La dolce portiera tunisina

Scritto da , il 2019-08-11, genere prime esperienze

Ciò che accadde due mesi fa ha dell’incredibile. Abito in un condominio dove abbiamo ancora il portiere, lui a circa una cinquantina di anni. Molto educato e pronto ad aiutare a salire la spesa. Lei un quarantacinque anni, donna dall’aspetto insignificante vestita sempre i vestiti tradizionali ampi camicioni svolazzanti. La storia ebbe inizio un giorno che ero rientrato un po’ prima dal lavoro, a casa non c’era nessuno, le figlie a scuola e mia moglie a scuola, insegnante di scuola media. Decido di andare a fare un po’ di spesa e uscendo chiesi a Samira, questo il suo nome, se voleva comprato qualcosa, dato che il marito era andato in Tunisia a trovare un fratello malato, quindi era sola e non poteva lasciare la portineria, mi chiese un po’ di pane,latte e dellla frutta. Fatta la spesa rientrai a casa, misi le cose a posto e in frigo, poi scesi da Samira a darle quello che aveva voluto che le comprassi. Mi chiese cosa avevo speso, ma le risposi che non volevo nulla un piccolo omaggio alla sua quotidiana gentilezza. Tornai a casa e per me la cosa fini la, dopo una ventina di minuti sento bussare alla porta, apro e mi trovo Samira vestita con un vestito color turchese anche se lungo e fasciatissimo, faceva vedere le sue forme fisiche, un bacino molto ampio che faceva intravvedere anche un culo enorme e un seno abbondante. Le chiesi cosa volesse e lei mi porse un pezzo di una torta fatta alla maniera tunisina. La feci accomodare ringraziandola, si accomodò in poltrona e sedendosi accavallò le gambe in maniera da far aprire il vestito mostrando le gambe, le coscie erano lisce molto abbronzate ma era un po’ il colore della sua carnagione. La cosa attiro la mia attenzione, il mio sguardo era attratto dalla posizione delle cosce, pensai, dovrebbero vedersi le mutande e invece niente, mentre ero intento a frugare con lo sguardo, lei sorridendo mi disse, non portò mai le mutande, era nuda sotto, mi sedetti affianco a lei facendo uscire uno sfacciato coraggio, allungai la mano accarezzando le cosce, le le comincio ad aprire e mi fece vedere la figa completamente rasata, mi disse che aspettava l’attimo giusto, le piacevo molto e aveva finalmente trovato il coraggio, le dissi che aveva fatto bene, ma da come era vestita non dava a capire di quello che aveva in mezzo le gambe. Cominciai ad accarezzare quel figone immenso liscio e umidiccio, infilai prima un dito poi due e infine tre dita, sentivo lo sciaquettio della figa piena di umori che uscivano copiosi, stava venendo con sussulti tremendi, testa all’indietro scuotendola e mugolando dal piacere. Poi con una mossa veloce apri il suo vestito mettendo a nudo il suo corpo, tremendamente spettacolare dallabbondanza del suo seno con due bocce dure e dei capezzoli duri dritti come bulloni, li presi in bocca cominciando a succhiarli, leccarli rumorosamente, avevo il cazzo che stava esplodendo nei pantaloni, lei primo lo accarezzo poi aprendo la patta dei pantaloni, lo fece uscire dalle mutandine, si srotolo come una molla svettando in tutta la spettacolare lunghezza, un cazzo di venti centimetri che lei a malapena riusciva ad afferrarlo. Di fece i complimenti per il mio arnese, si alzò e abbassandosi comincio a succhiarlo con rumorosi risucchi, io ero al settimo cielo, sentivo la nuca esplodermi dal piacere, e tanta fu la voglia che le venni in bocca esplodendo tutta la sborra, ingoio senza dire nulla, lo pulì per bene deglutendo. Poi le chiesi, Samira non lo mai messo in culo a mia moglie, mentre tu con quel bacino così enorme e due chiappe enormi poteva accontentarmi, lei senza dire nulla si mise a pecora sul tappeto dicendo ecco pronta a tutti i desideri. Aveva uno sfintere slabbrato da chissà quante penetrazioni, e mi disse che per accontentare le sue voglie andava sempre al mercato a comprare zucchine e melanzane di una certa grossezza. Mi misi dietro di lei e abbassandomi puntai la mazza sullo sfintere e senza umettare lo spinsi con violenza tutto dentro, facendola sussultare con un urlo di dolore, mi disse che era enorme di aspettare qualche momento per farla abituare, poi fu lei che iniziò a muoversi lentamente, il mio cazzo comincio a scivolare meglio, e uscendolo per poi rituffarmi dentro mi accorsi che era un po’ sporco di sangue, le avevo provocato una piccola ferita da un lato dello sfintere, lo dissi a Samira e lei mi disse che se n’era accorta ma il piacere era tanto che sopportava il dolore. La chiavai con foga almeno per una decina di minuti, senza mai smettere finché l’innondai il culo di sperma, rimasi ansimante un paio di minuti con il cazzo infilato nel suo ano, poi piano piano lo cominciai a sfilare, mi leccai il culo grondante infilando la lingua in quel meraviglioso ano, lei venne altre due volte mentre la leccavo, era veramente stravolta, andammo in bagno a lavarci, e lei con una asciugamano si asciugava in mezzo alle chiappe allargandole con l’altra mano, erano grosse ballavano e volevano essere ancora aperte, ma dovetti desistere perché da lì a poco sarebbe rientrata mia moglie, che quasi ogni pomeriggio, voleva essere trapanata, dovevo conservare un po’ di forza e un po’ di sborra anche per lei. Samira intanto si era rivestita e chiedendomi cosa avevo speso per quello che avevo comprato, le dissi mi hai pagando dandomi il culo, e se anzi se voleva che le comprassi qualcos’altro poteva approfittare tanto avevamo capito che lei pagava in natura, che bel pagamento. Date il vostro parere, storia per buona parte vera, ciao

Questo racconto di è stato letto 4 6 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone