Il patto Atto 1

Scritto da , il 2019-08-10, genere prime esperienze

Vidana si risvegliò in un prato. Con lei cerano le tre donne che l’avevano rapita e un’altra vestita da uomo. Olimpia e Skylar vestivano da caccia e stavano in sella a due cavalli, mentre Vidana era ammanettata, imbavagliata e con le cinghie ai polsi tenute attaccate ad un carretto da una corda non più lunga di quattro metri. Il carretto era agganciato ad un ronzino e sul suo piccolo rimorchio stavano tenda e provviste.
La prima cosa che saltò all’occhio di Vidana però fu la sua borsa da viaggio tenuta in mano da Iskra, in piedi poco lontano da lei con un’espressione divertita. Vidana provò a riprendersi la borsa ma la corda la costrinse a stare a distanza di sicurezza dalla perfida rossa.
-Allora noi ci vediamo tra una settimana. Mi raccomando fa la brava con queste due signorine, altrimenti ti dovranno sculacciare per tutto il viaggio. Ciao.- Detto questo Iskra si voltò per raggiungere la sua auto facendo dondolare la borsa sulla schiena in modo che Vidana la potesse guardare mentre se la portava via.
Vidana avrebbe voluto urlare contro la donna che teneva in spalla anni di sacrifici e le poche cose care che aveva. E avrebbe anche voluto chiamare aiuto, ma il nastro sulla bocca glielo impedì.
Fu così che le due donne la trascinarono in quell’assurdo viaggio per le foreste della Krasnojarsk. Un luogo quasi disabitato. Perfetto per nascondersi. E di cui Vidana non sapeva nulla. Per quanto ne sapeva al momento della partenza si trovavano ancora ad ovest degli Urali.

Il primo giorno lo passarono tranquillamente. Olimpia e Skylar cavalcavano avanti voltandosi di rado. Vidana era in salute e allenata, ma le due si assicurarono che il suo corpo non risentisse della marcia forzata con pause e andature leggere. A pranzo le diedero dell’acqua e del pane con qualche pezzetto di carne essiccata. Le guerriere si saziarono con carne in scatola presa dal carretto e un paio di birre.
Era la notte il vero problema di Vidana. Mentre l’indiana e la rasata mangiavano e dormivano vicino al fuoco, Vidana era costretta a dormire per terra con solo un telo ti plastica a tenerla calda e all’asciutto. E in oltre era sperduta in una foresta lontana chi sa quante miglia dal primo centro abitato.
Ogni mattina all’alba, Olimpia dava un calcetto a Vidana per svegliarla, Skylar effettuava un breve controllo medico e dopo una veloce colazione ripartivano.
Questa fu la routine dei primi quattro giorni, durante i quali conobbe meglio le sue rapitrici. La rasata coperta di tatuaggi dal collo in giù si dilettava a schernirla e a farle qualche scherzo da cavallo come correrle in contro per spaventarla o urtarla per farla cadere. La donna dalla pelle scura sembrava averla a morte con lei. Vidana non poteva saperlo, ma a causa sua Skylar si era fatta riempire il culo di acqua e lassativo. Skylar però la lasciò in pace. Solo quando la prima mattina scoprì che non aveva usato la crema per i piedi la rimproverò. Il tragitto era lungo, e le All Star rovinate di Vidana non erano l’ideale per le lunghe camminate.
Un’altra cosa che Vidana scoprì era l’amore contro natura delle due donne. Durante i pasti le due si scambiavano carezze e qualche bacio, mentre la notte Vidana poteva sentire i loro gemiti provenire dalla tenda in cui solo loro due potevano dormire. Quel tipo di amore le era del tutto nuovo.
Il quinto giorno Vidana tentò una fuga disperata. Dopo aver recuperato una lattina di birra lanciatale contro dalla rasata la sera prima e averla usata per tagliare la corda, Vidana riuscì a fuggire poco prima dell’alba con le cinghie ancora attaccate ai polsi. Fece quasi un chilometro prima che l’indiana le piombasse addosso facendola cadere a terra senza però farle alcun male. Vidana provò a liberarsi, ma la donna era più forte di lei e dopo averle ritappato la bocca col nastro la prese a sculacciate fino a farla piangere.
-Mai più! Mai più! Sai quanto pericolosi sono questi boschi?-
Vidana non volle ascoltarla. Che valore avevano gli avvertimenti di un carceriere?
La sera seguente però Vidana venne scossa da degli ululati. La prima cosa che fece fu gettare via la sua vecchia pagnotta e cercare di avvicinarsi quanto più possibile al fuoco. Preoccupate le due valchirie guidarono il ronzino vicino al fuoco e li si appostarono con i fucili proteggendo la loro unica merce preziosa.
Vidana era una ragazza di città e i boschi abitati da lupi ed orsi non erano il suo forte. Era già tanto se viveva nel vecchio capanno nella periferia della città. Figuriamoci campeggiare nella foresta oscura. Le leggende sui demoni che gli adulti più creduloni raccontavano ai loro figli cominciavano a farle vedere cose strane dappertutto. Anche l’atteggiamento serio e guardingo delle due guerriere non fu d’aiuto.
La mattina dopo Vidana riprese a camminare avvilita e ancora più stanca. I pasti erano diventati sempre più scarsi e le gambe cominciavano a farle male. Quella roba che Skylar le aveva dato per i piedi non aveva più effetto sui gonfiori e gli arrossamenti.
A tre ore di marcia dal pranzo Olimpia le si avvicinò da dietro per urtarla e farla cadere. Un classico scherzo. Questa volta però Vidana fu più furba e invece di schivarla le sfilò il fucile tenuto nella fondina della sella.
-Guarda un po Skylar. Il topo ha tirato fuori gli artigli.-
Fermando il suo cavallo l’indiana si accorse dell’accaduto. Eppure non puntò la sua arma contro la prigioniera.
-Scendi da cavallo, dammi la chiave di questa merda e di a quell’altra di mettere a terra il fucile.-
-Altrimenti?- Chiese Olimpia saltando giù dal cavallo.
-Ti faccio un buco in fronte.-
-Uh che paura. Dai avanti.- L’invitò la rasata avanzando verso di lei.
Vidana cercò in tutti i modi di apparire più persuasiva ma quella stronza non la smetteva di avvicinarsi minacciosamente. Quando le due furono a meno di due metri tra loro, Vidana premette il grilletto. Ma il colpo non partì. La rasata era rimasta un tantino scioccata dalla freddezza della mocciosa, mentre Vidana cercò in tutti i modi di sbloccare la sicura con le mani ancora ammanettate.
-Non è carico idiota.-
Ripreso il suo fucile Olimpia diede un forte strattone alla fune, facendo ruzzolare a terra la povera Vidana. Prima che potesse rialzarsi la rasata le si sedette sulla schiena facendole vedere le stelle. Olimpia non era ancora contenta, e per infierire ulteriormente raccolse una manciata di fango da terra e la spinse nella bocca della prigioniera ribelle.
-Quando finalmente saremmo da sole, ti farò mangiare anche di peggio.-
Da quel momento Vidana si rassegnò. Umiliata e provata dal lungo viaggio la ragazza non osò più porre resistenza.
Quella notte non le venne dato neppure da mangiare e il telo di plastica che nelle altre notti aveva usato come coperta le venne negato. E sempre quella notte, giunse una gelata di iniziò autunno che fece scendere la temperatura a dici gradi.
Vidana stava sonnecchiando raggomitolata sotto al carretto cercando di prendere sonno dopo una notte di freddo passata in bianco. Poi una violenta scarpata la colpì alla schiena svegliandola completamente e riportandola a tutte le sue sofferenze. Il dolore fu tale da farla piegare in due e rotolare come un verme infilzato. Oltre alle lacrime non riuscì neppure a trattenere l’urina, e come una bambina piccola se la fece addosso.
Non le servì aprire gli occhi coperti di lacrime per capire chi fosse stata a colpirla. Olimpia però ebbe il timore di averle fatto veramente male con quell’ultima crudeltà.
Skylar accorse per controllare che Vidana non fosse rimasta gravemente ferita. Senza mancare di rimproverare la sua amante, prese in braccio la ragazza e la portò vicino al fuco. Li pote constatare che la colonna vertebrale non era stata danneggiata. La punta dello scarpone aveva comunque lasciato un bel livido dietro al rene sinistro.
-Non farla tanto seria.- Disse Olimpia cercando di nascondere la paura di quel suo gesto.
-Lo sai cosa ci farebbe Iskra se dovesse rimanere paralizzata?-
Olimpia non ebbe nulla da ridire. Lasciò l’indiana e la prigioniera da sole e andò a fumarsi una sigaretta su un tronco abbattuto.
La prima cosa che Skylar fece fu spalmare una crema contro il gonfiore sulla schiena della giovane, che nel frattempo non aveva ancora smesso di piangere. Skylar allora si portò dietro di lei e la fece appoggiare la testa sul suo seno nascosto dalla camicia della mimetica.
-Shhh. Buona. Buona. Non ti farà più niente.- Disse l’indiana accarezzandole la testa.
Skylar cominciava a provare empatia per la piccola prigioniera. Anche lei aveva subito lo stesso destino. Certo Skylar era stata rapita molto più giovane e alla fine era stata salvata. In oltre quella ragazzina inconsciamente le aveva causato qualche problema. Eppure stava iniziando a provare dei veri sentimenti per quella sventurata creatura.
Calmata la ragazza, Skylar le offrì perfino una sorsata dalla sua borraccia, e con l’acqua rimanente diede una sciacquata veloce alle mutandine e alle braghette macchiate dalla pipì.
Iskra era stata molto chiara al riguardo.
-Non potrete farle del male. Darle troppo da mangiare o da bere. Farla dormire comoda e al caldo. Permetterle di lavarsi. E specialmente di toccarsi o farla godere.-
La marcia riprese due ore dopo. Vidana non aveva recuperato del tutto le ore di sonno perso, ma i ritardi non erano accettabili.
Nel pomeriggio le tre raggiunsero un lago. Dopo aver assicurato meglio Vidana al carro le due donne si spogliarono completamente e fecero il bagno nell’acqua gelida. Vidana non riuscì a capire come quelle due potessero nuotare con quella temperatura. E lo stesso valeva per le carezze che Olimpia e Skylar si scambiarono sulla riva aspettando di asciugarsi.
L’ultima notte Vidana pote dormire con il suo telo di plastica, e all’alba fu Skylar a svegliarla, accarezzandole la fronte. Skylar rimase molto sorpresa da come la ragazza aveva resistito. Ora però, era dimagrita, i muscoli delle gambe cominciavano a farle molto male, le scarpe e i vestiti erano sporchi e strappati, i lunghi capelli erano spettinati e la sua espressione era quella di una moribonda.
Per sua fortuna il lungo viaggio a piedi ebbe fine verso le undici del mattino, quando le tre arrivarono ad una strada sterrata. Ad attenderle trovarono due auto blindate, un camion e un hummer. Al loro arrivo una guardia aprì la portiera dell’hummer e da esso scese Iskra in un completo di pelle nera.
-Ben arrivate. Vedo che la nostra ospite è un po stanca.-
Appena il carretto fu fermo Vidana si accasciò a terra mezza svenuta. Sognava di dormire, mangiare e lavarsi. Ma anche morire e basta le sarebbe bastato.
Iskra le si avvicinò per esaminarla meglio. Intravedendo un livido appena sotto la maglietta, tirò su l’indumento trovando una bella botta violacea sulla soffice pelle della ragazza.
Non le ci volle molto per intuirne la causa. Rimessa a posto la maglietta si avvicinò a Olimpia.
-Dopo io e te faremo una chiacchierata.- Disse con tono serio.
Olimpia non lo diede a vedere, ma il dolore e la vergogna per aver deluso la sua signora le avevano fatto più male di un calcio nello sterno.
-Su forza. In marcia.-
-La lasciamo a piedi lei?- Chiese una delle guardie prendendo le briglie del ronzino.
Anche se ancora cosciente Vidana non riuscì a rialzarsi. Mentre il carretto andava avanti il suo corpo venne trascinato sull’erba ai margini della strada.
-No. Questa non si rialza più. Mettetela nel camion.-
La guardia all’ora le sfilò le cinghie ai polsi dalla corda, la prese in spalla e l’adagiò delicatamente nel cassone coperto del camion. Li Vidana, in un piccolo spazio tra delle casse di scorte, pote finalmente riposare cullata dal lieve ondeggiare del veicolo.




Due giorni dopo si risvegliò nuda in una stanza fredda e buia. I dolori alle articolazioni e alla schiena erano spariti, merito di alcune iniezioni di ricostituenti fattele da Chanel durante la sua convalescenza. La fame e il freddo però si facevano ancora sentire. In compenso si sentiva pulita e profumata. Qualcuno le aveva anche fatto una bella treccia con i capelli rossi.
Confusa e infreddolita si guardò in torno alla ricerca della più flebile luce.
-Ben svegliata.- Disse una voce nel buio.
-Chi c’è?! Cosa volete?!- Chiese Vidana spaventata.
-Come? Non ti ricordi? Sono colei che hai derubato e offeso ulteriormente cercando di aggredirmi.-
In quel momento diverse luci si accesero. Erano delle candele sceniche accendibili a distanza. Le loro luci illuminarono lievemente una lussuosa stanza con un letto matrimoniale a tre piazze. Sotto le coperte del letto, adagiata a dei grossi cuscini, Iskra guardava la giovane rossa con sguardo passionale.
Vidana tentò di coprirsi il seno e i genitali come meglio pote, ma Iskra voleva gustarsi le sue forme in tutta la sua bellezza.
-Perché non ti alzi? Il pavimento è freddo.-
Vidana seguì il suggerimento della donna. Ciò le permise anche di vedere se nella stanza ci fosse qualcun altro. Le due donne però erano da sole.
-Il mio giaciglio è caldo. Dai avvicinati. Sali pure.- La invitò Iskra.
Vidana si avvicinò tremante alla sponda del letto. Le piastrelle gelide la spinsero a salire senza avere altra scelta. Cercando ancora di nascondere la sua nudità e l’imbarazzo si sedette sul bordo del letto sperando di non dover muoversi ulteriormente.
-Vieni qui. Non ti mordo.-
Rassegnata e a corto di idee, Vidana gattonò verso la valchiria tenendo la testa bassa. Arrivatale ai piedi sotto il letto Iskra le fece segno di avvicinarsi ulteriormente.
Non appena le fu abbastanza vicina, Iskra la prese per le spalle e con delicatezza la spinse a distendersi su di lei. Vidana intuì che sotto le soffici e morbide coperte anche la valchiria era nuda.
-Non è meglio qui?-
-Si.- Le rispose Vidana con voce rauca.
-Allora. Passiamo alle presentazioni ufficiali. Io sono Iskra Romanov. Figlia di Dorian Romanov Terzo. E questa è la mia dimora. Tu invece chi sei?-
Vidana riuscì a malapena ad aprire le labbra.
-Vidana Zaytsev.-
-È un bellissimo nome Vidana. Sai perché sei qui.-
Vidana non conosceva ancora l’esatta ragione del suo rapimento. Venendola titubante la valchiria rispose per lei.
-Sei qui perché hai commesso un crimine nei miei confronti e quindi ho pensato che una passeggiata nei boschi fosse il modo migliore per insegnarti a non farlo più. Adesso se vuoi puoi tornare a casa.-
-Da …… Davvero?-
-Ma certo. Ti restituirò i tuoi vestiti, ti regalerò anche una bella pagnotta appena sfornata dalla mia cuoca e potrai tornare indietro.-
Vidana per un attimo venne colta dall’estasi della libertà. Ma ricordandosi quanta strada avesse fatto, dei pericoli sul sentiero e del fatto che non conoscesse esattamente ne da dove era partita, ne dove era arrivata, capì che quella della valchiria era un’offerta truccata.
-Oppure potresti restare qui con me. Vivrai nel lusso. Mangerai pietanze prelibate. Vestirai abiti alla moda. E conoscerai piaceri che neanche puoi immaginare.-
-Piaceri?-
-Piaceri come quelli che sicuramente avrai già provato infilandoti le mani nelle mutandine sotto le coperte del tuo letto.-
Vidana arrossì come un pomodoro. Nessuno le aveva parlato in quel modo fino ad allora. E soprattutto nessuno le aveva mai fatto una simile offerta. Un’offerta impossibile da rifiutare.
-Va bene.-
-Va bene che cosa?- Chiese Iskra.
-Accetto di restare qui.-
Dentro di se Iskra divampo come una fornace. Per un attimo aveva temuto che quella ragazzina potesse preferire la morte alla sottomissione.
-Ottimo. A partire da oggi, ti chiamerai V e sarai la mia bambina. Godrai della mia protezione e delle mie cure. Suggelliamo il nostro patto con un piccolo bacio?-
-Sulla bocca?-
-Ma certo. Dove se no?- Le chiese Iskra allungando la testa per baciarla.
Vidana fu un po incerta all’inizio, poi chiuse gli occhi e rapidamente tocco le labbra di Iskra con le sue.
-Ah, questo non è un vero bacio. Sembra quello di due bambini piccoli. Questo è un vero bacio.-
Iskra le prese dolcemente la testa tra le mani e la accompagnò a se. La valchiria infilò la lingua nella bocca di Vidana. La giovane amante non aveva mai baciato in quel modo prima d’allora. Solo a quindici anni aveva scambiato un paio di tenere carezze con un suo coetaneo. Ma la politica di Pupov impediva le relazioni tra i figli dei suoi debitori.
Chiaramente la cosa non sfuggi ad Iskra, che assaporando le labbra della piccola rossa e scoprendo di essere la prima a baciarla in quel modo, provò un inebriante piacere. Mentre V era rimasta come paralizzata da quell’appassionato bacio tra donne, Iskra si assicurò che l’evento rimanesse impresso a fuoco nella mente della sua nuova amante. La sua lingua accarezzò labbra, palato, denti, gengive e naturalmente lingua. V per poco non svenne nuovamente.
-Ti è piaciuto?- Le chiese Iskra dopo aver inghiottito l’ultima goccia di saliva.
-Si.- Rispose istintivamente V.
-Vieni qui sotto con me. Così ti scaldi un pochino.-
Spostando le coperte, Iskra mostrò a V il suo corpo. Se non fosse stata accecata dalla passione V avrebbe passato ore ad ammirare il fisico della valchiria. Compreso il pelo rosso e tenuto in perfette condizioni della sua fica. Ma senza badarci V si spostò dentro le coperte. Più precisamente tra la morbida tela e il corpo ardente di Iskra, visto che questa la prese per i fianchi e la spinse a sdraiarsi su di essa.
Per la prima volta dopo una settimana di freddo e umidità, V era avvolta in un soffice, caldo e profumato letto. Adagiatasi di pancia su quella di Iskra conobbe un tipo di contatto che fino ad all’ora aveva solo immaginato. Mentre le mani di Iskra massaggiavano la sua schiena il mento accarezzava la soffice chioma di V.
Quando la ragazza stava iniziando ad assopirsi un po troppo, Iskra la fece girare per poter accarezzare anche le sue forme anteriori.
Mentre V si gustava quell’attimo di tenerezza, Iskra passò le mani sulla sua pancia resa ancora più magra dalla settimana di marcia. Poi passò ai seni, stando attenta a non agitare la piccola amante. L’aver trovato una diciottenne simile a lei con delle gemme già così succose era stato un vero colpo di fortuna. In caso contrario avrebbe chiesto a Chanel di apportare delle modifiche plastiche, rinunciando alla qualità della sua nuova proprietà.
Tastate per bene le mammelle Iskra tornò a massaggiare la pancia, per poi finire con lo scendere sotto il inguine e tastare la fica di V.
-No. Aspetta. È sporca.- La fermò V.
-No. Non è vero. Sai che non è vero. Ora lasciami giocare un po con la tua patatina.-
V non ebbe la forza di contrastarla. Arresa lasciò che la sua padrona toccasse la sua intimità senza opporre altra resistenza. Le mani di Iskra erano molto esperte. In un attimo V si ritrovò a strofinare la testa contro quella di Iskra come una gattina in calore.
Iskra sfregò le grandi labbra di V tra di loro, stando sempre attenta a non pizzicarla con le sue unghie e le dita. La valchiria le spalancò un paio di volte facendo prendere aria alle piccole labbra e dando a V una sensazione di sensuale vulnerabilità. Appena Iskra la sentì bagnarsi, cominciò a massaggiarla con foga e dedizione. Prima passò l’intero palmo della mano sul solco, poi con due dita le stuzzicò il clitoride mandando in estasi la ragazza.
Quando Iskra capì che V era prossima all’orgasmo la mise al suo posto sui cuscini, scivolò sotto e cominciò a leccarle la fica. A V parve quasi di cadere nel vuoto. Masturbarsi era completamente differente da ciò che la sua padrona le stava facendo. I movimenti delle dita non potevano imitare il piacere che quella lingua le stava dando.
-Ti piace?-
-Si! Si!-
-Lo sento. Qui sotto stai grondando come una fontana.-
Iskra succhio e lappò masturbandosi in previsione di quello che sarebbe accaduto in seguito. Il lavoretto di bocca unito al suo sguardo indemoniato portò V a venire in pochi minuti.
La ragazza si scosse in maniera convulsa mentre dalla sua fica schizzi di umori arrivarono dritti in gola a Iskra.
-Possibile che sappia già squirtare?- Si chiese Iskra inghiottendo il dolce nettare.
A V non venne dato un attimo di pace. Non appena la bocca di Iskra fu vuota la valchiria trascinò sotto le coperte la giovane amante tirandola per le caviglie. Prima che V potesse protestare o tirarsi su, Iskra le fu addosso come una leonessa con la gazzella.
La donna più grande era chiaramente la dominante, ma anche da parte di V era nata una certa complicità. Le due limonarono sotto le coperte per diversi minuti. V si era fatta più audace e usando le gambe e le braccia per aggrapparsi alla groppa della padrona da sotto dimostrò la sua riconoscenza.
Quando le coperte cominciarono a farsi troppo calde per Iskra, la valchiria sollevò la ragazza e continuò a baciarla standosene in ginocchio. V si strofinò ancora vogliosa sugli addominali della padrona come una cagnetta in calore.
-Servimi V e ti darò tutto ciò che vuoi. Amami e ti farò godere come nessun’altra donna.-
-Come vi devo chiamare io?-
Quella domanda interruppe i baci e le leccate di Iskra. Non aveva ancora pensato su come la ragazza si sarebbe dovuta identificare con lei.
-Chiamami mamma d’ora in avanti.- Le rispose Iskra guardandola negli occhi e sorridendo. -E adesso preparati. Sto per farti diventare una donna.-

Questo racconto di è stato letto 1 2 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone