Questa sera mi chiamo Giulia - 2

Scritto da , il 2019-08-11, genere etero

SONO LE 18,45 DEL 31 DICEMBRE ***


– Secondo me così morirai di freddo.

Mi guardo nello specchio, mi volto da una parte e dall’altra, mi aggiusto un po’ qua e un po’ là.

– Ma no, in fondo mica andiamo all’aperto, dai…

– Sì, ma è in campagna… e poi, cazzo, una cosa un po’ più in tiro no?

– Come te?

– Beh? Mica ho esagerato, dai…

La osservo, o meglio faccio finta. L’ho già osservata bene quando è arrivata a casa mia. Questa volta invece il mio sguardo è ironico.

– Quei tacchettini li voglio proprio vedere affondare nel fango… ahahahah. L’hai detto tu che andiamo in campagna, no?

– Gnè gnè gnè-gnè – ride facendomi la linguaccia.

A proposito, ciao, sono sempre Annalisa. E lei è Serena, una mia amica e forse anche qualcosa di più. Sì, ok, ogni tanto scopiamo. Ma questo l’avete già letto nei racconti precedenti, no? Qui siamo a casa mia, sono le sette meno un quarto di sera e ci stiamo preparando per il veglione di capodanno. E’ prestino, sì, lo so. Ma è in un posto un po’ fuori Roma e tra poco ci passano a prendere. E abbiamo un po’ da ridire l’una con l’altra sull’outfit.

Che volete? Diversità di vedute, non ci siamo coordinate. Del resto non lo facciamo mai. Non siamo quel tipo di ragazze che si telefonano e si dicono se-ti-metti-questo-io-mi-metto-quello. E stavolta non avremmo potuto fare scelte più diverse.

Lei, con assoluto rispetto della tradizione, devo ammetterlo, per questa specie di veglione di capodanno si è infilata dentro un vestito rosso generosamente scollato che le arriva a metà coscia, dove parte il nero dei collant fino all’altro rosso, quello delle scarpe, perfettamente in tono. Come il rossetto, del resto. Avrei voglia di chiederle se anche il suo intimo è dello stesso colore. Del resto a capodanno è anche quella una tradizione. Ma non lo faccio, mancano solo venti minuti all’arrivo di Lapo e non voglio metterle strane idee in testa del tipo “vuoi controllare?”. La conosco, sarebbe capacissima.

Io ho fatto una scelta diversa: leggings neri, aderentissimi, e stivaletti dello stesso colore. Una camicia bianca che mi copre sino a metà sedere e un gilet, grigio chiaro sul davanti e nero dietro. Con i bottoncini, di quelli che usano i maschi sotto le giacche. Stop, se si eccettuano i calzini bianchi ripiegati e un perizoma nero così ridotto che non lascia traccia di sé. Sì, è vero, non è proprio una cosa da serata speciale, conciata in questo modo ci potrei andare ovunque, che ne so, pure all’università. Oddio, magari il sedere me lo coprirei meglio, anche se un paio di volte ci sono andata proprio così.

– Ma sotto non hai nemmeno i collant? – chiede Serena.

– Ma no… non trovi che questi mi facciano un sedere perfetto? – le faccio controllandomi ancora una volta allo specchio.

– Questo sì – dice ridendo – hai intenzione di darlo stasera?

– Ahahahah… chi lo sa… – rispondo accentuando volutamente, ma per scherzo, il tono sibillino della mia risposta – tu che intenzioni hai?

– Le peggiori, ovviamente – replica passandomi una mano sul culo in modo nemmeno tanto leggero – e quando dico le peggiori intendo proprio le peggiori… tu?

Io? Mah… no, in fondo no. Vorrei solo divertirmi, ma non è che abbia particolari aspettative in un senso o in un altro. Divertirmi e, perché no, magari conoscere qualcuno di interessante. Ma ripeto, senza ansie o attese speciali. E’ una festa dell’ultimo dell’anno, venga quel che venga.

Anche il sesso. Non vado con un maschio da quando è finita la gara con lei. Gara, vinta, a chi prendeva più centimetri di cazzo. Gara che quel chirurgo americano mi ha consentito di vincere, sia pure solo ai tempi supplementari. L’ho risentito Brian, il giorno dopo. Stavolta i tempi supplementari li voleva lui. Ma mi sono inventata una scusa e ho rifiutato. E qualche giorno dopo ho detto no anche all’olandese, Sven, al suo cazzo spropositato che mi voleva, diciamo così, salutare prima di tornare a casa per le vacanze di Natale. Stavolta però ho detto di no perché avevo le mie cose. Ho detto no a Giampaolo, che non vedeva l’ora di rimettere le corna alla fidanzata. Solo che non si rendeva conto che per me, lui, era un capitolo chiuso per sempre. E non solo perché ha dieci centimetri di cazzo, ma perché è proprio un testa di cazzo.

L’unico che mi ha cercata per augurarmi semplicemente buon Natale, anche se per lui il Natale non significa nulla, è stato Rami, il tunisino amico di Sven. Un gentiluomo, decisamente. Ecco, lui sì che un giorno o l’altro mi piacerebbe rivederlo. Con Sven o anche da soli.

Chi in realtà avrei voluto davvero vedere, invece, è Fabrizio. Ci contavo. Ma è tornato a casa dall’Arabia Saudita solo per tre giorni, trascorsi con la sua famiglia che abita fuori Roma. Fabrizio sì, Fabrizio mi manca. Non vedo l’ora che finisca questo cazzo di lavoro laggiù e che ritorni. E’ il mio scopamico. Anzi, scriviamo scopa-amico, per sottolineare che tutte e due le componenti sono importanti, il sesso e l’amicizia.

La sera che mi ha scritto che non ci saremmo potuti incontrare al suo ritorno in Italia abbiamo fatto sexting. Forse per stemperare la delusione, chissà. La mia ma anche la sua, eh? Passare tre mesi da quelle parti non deve essere facile. Anzi, non lo è proprio, me l’ha candidamente confessato. Così come mi ha candidamente confessato che in quel momento aveva il cazzo duro in mano pensando a me. Immagine che ovviamente mi ha fatto perdere la testa e che mi ha spinta a domandargli cosa avrebbe voluto che io ci facessi, con il suo cazzo. “Qualsiasi cosa che ti faccia sentire da tutto il condominio, come al solito”, mi ha risposto lui. E poi ha anche voluto sapere una cosa che non mi aveva mai chiesto, ovvero se ho fatto sempre così o se è lui che mi fa urlare in quel modo.

Maschi, bisognosi di qualcuno che dica loro che sono dei capibranco.

Gli ho detto la verità, cioè che sono una rumorosa, ma che con lui credo di esserlo di più. Sinceramente, non so dire il perché. Ma è così. Poi la cosa è degenerata e sono venuta un paio di volte prima che lui mi dicesse di sditalinarmi il culo. Mentre lo facevo gli ho mandato un vocale confessandogli che avrei voluto avere il suo cazzo al posto del mio dito. “Ma tutte le volte che te l’ho chiesto non me l’hai mai dato”, ha risposto. Gli ho detto che in quel momento invece l’avrei voluto, avrei voluto che me lo leccasse a lungo e che poi me lo facesse. E anche questa è una cosa che non so spiegare, ma che comunque è la verità. Cioè, non lo so se lo avrei fatto davvero, e non so nemmeno se lo farò in futuro. Immagino di no. Ma in quel momento era la verità, avevo proprio quella voglia lì. Ho sentito la sua voce nel messaggio dire “mi hai fatto sborrare, troia” e pochi secondi dopo un breve video con il suo cazzo e la sua mano luridi di sperma e delle chiazze sul lenzuolo. Doveva avere schizzato tantissimo, e lo aveva fatto per me. Gli ho mandato per messaggio vocale i miagolii soffocati del mio terzo orgasmo. Erano le due di notte per lui, mezzanotte per me. Non potevo farmi sentire dai miei. Ma avrei davvero desiderato strillarglielo, quell’orgasmo, e dirgli le cose più oscene.

Ho pensato che era buffo. Che, dopo tanto tempo, era la seconda volta in pochi giorni che facevo sexting. Prima di lui era stato con Debbie, la mia amica olandese che mi aveva costretta a tenermi un ovetto vibrante dentro mentre ero nel salone di casa a guardare la tv con i miei genitori. Anche con lei ci siamo scambiate gli auguri, dopo che le ho raccontato di avere vinto la gara con Serena. E che, in fondo, l’avevo vinta grazie a lei, andando su Tinder e trovando Brian. E che mi ero fatta inondare la faccia proprio come aveva fatto lei. Non me lo ha confessato, ma penso proprio che in quel momento le sue mutandine fossero fradice. L’immagine di una mano che si sega un grosso cazzo e della punta che si gonfia ed esplode ce l’avrà ben presente anche lei, no? E anche la sensazione del caldo sul viso e del sapore sulle labbra.

Va bene, scusate, ho divagato. E’ ora di rispondere alla domanda di Serena.

– Io? Io non saprei. Anzi no, francamente no, non ho cattive intenzioni –

Ed è vero, ripeto. Non ho programmi particolari.

– Ahahahah… ma non ci credo, dai…

– Ma no, davvero!

– Ma su… ti sei messa quei leggings tipo fatemi-il-culo, la camicetta manco te lo copre… sbottonata così, senza nemmeno il reggiseno sotto… sei mezza nuda e mi vieni a dire che non hai nemmeno un pensierino? – chiede stringendomi una chiappa, stavolta con decisione.

– Ti giuro! – dico schiaffeggiandole la mano per allontanarla.

– Se proprio dovessi scegliere per forza – insiste – cosa vorresti fare?

– Ma perché mai dovrei essere costretta a scegliere?

– Dai, una cosa sola, quella di cui avresti più voglia – mi incalza.

– … mmm, vediamo… una cosa che potrei fare, eh? Mah, non so, una cosa che mi potrebbe andare stasera è ingoiare. Per quanto…

– Ah-ah! Lo vedi?

– Ma lo vedi che? Prima dici che devo scegliere per forza e poi dici lo vedi?

Si piazza davanti a me con un’espressione che non mi piace per niente. Cioè, diciamolo meglio: in un sacco di altre occasioni mi farebbe arrapare solo a vederla come si mordicchia il labbro, ma in questo momento proprio non è cosa. Lei però allunga la mano e mi accarezza la fica da sopra i leggings.

– Una brava ragazza non avrebbe risposto proprio… – mi dice con tono suadente.

– Ma vaffanculo, Sere – le rido in faccia – dai che devo finire di aggiustarmi…

– Sei un po’ stronza però, Annalì…

– Ora perché sono stronza?

– Perché me lo potevi dire che i tuoi andavano fuori e avevi la casa libera nel pomeriggio…

La stretta sul mio basso ventre si fa un po’ più forte mentre protesto prima con un “ma che ca…?” e poi con un “e daje, Sere…” che nelle mie intenzioni dovrebbe indurla a lasciare stare. Poiché però continua a fissarmi con uno sguardo che conosco bene, mi dico che è meglio distrarla, farla parlare. Solo che, vabbè sono scema, non mi viene in mente nient’altro che dirle questo.

– Lo sai che non ho mai scopato a casa mia?

Risponde “c’è sempre una prima volta”, mi afferra la nuca con una mano e mi tira a sé, mi bacia lingua in bocca.

Lo giuro, la prima cosa che vorrei fare sarebbe protestare perché così ci sbaffiamo tutto il rossetto. Se non lo faccio è solo perché… beh, insomma, è perché l’altra mano, quella che non sta sulla mia nuca, non se ne sta più fuori dai miei leggings, ci si è intrufolata dentro. E si è intrufolata anche dentro il mio perizoma. E il mio “no, piantala” quando mi infila un dito nella vagina è, sì, sincero, ma è troppo miagolato per risultare credibile.

“Dai Sere, basta”, le ripeto piagnucolando. Lei mi sussurra “non fare la troia con me”. Poi tira fuori la mano, mi fa osservare le sue dita ricoperte di lucido e aggiunge ridendo “anzi no, falla!”.

– Ma quanto sei stronza – le ribatto un po’ ansimante – adesso non solo devo rimettermi il rossetto, ma mi devo anche asciugare…

– Resta bagnata, no? – risponde dopo essersi leccata le dita – io non mi asciugo mica…

Me ne vado in bagno un po’ indispettita. Indispettita ed eccitata. Mi siedo sul bidet mentre lei mi segue e inizia a sistemarsi le labbra.

– Ho voglia di un maschio, stasera, anche più di uno… – mi dice – ma non mi sarebbe dispiaciuto farmi scaldare un po’ da te. Come l’altra sera.

– L’altra sera era l’altra sera. Ed è stata anche abbastanza strana, come sera, eh? E poi dai, lo sai che adesso arrivano… – le rispondo mentre mi sciacquo.

– Le tue prospettive per la serata sono cambiate, adesso? – domanda con un tono ironico.

– No, per niente – rispondo ancora.

Ma non è più così vero. Finire o cominciare l’anno ingoiando il seme di qualcuno non mi sembra più un’idea buttata lì per caso, mannaggia alla troia. Troia che, nella fattispecie, sarebbe lei. O forse io.

– Sai che ieri pomeriggio ho visto Li? – dice Serena.

– Li?

– Uh uh…

– Cazzo, e che aspettavi a dirmelo?

– mmm… fai tanto la ritrosa oggi…

– Ma guarda che stronza – rispondo.

Suona il citofono. Le dico di andare a rassicurare tutti che stiamo per scendere mentre mi ripasso il rossetto.

Ci mettiamo i giacconi e le domando ancora una volta dove abbia incontrato Li, ma lei continua a fare la misteriosa.

Io però non voglio assolutamente farlo con voi, che a questo punto vi starete chiedendo chi è questo Li.

Beh, non è un lui, è una lei.

E per spiegarvelo temo proprio che vi dovrete sorbire un altro piccolo flash back.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 5 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone