Per caso Silvia

Scritto da , il 2019-08-11, genere saffico

Mi ero recata come altre volte, li proprio perché sapevo che non sarebbe stato difficile trovare un’amichetta per trascorrere qualche momento di piacere. Conoscevo bene il posto, perché c’ero stata altre volte , le ragazze disponibili sostavano sempre sulle poltrone della piscina vicino alla pineta. Allungai l’occhio è da lontano notai il gruppetto, erano tre o quattro, comodamente distese al sole sui lettini. Mi avvicinai un po’, quel tanto che bastava per guardare senza essere notata. Due parlavano tra di loro, e poco dopo si alzarono per tuffarsi, una leggeva un libro e l’altra, con l’aria un po’ scocciata, digitava nervosamente sul telefonino. Osservai ancora un po’, poi la ragazza che leggeva si alzò, prese la sua roba e se ne andò, passandomi proprio davanti. Abbronzatissima, fisico scolpito, lunghi capelli neri... mi diressi verso i lettini... lei fece ancora qualche passo, poi torno indietro e venne verso di me “ Scusa, ma tu sei Chiara?” , mi chiese mentre appoggiavo la borsa, “ No”, risposi fissando il suo corpo, in modo che capisse che, anche se non ero Chiara, probabilmente ero lì per cercare quello che lei è Chiara... stavano cercando. Fu velocissima ad attaccare il discorso “Aspetti un’amica ? “ “ Beh, si e no, risposi, non l’aspetto, ma... se ne trovò una sono qui per fare amicizia”,. “ Stavo aspettando una ragazza con cui chatto spesso, ma sono qui da più di un’ora e ... credo che mi abbia tirato un bidone... comunque se vuoi fare due chiacchiere... io sono qua”, rispose. Ci sedemmo sullo stesso lettini ed iniziammo a parlare. Più che altro parlammo del motivo per cui eravamo lì. “ Sono bisex, disse, comunque se posso scegliere preferisco un rapporto con una donna”, e su questo eravamo completamente in sintonia. Bene, ci eravamo conosciute e ci piacevamo un botto, io sentivo già che il mio corpo emetteva vibrazioni impazienti ed anche lei manifestava, attraverso i capezzoli che si intravedevano dal top, una discreta frequenza di voltaggio. “ Vogliamo andare?” chiese, “ Si, risposi, ma... dove?” risposi sperando che non rispondesse ... in auto. “Qui hanno delle camere, ne avevo prenotata una per andarci con Chiara”. La seguii e due minuti dopo eravamo a destinazione. Entrammo e posammo le borse , ci sedemmo sul letto. Io avevo ancora indosso il pareo, lei era ancora in bikini. Tolsi il pareo ... ci concentrammo sui nostri corpi seminudi ed iniziammo ad accarezzarci... i bikini volarono via.... ci sdraiammo con la consapevolezza di volersi dare l’una all’altra senza riserve... nel frattempo pensavo che un incontro casuale come quello era raro... Silvia era bellissima, ed io pure... ed entrambe avevamo lo stesso fine, il piacere... limonammo giusto il tempo di entrare in perfetta sintonia, masturbandoci a vicenda quel tanto che bastava per intensificare la voglia, che già era tanta... si stese sopra di me, spingendo la sua figa prima contro la mia coscia, poi contro il mio pube ....stava già venendo... la sentivo bagnata e appiccicosa ... mi bagnai anch’io ... scese giù piano piano succhiandomi il collo... i capezzoli... e finendo con la testa tra le mie gambe ... me la stinguo in maniera magistrale... succhiava ... spingeva la sua lingua dentro di me .... poi mi si girò sopra imprigionandomi la testa tra le sue coscie ed anch’io leccai... succhiai ... vibravamo entrambe ... ed eravamo solo all’inizio ... affondava la lingua nella mia figa dolcemente... le mordicchiavo le grandi labbra... la spingiamo dentro e fuori ... si girò di nuovo sopra di me ... allargai bene le gambe ... ci incastrammo intrecciando le coscie fino a premere le fighe l’una contro l’altra baciandoci ... ci muovevamo avanti e indietro spingendo forte... i clitoridi appiccicati ... un orgasmo che non finiva più... insieme ... per essere la prima volta che ci scopavamo tra di noi c’era un grosso affiatamento .... cambiammo posizione un paio di volte, per poi ritornare una sopra e una sotto .... “Adesso prendo il cazzo doppio e ci penetriamo”, disse allungando la mano verso la borsa... lo avevo già fatto altre volte, poi spesso usavo il vibratore , ne avevo di varie dimensioni ed anche tecnologici, ma no come quello... quello era veramente importante ... era di grosse dimensioni e con lo scappellamento da ambo le parti ... se lo mise dentro ... istintivamente presi in bocca la mia parte simulando un pompino ... poi mi stesi... lei sopra di me ... me lo spinse dentro ... oddio quanto era grosso ... lo sentivo vibrare ... spingevamo entrambe ... e lui ci pulsava dentro ... ci baciavamo ... le sue tette contro le mie ... e spingeva... ed anche io spingevo ... che scopata fantastica ... “ Vuoi ancora o lo faccio sborrare ? “ mi chiese “ No, ancora no ... scopiamo ancora ... “ risposi ansimando... Sapevo bene che avremmo scopato così fino a non poterne più .... eravamo esauste ... ma continuavamo a pompare come due troie .... durammo ancora un po’ ... poi disse ... “vengo ... ti vengo nella figa”... Lo sentii schizzare dentro di me, proprio come il cazzo vero... rallentammo i movimenti ... fino al relax ... lo sfilò da me, però si tenne dentro l’altra parte .... “Non era ancora finita... pensai ... infatti mise la testa tra le mie gambe poi si girò di nuovo spingendomi quel cazzo in bocca... Avevo abbastanza esperienza di sesso saffico, ma Silvia era veramente un’affamata ... insaziabile ... si sentiva molto maschio è così si comportava, ma con la dolcezza di una donna. Mi slinguava forte mentre io spompinavo ... lei godeva della penetrazione ed io della sua lingua.... poi scopammo di nuovo... intensamente .... era una favola ... e poi scopare con una donna bellissima come lei amplificava il piacere. Mi stringeva i fianchi ... mi succhiava il collo... poi mi teneva per le chiappe ... “Sei stupenda, disse,non voglio perderti ... promettimi che questa non sarà l’unica volta ... non possiamo staccarci vedi ? Dobbiamo vederci ancora...” “ Certo, risposi, tutte le volte che vuoi “ risposi ... Continuammo il nostro appassionato incontro fino al pomeriggio, alternando giochi e posizioni... ed era bellissimo ... un’esperienza come quella era sicuramente notevole... non riuscivamo a smettere di darci l’una all’altra ... Silvia era appassionata ... unica .... e ci sapeva fare ... cosa non aveva perso Chiara non presentandosi all’appuntamento !!! Io invece avevo avuto una grande fortuna ... mai mi era capitato di godere di un piacere completo e intenso come quello ... A fine serata dovevamo rientrare entrambe, ma ci lasciammo con la promessa di ritrovarsi il giorno successivo al solito posto. Da allora è iniziato tra di noi un rapporto unico... Ci vediamo sempre ormai da un anno, almeno tre volte a settimana... i nostri sono incontri ad alto contenuto erotico ... ci abbandoniamo alla passione e al godimento, pur mantenendo la nostra bisessualità, anche se, a dire il vero, nessun uomo mi accontenta in maniera completa come lei. Appena abbiamo un momento libero ci troviamo, siamo amanti fisse oramai... ed è bellissimo poter dare sfogo a tutte le nostre fantasie erotiche.... abbiamo arricchito i nostri incontri piccanti con sexy tour di vario tipo, ma saranno sempre i nostri corpi a donarci il massimo del piacere.

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone