Esperienza estrema al sexy-shop

Scritto da , il 2019-08-12, genere fisting

Ieri sera, dopo una seduta a tre con mio marito e Virginia decidemmo che il giorno dopo avremmo fatto spedizione per procurarci dei giocattoli per movimentare ulteriormente il nostro gioco.

Volevo procurarmi uno dildo, o per lo meno un cazzo in gomma. Non volevo ordinarli via internet, ma sapevo che c'era un sexy-shop fuorimano e fuori zona dove ero certa nessuno mi conoscesse.

Virginia accettò e partimmo per la spedizione giocattolo. Era davvero più isolato di quanto mi ricordassi. Ci girai attorno un paio di volte prima di parcheggiare. Non c'erano altre macchine, così entrammo un po' guardinghe. Non capita mica tutti i giorni a due mamme di entrare in un sexy-shop. Comunque, all’interno non c'era nessuno.

Alla cassa una signora sui quarant’anni, piccola e rotonda, capelli biondi e corti, occhiali, un camice da commessa aderente che lasciava capire che sotto c'era solo l'intimo o forse neanche quello. Era il tipo infermiera sexy dei filmini per intenderci. Ci diede il benvenuto e chiese se potesse aiutarci.
Per il momento avremmo guardato un po' in giro, le rispondemmo.

E guardammo tutto! C'era un bell'assortimento e i prezzi erano veramente interessanti. Scaffali interi di film, riviste e roba del genere che non ci interessavano. Internet impera ormai in quel campo.

In fondo al negozio la sezione abbigliamento sexy. Molta roba curiosa, ma non dovevamo eccitare nessuno, anzi!! A sinistra c’era il lato con gli scaffali dei giocattoli, sia per lui che per lei.

Non capirò mai le bambole gonfiabili e le finte vagine ma capivo benissimo i vibratori, dildi doppi cazzi e plug anali di ogni dimensione e forma. Da scriverne un trattato.

Anche Virginia decise di comprare qualcosa. Come lasciarsi sfuggire un'occasione simile. Gli scaffali chiusi dietro ad un vetro di protezione, ci voleva la commessa. Tornando verso la cassa passammo per l'area fetish. Gomma, cuoio, fruste, manette e tutta l’oggettistica per gli amici viziosi.

Io ero per il sesso puro... sì, magari in gruppo … In mezzo a tutta quella roba adocchiai un bella borsa per clistere a forma di vespa con una lunga gomma attaccata al pungiglione ed un vasto assortimento di appendici da applicare alla lunga cannula principale. Mi intrigava e decisi di prenderla. Le perette vanno bene, ma a lungo andare sono scomode.

La commessa si chiamava Wanda, il nome le era proprio adatto. Passato il primo momento di imbarazzo le additammo quello che volevamo. Io comprai due vibratori con una serie di appendici cave che li avrebbero trasformati in dildi vibranti e poi due cazzoni, uno normale ed uno doppio. Con quello potevi sentirtelo dentro mentre scopavi. Virginia comprò un vibratore ed un doppio strap-on.

Wanda commentava approvando tutte le nostre scelte indicando e commentando gli oggetti provati personalmente. Doveva essere davvero sfondata se si cuccava certi pali!

Fu Virginia a far scoccare la fiammella.
“Wanda, davvero ti fai con certi obici? Noi siamo da piccoli calibri, vero Silvana?”
“Certo, io avrei anche dei dubbi a pensare che si ci possa infilare dentro uno di quelli!”

“Non mi credete vero? Io ho fatto l'attrice porno per anni e a fine carriera mi sono specializzata in oggetti XXXL! Se si sa come fare, si gode alla grande!”
“Io avrei una paura!”
“Altro che paura, sarei terrorizzata!”
“Ragazze, non ditemi che vi tirereste indietro davanti ad un tipo ben fornito. Alla John Holmes per intenderci!” “Veramente non lo conosciamo e già il nostro Rocco Siffredi sembra da prendere con le molle.”

“Trenta centimetri di carne, mie care! E con Rocco ho fatto qualche film quando era ancora alle prime armi. Un gran scopatore sapete!”
“Sai, noi ci accontentiamo dell'italiano medio! E neanche tanta varietà. I giochini servono proprio a questo! Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Magari ci piacerebbe vederne di quelle misure, ma da lì a farseli infilare! Certo una bella pompa non la negherei a nessuno, vero Virginia?”

“Mi sa che io sono più avventurosa, mi rispose. Io lo proverei un bel cannoncino. Si, Wanda, ma di sicuro non quelli che dici tu. Ho già partorito e me lo ricordo benissimo cosa succede!”

“Siete ancora scettiche vero? Se avete un po' di tempo vi faccio vedere come funziona! Devo chiudere il negozio per la pausa e non mi dispiace un po' di distrazione con due signore come voi.”

“Davvero Wanda! Ci daresti una dimostrazione? Che ne dici Virgina? Potrebbe essere eccitante.” “Beh, un pochino di tempo l'abbiamo. Invece di andare a casa a provare i nuovi giochini, potremmo divertirci un po' con Wanda.”

“Affare fatto allora. Fatemi chiudere e vedrete che sbrodolerete alla grande!!”
Tirò fuori dal ripostiglio un materasso arrotolato, poi prese un barattolo di crema da fisting e un dildo di più di trenta centimetri del diametro, grande come una bottiglia di vino e alcuni vibratori. Sentii un brivido lungo la spina dorsale solo a vederlo.

Un attimo dopo era nuda e distesa sul materasso. Due belle tette un po' pesanti, pancetta e rotolino sui fianchi, belle chiappe sode e cosce robuste. Figa enorme completamente depilata, segno di uso ed abuso! Virginia fu subito nuda anche lei ed io la imitai.

“Ragazze, siete proprio due figone! Ve la leccate vero?”
“Ogni tanto, per cambiare il menù! Ma abbiamo anche marito noi”
“Mmmm, scommetto che sono due porci che si inculano tra di loro.”
“Perderesti la scommessa, non si conoscono neanche.”
“Potrebbe essere un'idea no?

Va bene … chi di voi due vuole aprirmi un po'? Prima di infilarsi un palo del genere bisogna ammorbidire i muscoli. A dire la verità è un po' che non lo faccio. Sapete cos'è il fisting?”

“Vuoi che ti infiliamo la mano dentro? Ma davanti o dietro?
Dai che esageriamo, disse Wanda. Mi faccio sfondare dietro.
Faccio io!” esclamò Virginia.

Mi accomodai sul materasso al suo fianco, aiutandola a tenersi alte ed aperte le gambe. Virginia prese il barattolo di crema, ne tirò fuori una manata e cominciò a spalmargliela sulla buco del culo, mentre si lubrificava la mano fin oltre il polso.

Un volta inserita la mano Wanda cominciò a gemere man mano che le dita dentro di lei aumentavano, due, poi tre, poi quattro, fino a lì niente difficoltà.

Virginia era concentratissima. Le dita scorrevano senza ostacoli. Poi mise il pollice al centro e le strinse a cuneo. Vidi il buco del culo allargarsi ancora per farle entrare. Wanda gemeva, ma di piacere. Ancora una spinta e la mano era dentro. Fino al polso. Che immagine oscena, sembrava un braccio monco che si trastullava frugandola.

Wanda rilasciò un gemito dal profondo, e prese a sfregarsi le tette. Io allungai le mani sul suo clito. Con una lo feci sgusciare completamente fuori dal suo grilletto stringendolo alla base con due dita, con l'indice dell'altra mano cominciai a sfregarglielo. Wanda cominciava a dimenarsi.

Voleva la mano più in profondità e Virginia l'accontentò. La mano entrava ormai fino all'avanbraccio, stantuffandola andando alternativamente dentro e fuori.

Aveva fatto l'ultimo film del genere solo quattro anni fa. Aveva molti fan disse. Intanto però stava godendo a fondo fistata in culo da Virginia che nonostante sudasse, mi disse poi che era abbastanza dura spingere il braccio dentro e fuori senza perdere il ritmo.

Io non mollai la presa dal suo grilletto e poco dopo Wanda urlava di piacere dimenandosi sul materasso.

“Ragazze, siete fantastiche, vi siete guadagnate l'esibizione con il mega dildo. Virginia, tu tienilo fermo. Tu Silvana dammi una mano che mi aiuti a salirci sopra.”

Virginia piazzò il plug anale gigante sul materasso tenendolo ben dritto. Wanda lo ricoprì ben bene di gel poi, tenendo le mie mani ci si accucciò sopra. Ci si lasciò scivolare molto lentamente aggrappandosi con forza alle mie mani.

Un paio di minuti e aveva dentro il mostruoso plug nel culo. Mugolò ed era madida di sudore. Il culo oscenamente dilatato, i bordi tesi al massimo attorno a quel mostro di lattice. Il clito spiccava di un bel rosa corallo sul resto della sua carne fattasi improvvisamente pallida. Gemette più forte e si calò ancora qualche centimetro. Il sudore le colava da tutto il corpo. I capezzoli le si erano rizzati e gonfiati. Le cosce le vibravano per la tensione. Sembrava che davvero godesse nello sfondarsi su quel palo enorme.

Scese fino a prendersene dentro almeno tre quarti. Lancio un urlo, anzi no, un ululato e si irrigidì, gli occhi girati all’indietro quasi mostrando solo il bianco. Poi si riprese e ci chiese di aiutarla a sfilarselo.

Appena tolto ci trovammo davanti agli occhi un buco del culo oscenamente dilatato, come non avevamo mai visto, molto di più che quando si vede la figa divaricata con l’attrezzo da un ginecologo. Potevamo vederle il retto, l’intestino e oltre! Molto lentamente cominciò a richiudersi. Ci abbracciò entrambe ringraziandoci dell'assistenza e ci chiese se volessimo provare.

Virginia era curiosa. Provò a salirci sopra puntandolo sulla figa ma ne prese circa due centimetri della punta e si arrese subito. Wanda si offrì di farci godere ancora. Ci fece mettere a pecora una a fianco dell'altra, vicine abbastanza da metterci la lingua in bocca mentre lei alternava la sua lingua con un paio di vibratori nelle nostre fiche e nei nostri culetti.

Era una vera maestra. Li fece ballare da vera virtuosa fino a che, prima Virginia ed io subito a ruota le venimmo in bocca con uno spruzzo da fontanella.

Alla fine, ci regalò un cofanetto con una collezione dei suoi film, una scatola di preservativi di tutti i tipi e gusti ed una scatola con sei barattoli giganti di crema da fisting, facendosi promettere che saremmo tornate a trovarla. Non si sa mai!!

Io e Virginia ci dividemmo il bottino da buone amiche, promettendo di tenerci in contatto e tornammo ad essere casalinghe, almeno per qualche ora.

Questo racconto di è stato letto 3 2 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone