La formazione abbia inizio

Scritto da , il 2019-08-13, genere fisting

Il mio amico Carlo mi ha telefonato stamattina. Siamo stati fottutamente fuori di testa per alcuni anni ma le ore passate assieme sono state sempre piene di sesso veloce, pazzo, disordinato e sporco lasciando poco tempo per l'esplorazione delle nostre fantasie.

Ora mi ero separato dal mio fidanzato di lunga data. Carlo ha colto l'occasione per tirarmi su di morale. Non avevamo mai discusso del sesso anale in modo approfondito prima, ma sapevamo entrambi che il cazzo di culo era qualcosa che avevo tanto desiderato fare. Ieri sera gli ho detto che ero così stufa e frustrata che sentivo che l'unica cosa che mi avrebbe scosso sarebbe un cazzo serio in culo.

Carlo sapeva anche che una delle mie fantasie preferite nei giochi di ruolo sarebbe stata farlo travestire da sporco meccanico che si alzava per riparare la mia auto guasta. Potete immaginare la mia gioia quando ho aperto la porta stamattina per trovarlo lì con le sua tuta verde scuro imbrattata di grasso ... uno straccio oleoso in una mano e per qualche motivo sconosciuto, un motorino di avviamento nell'altra.

"Ho appena trascorso l'ultima ora a armeggiare con il tuo motore... ora penso che mi devi una tazza di tè" disse Carlo con un occhietto sfacciato.

"Fanculo il tè" dissi, avvicinandolo a me. "Entra qui ORA e SCOPAMI !!"

Riuscì a malapena a superare la porta e le mie mani erano su di lui. Il cattivo odore di benzina mi stava facendo impazzire. Ho slacciato i suoi bottoni e ho fatto scivolare la mano sul davanti della sua tuta e ho trovato il suo cazzo già rigido e bagnato. Ho sfiorato le punte delle dita sul glande e, mentre mi sfioravo il collo ho iniziato a spalmare il mio umore di figa su e giù per il suo stelo.

Il mio pugno serrò il suo cazzo in una presa salda proprio come so che gli piace. Ora, come senza dubbio confesserebbe, non ha il cazzo più grande o più grosso del mondo, ma i suoi muscoli pettorali sono magnifici. Carlo si rade sempre il cazzo e le palle prima che si avvicini perché sa che adoro la sensazione della sua carne che mi schiaffeggia sul viso prima di scoparmi.

Riesce sempre a colpire la parte posteriore della mia gola in questo modo e a volte posso infilare entrambe le palle nella mia bocca e allo stesso tempo ingoiare tutto lo sperma che mi schizza.

Carlo sapeva che la prima cosa che avrei voluto fare sarebbe succhiarlo. Mi chiama la sua puttana golosa. Gli piace prendermi in giro nonostante le mie proteste.

Carlo gemette mentre estraeva le mie mani dai suoi pantaloni. Sapeva che se avessi continuato a masturbarmi il suo cazzo sarebbe venuto abbastanza rapidamente. Mi diede uno schiaffo sul culo.

Dato che era mattina e mi ero appena alzata dal letto, ero ancora vestita con nient'altro che un paio di pantaloncini e una canottiera larga. Certo, i miei capezzoli erano molto eretti e frugavano nel sottile cotone e potevo sentire la mia figa nuda pulsare ai pensieri delle cose a venire.

Carlo mi ha girata e mi ha detto di inginocchiarmi in fondo alla scala, mettere le mani dietro la schiena e dividere le cosce. Prese una fascetta dalla tasca e cominciò a unire le mie mani.

Ho sentito che i miei pantaloncini venivano tirati da un lato e un oggetto duro freddo veniva spinto senza tante cerimonie nel mio buco del culo. Rimasi a bocca aperta mentre mi rendevo conto che poteva essere solo la candela. Carlo mi disse di alzarmi tenendo stretto il culo.
Mi alzai barcollando un po' in avanti e cercai di resistere all'impulso di spingere il plug fuori dal culo. Mi è stato quindi chiesto di girarmi e sedermi sul terzo gradino, a gambe aperte. Abbassai il sedere sul tappeto e sentii il plug anale scivolare un po’ più dentro. Ero sopraffatta dalla sensazione che provo sempre quando il mio culo veniva violato. Mi vengono i brividi e la pelle d'oca. Non ho mai capito il perché. Forse è la paura che mi cagherò addosso all'improvviso?
Feci un respiro profondo e iniziai ad abituarmi alla sensazione. Ogni volta che mi muovevo, il grosso plug si incuneava un po' di più.

Carlo si fermò di fronte a me ed estrasse il suo cazzo dalla sua tuta. Cominciò lentamente ad accarezzare su e giù il buco del mio culo, spalmando provocatoriamente il precum intorno.

Mi sentivo frustrata poiché le mie mani erano legate dietro la schiena. Ho voglia di toccarlo. Mi sporsi in avanti, il che significava che il plug si inseriva completamente nel mio culo. Ho aperto la bocca, sorpresa da quanto fosse bello e un filo di succhi mi uscì dalla figa. Al spinse il suo cazzo così forte nella mia bocca aperta che il mio riflesso del vomito entrò in azione. Tossivo e avevo degli accenni di vomito mentre cercavo di tornare indietro ma era impossibile.

Carlo mi teneva il cazzo in gola, non si muoveva ... non spingeva ... mi riempiva solo le guance e premeva forte contro il palato. La sua mano mi afferrò la nuca e mi fece avanzare ogni volta che provavo a staccarmi. Lentamente mi ha fottuto la faccia fino a quando mi ha soffocata. La saliva mi scorreva lungo il mento e Carlo si asciugò con un dito e mi sfilò i pantaloncini.

La mia figa stava già gocciolando e il tocco di un dito la fece trasudare, bagnando i miei pantaloncini buttati sul letto. Quando Carlo mi ha spazzolato il clitoride ho rabbrividito e ho quasi ingoiato il suo cazzo.

Questo lo spinse a tenere aperte le labbra della mia figa con l'indice e il pollice, il suo dito medio accarezzava dolcemente ogni lato della mia figa, i colpi decisi sul mio buco fradicio e i miei profondi gemiti supplicanti segnalarono il mio veloce orgasmo in avvicinamento.

Carlo ha iniziato a scoparmi con le dita più velocemente e ho ricevuto avidamente ogni brutale spinta del suo cazzo.

Quando Carlo ha ritirato il suo cazzo dalla mia bocca ero senza fiato. Mi ha tirata in piedi. Il dolore della candela, mascherato dal fottuto dito, ora si rendeva evidente ad ogni passo. È stato un sollievo raggiungere la camera da letto.

Carlo mi ha guidata verso il letto e mi ha ordinato di mettermi supina. Mi sono sdraiata a faccia in giù, gli occhi ben chiusi. Carlo sollevò il mio sedere in modo che la testa e le spalle poggiassero sul materasso e il resto del mio corpo fosse sollevato e accessibile.

Feci una smorfia mentre Carlo separava le mie natiche. Il plug fu spinto in profondità e lo sentii sputare sulle dita. Inginocchiandosi sul letto accanto a me Carlo mi sondò delicatamente l'ano. Mentre scavava più a fondo la mia carne sembrava non cedere. I miei muscoli stavano stringendo forte la sua mano. Mi ha detto di fare un respiro profondo e rilassarmi.

Potevo sentirlo torcere le dita e ho sentito di nuovo brividi di freddo. All'improvviso il plug fu estratto con un rumore secco. Carlo mise bruscamente la mano sul buco del culo dilatato. Mi sentivo un po' dolorante ma sollevata dal fatto che il plug fosse fuori uso. Uno schiaffo sul culo mi fece eccitare all'istante

Carlo usò la punta del dito per tracciare il cerchio attorno al mio buco del culo spalancato. Il plug era stato abbastanza grande da lasciare il mio buco a bocca aperta. È stata una tortura.

Il suo dito fece contrarre ed espandersi il foro già sensibile. La sensazione è stata travolgente e ho iniziato a dimenarmi. Non pensavo di poter vivere una sensazione così forte. Il tocco morbido della lingua di Carlo seguì presto.

Dapprima accarezzò la carne morbida e poi la schiaffeggiò. Quando ha iniziato a far scorrere la lingua dentro e fuori dal mio ano, mi sono sentita sempre più a mio agio.

Ero già stata scopata in culo prima, quindi le sensazioni non erano inaspettate, ma non l'avevo mai provato così fervidamente.

Carlo raccolse i liquidi che inzuppavano la zona tra la mia figa e il mio culo scavando in profondità in entrambi i buchi, leccando i miei succhi di fica e sputandoli nell'altro buco. Il mio culo ha cominciato ad incresparsi di nuovo e il dolore era quasi diminuito.

Carlo mi fece rotolare sulla schiena e mi mise i pantaloncini inzuppati sul viso. Potevo sentirne l’odore. L'umidità e l'aroma mi eccitavano.

Inserì lentamente la qualche dita nel mio culo. Avevano un diametro non da poco e si sentiva molto di più del già grosso plug che mi aveva inserito. Carlo fece passare le sue dita sul mio clitoride e iniziò ad accarezzarlo.

Uno ... due ... poi tre dita sono scivolate nel mio buco umido del culo. Le sue dita si inoltrarono nel mio ano e nel momento in cui il suo dito medio riuscì a passare emisi un urlo e squirtai.

Il mio sperma gocciolò giù dalla mia figa ed inondò di umori la sua mano che stava pompando dentro e fuori. Sapevo che mi stava sfondando, diventando abbastanza larga da poter prendere ormai più di un cazzo in culo.

Poi uscì dal mio culo con un gesto repentino ed ha affondato il suo cazzo nel mio culo dilatato. Ora mi stava scopando forte e veloce.

Potevo sentire le sue palle sbattere contro di me e sentivo chiaramente l'odore della mia figa.

L'unica cosa che non potevo fare era toccarlo. Carlo poi è crollato sopra di me facendo scivolare le mani dietro la schiena per liberarmi dalla stretta che mi teneva ferma. Il suo cazzo era ancora dentro di me e l'ho mi sono sentita come in paradiso.

Questo racconto di è stato letto 1 6 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone