Rivivere

Scritto da , il 2019-08-13, genere trio

Nella penombra della stanza, una serie di immagini si ripetevano nella mente di Lara, ancora in preda agli effetti del piacere provato. Man mano che riprendeva coscienza si sentì esposta e involontariamente serrò le cosce, poi le rilassò realizzando di essere sola. La mente riprese a vagare, andando ancora una volta, a sfiorare quella scena ormai frequente nella sua testa.
Si rivedeva lì.
Monica era ai suoi piedi e come lei indossava solo le scarpe, delle decoltè nere dal tacco alto e sottile. Sentiva il suo respiro avvicinarsi al suo sesso, caldo e bagnato. Dopo la fellatio fatta a lui e aver condiviso quell’asta carnosa con la lingua di lei, si sentiva esplodere. Mancava poco che la sua eccitazione iniziasse a colare lungo l’interno coscia. Poco prima che accadesse, sentì la lingua della donna lambire la sua fica.


Quella giornata, fino a poco prima di tramutarsi in quello che era diventata, non era stata molto diversa dalle altre. Lara era andata al lavoro, l’ufficio in cui lavorava solo da alcuni mesi. La mattinata era trascorsa tranquillamente e così anche il pomeriggio, intervallato da una pausa caffè con Monica, la sua collega. Nei giorni più noiosi, quelle pause si prolungavano qualche minuto in più, così le due avevano preso più confidenza tra loro. Trovava che fosse una donna elegante, caratterialmente matura, nonostante la sua giovane età. Una donna riservata, che non lasciava sfuggire dettagli sulla sua vita privata, né si lasciava andare a squallidi pettegolezzi da ufficio, come spesso aveva notato negli atteggiamenti degli altri colleghi.
Come di tanto in tanto accadeva, anche quel venerdì, tra una chiacchiera e l’altra, avevano pensato di vedersi per un aperitivo dopo il lavoro, complici le temperature più tiepide delle serate, in quel periodo. Lara accettò senza pensarci due volte. D'altronde dopo il lavoro sarebbe tornata a casa e come ogni giorno, da alcuni mesi a quella parte, non ci sarebbe stato nessuno ad aspettarla e le sembrò una buona conclusione di quella settimana di lavoro.
Della collega non sapeva molto, se non che conviveva con il suo uomo, l’aveva visto un paio di volte e si erano anche presentati, ma non ne ricordava il nome. Qualcosa in lui, non sapeva dire cosa, la metteva in imbarazzo ogni volta che capitava di incontrarlo anche solo per caso.
Quella sera, come in altre occasioni, lui era andato a prenderle aspettandole all’uscita del locale. Con la testa un po’ leggera, Lara lì per lì, non diede peso al fatto che Monica sedette accanto a lei sui sedili posteriori.
Rimase, invece, impietrita quando la donna, dopo qualche minuto cominciò a scostarle la gonna e ad accarezzarle la pelle nuda e leggermente infreddolita delle cosce, quando si avvicinò all’incavo del collo e poteva sentire il soffio del suo respiro.
“Sei bella, Lara” - sospirò la donna, inspirando il suo profumo.
Le sembrò di perdere qualche battito. Si sentì in preda a sensazioni contrastanti. In passato le era capitato di provare attrazione per le donne, ma non aveva mai avuto occasione o osato provarci. Si sentiva completamente frastornata da quelle sensazioni fisiche e mentali.
Un suono stradale la riportò alla realtà e di colpo si rese conto che la strada che stavano percorrendo non l’avrebbe portata a casa. Alzò lo sguardo e incrociò nello specchietto lo sguardo di lui, accorgendosi che le stava scrutando. Non lo conosceva se non di vista, o per averci scambiato qualche parola ogni tanto, ma in quel momento ipotizzò di essere stata, forse più volte, nei discorsi e nei pensieri della coppia. Si sentì oggetto, ma anche protagonista di quel gioco in cui la stavano conducendo. Era sicura che se si fosse ribellata l’avrebbero accompagnata a casa, ma... voleva realmente rinunciare?
Un fremito, una scossa sembrò smuoverla da quella confusione, le partì dal cervello e l’attraversò tutta fino ad arrivare e terminare nella sua intimità, che sentì contrarsi. Guardò ancora nello specchietto retrovisore e vide il riflesso del suo viso, del suo sguardo eccitato, mentre Monica continuava a giocare con la pelle sottile del suo collo. Incrociò ancora lo sguardo di lui, erano fermi nel traffico e le stava fissando. Si voltò verso di lei e la baciò avidamente, asserendo così ai loro giochi.
Appena entrate nell’appartamento, le due donne poterono continuare ciò che avevano iniziato in ascensore, liberando finalmente l’erezione di lui dai jeans già sbottonati. Si inginocchiarono ai suoi piedi e Monica accompagnò il viso di Lara verso l’inguine del suo uomo. Con una mano le mantenne le braccia dietro la schiena e con l’altra le raccolse i capelli biondi, sporse il viso accanto al suo ed entrambe alternarono le loro lingue sull’asta calda e piena, poi prese a succhiarla quasi con ingordigia prima di lasciarla a Lara, che con desidereio fece altrettanto. Lara, con le braccia bloccate, avrebbe voluto toccarsi. Stava impazzendo... tutti e tre stavano impazzendo. Lui ovviamente più di tutti, col trattamento di quelle due bocche fameliche. Dopo poco, infatti, esplose tra le labbra di Lara, che si apprestò ad ingoiare. Monica trattenendola per i capelli biondi, sfilò il membro del suo uomo da quelle labbra, ripulendolo dolcemente tra le sue. Liberò le braccia di Lara e la baciò, mentre lui le condusse in camera.


Lara cercò di mantenersi dritta ma non fu un’impresa semplice. Il contatto con la lingua di Monica l’aveva mandata in estasi. Cinse il capo di lei spingendolo contro di sé, sentiva gli occhi di lui ammirarle eccitato. Voleva esplodere. Voleva quel piacere. La lingua non le bastava, desiderava di più, ma sapeva che quello era solo l’inizio. Raccolse tra le dita i lunghi capelli castani della donna, controllando così la sua lingua. Tutta quella situazione le stava facendo prendere il controllo. Sentì lui avvicinarsi, cingerla alle spalle per sorreggerla, il suo membro poggiarsi tra le natiche. Il colpo di grazia che la portò verso l’intenso orgasmo.
Non si era ancora ripresa quando lui la guidò verso il bordo del loro letto, la fece sdraiare chinandosi a leccare e succhiare i suoi capezzoli. Monica le si stese accanto baciandola finché non tornò completamente in sé, poi si posizionò su di lei come in un sessantanove, dedicando però le attenzioni al membro del suo uomo, accogliendolo ancora una volta tra le labbra carnose. Lara che era sotto, poteva scorgere solo in parte quella scena, a tratti lo vedeva sparire nella bocca che poco prima l’aveva fatta godere, sentiva quel suono liquido che si mescolava ai gemiti di lui e ai sospiri di lei, che invece godeva sotto i colpi della sua lingua: ne esplorava le pieghe di quel sesso, sentiva il suo sapore e il suo piacere invaderle la bocca. Con la punta della lingua la penetrò leggermente, andò poi a cercare il clitoride e a succhiarlo strappandole un urlo di piacere. Sentiva sotto le mani la pelle liscia e tonica di quel culo pieno e sodo, lo palpava per guidare le mosse di quel corpo su di sé. Poi la vide sollevarsi sui gomiti, senza staccarsi dalla sua lingua. Non poté vedere cosa stava per fare, ma ben presto sentì il membro di lui sfiorarle l’intimità, controllato dalle dita di Monica. Il glande scorreva sulla fessura del suo sesso, sempre più facilmente, irrorato dalla saliva e pian piano pregno dei suoi umori. Percepì lei dare ancora un’ultima e insaziabile succhiata e si sentì penetrare.
Il primo colpo, lento ma profondo, le fece istintivamente inarcare la schiena per accoglierlo al meglio. Affondò le unghie nella carne della donna e iniziò a leccarla ancora più intensamente. Voleva godere e farla godere. Era in trance, sopraffatta da quella voglia di essere posseduta, amplificata e per niente attutita, dal piacere precedente. Un’ondata di piacere la pervase e le grida placate dal corpo di Monica su di lei, vennero trasformate in forti mugolii. Sentiva ancora una volta l’orgasmo montare, così prese a leccare e succhiare avidamente il clitoride della donna, la penetrò e iniziò a scoparla con le dita; voleva godesse insieme a lei, ma questa, con forza si sollevò leggermente. Ancora due, tre colpi e si sentì esplodere in un nuovo piacere. Le vibrazioni dei suoi spasmi si ripercossero anche sulla sua lingua e di conseguenza sul sesso di Monica, portandola quasi all’apice.
Ancora in balìa di quel godimento, e non ancora del tutto cosciente, vide la donna girarsi, inginocchiarsi tra le sue cosce ancora aperte e dare le spalle al suo uomo, impaziente di essere finalmente scopata. Si sorreggeva sui gomiti e i seni sfioravano i suoi; a un palmo dal naso vedeva l’espressione di piacere che culminava in ansimi e gemiti sempre più incostanti. Si sentì travolta dai loro corpi che acceleravano sempre più appassionati i loro movimenti, le prese il viso tra le mani e per quel che poté la baciò, intrecciando la lingua alla sua mentre tra le dita le stuzzicava i capezzoli, amplificando in lei le sensazioni che già traeva dalla penetrazione. La sentì contrarsi e lasciarsi andare in un urlo liberatorio. A sua volta anche lui si arrese stremato, venendo sulla schiena della sua donna.
Esausti, si abbandonarono a un sonno profondo. Lara fu loro ospite per il weekend e goderono ancora dei loro corpi, finché non furono sazi di piacere.

Rivivere il ricordo di quella notte e di quel fine settimana, non faceva che eccitare nuovamente Lara, nonostante avesse appena goduto. Tuttavia, si alzò e andò verso la doccia... doveva prepararsi a rivedere i suoi amanti.
Non aveva mai provato niente di simile, ne sapeva come sarebbe continuata quella storia. Sapeva solo che quel piacere, quell’euforia, quelle sensazioni non le provava da tempo e che finalmente, dopo mesi, era tornata a vivere.

Questo racconto di è stato letto 2 5 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone