La moglie generosa in vacanza

Scritto da , il 2019-08-13, genere tradimenti

Nel racconto precedente ho spiegato come sono venuto a conoscenza del primo tradimento di Milena, confessione quella di mia moglie che mi ha fatto scoprire quanto mi eccitasse sapere di lei con altri maschi.
Nei mesi successivi ogni volta che si faceva sesso mi facevo raccontare la sua prima esperienza e ogni volta si arricchiva di nuovi particolari, aveva capito di quanto la cosa mi faceva arrappare e la maialina aveva anche iniziato a raccontarmi delle avances che riceveva e così facendo la fantasia aveva iniziato a viaggiare a mille inventando con lei situazioni di più maschi che la possedevano insieme e del suo piacere nel concedersi, tutto ciò a vantaggio del piacere reciproco che era aumentato sia in intensità che in frequenza.
Finalmente arrivò agosto 2015 il momento delle vacanze estive, come tutti gli anni il bimbo era già da un mese in vacanza in Sardegna coi nonni, noi dovevamo passare 15 giorni in camper per poi raggiungere nostro figlio e il resto della famiglia per altri 15 giorni.
La vacanza in camper abbiamo iniziata a farla appena sposati, è un modo di vivere che ci piace senza vincoli di orario e di prenotazioni, a contatto con la natura e senza mete precise, si parte e ci si ferma dove ci piace per il tempo che ci pare, il tutto senza farci mancare le comodità di un camper ben attrezzato con ogni comfort e anche dotato di uno scooter.
Quell'anno la destinazione scelta fu Toscana e Lazio e dopo le prime due tappe arrivammo nella zona dell'Argentario in un campeggio un po' spartano situato in pineta confinante con la spiaggia, non era un campeggio ben organizzato con bar, ristorante e tutte le strutture tipiche dei campeggi, ma il fascino era proprio quello, era tutto un po' selvaggio e decidemmo di restare.
Una volta assegnata la piazzola, posizionato il mezzo e tirato fuori sdraio, tavolo e il resto la nostra residenza era pronta e cominciò la vacanza.
Nella piazzola vicina alla nostra c'era una tenda a casetta, deserta al nostro arrivo, salvo poi scoprire che era abitata da una compagnia di 4 ragazzi tedeschi di cui uno di colore.
Dopo i lavori di sistemazione eravamo accaldati quindi decidemmo di andare in spiaggia per un bagno rinfrescante, rientrammo a pomeriggio inoltrato incontrando i nostri vicini e scambiando un saluto di cortesia, poi aperitivo di rito, doccia e uscita per cena con lo scooter.
La mattina il primo che si svegliava preparava la colazione per tutti e due servita all'esterno sotto il tendalino del camper, poi dopo colazione io andavo in spiaggia mentre Milena restava al camper a leggere un libro, lei in spiaggia ci veniva solo al pomeriggio dopo le 15 perché nelle altre ore il sole era troppo forte per i suoi gusti.
Come potete immaginare l'abbigliamento era costituito dal costume, ci si vestiva solo la sera per uscire a cena e mi riesce difficile dire se Milena era più sexy di giorno in costume oppure la sera con i suoi abitini estivi.
Già dal primo giorno rientrando per pranzo mi accorsi che uno dei ragazzi, quello di colore, era rimasto alla tenda e stava sdraiato su un materassino a pancia in giù col viso rivolto verso Milena, il primo giorno non diedi peso alla cosa, ma il secondo giorno ci feci caso eccome.
Superfluo dire che la mia fantasia era partita, che le seghe mentali montavano, infatti la sera del secondo giorno avvicinandomi a Milena e carezzandola le chiesi se si era accorta che il ragazzo da due giorni non andava con gli amici ma restava alla tenda, risposta di lei certo che mi sono accorta e mi sono accorta anche di come mi guarda, e io carezzandola fra le gambe chiesi e ti piace? Era già bagnata e rispose siiiiiiiiiiii.
In un attimo le fui sopra e mentre la penetravo le chiesi ti piacerebbe che fosse il suo? Mi disse sìììììì e poi è più grosso del tuo. Come fai a dirlo chiesi, risposta l'ho intravisto dal costume questa mattina quando si è alzato penso per farsi una sega perché l'ho un po' provocato. In che modo? Ero sdraiata sul lettino e allargavo le gambe così poteva intravedere la patatina attraverso il costume. Comincia a dirle scopandola troia vuoi farti il cazzo nero vero? E lei siiiiiiiiiii e lo voglio anche in bocca. Ho dovuto fare una fatica tremenda per non venire prima di lei, poi quando è venuta le sono esploso dentro.
La mattina del terzo giorno si è svegliata prima lei, ha preparato la colazione e poi si è distesa sul lettino a leggere il suo libro, io come al solito sono andato in spiaggia.
Alle 10,45 ricordo ancora l'ora esatta, Milena mi ha chiamato al telefono dicendomi: il nostro vicino mi ha chiesto se gli faccio visitare il camper dice che è curioso di vedere com'è dentro, e tu cosa gli hai risposto? Che dovevo chiederti il permesso, scusa ma come vi siete intesi tu non parli il tedesco ho detto io, vero ma lui parla italiano abbastanza bene. Ho chiesto che intenzioni hai? Di farlo entrare che male c'è? Ho chiesto che costume indossi? Lei il bikini rosso ma penso di mettere il bikini bianco. Ma scusa il bikini bianco non lo metti neanche in spiaggia perché non ti copre niente, e lei appunto mi raccomando torna quando ti chiamo io.
A quel punto ho capito che se lui ci provava era fatta, immaginare lei col bikini bianco che a malapena copriva i capezzoli e il pube, davanti a lui disponibile a concedersi, mi faceva impazzire, li immaginavo a limonare, il cazzo nero che me la scopava e lei che godeva , e poi come potevano fare lei non aveva preservativi noi non li usiamo, li avrà lui pensavo, oppure è uno scherzo che mi sta facendo per farmi eccitare, ero combattuto fra questi pensieri mentre dovevo restare sdraiato a pancia in giù per nascondere l'erezione che mi era venuta.
Il telefono ha risuonato alle 12,20 era lei che mi diceva puoi tornare, l'ho fatto di corsa pensando ecco ora mi prenderà in giro perché è stata tutta una montatura, quando sono entrato nel camper Milena era distesa sul matrimoniale, nuda con le gambe aperte, il bikini ai piedi del letto, e una traccia inequivocabile, lo sperma di lui che colava dalla figa di mia moglie, cazzo lo aveva fatto davvero e si era fatta sborrare dentro la puttana.
Mi sono disteso al suo fianco e mentre la pulivo con i fazzolettini ho detto lo hai fatto davvero, e lei non era quello che volevi? Ho chiesto ti è piaciuto? risposta mmmmmm era davvero enorme quando è entrato lo ha fatto lentamente lentamente sembrava non finire mai mi dispiace dirtelo ma penso di farmelo ancora. Troia gli ho detto, l'ho fatta mettere a pecora e l'ho presa nel culetto, ci sono entrato facilmente, l'amico l'aveva scopata anche li.
Nei successivi due giorni la mattina scopava con lui e la sera con me, il terzo giorno l'ho convinta a farlo in tre, io sotto lei sopra dandomi la schiena impalata nel culetto e l'amico nero a scoparla in figa, poi alla fine lei inginocchiata davanti a noi con la bocca aperta a ricevere la nostra crema.
Ancora oggi ricordare quella scena mentre facciamo sesso mi mette il turbo.

Questo racconto di è stato letto 7 5 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone