La Cinesina

Scritto da , il 2019-08-11, genere etero

Lucy l'avevo conosciuta alcuni anni fa tramite un noto giornale d'annunci vari. In quel periodo avevo trovato questa ragazza cinese trentenne che aveva iniziato a cercare lavoro di pulizie a domicilio. Mi aveva intrigato il suo strano annuncio frutto di una poca conoscenza della lingua italiana. Quando si presentò a casa mi piacque subito perché era vera non una furba come tante sue connazionali conosciute precedentemente. Col passare del tempo mi confidò che l’aver perso il suo lavoro di baby-sitter da una coppia cinese la cui figlia era oramai diventata grande ed i suoi servizi non più necessari. E’ come se fossimo diventati amici al punto che una volta mi chiese di aiutarla ad iscriverle un annuncio per fare massaggi a domicilio.
Nell’approfondire l’argomento con lei capii che era disposta a tutto pur di guadagnare qualcosa. Fu così che le proposi che oltre l’aiuto per le pulizie mi avrebbe fatto piacere essere il suo primo cliente. Lei con una semplicità disarmante accettò quasi contenta di doverlo fare con qualcuno che conosceva e non un estraneo.

In quel periodo a seguito della morte di mia madre, passato lo straziante periodo del funerale e sistemazioni burocratiche varie, mi ritrovai al dover andare almeno una volta al me-se a controllare e pulire la casa dove stava, in un paese nella bassa mantovana, nonché accudire al malandato giardino. Ma la tempistica del viaggio, impiegavo circa due ore e mezzo per andarci per cui l'andare e tornare in giornata risultava alquanto pesante oltre che il poco tempo rimanente per le varie faccende domestiche. Così presi l'abitudine, di partire un mattino e di ritornare il pomeriggio del giorno successivo, ma riuscii a farlo solo poche volte perché per me, lo stare in quella casa da solo anche se impegnato in faccende, mi pesava in modo indicibile, l'ambiente mi oppressava come una cappa, non riuscivo a resisterci.
Fu così che durante uno degli incontri con Lucy, gli proposi di accompagnarmi ed aiutar-mi per le varie pulizie di casa beninteso dietro compenso.
Devo confessare che in cuor mio, era soprattutto per avere Lucy tra le braccia e perdermi in lei, in estenuanti sessioni d'amore, anche se il tutto a pagamento, e lei, con mia sorpresa, accettò senza neanche chiedere più di tanto.

È dunque così che l'ho conosciuta Lucy, una piccola cinesina dal corpo minuto alta un metro e cinquanta con due tettine piccolissime e lunghi capelli neri tipici delle asiatiche e che curava con una metodicità maniacale. Non era una bellezza in viso, ma come tante orientali veniva compensata da quell’espressione e quel modo di fare, metà donna metà bambina di cui vado pazzo.
Lei piccolina, ben proporzionata con un delizioso culetto sodo che era un amore, tondo e più pronunciato di quello piatto di molte sue connazionali che ho incontrato.
Quando l'ho conosciuta non sapeva molto fare l'amore se non solo passivamente per cui fu bello insegnargli le mie conoscenze, sul come fare, sul come approcciarsi, etc...
E quando veniva mi è sempre piaciuto come lo diceva, con quel suo modo ingenuo di parlare : « Ho fatto splash… »

All'inizio fu solo una volta ogni 20-30 giorni, ma poi, non potendo aspettare così tanto, ridussi gli incontri ogni quindici giorni circa. Fu così che le mie giornate di lavoro scorrevano nell'estenuante attesa del fatidico giorno in cui avrei finalmente incontrato Lucy, l’avrei prelevata alla fermata preventivamente concordata della Metro ed assieme saremmo finalmente partiti per i nostri due giorni di follie.
Si follie, perché Lucy aveva il potere di stimolarmi in modo alquanto esagerato e con il passare del tempo apprezzavo sempre più il suo modo di fare l’amore. Riuscivamo a sintonizzarci sempre più e raggiungere facilmente e senza tanta attesa l’apice del nostro reciproco piacere.

Mi eccitava da morire, quando durante i nostri incontri a casa mia dopo averla accarezzata, baciata, leccata, e lei oramai ben bagnata e pronta ad accogliermi, sentivo il suo AH!, nell’attimo del mio entrare dentro lei. Mi faceva andare fuori di testa dall’eccitazione l’attesa del suo arrivo al punto che quando finalmente mi segnalava via cellulare che era arrivata sotto casa, dopo aver aperto la porta d’ingresso tramite citofono scendevo le scale del palazzo dal primo piano nudo ed eccitato, incurante del rischio, ma voglioso di farmi accogliere subito lì, nella sua calda e timorosa bocca, con lei impaurita dalla situazione a rischio. Quante volte poi nei mesi estivi quando mi raggiungeva vestita con uno di quei suoi vestitini leggeri ed un po’ retrò, la penetravo sulle scale, scostandogli dapprima lo slippino ed entrando in quel meraviglioso tepore che era la sua fighettina già umida dall’eccitamento.
Era elettrizzante sentirla ansimare sia per la paura che per il piacere stesso.

In quel periodo da circa metà primavera in poi, il viaggio di andata verso quel paesino sulla sponda nord del grande fiume Po, ove alcuni anni orsono il terremoto ha così dura-mente colpito quella terra, durava sempre più. Infatti cercavo strade alternative e meno frequentate in modo da incontrare meno traffico possibile, perché mi piaceva nel mentre alla guida, farmi prendere in bocca da Lucy e far durare quelle sessioni orali più chilometri possibili. Ma poi non resistendo più e trovato il primo posto sperduto in aperta campagna, era una liberazione ed un piacere immenso stenderci insieme nudi su di un plaid, e lì alla portata di sguardi di chiunque passasse di là, prendere infine Lucy e sentirla godere finalmente, soprattutto come gli avevo insegnato ripetutamente al dirmi quando sarebbe venuta.
Ed il sentire i suoi : « adesso!!… adesso!!…» per tutta la durata della sua venuta era una meta per me così agognata e così appagante.

Quando, finalmente giunti a destinazione al paesello, dopo l’aver aperto tutte le finestre di casa per arieggiare nel clima mite, mentre lei faceva la sua solita sessione di bidet, sfogavo infine tutta la mia snervante attesa dei quindici giorni di fame di sesso, di fame di lei, e penetrando Lucy con colpi forsennati da indemoniato, quasi a volerla castigare per questa lunga attesa, mi trattenevo il più possibile dall’eiaculare troppo presto, con sforzi vari per far godere il più possibile la mia piccola cinesina e giungere con lei al sublime momento finale.

Quanto mi moltiplicava l’eccitazione poi il sentire le sue grida ed il suo ansimare di piacere, oltre che sentirla avvinghiata con tutta la forza delle sue braccia alla mia schiena, e con le gambe che mi stringevano i fianchi, sentirmi chiedere nel suo momento più bello e con un filo di voce: « bacino…bacino.. ».

Così oltre che la sua bagnatissima fighettina penetravo nel contempo anche la sua bocca, con una foga infinita, finché sentivo come un inarrivabile premio il suo: « adesso!!… adesso!!…» confessione finale della sua raggiunta estasi.

Poi, sfiniti tutti e due, ci addormentavamo nella cameretta, su quel lettino ad una piazza, lettino sul quale avevo passato tutte le notti della mia infanzia e della mia adolescenza.

Arrivata l’ora di cena, andavamo in un posticino raffinato sperduto nella campagna della bassa in mezzo a campi di granoturco alcuni comuni più in là e difficile da raggiungere in quanto dimenticavo sempre la strada.

Al termine di un’ottima cena annaffiata da un Lugana paradisiaco, tornavamo verso casa sulla stradina dell’argine secondario, e presi da raptus improvviso, allungavamo su stradine sterrate frequentate solo da trattori, e parcheggiato poco più avanti in mezzo ai campi, al chiarore di una luna piena, denudatici tutti e due, consumavano la nostra frenesia in piedi con lei in mio grembo o appoggiati alla macchina, sino al venire insieme, premio della nostra frenesia insaziabile di godimento reciproco.
Lì sì che ricaricavo le batterie al suono del suo « adesso!!… adesso!!…».
Ne avrei avuto bisogno per i quindici giorni seguenti d’attesa interminabile fino al nostro successivo ritorno.

-Segue-





Questo racconto di è stato letto 3 8 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone