» le chiese semplicemente.
Marta annuì. «È l'ultimo giorno di questa vacanza, domani mi risveglierò da questo sogno... Ma per ora voglio viverlo al massimo» disse.
Dopodiché si avvicinò alle gambe di lui, e allargandosi la vagina con le dita, si piegò verso il suo cazzo.

Era davvero grosso, ma farlo entrare non fu poi così difficile. Entrambi erano già lubrificati in abbondanza, e questo favorì la penetrazione. Centimetro dopo centimetro, l'asta si fece strada all'interno del suo corpo, finché l'uomo non riuscì a farla entrare praticamente tutta. Era seduta a cavalcioni su di lui, con quell'uccello lungo e grosso tutto dentro la fica. Gli mise le braccia intorno al collo, e si avvicinò per baciarlo. Lory accarezzò la testa di entrambi e poi si unì al bacio, infilando la propria lingua tra le due che già erano impegnate in una furiosa danza.
Intanto Marta cominciò ad ancheggiare, a muovere ritmicamente il bacino e il fondoschiena. Sentiva quel cazzone scivolare dentro di lei, e la sensazione la faceva godere come... come una troia. Sì, in quel momento si sentiva troia: per quanto non amasse quella parola, non avrebbe saputo trovarne una migliore per definirsi, mentre scopava in giardino quell'uomo di cui non conosceva neanche il nome.
In breve si ritrovò a cavalcarlo con foga: era lei a dare il ritmo alla penetrazione, stava saltellando sul suo cazzo, e più lo sentiva sbatterle dentro, più le sue urla di godimento si facevano intense.
Intanto l'uomo le stava stringendo le tette come in una morsa, strizzandogliele fin quasi a farle male. La bocca di lui, invece, era impegnata in altro. Ora infatti Lory gli aveva proteso il seno proprio davanti alla faccia: se lo teneva da sotto con le mani, come a porgergli quei capezzoli duri come chiodi che lui, senza farsi pregare, le stava baciando e leccando. A completare quello spregiudicato triangolo era proprio il bacio tra le due donne, tornate a limonare come due ragazzine.
A staccare le loro bocche fu lui, quando a sorpresa afferrò saldamente Marta sotto le cosce e si mise in piedi, alzandola di peso. Sorpresa da una tale intraprendenza, la ragazza si legò al collo con più forza e gli cinse le gambe attorno alla vita, per paura di cadere. Ma ben presto si rese conto che il rischio non c'era: l'uomo la sorreggeva senza apparente sforzo, e intanto continuava a stantuffarla con sempre maggior vigore, accompagnando ogni affondo con un grugnito. Lei invece non riusciva più a trattenere i gemiti... L'ultimo fu quello che accompagnò l'ennesimo orgasmo della sua giornata. Stavolta meno "bagnato" di altre occasioni, ma non per questo meno soddisfacente. Nel godere chiuse gli occhi e appoggiò la testa alla sua spalla, mentre gli spasmi del bacino resero inequivocabile anche a lui come la ragazza avesse appena raggiunto il piacere.

Un minuto dopo, non avvertendo più una risposta fisica da parte sua, la appoggiò con delicatezza sul lettino e tirò fuori il pene, ancora durissimo. Era venuto da poco, e per una seconda eiaculazione avrebbe avuto bisogno di ulteriore stimolazione. Per sua fortuna, anche Lory aveva un gran bisogno di essere stimolata. Quando si voltò, infatti, la trovò sdraiata sull'altro lettino, a gambe larghissime. Con le dita si stava stuzzicando il clitoride.
«Non sarai mica stanco? - gli disse - Ora tocca a me, stallone...».
L'uomo non se lo fece ripetere. Dopo aver bevuto altri due sorsi della sua birra per reidratarsi, si avvicinò a grandi passi, e un paio di secondi dopo si stringeva l'uccello con la mano per introdurlo fino alla vagina della donna. Di nuovo, la penetrazione fu favorita dal fatto che lei fosse già bagnatissima. Fu solo quando lo sentì entrare fino in fondo, con una spinta poderosa, che Lory si rese conto di cosa aveva provato la sua amica e amante. Nel sentire quel bastone duro riempirle la fica, si morse un labbro e portò la mano al capezzolo, che tirò fin quasi a farsi male. L'uomo intanto si era messo in ginocchio e l'aveva sollevata dalle gambe, facendole posare le caviglie sulle sue spalle. E ora la stava penetrando con forza, ad un ritmo costante.
Lory chiuse gli occhi, e si godette la sensazione di quel pezzo di carne fra le cosce. Stava vivendo una situazione estrema che mai aveva provato in vita sua, le endorfine rilasciate dal cervello la stavano portando a un nuovo livello di estasi, le sembrava quasi che il suo corpo fosse dotato di vita propria.
Poi a un certo punto riaprì gli occhi, e a sorpresa si ritrovò con la fica di Marta in faccia. La ragazza era salita a sua volta sul lettino, e stava baciando l'uomo con passione. La vide scendere più giù, usare la lingua per leccargli il petto e la pancia, fino ad arrivare a quel cazzo pulsante che spingeva fra le gambe di Lory. La osservò mentre lo afferrava e lo estraeva, per poi infilarselo in bocca, ancora caldo e gocciolante dei suoi umori. Con il dito medio la sentì invece entrarle nella vagina, quasi per rimpiazzarlo. Dopo alcune leccate, tuttavia, lo ricondusse di nuovo all'entrata delle grandi labbra, facendogli riprendere la penetrazione.
Inebriata dal profumo della ragazza, Lory le strinse le mani sui glutei e si portò la fica fino alla bocca, iniziando a leccare avidamente. Dall'altra parte Marta faceva lo stesso sul monte di venere, godendosi da pochi centimetri di distanza la scopata dei suoi due partner.
Poi lui volle cambiare posizione. La fece girare e la mise a quattro zampe, e afferrandole saldamente il culo iniziò a penetrarla da dietro con sempre maggiore foga, mentre Marta rimase sdraiata sotto di lei, a gustarsi la danza di quelle tette che rimbalzavano sopra la sua testa.
«Dai, fino in fondo, ancora di più!» iniziò a incitarlo Lory, senza timore di essere sentita dalle case vicine. Ormai era pronta anche lei a venire. E di nuovo, come era successo poco prima, lei raggiunse l'orgasmo prima di lui. Un urlo intenso fu accompagnato da una serie di spruzzi che gli bagnarono tutto il cazzo, lei era nuovamente esplosa in un fragoroso squirting.
Sfinita, si sdraiò sul lettino al fianco di Marta. Da quella posizione, accarezzandosi reciprocamente, le due ragazze osservarono in controluce la figura imponente dell'uomo, che in piedi a un passo da loro si stringeva il cazzo nella mano, masturbandosi ad un ritmo forsennato. Fu questione di pochi secondi, e le due iniziarono ad avvertire una serie di schizzi colpire i loro corpi. L'uomo stava sborrando di nuovo, e gli spruzzi furono tutti per il loro seno, lo stomaco, le gambe.

Rimasero lì ferme, ansimanti, per diverse minuti. Quasi si assopirono, sfinite da una serie tanto memorabile di orgasmi.
A ridestare l'attenzione di Lory fu un movimento dell'uomo: con la coda dell'occhio lo vide rialzarsi in piedi e dirigersi verso la piscina. Quando intuì quello che stava per fare, diede un bacio sulla fronte alla sonnolente Marta e si alzò anche lei. A piedi nudi, senza far rumore, si avvicinò all'uomo, e man mano che la distanza si riduceva, diventava più chiaro quello che lui stava facendo. Quando finalmente gli fu a fianco, lo poté osservare da vicino mentre urinava nella piscina. Con la mano si reggeva il pisello, non più dritto ma comunque possente, dal quale usciva un getto intenso di pipì, che andava a perdersi nell'acqua. Lui si accorse della sua presenza e la guardò, ma non smise di fare ciò che stava facendo. Lei per tutta risposta gli sorrise. E poi, accarezzandosi fra le gambe, si accovacciò. E pochi secondi dopo iniziò a sua volta a urinare.
Un gesto liberatorio, forse il più audace di una giornata tanto spregiudicata, che accompagnò con un lungo sospiro. In un silenzio quasi irreale, quei due zampilli di pioggia gialla che si infrangevano nell'acqua della piscina diventarono un rumore assordante. Lory li ammirava, godendosi quella situazione di libertà assoluta che mai aveva provato in maniera così intensa nella sua vita.

Quando il getto si quietò, ancora un po' gocciolante si rialzò in piedi, e guardò l'uomo in quegli occhi di ghiaccio.
«Io sono Lory», gli disse semplicemente.
«Antonio».
Avevano appena scopato come dei selvaggi, erano nudi l'uno di fronte all'altra, ma paradossalmente si stavano presentando solo in quel momento. Quando lui accennò a una stretta di mano, Lory mancò di proposito il bersaglio e invece del palmo andò a stringergli il pene.
«Molto piacere, Antonio» sussurrò, facendolo oscillare su e giù come in una vera stretta di mano.
E mentre già iniziava a sentirlo crescere nuovamente sotto le dita, furono interrotti. «Io sono Marta, comunque» disse la ragazza che di soppiatto era giunta fino alle loro spalle, con un tono fintamente piccato per essere stata momentaneamente lasciata da parte. I due risero, ma lei non se ne curò e, passando proprio in mezzo a loro per dividerli dispettosamente, si tuffò in piscina. Immediata fu la reazione di Lory, che la seguì a ruota. In acqua le due si ritrovarono subito, per l'ennesimo bacio della giornata. E poi, abbracciate e con lo sguardo languido verso l'uomo, quasi in coro gli chiesero maliziose: «E tu, non vuoi raggiungerci?». Una domanda retorica, in fondo la risposta la conoscevano già.

-------------

Il momento della loro ultima cena era infine giunto. Quella settimana era volata, e l'indomani mattina Marta e Riccardo sarebbero ripartiti presto. Avevano deciso di passare la serata tutti insieme, proprio in villa, dove gli uomini le avevano raggiunte un paio d'ore dopo che il giardiniere Antonio le aveva lasciate. Se n'era andato proprio così come era venuto, all'improvviso e con poche parole. Loro per fortuna avevano avuto tutto il tempo di mettere a posto la piscina, eliminando ogni... traccia, nonché di farsi un'altra doccia insieme, per infine agghindarsi di tutto punto per i loro uomini.
«Mi sembri diversa» disse Francesco a Lory, di punto in bianco. Lei, che stava apparecchiando la tavola del salone, rimase interdetta. Si voltò verso di lui, senza dire una parola, timorosa che potesse aver capito qualcosa. Lui si avvicinò, le sistemò una ciocca di capelli dietro all'orecchio, e le disse: «Non lo so, mi sembri più felice». Lei a quel punto sorrise, e in punta di piedi gli diede un bacio sulle labbra.
«Metto un po' di musica per fare atmosfera, che dici? - aggiunse allora lui, dirigendosi verso il modernissimo impianto stereo dello zio - Ho una chiavetta con una compilation delle nostre canzoni preferite...».
Lei annuì, compiaciuta, e terminò di apparecchiare.
Pochi minuti dopo, anche Marta e Riccardo rientrarono nel salone. Per diversi minuti erano stati in giardino, proprio nel luogo dove in quella giornata era successo di tutto.
«Che succede?» chiese Lory, notando subito come ci fosse qualcosa di strano nei loro volti.
«Dobbiamo dirvi una cosa» commentò il ragazzo, che pareva visibilmente emozionato. Marta invece teneva lo sguardo basso.
Nessuno degli altri tre proferì parola, in attesa che Riccardo parlasse. E alla fine, lo fece in maniera trionfale: «Ho chiesto a Marta di sposarmi, e ha detto sì!» esclamò sorridente.

Francesco fu il primo a reagire. Fece un applauso e subito andò ad abbracciare entrambi, per congratularsi.
Lory invece in un primo momento rimase in disparte, silente. Così come stava facendo Marta.
«Bisogna brindare! - disse Francesco - Vieni, so che c'è una cantina fornitissima al piano di sotto!».
Quando gli uomini si allontanarono, le ragazze si guardarono finalmente negli occhi. E poi, lentamente, camminarono l'una verso l'altra.
«Congratulazioni!» le disse Lory, abbracciandola. Si sforzava di sorridere.
«Grazie» rispose Marta, stringendola forte.
«Ma scherzi? Sono davvero felice per voi, tesoro».
«No... - puntualizzò Marta seria, guardandola negli occhi - Ciò che voglio dire è... Grazie per questa settimana».
Lory sorrise, ora entrambe avevano gli occhi lucidi. Sempre abbracciate, appoggiarono l'una la fronte su quella dell'altra. Marta pensò a quanto avrebbe voluto che quel momento durasse per sempre... ma non era possibile. Le loro vite dovevano ripartire da dove le avevano messe in pausa.
In cuor suo, non sapeva se era davvero pronta a sposarsi. Ma di certo non si sentiva pronta a buttare all'aria, da un giorno all'altro, quella vita che fino a una settimana prima era convinta di voler vivere.
Si guardarono ancora, e poi si scambiarono un ultimo, intenso, romantico bacio.
«Agli sposi!» esclamò Francesco rientrando nella stanza, brandendo una bottiglia di spumante.
Le due si divisero appena in tempo, da quello che sembrava un semplice e innocente abbraccio.
«Amore che fai, piangi?» chiese Riccardo, porgendo un calice alla sua futura moglie. Lei, asciugando la lacrima sulla guancia col palmo della mano, gli rispose semplicemente: «È perché sono felice». In quel momento, a Lory bastò un fugace sguardo per comprendere in pieno il suo vero stato d'animo.
«A Riccardo e Marta!» annunciò trionfante Francesco.
E proprio nell'istante in cui i quattro avevano alzato i calici, per brindare, allo stereo era partita una nuova canzone. La musica di sottofondo aveva iniziato a diffondere alcune note che subito erano parse familiari sia a Lory che a Marta.
"Close the door, put out the light / You know they won't be home tonight / The snow falls hard and don't you know? / The winds of Thor are blowing cold...".
In un istante, anche se non potevano saperlo, la mente di entrambe ritornò alla stessa mattina. Sembravano passate settimane, mesi... e invece erano stati solo pochi giorni. Giorni nei quali avevano riscoperto loro stesse, nei quali si erano mostrate l'una all'altra senza alcun tipo di filtro, imparando a conoscersi e a volersi bene. Le due ragazze si scambiarono l'ennesimo, intenso sguardo. E, senza dire nulla, nelle note di quella canzone si riconobbero.
"They choose the path where no one goes / They hold no quarter".

Questo racconto di è stato letto 1 6 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di feticismomoglie raccontiracconti porno gayporno racconti hardracconto sesso a treracconti di veri incestistorie erotichracconti erotiiccognata raccontostorie bsxracconti erotici vecchiascopare con cavallogeneri racconti eroticiraccontierracconti donne porchestorie gay romanticheracconti sculacciatastorie eotichezoofilia cavalloricatto racconti eroticiraccomti eroticiracconti porno lesboracconti erotici prime esperienzeorgia raccontoracconti erotici di anzianiraxconti eroticiracconti icestosverginata raccontiracconti erotici nataleracconti porno sorellastorie erotii racconti eroticiracconti erotici anzianoracconti vicinaracconti icestotettona in toplesscuckold sottomessimia moglie al cinema pornosesso tra suocera e generoracconti gay 69racconti erotici immaginiscopata caserecciaraccontidimilustorie porno di tradimentimia moglie esibitaraccont69eracconti eroticistorir pornostorie trasgressivei generi di racconti eroticiracconti erotici mamma e figliaracconti erotici con canicome diventare cuckoldracconti erotici schiavaracconti porno analeracconti reoticierotici racconti i generieroriciraccontiraccontu pornocornuto raccontoesibizioniste al ristoranteraconti sessoracc er 69fratello e sorella raccontiracvonti pornoracconti erotici casalingheracconti gay cuginoracconti erotici in autobusraconto pornoracconti erotici sottomessoracconti proibiti realistorie di coppie scambisteracconti erotici di casalinghetroia suocerapunizione eroticala mia prima segaracconti eropticiwww.raccontimilu.com