Tale madre tale figlia

Scritto da , il 2019-08-14, genere tradimenti

Tratto da una storia vera.

Mi chiamo Marco, ho 31 anni e quella che state per leggere è la storia che ha sconvolto la mia vita.
Quest’anno io e Monica, la mia fidanzata, 25 anni, abbiamo deciso di trascorrere la seconda quindicina di luglio sul litorale toscano. Paolo, il compagno di sua mamma Anna (divorziata e riaccompagnatasi con lui da circa 15 anni) è un professionista affermato e aveva affittato una villa poco distante dal mare dotata di tutti i comfort necessari.
Ma non eravamo soli, insieme a noi c’era anche Alberto, un ragazzo di 28 anni che lavora nello studio di Paolo e che ha soggiornato insieme a noi perchè i due dovevano terminare un lavoro importante entro la fine del mese. Il posto nella villa non mancava, c’erano addirittura tre camere, quindi ognuno aveva il suo spazio.
Io non ero molto entusiasta di tutto questo, non tanto per Alberto che conoscevo a malapena, piuttosto di soggiornare insieme a mia suocera, Anna, con cui non c’è mai stato un buon rapporto e con la quale ci limitiamo ad essere falsamente cortesi l’un con l’altro: è sempre stata una persona un pò ambigua nei miei confronti e soprattutto ciò che mi dà fastidio è il rapporto simbiotico che ha con la figlia e mia fidanzata Monica, lei infatti è molto influenzata dalla madre e se questa dice una cosa è legge e va rispettata senza se e senza ma.
Comunque sia avevo bisogno di staccare e mi feci andar bene la situazione visto che non avrei dovuto tirare fuori nemmeno un euro.

Paolo è un amante della pesca notturna e spesso la sera verso le 21 partiva in barca con alcuni amici e tornava a notte fonda. Io e Monica uscivamo per i fatti nostri, Alberto diceva che aveva degli amici poco distanti e ogni sera usciva con loro mentre mia suocera Anna rimaneva da sola a casa.
Un giorno la mia fidanzata incontrò sulla spiaggia un gruppo di amiche e insieme fissarono di andare a cena la sera stessa. Con Paolo a pescare, Monica a cena, Alberto con i suoi amici sarei dovuto rimanere con mia suocera: un incubo. Ma fu il proprietario dello stabilimento balneare dove eravamo a salvarmi: c’era un buffet presso lo stesso stabilimento e così prenotai per partecipare.
Fu una serata divertente ma verso le undici salutai tutti e mi incamminai verso casa perchè ero molto stanco.
Passai dall’ingresso sul retro per evitare mia suocera ma quando entrai sentii degli strani rumori provenire dal salotto. Mi avvicinai piano evitando di fare rumore e quando fui in prossimità del salotto non credevo ai miei occhi: mia suocera Anna e il giovane Alberto sul divano si stavano baciando e palpando a vicenda!!!!!
E menomale che la sera lui usciva con i suoi amici!

Mi misi dietro la parete dell’ingresso e protetto dalla penombra della casa mi misi ad osservarli.
Anna ha 50 anni (più giovane del suo compagno Paolo che ne ha 62), ha un viso molto bello devo ammetterlo e un fisico così così, una quinta di seno in fase decadente, fianchi un pò larghi e gambe fini. Alberto però se la toccava come fosse una sua coetanea, era veramente preso dalla situazione. Ma la cosa che mi colpì era la loro naturalezza, capii che erano amanti da tempo.

Ma un’altra cosa mi lasciò di stucco. Quando Anna aprì la zip dei jeans di Alberto e tirò fuori il suo cazzo vidi un arnese davvero grosso, a occhio saranno stati circa 20 centimetri di cazzo con una circonferenza notevole. “Hai capito...” pensai tra me e me.
Anna lo impugnava e muoveva ritmicamente la sua mano e Alberto si godeva quella sega.
La mia mano andò istintivamente sul mio cazzo, ce l’avevo duro e guardarli mi eccitava da morire.
Specialmente i loro dialoghi mi facevano impazzire. Lei non faceva che ripetergli “sei il mio porco” mentre lui cercava sempre approvazione per le dimensioni del suo cazzo “senti come è duro? Ti piace eh? Dillo..”
Alberto poi tolse il vestitino di Anna e iniziò a succhiargli le sue tettone, ci dava dentro come un animale e lei non mollava la presa sul suo cazzo.
Poi Alberto la afferrò per i fianchi e lei salì su di lui.
“Tesoro è tardi.. ma se torna mia figlia?”
“Shhh.. vieni qui..”
Le scostò le mutande e puntò il cazzo sulla figa di mia suocera.
“Quanto sei bagnata Anna..”
“No no.. fermo tesoro.. pensa se arriva davvero mia figlia..”
“Meglio se non ci penso.. magari ci vede e le piace..”
“Che maiale! Ti piacerebbe eh..”
“Brava fatti scopare.. ahhhhh come sei calda”
“Ahhhh ahhhh rispondimi ti piacerebbe con mia figlia? Ahhhhh”
“Ahhhh si mi piacerebbe e vi divertireste entrambe”
“Porco ahhhhhh porco”
Mia suocera godeva come una pazza sotto i colpi di quel cazzone. Ma ero incazzato nero, parlare così di Monica, la MIA fidanzata, SUA figlia! Avrei voluto tirare un destro a quell’arrogante ma vedere mia suocera sopra di lui che gemeva era davvero eccitante.
Dopo un pò per evitare di essere visto uscii di casa e rientrai dopo circa un’ora quando tutto era finito e mia suocera era a letto.
Quella notte non chiusi occhio, feci finta di dormire quando Monica rincasò e una volta addormentatasi fissai per il resto della nottata il suo corpo (dormiva solo con le mutandine) ripensando a tutto quello che avevo visto. Lei e sua mamma si dicevano sempre tutto, qualsiasi cosa succedeva a una dopo un minuto la sapeva anche l’altra e chissà se era già al corrente di quella situazione tra sua madre e Alberto. Rimasi col dubbio per tutta la notte e per i giorni successivi.

Due giorni dopo dovevamo fare una gita in barca, ma poco prima di partire Monica e sua mamma decisero di non venire, Alberto aveva già detto che non sarebbe venuto quindi mi trovai nella situazione di non poter dire di no a Paolo. Lasciare Monica con sua mamma e potenzialmente Alberto mi faceva ribollire dentro.
Durante tutta la gita in barca la mia testa era altrove e quando la sera rincasammo tutto era tranquillo. Monica aveva lo stesso atteggiamento di sempre e quindi mi tranquillizzai un pò.
Ma una parte di me voleva la verità, sapere se Anna, dopo ciò che aveva detto a Alberto, aveva trascinato anche Monica nella sua relazione clandestina. La notte mentre Monica dormiva presi il suo smartphone e andai a leggere le conversazioni. Niente di niente. Fino a quando non aprii la conversazione con sua mamma.
Gli ultimi due messaggi risalivano al pomeriggio in cui ero in barca con Paolo. Anna aveva scritto alle 16:23 a sua figlia “fammi sapere...quando avete fatto” e lei le aveva risposto circa un’ora dopo con l’emoticon della bocca.
Mi si gelò il sangue. Che Monica avesse avuto un rapporto orale con Alberto? Non ci volevo credere. La mia Monica. In tre anni di relazione era sempre stata una ragazza tranquilla, una di quelle che preferisce un film a tante serate in discoteca o per locali fino a tardi. Non era possibile.

Tutti quei pensieri non mi facevano dormire da giorni, non ne avevo la certezza ma mi sentivo cornuto. E una sera di fine luglio ne ebbi la conferma.
Monica disse che si sarebbe incontrata di nuovo con le sue amiche per un ultimo saluto, ma la cosa non mi convinceva, avevamo trascorso gli ultimi due giorni sempre insieme e dalle sue amiche non aveva ricevuto nemmeno un messaggio e tantomeno una chiamata. Le prestai la macchina e alle 21 se ne andò.
Paolo come al solito era a pesca e Alberto non si vedeva dalla mattina.
Io uscii con una scusa.
Verso le 22 rientrai a casa passando dal retro. Mi muovevo furtivamente senza fare rumore. In casa c’era solo mia suocera, neanche l’ombra di Alberto e Monica. Forse mi sbagliavo, forse non dovevo dubitare di Monica. Mi nascosi silenziosamente nel bagno di fronte alla camera mia e di Monica, lo usavamo solo noi ed ero certo che Anna non sarebbe entrata.
Passarono i minuti. Dieci, venti. Poi sentii la porta al piano di sotto aprirsi. Era Monica. Era passata solo un’ora da quando era uscita. C’era qualcosa sotto, me lo sentivo.

Pochi minuti dopo la porta si aprì di nuovo. Stavolta era Alberto. Sentivo i tre parlare ma dal piano di sopra non riuscivo a distinguere le voci. Sentii la porta sbattere di nuovo e sentii dei passi sulle scale. Mi nascosi e spiando dalla porta vidi Monica e Alberto dirigersi verso la camera da letto.
La mia ragazza indossava ancora il vestito da sera mentre Alberto era in camicia e jeans.
Lei, sedutasi sul letto, si tolse i tacchi e Alberto si sedette vicino a lei.
Dopo essersi sorrisi iniziarono a baciarsi.
Ero ufficialmente cornuto.
Io, fuori dalla porta, li guardavo e mi piaceva vedere la mia fidanzata con un altro, il mio cazzo era già gonfio e volevo vedere fin dove si sarebbe spinta Monica.
Alberto adagiò Monica sul letto, prese le sue gambe e iniziò a baciarle. Partí dalle caviglie e risalì. Quando fu in prossimitá delle ginocchia sfilò il perizoma di Monica e poi le allargò le gambe. Dopo aver giocato un pò con il suo interno coscia, portò la bocca sulla sua fichetta tutta depilata.
La leccò per diversi minuti e lei gemeva come una puttana.
“Sei tutta bagnata Moni..”
“Ohhh siiii, mi fai impazzire con quella lingua”
Alberto si mise in ginocchio sul letto di fianco a Monica ancora distesa, le prese la mano e la portò sul suo pacco. Lei dopo averlo palpato per un pò gli sganciò la cintura, poi abbassò i jeans e gli slip di Alberto e prese in mano il suo cazzone cominciando a fargli una sega.
“Siii Moni siii.. senti come me lo fai venire duro”
Nel mentre lei lo segava lui la sditalinava e si sentiva benissimo quanto lei fosse bagnata, il rumore della sua passerina era inequivocabile. Alberto avvicinò il suo enorme cazzo al viso di Monica, lei sorrise e tirò fuori la sua lingua.
“Che troia” pensai.
Con la mano teneva ben salda la presa e con la lingua roteava intorno alla cappella gonfia di Alberto.
Poi iniziò a fargli un pompino. Su e giú, su e giù, si gustava tutto il cazzo di Alberto.
“Ahh siii.. succhialo tutto Moni.. quanto ti piace?”
Lei non rispondeva e continuava a succhiarlo.
“Ahhh ahhhh dillo quanto ti piace.. dillo”
Lei mugolava ma non aveva intenzione di togliere quel cazzo dalla bocca, così lui la afferrò per i capelli e tolse il cazzo dalla sua bocca.
“Dillo quanto ti piace”
“Troppo” lo riprese in mano, “è enorme”. E fu di nuovo nella sua bocca.
Non l’avevo mai vista così troia e non credevo ai miei occhi. Dentro di me da una parte ero molto amareggiato e deluso ma dall’altro lato mi piaceva fare il “guardone” e vederla in quella veste.
Dopo aver succhiato il cazzo di Alberto si tolse il vestito e rimase completamente nuda e montò su di lui. Afferrò il suo arnese e lo fece entrare delicatamente dentro di lei. Cavalcava senza fermarsi e i suoi gemiti riecheggiavano per tutta la stanza. Alberto la teneva per i fianchi e assecondava i suoi movimenti.
“Guarda quanto godi.. sei una puttana”
“Ahhhh ahhhh ahhhh siiiiii”
“Si... siiiii... lo sei? Sei la mia puttana?”
“Ahhhhhh ahhhh siiiiiiii”
“Si cosa? Cosa sei?”
Lei posò le mani sul suo petto e aumentò il ritmo della cavalcata.
“La tua troia... sono la tua troia.. oddio vengo.. oddio siiiii”
Come sentii quel dialogo fu impossibile per me resistere ed esplosi nelle mutande.
Poi Alberto la mise a pecorina e iniziò a scoparla da dietro. Manteneva un ritmo davvero elevato e Monica afferrò un cuscino e si coprì la faccia per limitare le sue urla di piacere. Passarono cinque minuti e Alberto fu sul punto di esplodere.
“Moni sto per venire”
“Oddio siiii.. però non venire dentro”
“Ahhhh quanto godo cazzo.. dove vengo?”
“Ahhh in bocca come l’altra volta ahhhh”
Eccola lì la conferma di quel pomeriggio passato. “Puttana” pensai.
Lei si girò, gli diede qualche pompata con la bocca, poi lui afferrò i suoi capelli e gliela riempì tutta di sborra godendo come un animale.
Erano passati circa 40 minuti.

Prima che i due uscissero di camera me ne andai, furtivo come sempre attraversai la casa e me ne uscii dal retro. Camminai un pò per sbollire la rabbia e poi mi appostai poco distante dietro alcune macchine tenendo gli occhi sulla nostra casa. Alberto e Monica uscirono insieme e salirono sulle loro rispettive macchine andandosene.
Poco dopo ecco che vidi mia suocera rincasare. Quella troia aveva organizzato tutto, aveva trascinato Monica nella sua relazione e mi aveva fatto cornuto. Tuttavia decisi di non dire nulla e continuare come se non avessi visto mai niente.

Da quella sera alla fine della vacanza non successe altro (almeno credo), loro erano molto bravi a far finta di nulla e recitare e una volta tornato alla routine ho avuto modo di pensare e riflettere a lungo, decidendo di continuare la mia relazione da cornuto e magari poi giocarmi questa carta in futuro.

Voi cosa fareste nella mia situazione?
Spero di ricevere qualche risposta.

Questo racconto di è stato letto 1 1 4 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone