Il mio culo nelle mani di Piero

Scritto da , il 2019-08-12, genere fisting

Eravamo alla festa della ditta. Vista l’ora tarda le mogli se ne erano andate e allora Piero il nuovo collaboratore è riapparso e le ragazze hanno incominciato a bere.

Catturandomi nel corridoio Piero mi ha sculacciata con la sua mano a coppa attraverso i miei pantaloni. Alla domanda se stavo bene, forse siccome sua moglie non c’era più ora poteva osare, la sua mano stringeva sempre più forte le mie natiche.

Ci sistemammo nel salotto e svuotammo un paio di bottiglie prima che le ragazze iniziassero a diventare maleducate ed eccitate.

D’improvviso Piero mi chiese come fosse il mio culo. Li per lì non sapevo come comportarmi, ma poi ho deciso di mostrarglielo e ho lasciato cadere pantaloni. Non portando le mutandine ho subito allargato le natiche e mostrato il culo davanti alle loro facce. Mara si mise a ridere e mi diede una pacca sulla natica mentre il dito di Piero scendeva lungo la mia fessura umida. Mentre mostravo il mio culo a tutti Mara allungò la sua mano e penetrò il mio culo con due dita mentre Piero mi afferrava le tette baciando intanto Marika. Anche Marika, chinandosi si allungò e sondò il mio buco del culo con le sue dita.

Mara estrasse le sue tette dalla camicetta e Piero cominciò a baciarle e leccarle i capezzoli mentre Marika si girò e serrò le sue labbra sul mio clitoride, spingendo indietro la piccola copertura che lo proteggeva.

Piero mi sollevò il culo esponendolo mentre mi apriva le gambe. Le ragazze si diedero da fare e a turno mi penetrarono con le dita sia la figa che il culo. Piero sollevò la testa dai capezzoli mentre le mie labbra rosse si serravano sula sua asta lasciando un segno di rossetto. Marika si spostò dal divano e si spogliò completamente, si chinò e allargò le mie natiche. Con la lingua iniziò a leccarmi la fessura umida e la rosetta del culo. Potevo sentire le sue tette contro il retro delle mie gambe mentre si costringeva a insinuarsi con la bocca. Stava leccandomi e succhiandomi per bene l'ingresso anale.

Piero lavorava la mia figa con la bocca e intanto la sua mano mi stringeva il clitoride. Sto per venire, siete tutte puttane, ho detto loro, e le ragazze aumentarono l'intensità della leccata e del sondaggio anale.
Io eiaculavo copiosamente del mio sperma vaginale nella bocca di Piero. Lasciando il mio culo, Marika baciò Piero e prese la sua parte del fluido bianco appiccicoso che ormai colava dalla sua recente eiaculazione.

Le ragazze si baciarono di nuovo mentre mi sedevo per riprendermi. Intanto che guardavo le ragazze che giocavano toccandosi l'un l'altra, Piero spogliò Mara e intanto Marika seppellì la sua testa tra le sue cosce per arrivare alla sua fica. Il mio buco del culo e la figa vennero lavorati da Marika mentre Piero insinuava la sua testa tra le gambe di Mara per gustare il succo della sua figa.

Poi Piero usò il succo della sua eiaculazione per lubrificare per bene il mio culo. Intanto Marika si abbassò per vedere la mia rosetta marrone e la mia fica rosa luccicare e nel mentre portava la sua amica al culmine.

Muovendosi di nuovo per sedersi sul divano, Marika chiese a Piero di scoparla mentre Piero insinuava le sue dita dentro al mio buco del culo. Prima un dito, poi 2-3-4, spingendo e dilatando a dismisura il mio buco del culo ormai a pezzi.

La mano Piero scomparve man mano nel mio buco nero. Marika chiese allora a Piero di inserirla completamente e stringerla a pugno all’interno del mio retto per massimizzarne la dimensione.
Lo fece, il suo pugno sprofondò all'interno del mio culo che veniva dilatato in modo estremo. Io urlai mentre Marika continuava ad ordinare a Piero di forzare ulteriormente la sua mano nel mio corpo. E così avvenne, Piero mosse il suo pugno all’interno del mio retto. Il suo braccio stantuffava avanti e indietro, non lasciando il mio culo ma lavorando sempre all'interno.

Raggiunsi l'apice, rabbrividendo e imprecando contro entrambi.
Poi Piero rimosse finalmente il suo pugno dal mio culo.
Il mio buco oscenamente aperto si chiuse un poco ma restò comunque ben dilatato.
Piero si leccò la mano e succhiò ad una ad una le proprie dita rosse di sangue.

La mia figa grondava di umori in modo copioso ed entrambe le ragazze chiesero da berne il succo per gustarsi il mio umore vaginale.

Che serata pazza, e che amiche perverse che mi ritrovo. Ho goduto come una cagna e spero di poter rivivere con loro un’altra sessione di sesso estremo.

Questo racconto di è stato letto 2 5 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone