Mykonos, 1994

Scritto da , il 2019-08-13, genere gay

Il traghetto aveva lasciato il Pireo da un'eternità. Procedeva lento sotto la calura appesantito da qualche centinaio di passeggeri imbarcati in più del dovuto stipati seminudi sul ponte attorno ai loro bagagli. Da uno stereo a pile il fischiettio di Wind of change.
Viaggiavo leggero. Nello zaino solo i ricambi indispensabili e due Omnibus Mondadori di Raymond Chandler. Niente euro e nessuno smartphone perché non li avevano ancora inventati. Non avevo con me neppure l'orologio, anche s'era già stato inventato. Era il Novantaquattro: anche i venditori di parei in spiaggia ci prendevano per il culo, noi italiani, per via della discesa in campo. Ma i greci facevano bene a ridere (non sapevano cosa li aspettava) ed io non m'offendevo di certo: ero lì per essere preso per il culo. Avevo venticinque anni e un dannato desiderio di autodistrzione.
Avevo scovato un posto libero in una scialuppa di salvataggio appesa alla fiancata. Lì si respirava un poco. Ero seduto schiena contro lo zaino e gambe incrociate con quelle bianchissime di una ragazza. Occhiazzurri era di Bruges, scendeva a Paros, indossava un bikini smeraldo sotto gli shorts e mi aveva prestato le forbicine per rifilare i jeans tagliati. Sbarcai lo stesso a Mykonos: capì ch'era entrata in una storia sbagliata. O nell'estate sbagliata.
Le case bianche accecavano anche i gabbiani: uno andò a sbattere contro la tenda di un negozio di ceramiche finto-tipiche. Io non sapevo dove sbattere la testa: dopo tre ore non avevo trovato alcuna stanza in affitto e, da come mi guardavano quando domandavano, mi convinsi che non ne erano mai esistite in tutta l'isola. Mi ero ormai deciso ad una poco avventurosa sistemazione in un albergo, pur di non morire disidratato su quelle pittoresche scalinate, quando incontrai una coppia di siciliani che avevano il mio stesso problema e miracolosamente una vecchia, più incartapecorita della strega di Biancaneve, ci disse in qualche modo che sì, aveva due stanze nella casa dietro, ma aggiunse una serie infinita di raccomandazioni e minacce, che i miei due nuovi amici mostrarono, da veri ruffiani, di capire perfettamente. Accettarono ogni condizione senza alcuna riserva e al momento di pagare decisero che le avremmo lasciato un supplemento, così avremmo potuto invitare amici per bere una birra. Non chiedetemi come facessero ad intendersi. La strega ammiccò con un occhio cisposo e s'innamorò di loro. A me nemmeno uno sguardo.
Leonardo ed Angelo si tennero la camera più grande. Se la meritavano. A me toccò quella adiacente, che aveva comunque un letto matrimoniale ed una finestrella con dei gerani appesi fuori. Ci spensi la mia prima sigaretta di Mykonos. Del cesso in comune meglio non parlare; si salvava solo per la pulizia. La doccia era un tubo di gomma. Comodissimo.
Cenammo insieme vista mare e mulini a vento. Era il loro secondo anno sull'isola e si sentivano in dovere di spiegarmi tutto. Leonardo era un vero affabulatore: avrebbe tenuto sveglio anche il pubblico di Sanremo. Era il 'maschio' della coppia. Non ci credeva che non fossi gay, ma sarebbe stato inutile rovinare la serata con la mia avversione per le categorizzazioni; quindi ammisi d'essermi appena mollato col mio amante e d'essere lì solo per divertirmi. Quest'ultima parte era vera.
Angelo invece era il ragazzo che faceva innamorare: occhioni neri lucidi, viso delicato e corporatura esile. Risvegliava negli uomini l'istinto di protezione. Fu la prima cantonata che mi presi in quella vacanza; si rivelò un prendicazzo industriale che il suo compagno cedeva a tutti, costringendomi spesso a trasferirmi sulla terrazza sul tetto per fumare da solo e dormire un poco. Di quel culetto ne approfittai pure io, in una festa aperta.
Li lasciai dopo il caffè imbevibile e due ouzo. Ormai avevano le lingue intrecciate come due amanti che si rincontrano finalmente dopo due anni di galera. Ero di troppo e dovevo camminare un poco. Facile dirsi, mi scontrai con una costante di Mykonos: la gente, che fosse in strada o in un locale od in spiaggia, stava sempre ammassata in grovigli impenetrabili. Ne superai una ventina, pagando il mio dazio in palpate al culo, e mi spinsi in fondo al molo.
Ci rimasi a lungo, seduto di fronte al mare nero, ipnotizzato da luci tremolanti. Dietro mi richiamava un mondo col testosterone a palla. Ero lì per quello eppure non mi decidevo; fissavo l'acqua esitante, incapace di tuffarmi.
Rientrando decisi di sedermi al bancone di un chiosco per una banalissima limonata che mi lavasse la bocca dal sapore di aglio e montone. Mi si sedette di fianco un bel rappresentante dei maschi tedeschi: biondo, pelle bianca arrossata, torace ampio, la mia età o poco più e senza sandali con calze. Rinunciò presto a chiacchierare con me, smontato dal mio inglese degno di Totò a Milano. Pagò per entrambi e lo seguii. Porca puttana, ero diventato una figa rimorchiata con una limonata.
Fu un disastro all'inizio. Era più imbranato di me. Camminammo a lungo per stradine buie fatte apposta per le coppiette al primo appuntamento. Flirtavamo muti, cercandoci con le mani esitanti. Mi stringeva al fianco e sfiorava; era alto e sapeva di mare. Mi ci accoccolavo contro per sentirgli i muscoli. Gli concessi un bacio e mi toccò limonarci ad ogni tappa della nostra romantica passeggiata, mandando all'inferno tutte le teorie negazioniste sulla mia natura gay: godevo alle sue carezze e mi scioglievo quando mi stringeva il volto fra le mani. Glielo afferrai infilando la mano nei bermuda. Ormai l'eccitazione era al limite: non era più sufficiente infilarci le lingue. Avevo cuccato il mio maschio alfa, ma era un senzatetto: stava in albergo, non potevamo da lui. No problem, let's go to me.
Nessun problema se le strade di Mykonos non le avesse disegnate un perverso ubriaco: non capivo dove cazzo ero e non ricordavo nemmeno più dov'era la casa della vecchia. Faticai non poco a gestire la situazione, con quello che ad ogni angolo buio cercava d'incularmi, e ritrovai la via solo quando s'era ormai convinto che stessi cercando di scaricarlo. Gli indicai la casa squittendo come una ragazzina eccitata.
La strega, seduta su una sedia fuori dalla porta, ci fissò inespressiva mentre le passavamo sui piedi. Nella camera dei siciliani si scopava di bestia. Purtroppo il mio tedesco si rivelò uno che faceva le cose per benino: si spogliò ripiegando attento i vestiti sulla sedia e presentò il suo teutonico cazzo alla puttanella di turno per il pompino d'ordinanza e la vestizione con condom. M'inginocchiai ed ubbidii. No, così non va bello, ci manca solo che mi riordini la camera. Lo volevo come giù in strada. Mi rialzai e, sculettandogli contro, risvegliai il lupo, che mi balzò alle spalle cercando di trapanarmi attraverso i jeans. Li abbassai un poco e fui inchiodato alla parete. Per un paio di minuti i siciliani fecero silenzio.
Cazzo se mi prese! Era un fottuto maniaco di sport e palestra, innamorato del suo corpo, del suo cazzo rigido, del suo sudore e del suo fiatone. Io ero solo il suo materasso. Scopare era un lavoro per lui e sapete come sono i tedeschi: con metodo mi trapanò in tutte le posizioni canoniche spremendo ogni energia ed esultando ad ogni sborrata. Riprendeva fiato, tra un turno di picconate e l'altro, succhiandomi uccello e lingua e, con mia sorpresa, si lasciò penetrare due volte, ma da attivo, lanciandomi contro il soffitto a colpi di culo o spaccandomi a metà con salti sul mio povero cazzo. Verso mattina avevo due domande che m'assillavano: dove vendevano i condom, visto che avevo dato fondo alla scorta d'una settimana, e come avrei fatto a camminare. La seconda era la più preoccupante: per comprare i condom avevo bisogno di camminare.
Fingevo di dormire quando se n'andò. Ma a Mykonos non si dormiva.
Si dormiva solo in spiaggia, sempre ammassati. Era tutto semplice: prendevi il sole, mangiavi, nuotavi, giocavi, parlavi e scopavi quando volevi e con chi volevi. E c'erano i locali only men con camerieri sculettanti e fiumi di ouzo. Per chi voleva c'erano polveri e pasticche. Il mondo era lontano, oltre il mare cobalto sferzato dal meltemi.
L'isola si risvegliava di sera e iniziava la caccia. Io scendevo in strada ad annusare fra la folla di corpi con ancora il calore del sole: erano forse i momenti più eccitanti. Ero, me ne vergogno, molto soddisfatto del mio aspetto; non alto ma con tutti i muscoli a posto, dopo un anno di palestra, nuoto e montagna. Indossavo sempre un paio di jeans tagliati corti sulla coscia, che mi strizzavano il pacco e si tendevano sul sedere. Nella tasca destra c'infilavo la bandana rossa. Mi pareva di essere a caccia come una gazzella in un branco di lupi: adrenalina a mille. Attorno a me solo voglia di star bene. L'unico obbligo era divertirci. E lo facevamo fino alla noia.
C'era sempre, in qualche gruppo aggrovigliato attorno ad un tavolino, con muscoli luccicanti e risate troppo forti, uno che mi lanciava un'occhiata nella speranza che lo salvassi dalla nausea: ricordo un culturista di Rimini, un coatto con lenti a specchio e jeans lunghi, un bel ragazzo spagnolo dannatamente effeminato, un cubano con mezza dozzina di checche attorno, un elegante quarantenne che fingeva un'aria vissuta, un portoghese con la schiena tatuata, una coppia di francesi rimasta senza fantasia... C'era sempre qualcuno che si staccava dagli altri e mi carezzava la spalla. Qualcuno che la mattina dopo non esisteva più. Ne venne fuori qualche bella avventura e parecchie delusioni.
Era comodo non dover pensare a nulla ed abbandonarsi all'automatismo. Il tipo non era male? Okay. Sesso volevano solo un pompino o essere segati. O giocare col mio cazzo: infilare la mano e succhiarmelo. Difficilmente mi tiravo indietro. Finii anche in qualche festa del cazzo a spompinare cazzi asciutti, dove le precauzioni duravano dieci minuti. Ci finivo per caso. In una conobbi Konrad, un trentacinquenne con il fisico di Thor (parlo dei fumetti!). Fu l'unico che incontrai più volte in dieci giorni (credo che mi cercasse). Era il sogno di checche e froci, che lui snobbava per carezzare il culo a me. Non so perché, ma glielo facevo diventare di marmo all'istante e la cosa mi faceva una sensazione stranissima. Ero felice. Mi chiamava Belculo (le uniche parole d'italiano che conosceva) e mi spingeva fuori, nel primo posto un po' appartato. Gli piaceva sfondare a novanta, subito, senza nemmeno darmelo da succhiare, e mi mandava via con una sberla sulla chiappa.
L'ultima volta mi beccò in spiaggia al tramonto. Ero steso sulla schiena, stordito dal sole, e me lo ritrovai sopra col cazzone che mi penzolava sul viso. Ciao Belculo! Mi rigirai sulla spugna sollevando un poco le chiappe. C'infilò due dita unte di crema solare e poi il cazzone. A pelle. Non mi fregava più un cazzo di niente e nessuno. Io ce l'avevo duro ficcato nella sabbia; mi pareva di fottere la Terra intera mentre mi pistonava. Alcuni attorno a noi cominciarono a scopare tra loro. Un buonsamaritano m'offrì il cazzo da ciucciare; ma stringevo i denti. Konrad aveva un cazzo ch'era una punizione divina.
Vivevo come un eterno ubriaco, con annesso il mal di testa mattutino che mi urlava quanto fossi pirla. A mezzogiorno facevo colazione a base di frutta e cazzate con i due siciliani; Leonardo che mi stordiva di parole ed Angelo che rideva ad ogni sua minchiata. Leonardo era più donnicciola della sua puttanella: a mezzogiorno sapeva già cos'era successo di piccante a Mykonos nella notte appena trascorsa e m'interrogava in maniera imbarazzante. Non m'andava di raccontare di me e gli chiedevo se andava meglio il suo uccello: aveva preso una scottatura solare raccapricciante, che avrebbe fatto la sua figura tra le illustrazioni d'un manuale di dermatologia. Aveva perso quattro giorni ed ora voleva recuperare, stanco di consolarsi contemplando Angelo scopato da cani e porci. Per loro esistevano solo epiche orge.
Partecipai ad una loro festa, un cazzo di sera che non riuscivo a scaricare una checca che mi seguiva dappertutto. Rientrai e trovai ragazzi e uomini col cazzo in mano anche sul pianerottolo. Leonardo mi vide e mi trascinò dalla sua puttanella stesa di schiena sul letto con le gambe in spalla al toro di turno. Quasi schizzai nei pantaloni. Scostai il ganzo e ci affondai in quella figa anale. Aveva gli occhioni lucidi ed il volto sudato che baciai e pulii dallo sperma. Lo baciai fin in gola stringendo in mano il suo cazzo schiacciato fra noi. Due mani m'abbassarono del tutto i calzoncini ed un palo mi sfondò mandandomi in palla. Avevo ravvivato la festa. Leonardo mi versava jackdaniels direttamente in bocca; gli altri mi scopavano a turno convinti di spaccare il culo anche ad Angelo e poi gli sborravano in faccia. Subito ci pulivamo con la lingua, eccitandoli tutti. Uno venne con tre secchiate favolose: certamente era appena arrivato sull'isola. Anche Leonardo m'inculò. Lo dico per far capire in che stato ero. Quello mi voleva fare il culo dal primo giorno e m'ingravidò aggrappandosi alla schiena e baciandomi l'orecchio. Stronzo. Cercai di liberarmi, ma caddi tra le gambe di tutti. Avevo crampi e fitte al culo, mi girava la testa, ero ubriaco, volevo vomitare, ma di me non interessava una sega a nessuno. Mi buttarono sul materasso e con somma fantasia pensarono di riprendere il gioco ma invertendo le parti. Mi ritrovai sulla schiena Angelo che non aveva nemmeno la forza di pistonarmi: lo aiutarono i soliti stronzi sfondando lui, me ed il letto. Qualche coglione pensò di soffocarmi scopandomi in gola. Mi liberai di tutti e m'accucciai in un angolo del letto. Ci eravamo ammosciati. Un paio se n'andarono; Leonardo mise Angelo a cavalcioni su di un ragazzo inglese e spinse il suo amico sul letto. Con una facilità incredibile quella favolosa puttanella prese un secondo cazzo in culo. Guardavo ipnotizzato, non ci credevo. Mi sporsi in avanti per baciargli la bocca. Stava lacrimando. Qualcuno mi prese per i fianchi: non mi ribellai. Era un bastardo senza più sborra che spingeva rabbioso come un coniglio. Me ne trovai intorno altri due: ecchecazzo? Non se ne parla proprio! Non mi faccio aprire in due. Mi liberai del coniglio col cazzo paonazzo e li allontanai.
Uno era un fantastico spagnolo col torace ampio da nuotatore. Si rifece avanti offrendomi il cazzo; glielo leccai riconoscente come una cagna. Mi eccitai: non aveva ancora inculato nessuno. Era appena arrivato. Era mio. Mi presentò il suo boy, un ragazzo più bello di Angelo e con più iniziativa: mi serrò la testa fra le mani e mi scopò in gola senza troppi complimenti. Quando mi rilasciò scoprii che il letto si era liberato; c'era solo il mio spagnolo steso col cazzo a bandiera, talmente unto da essere bianco. Attorno a noi mezza dozzina di segaioli; ero il loro spettacolo. Mi misi a cavalcioni; lo sentii premere un istante e scivolarmi dentro mandandomi in estasi. Il suo amichetto si mise dietro. Ero in apnea, puntato al materasso con le braccia che tremavano fino alle spalle. Pronto a tutto. Invece fu facilissimo: lo spagnolo si sfilò completamente e me lo rificcò su con quello del suo amico. Non ci credevo! Volevo solo godere e sentirli godere. Mi scoparono piano, facendomi sentire la loro puttana. Schizzai sulla pancia dello dello spagnolo e chiesi scusa. Li imploravo di venirmi dentro. Li imploravo di non smettere.

Ero solo come un cane sul traghetto. Rividi con un tuffo al cuore Occhiazzurri: era abbracciata ad un ragazzo. Feci finta di non riconoscerla.

Questo racconto di è stato letto 2 7 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone