Penetrazione saffica

Scritto da , il 2019-08-12, genere fisting

Finisco di riassettare il tavolo dopo il pranzo, passo la scopa e mi faccio una doccia. Esco dal bagno, mi lascio asciugare all’aria calda di fine estate, mi spalmo una crema per la pelle secca e appena mi sfioro le cosce sento che ho voglia. Mi vesto, un vestitino nero con dei grandi fiori disegnati sul seno, sotto metto un tanga minimo perché so che a lei piace così e la chiamo. Mi dice che è pronta in venti minuti, io non reggo l’attesa prendo le palline che ho costruito da me e le infilo in vagina, rido mentre immagino la sua faccia quando le vedrà.

Mi presento a casa sua, suono e aspetto in macchina, esce e io non riesco a trattenere un sorriso, sale in macchina e riparto. Parliamo del più e del meno e io mi bagno sempre di più, le palline si fanno sentire e sono sempre più imbarazzata.

Arriviamo a casa mia, quando entriamo chiudo a chiave la porta per farle capire le mie intenzioni. Sorride, poi mi afferra un braccio e mi spinge sul bancone della cucina, mi bacia, un bacio profondo, mi fa sentire bene la lingua, la spinge a fondo e io me la immagino in mezzo alle mie gambe.

Inizia a palparmi dappertutto, mi stringe forte una tetta e io gemo dal dolore e dall’eccitazione, poi scende con la mano, mi fa scendere dal bancone e mette la mano sotto il vestito. Sente una cordicella uscire dalla figa, mi guarda storto e io rido, poi le spiego che sono le palline del piacere. Lei mi rigira mi appoggia al bancone con le spalle, alza il vestito e prende il filino che fuoriesce dal mio spacco e inizia a tirare, la prima è la più pallina più grande ma esce facilmente, la seconda invece ci mette di più e io dentro sento tirare, un forte bruciore, poi all’improvviso… pluf.. esce.

Mi prende per mano e mi porta in camera, ci spogliamo a vicenda, la tocco, è così calda e bagnata, ci strusciamo per un po’ poi lei si alza e prende il grande dildo che tiene accanto al letto. Torna sul letto, la mia mano scivola subito tra le sue gambe, lei invece con gesti rudi apre le mie, il grande dildo dentro lo sento tutto, mi manca il respiro, cerco il suo clitoride, lo trovo e lo stringo, poi inizio a giocarci, mentre lei fa su e giù con quel coso.. sempre più forte, e io mi ritrovo ad urlare. Lei continua, io mi bagno sempre di più.

Decido di ricambiare, prendo il fallo e mi giro, mi metto su di lei, la lecco un po’, lubrifico con la saliva e poi ne faccio entrare dieci centimetri in figa. Inizio a fare su e giù e piano piano lo infilo sempre più a fondo.

Spingo mentre lei si dedica al mio culo, lo sa che mi fa impazzire, inizia con un dito ma visto che son ben lubrificata ne mette due e poi tre.

Allora anch’io cambio strategia le infilo il fallo nel culo, poi mi alzo prendo una spazzola e le metto il manico nella figa mentre con la lingua lecco per bene il suo clitoride. Intanto lei mi lavora dietro, mette anche il mignolo e il pollice e vede che il buco si allarga facilmente. Io intanto succhio e con le mani ruoto il fallo e spingo la spazzola, la sento fremere, inarca la schiena, gode sotto la mia bocca.

Mi giro mi avvicino con le labbra, la bacio, ma lei subito mi gira e mi fa mettere in ginocchio con la faccia sul cuscino, e torna a dedicarsi al mio buchino. Sputa sul buco dilatato e poi inserisce tutta la mano a pugno e spinge. Sento il buco del culo che si dilata, non mi fa male anzi mi fa impazzire.

Mette una mano sotto e trova il clitoride iniziando a strusciarlo con due dita sempre più veloce. Io non reggo e vengo, urlo e poi mi accascio.

Lei si stende mi bacia e si riveste, prende il telefono e mi dice di ricompormi per riportarla a casa.

Questo racconto di è stato letto 2 1 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone